Scrutatio

Thursday, 29 February 2024 - Sant' Augusto Chapdelaine ( Letture di oggi)

Salmi 22


font
NOVA VULGATABIBBIA
1 Magistro chori. Ad modum cantici " Cerva diluculo ". Psalmus.David.
1 'Al maestro del coro. Sull'aria: "Cerva dell'aurora". Salmo. Di Davide.'

2 Deus, Deus meus, quare me dereliquisti?
Longe a salute mea verba rugitus mei.
2 "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?
Tu sei lontano dalla mia salvezza":
sono le parole del mio lamento.
3 Deus meus, clamo per diem, et non exaudis,
et nocte, et non est requies mihi.
3 Dio mio, invoco di giorno e non rispondi,
grido di notte e non trovo riposo.

4 Tu autem sanctus es,
qui habitas in laudibus Israel.
4 Eppure tu abiti la santa dimora,
tu, lode di Israele.
5 In te speraverunt patres nostri,
speraverunt, et liberasti eos;
5 In te hanno sperato i nostri padri,
hanno sperato e tu li hai liberati;
6 ad te clamaverunt et salvi facti sunt,
in te speraverunt et non sunt confusi.
6 a te gridarono e furono salvati,
sperando in te non rimasero delusi.

7 Ego autem sum vermis et non homo,
opprobrium hominum et abiectio plebis.
7 Ma io sono verme, non uomo,
infamia degli uomini, rifiuto del mio popolo.
8 Omnes videntes me deriserunt me;
torquentes labia moverunt caput:
8 Mi scherniscono quelli che mi vedono,
storcono le labbra, scuotono il capo:
9 “ Speravit in Domino: eripiat eum,
salvum faciat eum, quoniam vult eum ”.
9 "Si è affidato al Signore, lui lo scampi;
lo liberi, se è suo amico".

10 Quoniam tu es qui extraxisti me de ventre,
spes mea ad ubera matris meae.
10 Sei tu che mi hai tratto dal grembo,
mi hai fatto riposare sul petto di mia madre.
11 In te proiectus sum ex utero,
de ventre matris meae Deus meus es tu.
11 Al mio nascere tu mi hai raccolto,
dal grembo di mia madre sei tu il mio Dio.
12 Ne longe fias a me,
quoniam tribulatio proxima est,
quoniam non est qui adiuvet.
12 Da me non stare lontano,
poiché l'angoscia è vicina
e nessuno mi aiuta.

13 Circumdederunt me vituli multi,
tauri Basan obsederunt me.
13 Mi circondano tori numerosi,
mi assediano tori di Basan.
14 Aperuerunt super me os suum
sicut leo rapiens et rugiens.
14 Spalancano contro di me la loro bocca
come leone che sbrana e ruggisce.
15 Sicut aqua effusus sum,
et dissoluta sunt omnia ossa mea.
Factum est cor meum tamquam cera
liquescens in medio ventris mei.
15 Come acqua sono versato,
sono slogate tutte le mie ossa.
Il mio cuore è come cera,
si fonde in mezzo alle mie viscere.
16 Aruit tamquam testa palatum meum,
et lingua mea adhaesit faucibus meis,
et in pulverem mortis deduxisti me.
16 È arido come un coccio il mio palato,
la mia lingua si è incollata alla gola,
su polvere di morte mi hai deposto.

17 Quoniam circumdederunt me canes multi,
concilium malignantium obsedit me.
Foderunt manus meas et pedes meos,
17 Un branco di cani mi circonda,
mi assedia una banda di malvagi;
hanno forato le mie mani e i miei piedi,
18 et dinumeravi omnia ossa mea.
Ipsi vero consideraverunt et inspexerunt me;
18 posso contare tutte le mie ossa.
Essi mi guardano, mi osservano:
19 diviserunt sibi vestimenta mea
et super vestem meam miserunt sortem.
19 si dividono le mie vesti,
sul mio vestito gettano la sorte.

20 Tu autem, Domine, ne elongaveris;
fortitudo mea, ad adiuvandum me festina.
20 Ma tu, Signore, non stare lontano,
mia forza, accorri in mio aiuto.
21 Erue a framea animam meam
et de manu canis unicam meam.
21 Scampami dalla spada,
dalle unghie del cane la mia vita.
22 Salva me ex ore leonis
et a cornibus unicornium humilitatem meam.
22 Salvami dalla bocca del leone
e dalle corna dei bufali.
23 Narrabo nomen tuum fratribus meis,
in medio ecclesiae laudabo te.
23 Annunzierò il tuo nome ai miei fratelli,
ti loderò in mezzo all'assemblea.

24 Qui timetis Dominum, laudate eum;
universum semen Iacob, glorificate eum.
Metuat eum omne semen Israel,
24 Lodate il Signore, voi che lo temete,
gli dia gloria la stirpe di Giacobbe,
lo tema tutta la stirpe di Israele;
25 quoniam non sprevit neque despexit afflictionem pauperis
nec avertit faciem suam ab eo
et, cum clamaret ad eum, exaudivit.
25 perché egli non ha disprezzato
né sdegnato l'afflizione del misero,
non gli ha nascosto il suo volto,
ma, al suo grido d'aiuto, lo ha esaudito.

26 Apud te laus mea in ecclesia magna; vota mea reddam in conspectu timentiumeum.
26 Sei tu la mia lode nella grande assemblea,
scioglierò i miei voti davanti ai suoi fedeli.
27 Edent pauperes et saturabuntur;
et laudabunt Dominum, qui requirunt eum:
“ Vivant corda eorum in saeculum saeculi! ”.
27 I poveri mangeranno e saranno saziati,
loderanno il Signore quanti lo cercano:
"Viva il loro cuore per sempre".
28 Reminiscentur et convertentur ad Dominum
universi fines terrae,
et adorabunt in conspectu eius
universae familiae gentium.
28 Ricorderanno e torneranno al Signore
tutti i confini della terra,
si prostreranno davanti a lui
tutte le famiglie dei popoli.
29 Quoniam Domini est regnum,
et ipse dominabitur gentium.
29 Poiché il regno è del Signore,
egli domina su tutte le nazioni.
30 Ipsum solum adorabunt omnes, qui dormiunt in terra;
in conspectu eius procident omnes, qui descendunt in pulverem.
Anima autem mea illi vivet,
30 A lui solo si prostreranno quanti dormono sotto terra,
davanti a lui si curveranno
quanti discendono nella polvere.

E io vivrò per lui,
31 et semen meum serviet ipsi.
Narrabitur de Domino generationi venturae;
31 lo servirà la mia discendenza.
Si parlerà del Signore alla generazione che viene;
32 et annuntiabunt iustitiam eius
populo, qui nascetur: “ Haec fecit Dominus! ”.
32 annunzieranno la sua giustizia;
al popolo che nascerà diranno:
"Ecco l'opera del Signore!".