Scrutatio

Friday, 19 April 2024 - San Leone IX Papa ( Letture di oggi)

Salmi 56


font
NOVA VULGATABIBBIA
1 Magistro chori. Secundum " Ionat elem rehoqim ".
David. Miktam. Cum Gath Philistaei eum tenerent.

1 'Al maestro del coro. Su "Jonat elem rehoqim".'
'Di Davide. Miktam. Quando i Filistei lo tenevano prigioniero in Gat.'

2 Miserere mei, Deus, quoniam conculcavit me homo,
tota die impugnans oppressit me.
2 Pietà di me, o Dio, perché l'uomo mi calpesta,
un aggressore sempre mi opprime.
3 Conculcaverunt me inimici mei tota die,
quoniam multi pugnant adversum me, Altissime.
3 Mi calpestano sempre i miei nemici,
molti sono quelli che mi combattono.

4 In quacumque die timebo,
ego in te sperabo.
4 Nell'ora della paura,
io in te confido.
5 In Deo, cuius laudabo sermonem,
in Deo speravi;
non timebo: quid faciet mihi caro?
5 In Dio, di cui lodo la parola,
in Dio confido, non avrò timore:
che cosa potrà farmi un uomo?
6 Tota die rem meam perturbabant,
adversum me omnes cogitationes eorum in malum.
6 Travisano sempre le mie parole,
non pensano che a farmi del male.
7 Concitabant iurgia, insidiabantur,
ipsi calcaneum meum observabant.
Sicut quaesierunt animam meam,
7 Suscitano contese e tendono insidie,
osservano i miei passi,
per attentare alla mia vita.

8 ita pro iniquitate retribue illis,
in ira populos prosterne, Deus.
8 Per tanta iniquità non abbiano scampo:
nella tua ira abbatti i popoli, o Dio.
9 Peregrinationes meas tu numerasti:
pone lacrimas meas in utre tuo;
nonne in supputatione tua?
9 I passi del mio vagare tu li hai contati,
le mie lacrime nell'otre tuo raccogli;
non sono forse scritte nel tuo libro?

10 Tunc convertentur inimici mei retrorsum,
in quacumque die invocavero:
ecce cognovi quoniam Deus meus es.
10 Allora ripiegheranno i miei nemici,
quando ti avrò invocato:
so che Dio è in mio favore.

11 In Deo, cuius laudabo sermonem,
in Domino, cuius laudabo sermonem,
11 Lodo la parola di Dio,
lodo la parola del Signore,
12 in Deo speravi;
non timebo: quid faciet mihi homo?
12 in Dio confido, non avrò timore:
che cosa potrà farmi un uomo?

13 Super me sunt, Deus, vota tua;
reddam laudationes tibi,
13 Su di me, o Dio, i voti che ti ho fatto:
ti renderò azioni di grazie,
14 quoniam eripuisti animam meam de morte
et pedes meos de lapsu,
ut ambulem coram Deo in lumine viventium.
14 perché mi hai liberato dalla morte.
Hai preservato i miei piedi dalla caduta,
perché io cammini alla tua presenza
nella luce dei viventi, o Dio.