1Al maestro del coro. Su «Macalàt». Maskil. Di Davide.
2Lo stolto pensa: «Dio non c’è».Sono corrotti, fanno cose abominevoli:non c’è chi agisca bene.
3Dio dal cielo si china sui figli dell’uomoper vedere se c’è un uomo saggio,uno che cerchi Dio.
4Sono tutti traviati, tutti corrotti;non c’è chi agisca bene, neppure uno.
5Non impareranno dunque tutti i malfattoriche divorano il mio popolo come il panee non invocano Dio?
6Ecco, hanno tremato di spaventolà dove non c’era da tremare.Sì, Dio ha disperso le ossa degli aggressori,sono confusi perché Dio li ha respinti.
7Chi manderà da Sion la salvezza d’Israele?Quando Dio ristabilirà la sorte del suo popolo,esulterà Giacobbe e gioirà Israele.


Note:

Sal 53:Recensione elohista di Sal 14 ; vederne le note.

Sal 53,6:Allusione a Sennàcherib e, attraverso lui, a tutti i nemici di Gerusalemme. Il testo di questo v sembra meno corrotto che in Sal 14 .

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
Acquista la Bibbia per la Scrutatio dalla Libreria del Santo
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online