Scrutatio

Friday, 23 February 2024 - San Policarpo ( Letture di oggi)

Aggeo 1


font font righe continue righe continue righe continue righe continue font font
font

1L’anno secondo del re Dario, il primo giorno del sesto mese, questa parola del Signore fu rivolta per mezzo del profeta Aggeo a Zorobabele, figlio di Sealtièl, governatore della Giudea, e a Giosuè, figlio di Iosadàk, sommo sacerdote.
2«Così parla il Signore degli eserciti: Questo popolo dice: “Non è ancora venuto il tempo di ricostruire la casa del Signore!”».3Allora fu rivolta per mezzo del profeta Aggeo questa parola del Signore:4«Vi sembra questo il tempo di abitare tranquilli nelle vostre case ben coperte, mentre questa casa è ancora in rovina?5Ora, così dice il Signore degli eserciti: Riflettete bene sul vostro comportamento!6Avete seminato molto, ma avete raccolto poco; avete mangiato, ma non da togliervi la fame; avete bevuto, ma non fino a inebriarvi; vi siete vestiti, ma non vi siete riscaldati; l’operaio ha avuto il salario, ma per metterlo in un sacchetto forato.7Così dice il Signore degli eserciti: Riflettete bene sul vostro comportamento!8Salite sul monte, portate legname, ricostruite la mia casa. In essa mi compiacerò e manifesterò la mia gloria – dice il Signore.9Facevate assegnamento sul molto e venne il poco: ciò che portavate in casa io lo disperdevo. E perché? – oracolo del Signore degli eserciti. Perché la mia casa è in rovina, mentre ognuno di voi si dà premura per la propria casa.10Perciò su di voi i cieli hanno trattenuto la rugiada e anche la terra ha diminuito il suo prodotto.11Ho chiamato la siccità sulla terra e sui monti, sul grano e sul vino nuovo, sull’olio e su quanto la terra produce, sugli uomini e sugli animali, su ogni lavoro delle mani».
12Zorobabele, figlio di Sealtièl, e Giosuè, figlio di Iosadàk, sommo sacerdote, e tutto il resto del popolo ascoltarono la parola del Signore, loro Dio, e le parole del profeta Aggeo, secondo la volontà del Signore che lo aveva loro inviato, e il popolo ebbe timore del Signore.13Aggeo, messaggero del Signore, rivolto al popolo, disse per incarico del Signore: «Io sono con voi, oracolo del Signore».14E il Signore destò lo spirito di Zorobabele, figlio di Sealtièl, governatore della Giudea, e di Giosuè, figlio di Iosadàk, sommo sacerdote, e di tutto il resto del popolo, ed essi si mossero e intrapresero i lavori per la casa del Signore degli eserciti.15Questo avvenne il ventiquattro del sesto mese dell’anno secondo del re Dario.
12

Note:

Ag 1,1:sesto mese: agosto 520.

Ag 1,2:Non è ancora venuto: con le versioni; il TM è corrotto.

Ag 1,7:Questo v non sembra, qui, al suo posto. I vv 1-11 potrebbero riunire due brani distinti, tutti e due autentici: i vv 1-6.8 e i vv 7.9-11.

Ag 1,8:sul monte: forse la montagna di Giuda.

Ag 1,10:su di voi: con il TM. - la rugiada: con il TM; il Targum traduce: «la pioggia», seguito da BJ.

Ag 1,12:il resto del popolo: in Aggeo e in Zaccaria, l'espressione designa il popolo fedele, raggruppato attorno a Gerusalemme (cf. Is 4,3+).