1Quello che era da principio, quello che noi abbiamo udito, quello che abbiamo veduto con i nostri occhi, quello che contemplammo e che le nostre mani toccarono del Verbo della vita – 2la vita infatti si manifestò, noi l’abbiamo veduta e di ciò diamo testimonianza e vi annunciamo la vita eterna, che era presso il Padre e che si manifestò a noi –, 3quello che abbiamo veduto e udito, noi lo annunciamo anche a voi, perché anche voi siate in comunione con noi. E la nostra comunione è con il Padre e con il Figlio suo, Gesù Cristo. 4Queste cose vi scriviamo, perché la nostra gioia sia piena.
5Questo è il messaggio che abbiamo udito da lui e che noi vi annunciamo: Dio è luce e in lui non c’è tenebra alcuna. 6Se diciamo di essere in comunione con lui e camminiamo nelle tenebre, siamo bugiardi e non mettiamo in pratica la verità. 7Ma se camminiamo nella luce, come egli è nella luce, siamo in comunione gli uni con gli altri, e il sangue di Gesù, il Figlio suo, ci purifica da ogni peccato.
8Se diciamo di essere senza peccato, inganniamo noi stessi e la verità non è in noi. 9Se confessiamo i nostri peccati, egli è fedele e giusto tanto da perdonarci i peccati e purificarci da ogni iniquità. 10Se diciamo di non avere peccato, facciamo di lui un bugiardo e la sua parola non è in noi.


Note:

1Gv 1,1:ciò che le nostre mani hanno toccato, ossia il Verbo della vita: altra traduzione: «ciò che le nostre mani hanno toccato del Verbo della vita». La parola di Dio era sorgente di vita (Dt 4,1; Dt 32,47 , ecc., Mt 4,4; Mt 5,20; Fil 2,16). Qui il nome di «verbo» o «parola» è dato al Figlio di Dio col quale gli apostoli sono vissuti, e il genitivo «della vita» evoca l'augurio di 1Gv 1,3; 1Gv 5,11-13 (cf. Gv 1,1+; Gv 1,14+).

1Gv 1,3:in comunione: questo termine (cf. 1Cor 1,9+; 2Pt 1,4) esprime uno dei temi più importanti della mistica giovannea (Gv 14,20; Gv 15,1-6; Gv 17,11; Gv 17,20-26): unità della comunità cristiana, fondata sull'unità di ogni fedele con Dio, nel Cristo. Questa unità è espressa in diversi modi: il cristiano «dimora in Dio e Dio dimora in lui» (1Gv 2,5; 1Gv 2,6; 1Gv 2,24; 1Gv 2,27; 1Gv 3,6; 1Gv 3,24; 1Gv 4,12; 1Gv 4,13; 1Gv 4,15; 1Gv 4,16 ; cf. Gv 6,56+1 . E' nato da Dio (1Gv 2,29; 1Gv 3,9; 1Gv 4,7; 1Gv 5,1; 1Gv 5,18). E' da Dio (1Gv 2,16; 1Gv 3,10; 1Gv 4,4; 1Gv 4,6; 1Gv 5,19). Conosce Dio (1Gv 2,3; 1Gv 2,13; 1Gv 2,14; 1Gv 3,6; 1Gv 4,7; 1Gv 4,8 ; su conoscenza e presenza, vedere anche: Gv 14,17; 2Gv 1,1-2). Questa unione con Dio è manifestata dalla fede e dall'amore fraterno (cf. 1Gv 1,7+; Gv 13,34+). La testimonianza apostolica è strumento di questa comunione (v 5; 1Gv 2,7; 1Gv 2,24-25; 1Gv 4,6; Gv 4,38; Gv 17,20+ ; cf. At 1,8+; At 1,21-22 , ecc.).

1Gv 1,4:la nostra gioia: C, volg. e altri leggono: «la vostra gioia».

1Gv 1,7:siamo in comunione gli uni con gli altri: l'unione con Dio (1Gv 1,3+), che è luce (1Gv 1,5) e amore (1Gv 4,8; 1Gv 4,16), si riconosce dalla fede e dall'amore fraterno (1Gv 2,10; 1Gv 2,11; 1Gv 3,10; 1Gv 3,17; 1Gv 3,23; 1Gv 4,8; 1Gv 4,16).

1Gv 1,10:Probabile allusione ai sedicenti spirituali (pneumatici), che si distinguevano dagli altri, giudicati inferiori (psichici, cf. 1Cor 15,44+; Gd 1,19 , oppure ilici). Giovanni parla qui di mancanze passeggere, sebbene la comunione con Dio che ha liberato dal peccato (1Gv 2,2; 1Gv 3,5) comporti di per sé una vita santa e senza peccato (1Gv 3,3; 1Gv 3,6; 1Gv 3,9; 1Gv 5,18).

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
Acquista la Bibbia per la Scrutatio dalla Libreria del Santo
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online