Scrutatio

Tuesday, 27 February 2024 - San Gabriele dell'Addolorata ( Letture di oggi)

Paralipomenon I 16


font
NOVA VULGATABIBBIA
1 Attulerunt igitur arcam Dei et constituerunt eam in me dio tabernaculi, quod tetenderat ei David, et obtulerunt holocausta et pacifica coram Deo.1 Così introdussero e collocarono l'arca di Dio al centro della tenda eretta per essa da Davide; offrirono olocausti e sacrifici di comunione a Dio.
2 Cumque complesset David offerens holocausta et pacifica, benedixit populo in nomine Domini.2 Terminati gli olocausti e i sacrifici di comunione, Davide benedisse il popolo in nome del Signore.
3 Et divisit unicuique de Israel a viro usque ad mulierem tortam panis et laganum palmarum et palatham.
3 Distribuì a tutti gli Israeliti, uomini e donne, una pagnotta, una porzione di carne e una schiacciata d'uva.
4 Constituitque coram arca Domini de Levitis ministros, qui recordarentur operum eius et glorificarent atque laudarent Dominum, Deum Israel:4 Egli stabilì che alcuni leviti stessero davanti all'arca del Signore come ministri per celebrare, ringraziare e lodare il Signore, Dio di Israele.
5 Asaph principem et secundum eius Zachariam, porro Iehiel et Semiramoth et Iahiel et Matthathiam et Eliab et Banaiam et Obededom et Iehiel in organis psalterii et citharis, Asaph autem, ut cymbalis personaret,5 Erano Asaf il capo, Zaccaria il suo secondo, Uzzièl, Semiramot, Iechièl, Mattatia, Eliàb, Benaià, Obed-Èdom e Ieièl, che suonavano strumenti musicali, arpe e cetre; Asaf suonava i cembali.
6 Banaiam vero et Iahaziel sacerdotes, ut canerent tubis iugiter coram arca foederis Dei.
6 I sacerdoti Benaià e Iacazièl con le trombe erano sempre davanti all'arca dell'alleanza di Dio.
7 In illo die, tunc fecit David prima vice confiteri Domino per manum Asaph et fratrum eius:
7 Proprio in quel giorno Davide per la prima volta affidò ad Asaf e ai suoi fratelli questa lode al Signore:

8 “ Confitemini Domino, invocate nomen eius,
notas facite in populis opera eius.
8 Lodate il Signore, acclamate il suo nome;
manifestate ai popoli le sue gesta.
9 Canite ei et psallite
et narrate omnia mirabilia eius.
9 Cantate in suo onore, inneggiate a lui,
ripetete tutti i suoi prodigi.
10 Laudate nomen sanctum eius,
laetetur cor quaerentium Dominum.
10 Gloriatevi sul suo santo nome;
gioisca il cuore di quanti ricercano il Signore.
11 Quaerite Dominum et virtutem eius,
quaerite faciem eius semper.
11 Cercate il Signore e la sua forza,
ricercate sempre il suo volto.
12 Recordamini mirabilium eius, quae fecit,
signorum illius et iudiciorum oris eius,
12 Ricordate i prodigi che egli ha compiuti,
i suoi miracoli e i giudizi della sua bocca.
13 semen Israel, servi eius,
filii Iacob, electi illius.
13 Stirpe di Israele suo servo,
figli di Giacobbe, suoi eletti,
14 Ipse Dominus Deus noster;
in universa terra iudicia eius.
14 egli, il Signore, è il nostro Dio;
in tutta la terra fanno legge i suoi giudizi.
15 Recordamini in sempiternum pacti eius,
sermonis, quem praecepit in mille generationes,
15 Si ricorda sempre dell'alleanza,
della parola data a mille generazioni,
16 pacti, quod pepigit cum Abraham,
et iuramenti illius cum Isaac.
16 dell'alleanza conclusa con Abramo,
del giuramento fatto a Isacco,
17 Et constituit illud Iacob in praeceptum
et Israel in pactum sempiternum
17 confermato a Giacobbe come statuto,
a Israele come alleanza perenne:
18 dicens: “Tibi dabo terram Chanaan
funiculum hereditatis vestrae”,
18 "A te darò il paese di Canaan,
come tua parte di eredità".
19 cum essent pauci numero,
parvi et coloni in ea.
19 Eppure costituivano un piccolo numero;
erano pochi e per di più stranieri nel paese.
20 Et transierunt de gente in gentem
et de regno ad populum alterum;
20 Passarono dall'una all'altra nazione,
da un regno a un altro popolo.
21 non dimisit quemquam calumniari eos,
sed increpuit pro eis reges:
21 Egli non tollerò che alcuno li opprimesse;
per essi egli castigò i re:
22 “Nolite tangere christos meos
et in prophetis meis nolite malignari”.
22 "Non toccate i miei consacrati,
non maltrattate i miei profeti".
23 Canite Domino, omnis terra,
annuntiate ex die in diem salutare eius.
23 Cantate al Signore, abitanti di tutta la terra;
annunziate ogni giorno la sua salvezza.
24 Narrate in gentibus gloriam eius,
in cunctis populis mirabilia illius.
24 Proclamate fra i popoli la sua gloria,
fra tutte le nazioni i suoi prodigi.
25 Quia magnus Dominus et laudabilis nimis
et horribilis super omnes deos;
25 Difatti grande è il Signore, degnissimo di lode
e tremendo sopra tutti gli dèi.
26 omnes enim dii populorum inania,
Dominus autem caelos fecit.
26 Tutti gli dèi venerati dai popoli sono un nulla;
il Signore, invece, ha formato il cielo.
27 Magnificentia et pulchritudo coram eo,
fortitudo et gaudium in loco eius.
27 Splendore e maestà stanno davanti a lui;
potenza e bellezza nel suo santuario.
28 Afferte Domino, familiae populorum
afferte Domino gloriam et imperium;
28 Date per il Signore, stirpi dei popoli,
date per il Signore gloria e onore.
29 date Domino gloriam nominis eius,
levate oblationem et venite in conspectu eius
et adorate Dominum in decore sancto.
29 Date per il Signore gloria al suo nome;
con offerte presentatevi a lui.
Prostratevi al Signore in sacri ornamenti.
30 Commoveatur a facie illius omnis terra;
ipse enim fundavit orbem immobilem.
30 Tremate davanti a lui, abitanti di tutta la terra;
egli fissò il mondo sì che non crolli.
31 Laetentur caeli, et exsultet terra,
et dicant in nationibus: “Dominus regnat!”.
31 Gioiscano i cieli ed esulti la terra;
si dica fra i popoli: "Il Signore regna".
32 Tonet mare et plenitudo eius,
exsultent agri et omnia, quae in eis sunt.
32 Frema il mare con quanto contiene;
tripudi la campagna con quanto è in essa.
33 Tunc laudabunt ligna saltus coram Domino,
quia venit iudicare terram.
33 Gridino di giubilo gli alberi della foresta
di fronte al Signore, perché viene
per giudicare la terra.
34 Confitemini Domino, quoniam bonus,
quoniam in aeternum misericordia eius.
34 Lodate il Signore, perché è buono,
perché la sua grazia dura sempre.
35 Et dicite: “Salva nos, Deus salvator noster,
et congrega nos et erue de gentibus, ut confiteamur nomini sancto tuo
et exsultemus in carminibus tuis.
35 Dite: "Salvaci, Dio della nostra salvezza;
raccoglici, liberaci dalle genti
sì che possiamo celebrare il tuo santo nome,
gloriarci della tua lode.
36 Benedictus Dominus, Deus Israel,
ab aeterno usque in aeternum” ”.
Et dixit omnis populus: “ Amen! ” et “ Laus Domino! ”.
36 Sia benedetto il Signore, Dio di Israele,
di secolo in secolo".
E tutto il popolo disse: "Amen, alleluia".

37 Dereliquit itaque ibi coram arca foederis Domini Asaph et fratres eius, ut ministrarent in conspectu arcae iugiter secundum ritum singulorum dierum.37 Quindi Davide lasciò Asaf e i suoi fratelli davanti all'arca dell'alleanza del Signore, perché officiassero davanti all'arca secondo il rituale quotidiano;
38 Porro Obededom et fratres eius sexaginta octo et Obededom filium Idithun et Hosa constituit ianitores.38 lasciò Obed-Èdom figlio di Idutun, e Cosà, insieme con sessantotto fratelli, come portieri.
39 Sadoc autem sacerdotem et fratres illius sacerdotes coram habitaculo Domini in excelso, quod erat in Gabaon,39 Egli incaricò della Dimora del Signore che era sull'altura di Gàbaon il sacerdote Zadòk e i suoi fratelli,
40 ut offerrent holocausta Domino super altare holocautomatis iugiter, mane et vespere, iuxta omnia, quae scripta sunt in lege Domini, quam praecepit Israeli.40 perché offrissero olocausti al Signore sull'altare degli olocausti per sempre, al mattino e alla sera, e compissero quanto è scritto nella legge che il Signore aveva imposta a Israele.
41 Et cum eis Heman et Idithun et reliquos electos, qui nominatim memorati sunt ad confitendum Domino: “ Quoniam in aeternum misericordia eius ”.41 Con loro erano Eman, Idutun e tutti gli altri scelti e designati per nome perché lodassero il Signore, 'perché la sua grazia dura sempre'.
42 Et cum eis Heman et Idithun canentes tuba et quatientes cymbala bene sonantia et omnia musicorum organa ad canendum Deo; filios autem Idithun fecit esse portarios.
42 Con loro avevano trombe e cembali per suonare e altri strumenti per il canto divino. I figli di Idutun erano incaricati della porta.
43 Reversusque est omnis populus unusquisque in domum suam et David, ut benediceret etiam domui suae.
43 Infine tutto il popolo andò a casa e Davide tornò per salutare la sua famiglia.