1Non vantarti del domani,
perché non sai neppure che cosa genera l’oggi.
2Ti lodi un estraneo e non la tua bocca,
uno sconosciuto e non le tue labbra.
3La pietra è greve, la sabbia è pesante,
ma più d’entrambi la collera dello stolto.
4L’ira è crudele, il furore è impetuoso,
ma alla gelosia chi può resistere?
5Meglio un rimprovero aperto
che un amore nascosto.
6Leali sono le ferite di un amico,
ingannevoli i baci di un nemico.
7Lo stomaco sazio disprezza il miele,
per lo stomaco affamato anche l’amaro è dolce.
8Come un uccello che vola lontano dal nido,
così è l’uomo che va errando lontano da casa.
9Profumo e incenso allietano il cuore
e il consiglio dell’amico addolcisce l’animo.
10Non abbandonare il tuo amico né quello di tuo padre,
non entrare nella casa di tuo fratello nel giorno della tua disgrazia.
Meglio un amico vicino che un fratello lontano.
11Sii saggio, figlio mio, e allieterai il mio cuore;
così avrò di che rispondere a colui che mi insulta.
12L’accorto vede il pericolo e si nasconde,
gli inesperti vanno avanti e la pagano.
13Prendigli il vestito perché si è fatto garante per un estraneo,
e tienilo in pegno per uno sconosciuto.
14Chi benedice il prossimo di buon mattino ad alta voce,
sarà considerato come se lo maledicesse.
15Lo stillicidio incessante in tempo di pioggia
e una moglie litigiosa si rassomigliano:
16chi vuole trattenerla, trattiene il vento
e raccoglie l’olio con la mano destra.
17Il ferro si aguzza con il ferro
e l’uomo aguzza l’ingegno del suo compagno.
18Chi custodisce un fico ne mangia i frutti,
chi ha cura del suo padrone ne riceverà onori.
19Come nell’acqua un volto riflette un volto,
così il cuore dell’uomo si riflette nell’altro.
20Come il regno dei morti e l’abisso non si saziano mai,
così non si saziano mai gli occhi dell’uomo.
21Come il crogiuolo è per l’argento e il forno è per l’oro,
così l’uomo rispetto alla bocca di chi lo loda.
22Anche se tu pestassi lo stolto nel mortaio
tra i grani con il pestello,
non si allontanerebbe da lui la sua stoltezza.
23Preòccupati dello stato del tuo gregge,
abbi cura delle tue mandrie,
24perché le ricchezze non sono eterne
e una corona non dura per sempre.
25Tolto il fieno, ricresce l’erba nuova
e si raccolgono i foraggi sui monti;
26gli agnelli ti danno le vesti
e i capretti il prezzo per comprare un campo,
27le capre ti danno latte abbondante per nutrire te,
per nutrire la tua famiglia e mantenere le tue domestiche.


Note:

Pr 27,6:fallaci: traduzione incerta. Il termine reso con «fallaci» è tradotto spesso con «abbondanti». Altri correggono per leggere «spiacevoli», «cattivi». L'idea di falsità è raccomandata dal parallelismo antitetico.

Pr 27,13:per gli sconosciuti: nokrim, conget. (cf. Pr 20,16); il TM ha: «una ha straniera», nokrijjah.

Pr 27,14:Il Talmud proibisce il saluto prima di aver recitato la preghiera del mattino.

Pr 27,19:L'interpretazione di questo v è incerta. BC segue da vicino i LXX. BJ, invece, segue il TM e traduce: «come l'acqua dà il riflesso del viso, così è il cuore dell'uomo per l'uomo». L'uomo, cioè, ritrova in altri i suoi propri sentimenti, come un volto davanti a uno specchio.

Pr 27,20:Occhi: sede dell'invidia.

Pr 27,24b:Con i LXX; il TM legge: «una corona si trasmette?».

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
Acquista la Bibbia per la Scrutatio dalla Libreria del Santo
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online