Scrutatio

Saturday, 2 March 2024 - Santa Angela de la Cruz ( Letture di oggi)

Ezechiele 37


font

1La mano del Signore fu sopra di me e il Signore mi portò fuori in spirito e mi depose nella pianura che era piena di ossa;2mi fece passare accanto a esse da ogni parte. Vidi che erano in grandissima quantità nella distesa della valle e tutte inaridite.3Mi disse: «Figlio dell’uomo, potranno queste ossa rivivere?». Io risposi: «Signore Dio, tu lo sai».4Egli mi replicò: «Profetizza su queste ossa e annuncia loro: “Ossa inaridite, udite la parola del Signore.5Così dice il Signore Dio a queste ossa: Ecco, io faccio entrare in voi lo spirito e rivivrete.6Metterò su di voi i nervi e farò crescere su di voi la carne, su di voi stenderò la pelle e infonderò in voi lo spirito e rivivrete. Saprete che io sono il Signore”».7Io profetizzai come mi era stato ordinato; mentre profetizzavo, sentii un rumore e vidi un movimento fra le ossa, che si accostavano l’uno all’altro, ciascuno al suo corrispondente.8Guardai, ed ecco apparire sopra di esse i nervi; la carne cresceva e la pelle le ricopriva, ma non c’era spirito in loro.9Egli aggiunse: «Profetizza allo spirito, profetizza, figlio dell’uomo, e annuncia allo spirito: “Così dice il Signore Dio: Spirito, vieni dai quattro venti e soffia su questi morti, perché rivivano”».10Io profetizzai come mi aveva comandato e lo spirito entrò in essi e ritornarono in vita e si alzarono in piedi; erano un esercito grande, sterminato.
11Mi disse: «Figlio dell’uomo, queste ossa sono tutta la casa d’Israele. Ecco, essi vanno dicendo: “Le nostre ossa sono inaridite, la nostra speranza è svanita, noi siamo perduti”.12Perciò profetizza e annuncia loro: “Così dice il Signore Dio: Ecco, io apro i vostri sepolcri, vi faccio uscire dalle vostre tombe, o popolo mio, e vi riconduco nella terra d’Israele.13Riconoscerete che io sono il Signore, quando aprirò le vostre tombe e vi farò uscire dai vostri sepolcri, o popolo mio.14Farò entrare in voi il mio spirito e rivivrete; vi farò riposare nella vostra terra. Saprete che io sono il Signore. L’ho detto e lo farò”». Oracolo del Signore Dio.
15Mi fu rivolta questa parola del Signore:16«Figlio dell’uomo, prendi un legno e scrivici sopra: “Giuda e i figli d’Israele uniti a lui”; poi prendi un altro legno e scrivici sopra: “Giuseppe, legno di Èfraim, e tutta la casa d’Israele unita a lui”.17Accostali l’uno all’altro in modo da fare un legno solo, che formino una cosa sola nella tua mano.18Quando i figli del tuo popolo ti diranno: “Ci vuoi spiegare che cosa significa questo per te?”,19tu dirai loro: Così dice il Signore Dio: Ecco, io prendo il legno di Giuseppe, che è in mano a Èfraim, e le tribù d’Israele unite a lui, e lo metto sul legno di Giuda per farne un legno solo; diventeranno una cosa sola in mano mia.
20Tieni in mano sotto i loro occhi i legni sui quali hai scritto21e di’ loro: Così dice il Signore Dio: Ecco, io prenderò i figli d’Israele dalle nazioni fra le quali sono andati e li radunerò da ogni parte e li ricondurrò nella loro terra:22farò di loro un solo popolo nella mia terra, sui monti d’Israele; un solo re regnerà su tutti loro e non saranno più due popoli, né saranno più divisi in due regni.23Non si contamineranno più con i loro idoli, con i loro abomini e con tutte le loro iniquità; li libererò da tutte le ribellioni con cui hanno peccato, li purificherò e saranno il mio popolo e io sarò il loro Dio.24Il mio servo Davide regnerà su di loro e vi sarà un unico pastore per tutti; seguiranno le mie norme, osserveranno le mie leggi e le metteranno in pratica.25Abiteranno nella terra che ho dato al mio servo Giacobbe. In quella terra su cui abitarono i loro padri, abiteranno essi, i loro figli e i figli dei loro figli, per sempre; il mio servo Davide sarà loro re per sempre.26Farò con loro un’alleanza di pace; sarà un’alleanza eterna con loro. Li stabilirò e li moltiplicherò e porrò il mio santuario in mezzo a loro per sempre.27In mezzo a loro sarà la mia dimora: io sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo.28Le nazioni sapranno che io sono il Signore che santifico Israele, quando il mio santuario sarà in mezzo a loro per sempre».

Note:

Ez 37,1:pianura (BJ: «valle»), quella già citata in Ez 3,22-23 e Ez 8,4 .

Ez 37,5:In ebraico la stessa parola rûah significa «spirito», «soffio» e «vento».

Ez 37,7:si accostavano l'uno all'altro: con LXX; TM: «vi accostaste alle ossa».

Ez 37,10:Come in Os 6,2; Os 13,14 e Is 26,19 , qui Dio annunzia (cf. vv 11-14) la restaurazione messianica di Israele, dopo le sofferenze dell'esilio (cf. Ap 20,4+). Ma, per i simboli utilizzati, orientava già gli spiriti all'idea di una resurrezione individuale della carne, intravista in Gb 19,25+ , esplicitamente affermata in Dn 12,2; 2Mac 7,9-14; 2Mac 7,23-36; 2Mac 12,43-45 (cf. 2Mac 7,9+). Per il NT vedere Mt 22,29-32 e specialmente 1Cor 15 .

Ez 37,11:Questa riflessione ci permette di collocare la visione a Babilonia, tra gli esuli scoraggiati.

Ez 37,16:gli Israeliti: il termine qui non si oppone a «giudei»; indica infatti tutta la popolazione del regno del sud.

Ez 37,16:e tutta la casa di Israele unita a lui: cioè tutto il regno del nord, sparito dopo la presa di Samaria e la deportazione del 721.

Ez 37,23:ribellioni o «infedeltà», meshûbot, con mss e Simmaco; il TM ha: «abitazioni», moshebot.