Scrutatio

Saturday, 2 March 2024 - Santa Angela de la Cruz ( Letture di oggi)

Ezechiele 13


font

1Mi fu rivolta questa parola del Signore:2«Figlio dell’uomo, profetizza contro i profeti d’Israele, profetizza e di’ a coloro che profetizzano secondo i propri desideri: Udite la parola del Signore:3Così dice il Signore Dio: Guai ai profeti stolti, che seguono il loro spirito senza avere avuto visioni.4Come volpi fra le macerie, tali sono i tuoi profeti, Israele.5Voi non siete saliti sulle brecce e non avete costruito alcun baluardo in difesa della casa d’Israele, perché potessero resistere al combattimento nel giorno del Signore.6Hanno avuto visioni false, vaticini menzogneri coloro che dicono: “Oracolo del Signore”, mentre il Signore non li ha inviati. Eppure confidano che si avveri la loro parola!7Non avete forse avuto una falsa visione e preannunciato vaticini bugiardi, quando dite: “Oracolo del Signore”, mentre io non vi ho parlato?
8Pertanto dice il Signore Dio: Poiché voi avete detto il falso e avuto visioni bugiarde, eccomi dunque contro di voi, oracolo del Signore Dio.9La mia mano sarà sopra i profeti dalle false visioni e dai vaticini bugiardi; non faranno parte dell’assemblea del mio popolo, non saranno scritti nel libro della casa d’Israele e non entreranno nella terra d’Israele, e saprete che io sono il Signore Dio.10Ingannano infatti il mio popolo dicendo: “Pace!”, e la pace non c’è; mentre il popolo costruisce un muro, ecco, essi lo intonacano di fango.11Di’ a quelli che lo intonacano di fango: Cadrà! Scenderà una pioggia torrenziale, cadrà una grandine come pietre, si scatenerà un uragano12ed ecco, il muro viene abbattuto. Allora non vi si chiederà forse: “Dov’è l’intonaco che avete adoperato?”.13Perciò dice il Signore Dio: Con ira scatenerò un uragano, per la mia collera cadrà una pioggia torrenziale, nel mio furore per la distruzione cadrà grandine come pietre;14demolirò il muro che avete intonacato di fango, lo atterrerò e le sue fondamenta rimarranno scoperte; esso crollerà e voi perirete insieme con esso, e saprete che io sono il Signore.
15Quando avrò sfogato l’ira contro il muro e contro coloro che lo intonacarono di fango, io vi dirò: Il muro non c’è più e neppure chi l’ha intonacato,16i profeti d’Israele che profetavano su Gerusalemme e vedevano per essa una visione di pace, mentre non vi era pace. Oracolo del Signore Dio.
17Ora tu, figlio dell’uomo, rivolgiti alle figlie del tuo popolo che profetizzano secondo i loro desideri e profetizza contro di loro.18Dirai loro: Dice il Signore Dio: Guai a quelle che cuciono nastri a ogni polso e preparano veli di ogni grandezza per le teste, per dar la caccia alle persone. Pretendete forse di dare la caccia alla gente del mio popolo e salvare voi stesse?19Voi mi avete disonorato presso il mio popolo per qualche manciata d’orzo e per un tozzo di pane, facendo morire chi non doveva morire e facendo vivere chi non doveva vivere, ingannando il mio popolo che crede alle menzogne.
20Perciò dice il Signore Dio: Eccomi contro i vostri nastri, con i quali voi date la caccia alla gente come a uccelli; li strapperò dalle vostre braccia e libererò la gente che voi avete catturato come uccelli.21Straccerò i vostri veli e libererò il mio popolo dalle vostre mani e non sarà più una preda nelle vostre mani; saprete così che io sono il Signore.22Voi infatti avete rattristato con menzogne il cuore del giusto, mentre io non l’avevo rattristato, e avete rafforzato il malvagio perché non desistesse dalla sua vita malvagia e vivesse.23Per questo non avrete più visioni false né più spaccerete vaticini: libererò il mio popolo dalle vostre mani e saprete che io sono il Signore».

Note:

Ez 13,2:profetizza: con i LXX; il TM ha: «coloro che profetizzavano».

Ez 13,10:La pace non è solo assenza di pericoli esterni, ma prosperità e concordia nella società (cf. Ger 6,14+). Ezechiele rimprovera ai falsi profeti il loro falso ottimismo. Gerusalemme è come una casa minacciata dagli elementi scatenati; mentre bisognerebbe riparare seriamente l'edificio, alcuni si accontentano di intonacarlo.

Ez 13,11:Cadrà: dittografia del TM. Prima di una grandine grossa, il TM ha: «mandai» (?).

Ez 13,17:Ai rimproveri già fatti ai falsi profeti si aggiungono qui allusioni, per noi oscure, a pratiche forse magiche o idolatriche.

Ez 13,18:a ogni polso: con le versioni; il TM legge: «a tutti i miei polsi».

Ez 13,20:La parola ebraica leporehot (BC: «nastri magici»; BJ: «nastri»), ripetuta alla fine del v, è assai difficile. L'idea di «gemma», «germogliare», richiamata dalla radice parah, non dà alcun senso. L'idea di «volare», «volatile», suggerita dall'aramaico e dal verbo, è più soddisfacente. Anche qui si deve trattare di pratiche più o meno magiche e che a noi sfuggono. Nei LXX questo termine, che manca la prima volta, è tradotto, alla fine del versetto, con «per la dispersione». Prima del secondo come uccelli, si omette: «la gente» (in forma anormale), probabile dittografia.