1Al suo posto sorse il figlio di lui, Giuda, chiamato Maccabeo; 2lo aiutavano tutti i suoi fratelli e quanti si erano legati al padre e conducevano la battaglia d’Israele con entusiasmo.
3Egli accrebbe la gloria del suo popolo,
rivestì la corazza come gigante,
cinse l’armatura di guerra
e sostenne battaglie,
difendendo il campo con la spada.
4Nelle sue gesta fu simile a leone,
come leoncello ruggente sulla preda.
5Inseguì gli iniqui braccandoli,
i perturbatori del popolo distrusse con il fuoco.
6Gli iniqui sbigottirono per paura di lui,
tutti i malfattori furono confusi
e la salvezza per mezzo di lui ebbe buon esito.
7Inflisse amarezze a molti re,
rallegrò con le sue gesta Giacobbe;
sempre la sua memoria sarà benedetta.
8Percorse le città di Giuda
e vi sterminò i rinnegati
e distolse l’ira da Israele.
9Divenne celebre fino all’estremità della terra
e radunò coloro che erano dispersi.
10Apollònio radunò dei pagani e un forte esercito dalla Samaria per combattere Israele. 11Giuda lo seppe e avanzò contro di lui, lo sconfisse e lo uccise; molti caddero colpiti a morte e i superstiti fuggirono. 12Così s’impadronirono delle loro spoglie e Giuda si riservò la spada di Apollònio e l’adoperò in guerra per tutto il tempo della sua vita. 13Quando Seron, comandante delle forze di Siria, seppe che Giuda aveva radunato un contingente e c’era con lui uno stuolo di fedeli e uomini preparati alla guerra, 14disse: «Mi farò un nome e mi coprirò di gloria nel regno, combattendo Giuda e i suoi uomini che hanno disprezzato gli ordini del re». 15Fece i preparativi e si unì a lui un forte gruppo di rinnegati per aiutarlo a vendicarsi dei figli d’Israele. 16Si spinse fino alla salita di Bet-Oron e Giuda gli andò incontro con una piccola schiera. 17Ma quando videro lo schieramento avanzare contro di loro, dissero a Giuda: «Come faremo noi così pochi ad attaccare battaglia contro una moltitudine così forte? Oltre tutto, siamo rimasti oggi senza mangiare». 18Giuda rispose: «Non è impossibile che molti cadano in mano a pochi e non c’è differenza per il Cielo tra salvare per mezzo di molti e salvare per mezzo di pochi; 19perché la vittoria in guerra non dipende dalla moltitudine delle forze, ma è dal Cielo che viene la forza. 20Costoro vengono contro di noi pieni d’insolenza e d’iniquità per eliminare noi, le nostre mogli e i nostri figli e saccheggiarci; 21noi combattiamo per la nostra vita e le nostre leggi. 22Sarà lui a stritolarli davanti a noi. Voi dunque non temeteli». 23Quando ebbe finito di parlare, piombò su di loro all’improvviso e Seron con il suo schieramento fu sgominato davanti a lui. 24Lo inseguirono nella discesa di Bet-Oron fino alla pianura: caddero tra loro circa ottocento uomini, gli altri fuggirono nel territorio dei Filistei. 25Così cominciò a diffondersi il timore di Giuda e dei suoi fratelli e le genti intorno furono prese da terrore. 26La fama di lui giunse fino al re, e delle sue imprese militari parlavano le genti.
27Quando il re Antioco seppe queste cose, si adirò furiosamente e diede ordine di radunare tutte le forze militari del suo regno, un esercito molto potente. 28Aprì il suo tesoro e diede alle truppe il soldo per un anno, ordinando loro di stare pronti per ogni evenienza. 29Ma si accorse che non bastavano le riserve delle sue casse e che le entrate del paese erano poche, a causa delle rivolte e delle rovine che aveva provocato nella regione, per estirpare le tradizioni che erano in vigore dai tempi antichi; 30temette di non avere, come altre volte in passato, le risorse per le spese e i doni, che faceva con mano prodiga, superando i re precedenti. 31Ne fu grandemente angustiato e prese la decisione di invadere la Persia, per riscuotere i tributi di quelle province e ammassare molto denaro. 32Lasciò Lisia, uomo illustre e di stirpe regale, alla direzione degli affari del re, dall’Eufrate fino ai confini dell’Egitto, 33e con l’incarico di curare l’educazione del figlio Antioco fino al suo ritorno. 34A lui affidò metà dell’esercito e gli elefanti e gli diede istruzioni per tutte le cose che voleva fossero eseguite; riguardo agli abitanti della Giudea e di Gerusalemme 35gli ordinò di mandare contro di loro milizie, per distruggere ed eliminare le forze d’Israele e quanto restava a Gerusalemme e cancellare il loro ricordo dalla regione, 36di trasferire stranieri su tutti i loro monti e di distribuire le loro terre. 37Il re poi prese l’altra metà dell’esercito e partì da Antiòchia, la capitale del suo regno, nell’anno centoquarantasette; passò l’Eufrate e percorse le regioni settentrionali.
38Allora Lisia scelse Tolomeo, figlio di Dorimene, Nicànore e Gorgia, uomini potenti tra gli amici del re, 39e spedì ai loro ordini quarantamila fanti e settemila cavalieri nella terra di Giuda, per devastarla secondo il comando del re. 40Questi partirono con tutte le truppe e andarono ad accamparsi vicino a Èmmaus, nella pianura. 41I mercanti della regione ne ebbero notizia e si rifornirono in abbondanza d’oro e d’argento e di catene e vennero presso l’accampamento per acquistare come schiavi gli Israeliti. A loro si aggiunsero forze della Siria e del territorio dei Filistei. 42Giuda e i suoi fratelli videro che i mali si erano aggravati e che l’esercito era accampato nel loro territorio; vennero a conoscere quanto il re aveva ordinato di fare per la rovina e l’annientamento del loro popolo. 43Allora si dissero l’un l’altro: «Facciamo risorgere il popolo dalla sua rovina e combattiamo per il nostro popolo e per il luogo santo». 44Si radunò l’assemblea per prepararsi alla battaglia e per pregare e chiedere pietà e misericordia.
45Gerusalemme era disabitata come un deserto,
nessuno dei suoi figli vi entrava o ne usciva,
il santuario era calpestato,
gli stranieri erano nella Cittadella,
soggiorno dei pagani.
La gioia era sparita da Giacobbe,
erano scomparsi il flauto e la cetra.
46Si radunarono dunque e vennero a Masfa di fronte a Gerusalemme, perché nei tempi antichi a Masfa c’era un luogo di preghiera in Israele. 47In quel giorno digiunarono e si vestirono di sacco, si cosparsero di cenere il capo e si stracciarono le vesti. 48Aprirono il libro della legge per scoprirvi quanto i pagani cercavano di sapere dagli idoli dei loro dèi. 49Portarono le vesti sacerdotali, le primizie e le decime e fecero venire avanti i nazirei, che avevano terminato i giorni del loro voto, 50e alzarono la voce al Cielo gridando: «Che cosa faremo di costoro e dove li condurremo, 51mentre il tuo santuario è calpestato e profanato e i tuoi sacerdoti sono in lutto e desolazione? 52Ecco, i pagani si sono alleati contro di noi per distruggerci; tu sai quello che vanno macchinando contro di noi. 53Come potremo resistere di fronte a loro, se tu non ci aiuterai?». 54Diedero fiato alle trombe e gridarono a gran voce. 55Dopo questo, Giuda stabilì i condottieri del popolo, i comandanti di mille, di cento, di cinquanta e di dieci uomini. 56A coloro che costruivano case o che stavano per prendere moglie, a quelli che piantavano la vigna o che erano paurosi disse di tornare a casa loro, secondo la legge. 57Poi levò il campo e si disposero a mezzogiorno di Èmmaus. 58Giuda ordinò: «Cingetevi e siate forti e state preparati per l’alba di domani a dar battaglia a questi pagani, che si sono alleati per distruggere noi e il nostro santuario. 59Del resto è meglio per noi morire in battaglia, che vedere la rovina della nostra gente e del santuario. 60Però, qualunque sia la volontà del Cielo, così accadrà».


Note:

1Mac 3,10-25:Questi primi due scontri non vengono riferiti da 2Mac.

1Mac 3,10:Secondo Giuseppe Flavio, Apollonio (cf. 1Mac 1,29+) è il governatore di Samaria.

1Mac 3,18:per il Cielo: con mss greci, vet. lat., il resto del gr. e volg. hanno: «per il Dio del cielo»; ma 1Mac, per sacro rispetto, evita sistematicamente la parola «Dio» .

1Mac 3,18-22:Esortazione nello stile deuteronomico (cf. per es. Dt 1,29ss; Dt 3,18-22; Dt 9,1s , ecc.). La letteratura giudaica di quest'epoca si ispira volentieri ai racconti sui patriarchi e sulla prima conquista della Palestina. - Il v 21 riassume perfettamente la carica profonda delle prime lotte maccabaiche.

1Mac 3,24:regioni dei filistei: espressione arcaicizzante per indicare la fascia costiera (cf. 1Mac 15,38).

1Mac 3,27-37:Punti di vista generali propri dell'autore di 1Mac, il quale pone il problema giudaico al centro delle preoccupazioni di Antioco IV. In realtà, la campagna d'Asia non era destinata soltanto a riassestare le finanze, ma anche a riconquistare l'Armenia.

1Mac 3,32:dall'Eufrate fino ai confini dell'Egitto: cioè la Transeufratena dell'epoca persiana. Lisia (conosciuto anche dallo storico Polibio) era dunque il capo dello stratega di Celesiria e Fenicia (2Mac 10,11) come degli strateghi dell'alta Siria. -L'espressione di stirpe regia corrisponde a «parente del re» (2Mac 11,1), il titolo onorifico più elevato presso la corte seleucida (cf. 1Mac 10,89).

1Mac 3,33:Antioco: il futuro Antioco V Eupatore (1Mac 6,17), la cui tutela verrà affidata due anni più tardi a Filippo, l'amico intimo del re (1Mac 6,14; 2Mac 9,29).

1Mac 3,36:I giudei ribelli dovevano essere sterminati o venduti come schiavi (2Mac 8,9-11) e le loro terre confiscate e poi ridistribuite in parte a stranieri (cf. Dn 11,39). La Giudea diventava cosi «terra regia», affittata a coloni in forma lottizzata, secondo l'uso dei Seleucidi. L'affitto che se ne esigeva costituiva una tassa ancor più gravosa dell'antico tributo.

1Mac 3,37:regioni settentrionali: questa espressione indica l'altipiano iranico (cf. 1Mac 6,1; 2Mac 9,25). - E la primavera del 165 a.C.

1Mac 3,38:Tolomeo è lo stratega della provincia della Celesiria e della Fenicia (2Mac 8,8). Gorgia è uno stratega nel senso militare del termine ed è lui che dirige le operazioni, benché Nicanore, in quanto «primo amico» del re (2Mac 8,9), detenga la preminenza su di lui. Nicanore ricomparirà come capo militare cinque anni più tardi (1Mac 7,26).

1Mac 3,41:catene: pedas, conget. secondo sir. e Giuseppe Flavio; gr., lat. hanno: «bambini», paidas. - Siria: con gr. e versioni; il termine «Siria» probabilmente traduce l'ebr. 'aram letto in luogo di 'edom secondo una confusione frequente; BJ congettura: «Idumea» (cf. Gdc 3,8; 2Sam 8,12; 1Re 11,25b; 2Re 16,6 ; ecc.) . - paesi stranieri, in greco allophyles, parola che nei LXX designa i filistei; BJ preferisce: «paesi dei filistei» (cf. 1Mac 5,68).

1Mac 3,46:Masfa: la biblica Mizpa, 13 km a nord di Gerusalemme, luogo tradizionale della assemblea di Israele (Gdc 20,1; 1Sam 7,5; 1Sam 10,17 ; cf. Ger 40,5).

1Mac 3,48:2Mac 8,23 illumina questo passo. Poiché non ci sono più profeti, si apre a caso il libro della legge per trovarvi un responso divino sulla opportunità e l'esito della lotta.

1Mac 3,49-50:I nazirei dovevano, allo scadere del loro voto, offrire un sacrificio nel tempio (Nm 6,13). Ma il tempio è profanato e inaccessibile.

1Mac 3,55:Queste divisioni si ritrovano solo parzialmente negli eserciti ellenistici; Giuda si ispira soprattutto alla organizzazione giudiziaria e militare antica (Es 18,21 (cf. Es 18,13+); Nm 31,48; Dt 1,15; 2Sam 18,1; 2Re 1,9-14). Gli esseni conserveranno la stessa organizzazione.

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
Acquista la Bibbia per la Scrutatio dalla Libreria del Santo
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online