Scrutatio

Wenesday, 17 April 2024 - Santa Caterina Tekakwitha ( Letture di oggi)

Deuteronomio 2


font

Viaggio da Cades a Zared.

1Partiti poi da quel luogo, venimmo nel deserto che mena al Mar Rosso, come mi aveva dotto il Signore; e girammo per lungo tempo attorno ai monti di Seir.2E il Signore mi disse:3Avete girato abbastanza attorno a questi monti: andate verso settentrione,4e tu dà al popolo quest'ordine: Voi passerete pel territorio dei vostri fratelli, i figli d'Esaù che abitano in Seir. Essi avran paura di voi;5ma guardatevi bene dal muovere contro di loro; perchè della terra loro non ve ne darò nemmeno quanto può calcarne un piede: i monti di Seir li ho dati in possesso ad Esaù.6Da essi compre rete a contanti il cibo che mangerete e pagherete pure l'acqua attinta per bere.7Il Signore Dio tuo ti ha benedetto in tutte le opere, delle tue mani; ha avuto cura del tuo viaggio e del come farti attraversare questo gran deserto: durante quarantanni il Signore Dio tuo ha abitato con te e non ti è mancato nulla.8Poi, oltrepassati i nostri fratelli, i figli d'Esaù, che abitavano in Seir, per la via della pianura, da Elat e, da Asion-gaber, giungemmo alla strada che conduce al deserto di Moab.9E il Signore mi disse: Non muovere contro i Moabiti, non attaccar battaglia con essi; perchè non ti darò nulla della loro terra, avendo io dato Ar ai figli di Lot in possesso.10I primi suoi abitatori furono gli Emim, popolo grande e forte, e di tale statura da esser creduto della stirpe di Enacim,11quasi somigliando ai giganti figli d'Enacim. Ma i Moabiti li chiamavano Emim.12Così in Seir abitarono prima gli Oriti; ma furon cacciati e distrutti dai figli d'Esaù, che vi abitarono, come ha fatto Israele nella terra di suo possesso che il Signore gli ha dato.13Ci movemmo adunque per passare il torrente Zared e giungemmo presso di esso.14Or il tempo che impiegammo da Cadesbarne al passaggio del torrente Zared fu di trentotto anni, finche non fu sterminata dal campo tutta quella generazione di uomini combattenti, come aveva giurato il Signore,15la cui mano fu contro di essi e li fece perire di mezzo al campo.16Caduti che furon tutti quei combattenti,17il Signore mi parlò e mi disse:18Oggi tu passerai i confini di Moab, la città di Ar,19e ti avvicinerai ai figli di Ammon. Ma guardati dal combattere contro di loro e dall'assalirli; perchè non ti darò nulla della terra dei figli di Amon, avendola io data ai figli di Lot in possesso.20( Questa fu riputata terra di giganti; e una volta vi abitarono dei giganti che gli Ammoniti chiamano Zonzommin,21popolo grande, numeroso e di alta statura, come gli Enacim; ma il Signore li sterminò dinanzi agli Ammoniti, e vi fece abitare questi in luogo di quelli,22come aveva fatto per i figli d'Esaù che abitano in Seir, distruggendo gli Oriti e dandone la terra a quelli, che la posseggono sino al dì d'oggi.23Così pure gli Evei che abitavano in Aserim fino a Gaza, furon cacciati dai Cappadoci, che, usciti dalla Cappadocia, li sterminarono e vi abitarono in loro luogo).24Levatevi e passate il torrente Arnon: ecco ti ho dato nelle mani Sehon l'Amorreo, re di Esebon, e la sua terra comincia a prenderne possesso e muovigli guerra.25Oggi comincerò a mandare il terrore e lo spavento sopra i popoli che abitano sotto ogni parte del cielo, sicché a sentire il tuo nome sian terrorizzati e tremino e sian presi da dolore: a guisa di donne partorienti.26Allora mandai dal deserto di Cademot ambasciatori a Sehon re di Esebon, con parole di pace, dicendo:27Noi, passando per il tuo paese, cammineremo per la via maestra, senza volgerci a destra o a sinistra:28vendici pure a prezzo la roba che mangeremo, e facci pagare l'acqua che berremo, ma permettici di passare29(come han fatto i figli di Esaù che abitano in Seir, e i Moabiti che stanno in Ar), finché non arriviamo al Giordano, per passar poi nella terra che il Signore Dio nostro sta per darci.30Ma Sehon re di Esebon non ci volle lasciar passare, perchè il Signore Dio tuo gli aveva indurito lo spirito ed ostinato il cuore, per dartelo nelle mani, come oggi vedi.31E il Signore mi disàe: Ecco, ho cominciato a darti Sehon e il suo paese: comincia a possederlo.32Allora Sehon con tutta la sua gente uscì contro di noi per darci battaglia a Iasa;33ma il Signore nostro Dio ce lo diede nelle mani e lo ponemmo in rotta coi suoi figli e con tutta la sua gente.34In quel tempo prendemmo tutte le città, uccidendone gli abitanti, uomini, donne e fanciulli, tutto distruggemmo,35eccettuati i bestiami, che toccarono ai predatori, e le spoglie delle città, che furon prese.36Da Aroer che è sulla riva del torrente Arnon, dalla città situata nella valle, fino a Galaad non ci fu borgo o città che sia sfuggita dalle nostre mani: il Signore Dio nostro le diè tutte in nostro potere,37eccettuata la terra dei figli di Ammon, alla quale non ci accostammo, e tutta la regione lungo il torrente Ieboc, e le città della montagna, e tutti i luoghi dai quali ci aveva distolti il Signore.