Scrutatio

Friday, 12 April 2024 - San Zenone ( Letture di oggi)

Sapienza 11


font
NOVA VULGATABIBBIA
1 Direxit opera eorum
in manibus prophetae sancti.
1 Essa fece riuscire le loro imprese
per mezzo di un santo profeta:
2 Iter fecerunt per deserta, quae non habitabantur,
et in locis inviis fixerunt casas;
2 attraversarono un deserto inospitale,
fissarono le tende in terreni impraticabili,
3 steterunt contra hostes
et de inimicis se vindicaverunt.
3 resistettero agli avversari, respinsero i nemici.

4 Sitierunt et invocaverunt te;
et data est illis aqua de petra altissima,
et remedium sitis de lapide duro.
4 Quando ebbero sete, ti invocarono
e fu data loro acqua da una rupe scoscesa,
rimedio contro la sete da una dura roccia.
5 Per quae enim poenas passi sunt inimici illorum,
per haec, cum illis deessent, bene cum illis actum est.
5 Ciò che era servito a punire i loro nemici,
nel bisogno fu per loro un beneficio.
6 Nam pro fonte quidem perennis fluminis,
tabescente sanguine turbidi
6 Invece della corrente di un fiume perenne,
sconvolto da putrido sangue
7 in traductionem decreti infanticidae,
dedisti illis abundantem aquam insperate,
7 in punizione di un decreto infanticida,
tu desti loro inaspettatamente acqua abbondante,
8 ostendens per sitim, quae tunc fuit,
quemadmodum adversarios excruciares.
8 mostrando per la sete di allora,
come avevi punito i loro avversari.
9 Cum enim tentati sunt,
etsi cum misericordia disciplinam accipientes,
scierunt quemadmodum cum ira iudicati
impii tormenta paterentur.
9 Difatti, messi alla prova, sebbene puniti con misericordia,
compresero quali tormenti avevan sofferto gli empi,
giudicati nella collera,
10 Hos quidem tamquam pater monens probasti,
illos autem tamquam durus rex condemnans tormento interrogasti.
10 perché tu provasti gli uni come un padre che corregge,
mentre vagliasti gli altri come un re severo che condanna.
11 Absentes enim et praesentes similiter torquebantur;
11 Lontani o vicini erano ugualmente tribolati,
12 duplex enim illos acceperat taedium
et gemitus cum memoria praeteritorum.
12 perché un duplice dolore li colse
e un pianto per i ricordi del passato.
13 Cum enim audirent per sua tormenta
bene secum agi,
senserunt Dominum.
13 Quando infatti seppero che dal loro castigo
quegli altri ricevevano benefici,
sentirono la presenza del Signore;
14 Quem enim in expositione olim proiectum reiecerunt deridentes, in finemeventuum mirati sunt,
non similiter iustis sitientes.
14 poiché colui che avevano una volta esposto
e quindi respinto con scherni,
lo ammiravano alla fine degli eventi,
dopo aver patito una sete ben diversa da quella dei giusti.

15 Pro cogitationibus autem insensatis iniquitatis illorum,
in quibus errantes colebant mutos serpentes et bestias supervacuas,
immisisti illis multitudinem mutorum animalium in vindictam,
15 Per i ragionamenti insensati della loro ingiustizia,
da essi ingannati, venerarono
rettili senza ragione e vili bestiole.
Tu inviasti loro in castigo
una massa di animali senza ragione,
16 ut scirent quia, per quae peccat quis, per haec et torquetur.
16 perché capissero che con quelle stesse cose
per cui uno pecca, con esse è poi castigato.
17 Non enim impossibilis erat omnipotens manus tua,
quae creavit orbem terrarum ex materia informi,
immittere illis multitudinem ursorum aut audaces leones
17 Certo, non aveva difficoltà la tua mano onnipotente,
che aveva creato il mondo da una materia senza forma,
a mandare loro una moltitudine di orsi e leoni feroci
18 aut recens conditas ira plenas ignotas bestias
aut vaporem igneum spirantes
aut fumi fremitum proferentes
aut horrendas ab oculis scintillas fulgurantes,
18 o belve ignote, create apposta, piene di furore,
o sbuffanti un alito infuocato
o esalanti vapori pestiferi
o folgoranti con le terribili scintille degli occhi,
19 quarum non solum laesura poterat illos exterminare,
sed et aspectus per timorem occidere.
19 bestie di cui non solo l'assalto poteva sterminarli,
ma annientarli anche l'aspetto terrificante.
20 Sed et sine his uno spiritu poterant occidi,
persecutionem passi a iustitia,
et dispersi per spiritum virtutis tuae.
Sed omnia in mensura et numero et pondere disposuisti.
20 Anche senza questo potevan soccombere con un soffio,
perseguitati dalla giustizia
e dispersi dallo spirito della tua potenza.
Ma tu hai tutto disposto con misura, calcolo e peso.

21 Multum enim valere tibi soli subest semper,
et virtuti brachii tui quis resistet?
21 Prevalere con la forza ti è sempre possibile;
chi potrà opporsi al potere del tuo braccio?
22 Quoniam tamquam momentum staterae,
sic est ante te totus orbis terrarum,
et tamquam gutta roris antelucani, quae descendit in terram.
22 Tutto il mondo davanti a te, come polvere sulla bilancia,
come una stilla di rugiada mattutina caduta sulla terra.
23 Sed misereris omnium, quia omnia potes;
et dissimulas peccata hominum propter paenitentiam.
23 Hai compassione di tutti, perché tutto tu puoi,
non guardi ai peccati degli uomini,
in vista del pentimento.
24 Diligis enim omnia, quae sunt,
et nihil odisti eorum, quae fecisti;
nec enim, si odisses, aliquid constituisses.
24 Poiché tu ami tutte le cose esistenti
e nulla disprezzi di quanto hai creato;
se avessi odiato qualcosa, non l'avresti neppure creata.
25 Quomodo autem posset aliquid permanere, nisi tu voluisses?
Aut, quod a te vocatum non esset, conservaretur?
25 Come potrebbe sussistere una cosa, se tu non vuoi?
O conservarsi se tu non l'avessi chiamata all'esistenza?
26 Parcis autem omnibus, quoniam tua sunt,
Domine, qui amas animas.
26 Tu risparmi tutte le cose,
perché tutte son tue, Signore, amante della vita,