Scrutatio

Tuesday, 27 February 2024 - San Gabriele dell'Addolorata ( Letture di oggi)

Proverbia 21


font
VULGATABIBBIA
1 Sicut divisiones aquarum, ita cor regis in manu Domini :
quocumque voluerit, inclinabit illud.
1 Il cuore del re è un canale d'acqua in mano al Signore:
lo dirige dovunque egli vuole.
2 Omnis via viri recta sibi videtur :
appendit autem corda Dominus.
2 Agli occhi dell'uomo tutte le sue vie sono rette,
ma chi pesa i cuori è il Signore.
3 Facere misericordiam et judicium
magis placet Domino quam victimæ.
3 Praticare la giustizia e l'equità
per il Signore vale più di un sacrificio.
4 Exaltatio oculorum est dilatatio cordis ;
lucerna impiorum peccatum.
4 Occhi alteri e cuore superbo,
lucerna degli empi, è il peccato.
5 Cogitationes robusti semper in abundantia ;
omnis autem piger semper in egestate est.
5 I piani dell'uomo diligente si risolvono in profitto,
ma chi è precipitoso va verso l'indigenza.
6 Qui congregat thesauros lingua mendacii vanus et excors est,
et impingetur ad laqueos mortis.
6 Accumular tesori a forza di menzogne
è vanità effimera di chi cerca la morte.
7 Rapinæ impiorum detrahent eos,
quia noluerunt facere judicium.
7 La violenza degli empi li travolge,
perché rifiutano di praticare la giustizia.
8 Perversa via viri aliena est ;
qui autem mundus est, rectum opus ejus.
8 La via dell'uomo criminale è tortuosa,
ma l'innocente è retto nel suo agire.
9 Melius est sedere in angulo domatis,
quam cum muliere litigiosa, et in domo communi.
9 È meglio abitare su un angolo del tetto
che avere una moglie litigiosa e casa in comune.
10 Anima impii desiderat malum :
non miserebitur proximo suo.
10 L'anima del malvagio desidera far il male
e ai suoi occhi il prossimo non trova pietà.
11 Mulctato pestilente, sapientior erit parvulus,
et si sectetur sapientem, sumet scientiam.
11 Quando il beffardo vien punito, l'inesperto diventa saggio
e quando il saggio viene istruito, accresce il sapere.
12 Excogitat justus de domo impii,
ut detrahat impios a malo.
12 Il Giusto osserva la casa dell'empio
e precipita gli empi nella sventura.
13 Qui obturat aurem suam ad clamorem pauperis,
et ipse clamabit, et non exaudietur.
13 Chi chiude l'orecchio al grido del povero
invocherà a sua volta e non otterrà risposta.
14 Munus absconditum extinguit iras,
et donum in sinu indignationem maximam.
14 Un regalo fatto in segreto calma la collera,
un dono di sotto mano placa il furore violento.
15 Gaudium justo est facere judicium,
et pavor operantibus iniquitatem.
15 È una gioia per il giusto che sia fatta giustizia,
mentre è un terrore per i malfattori.
16 Vir qui erraverit a via doctrinæ
in cœtu gigantum commorabitur.
16 L'uomo che si scosta dalla via della saggezza,
riposerà nell'assemblea delle ombre dei morti.
17 Qui diligit epulas in egestate erit ;
qui amat vinum et pinguia non ditabitur.
17 Diventerà indigente chi ama i piaceri
e chi ama vino e profumi non arricchirà.
18 Pro justo datur impius,
et pro rectis iniquus.
18 Il malvagio serve da riscatto per il giusto
e il perfido per gli uomini retti.
19 Melius est habitare in terra deserta
quam cum muliere rixosa et iracunda.
19 Meglio abitare in un deserto
che con una moglie litigiosa e irritabile.
20 Thesaurus desiderabilis, et oleum in habitaculo justi :
et imprudens homo dissipabit illud.
20 Tesori preziosi e profumi sono nella dimora del saggio,
ma lo stolto dilapida tutto.
21 Qui sequitur justitiam et misericordiam
inveniet vitam, justitiam, et gloriam.
21 Chi segue la giustizia e la misericordia
troverà vita e gloria.
22 Civitatem fortium ascendit sapiens,
et destruxit robur fiduciæ ejus.
22 Il saggio assale una città di guerrieri
e abbatte la fortezza in cui essa confidava.
23 Qui custodit os suum et linguam suam
custodit ab angustiis animam suam.
23 Chi custodisce la bocca e la lingua
preserva se stesso dai dispiaceri.
24 Superbus et arrogans vocatur indoctus,
qui in ira operatur superbiam.
24 Il superbo arrogante si chiama beffardo,
egli agisce nell'eccesso dell'insolenza.
25 Desideria occidunt pigrum :
noluerunt enim quidquam manus ejus operari.
25 I desideri del pigro lo portano alla morte,
perché le sue mani rifiutano di lavorare.
26 Tota die concupiscit et desiderat ;
qui autem justus est, tribuet, et non cessabit.
26 Tutta la vita l'empio indulge alla cupidigia,
mentre il giusto dona senza risparmiare.
27 Hostiæ impiorum abominabiles,
quia offeruntur ex scelere.
27 Il sacrificio degli empi è un abominio,
tanto più se offerto con cattiva intenzione.
28 Testis mendax peribit ;
vir obediens loquetur victoriam.
28 Il falso testimone perirà,
ma l'uomo che ascolta potrà parlare sempre.
29 Vir impius procaciter obfirmat vultum suum ;
qui autem rectus est corrigit viam suam.
29 L'empio assume un'aria sfrontata,
l'uomo retto controlla la propria condotta.
30 Non est sapientia, non est prudentia,
non est consilium contra Dominum.
30 Non c'è sapienza, non c'è prudenza,
non c'è consiglio di fronte al Signore.
31 Equus paratur ad diem belli ;
Dominus autem salutem tribuit.
31 Il cavallo è pronto per il giorno della battaglia,
ma al Signore appartiene la vittoria.