Scrutatio

Saturday, 2 March 2024 - Santa Angela de la Cruz ( Letture di oggi)

Prima lettera di Giovanni 4


font

1Carissimi, non prestate fede ad ogni spirito, ma mettete alla prova gli spiriti, per saggiare se provengono veramente da Dio, perché molti falsi profeti sono venuti nel mondo.2In questo potete riconoscere lo Spirito di Dio: ogni spirito che riconosce Gesù Cristo venuto nella carne, è da Dio;3ogni spirito che non riconosce Gesù, non è da Dio. Questo è lo spirito dell’anticristo che, come avete udito, viene, anzi è già nel mondo.4Voi siete da Dio, figlioli, e avete vinto costoro, perché colui che è in voi è più grande di colui che è nel mondo.5Essi sono del mondo, perciò insegnano cose del mondo e il mondo li ascolta.6Noi siamo da Dio: chi conosce Dio ascolta noi; chi non è da Dio non ci ascolta. Da questo noi distinguiamo lo spirito della verità e lo spirito dell’errore.
7Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perché l’amore è da Dio: chiunque ama è stato generato da Dio e conosce Dio.8Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore.9In questo si è manifestato l’amore di Dio in noi: Dio ha mandato nel mondo il suo Figlio unigenito, perché noi avessimo la vita per mezzo di lui.10In questo sta l’amore: non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi e ha mandato il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati.
11Carissimi, se Dio ci ha amati così, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri.12Nessuno mai ha visto Dio; se ci amiamo gli uni gli altri, Dio rimane in noi e l’amore di lui è perfetto in noi.13In questo si conosce che noi rimaniamo in lui ed egli in noi: egli ci ha donato il suo Spirito.14E noi stessi abbiamo veduto e attestiamo che il Padre ha mandato il suo Figlio come salvatore del mondo.15Chiunque confessa che Gesù è il Figlio di Dio, Dio rimane in lui ed egli in Dio.16E noi abbiamo conosciuto e creduto l’amore che Dio ha in noi. Dio è amore; chi rimane nell’amore rimane in Dio e Dio rimane in lui.
17In questo l’amore ha raggiunto tra noi la sua perfezione: che abbiamo fiducia nel giorno del giudizio, perché come è lui, così siamo anche noi, in questo mondo.18Nell’amore non c’è timore, al contrario l’amore perfetto scaccia il timore, perché il timore suppone un castigo e chi teme non è perfetto nell’amore.
19Noi amiamo perché egli ci ha amati per primo.20Se uno dice: «Io amo Dio» e odia suo fratello, è un bugiardo. Chi infatti non ama il proprio fratello che vede, non può amare Dio che non vede.21E questo è il comandamento che abbiamo da lui: chi ama Dio, ami anche suo fratello.

Note:

1Gv 4,1:Bisogna assicurarsi che quelli che si richiamano allo Spirito di Dio non siano spinti in realtà dallo spirito del mondo. Saranno riconosciuti dai loro frutti (Mt 7,15-20), dalle loro preferenze (cf. 1Gv 2,3-6; 1Gv 2,13-14 , ecc.), soprattutto da ciò che dicono del Cristo (vv 2-3). Gli apostoli sono capaci di questo discernimento (v 6).

1Gv 4,3:che non riconosce Gesù: volg., alcuni padri e altre testimonianze offrono la variante molto autorevole: «che dissolve» o «che sopprime Gesù».

1Gv 4,6:Noi: i predicatori accreditati, in primo luogo gli apostoli. - lo spirito della verità e lo spirito dell'errore: il tema dei due spiriti è conosciuto dal giudaismo (per esempio Qumran), accanto a quello essere condannati da Dio (1Gv 3,20), egli che ha dato nel suo Figlio prove così grandi di amore (cf. v 8+).