1In quel periodo Antioco ritornò con disonore dalle regioni della Persia. 2Infatti egli era giunto nella città chiamata Persèpoli e si era accinto a depredare il tempio e a impadronirsi della città; ma i cittadini, ricorsi in massa all’aiuto delle armi, lo respinsero e accadde così che Antioco, messo in fuga dagli abitanti, dovette ritirarsi vergognosamente. 3Mentre si trovava presso Ecbàtana, gli giunse notizia di ciò che era accaduto a Nicànore e agli uomini di Timòteo. 4Mosso da gran furore, pensava di sfogarsi sui Giudei anche per lo smacco inflittogli da coloro che lo avevano messo in fuga. Perciò diede ordine al cocchiere di compiere il viaggio spingendo i cavalli senza sosta; ma incombeva ormai su di lui il giudizio del Cielo. Così diceva nella sua superbia: «Farò di Gerusalemme un cimitero di Giudei, appena vi sarò giunto». 5Ma il Signore che tutto vede, il Dio d’Israele, lo colpì con piaga insanabile e invisibile. Aveva appena terminato quella frase, quando lo colpì un insopportabile dolore alle viscere e terribili spasimi intestinali, 6ben meritati da colui che aveva straziato le viscere altrui con molti e strani generi di torture. 7Ma egli non desisteva affatto dalla sua alterigia, anzi era pieno ancora di superbia, spirando fuoco d’ira contro i Giudei, e comandando di accelerare la corsa. Gli capitò perciò di cadere dal carro in corsa tumultuosa e di rovinarsi tutte le membra del corpo nella violenta caduta. 8Colui che poco prima, nella sua sovrumana arroganza, pensava di comandare ai flutti del mare, e credeva di pesare sulla bilancia le cime dei monti, ora, gettato a terra, doveva farsi portare in lettiga, rendendo a tutti manifesta la potenza di Dio, 9a tal punto che nel corpo di quell’empio si formavano i vermi e, mentre era ancora vivo, le sue carni, fra spasimi e dolori, cadevano a brandelli e l’esercito era tutto nauseato dal fetore e dal marciume di lui. 10Colui che poco prima credeva di toccare gli astri del cielo, ora nessuno poteva sopportarlo per l’intollerabile intensità del fetore.
11Allora finalmente, malconcio a quel modo, incominciò a deporre gran parte della sua superbia e ad avviarsi al ravvedimento per effetto del divino flagello, mentre senza tregua era lacerato dai dolori. 12Non potendo più sopportare il suo proprio fetore, disse: «È giusto sottomettersi a Dio e non pretendere di essere uguale a Dio, quando si è mortali!». 13Quindi quello scellerato si mise a pregare quel Signore che ormai non avrebbe più avuto misericordia di lui, e diceva 14che avrebbe dichiarato libera la città santa, che prima si affrettava a raggiungere per raderla al suolo e farne un cimitero. 15Diceva inoltre che avrebbe reso pari agli Ateniesi tutti i Giudei, che prima aveva stabilito di non degnare neppure della sepoltura, ma di gettare in pasto alle fiere insieme con i loro bambini, 16e che avrebbe adornato con magnifici doni votivi il sacro tempio, che prima aveva saccheggiato, e avrebbe restituito in numero ancora più grande tutti gli arredi sacri e avrebbe provveduto con le proprie entrate ai contributi fissati per i sacrifici. 17Prometteva, infine, che si sarebbe fatto Giudeo e si sarebbe recato in ogni luogo abitato per annunciare la potenza di Dio.
18Ma poiché i dolori non diminuivano per nulla – era arrivato infatti su di lui il giusto giudizio di Dio – e disperando ormai di sé, scrisse ai Giudei la lettera riportata qui sotto, nello stile di una supplica, così concepita:
19«Ai Giudei, ottimi cittadini, il re e condottiero Antioco augura perfetta salute, benessere e prosperità. 20Se voi state bene e i figli e le vostre cose procedono secondo il vostro pensiero, io, riponendo la mia speranza nel Cielo, 21mi ricordo con tenerezza del vostro onore e della vostra benevolenza. Ritornando dalle province della Persia e trovandomi colpito da una malattia insopportabile, ho creduto necessario pensare alla comune sicurezza di tutti. 22Non dispero del mio stato, avendo molta fiducia di scampare alla malattia. 23Considerando d’altra parte che anche mio padre, quando aveva intrapreso spedizioni nelle province settentrionali, designava il successore, 24perché, se fosse accaduto qualche cosa di inaspettato o si fosse diffusa la notizia di qualche grave incidente, gli abitanti del paese, sapendo in mano a chi era stato lasciato il governo, non si agitassero, 25e oltre a questo, constatando che i sovrani vicini e confinanti con il nostro regno spiano il momento opportuno e attendono gli eventi, ho designato come re mio figlio Antioco, che già più volte, quando intraprendevo i viaggi nei distretti settentrionali, ho raccomandato e affidato a moltissimi di voi. A lui indirizzo la lettera qui unita. 26Vi prego dunque e vi scongiuro di ricordarvi dei benefici ricevuti, pubblicamente o privatamente, e prego ciascuno di conservare la vostra benevolenza verso di me e mio figlio. 27Ho fiducia che egli, seguendo le mie direttive, si comporterà con voi con moderazione e umanità».
28Quest’omicida e bestemmiatore, dunque, soffrendo crudeli tormenti, come li aveva fatti subire agli altri, finì così la sua vita con miserabile morte in terra straniera, sui monti. 29Curò il trasporto della salma Filippo, suo compagno d’infanzia, il quale poi, diffidando del figlio di Antioco, si ritirò in Egitto presso Tolomeo Filomètore.


Note:

2Mac 9,2:depredare il Tempio: il tempio in questione si trovava in realtà in Elimaide, a nord di Persepoli (1Mac 6,3), ma Giasone - o il compilatore - ha forse preferito collocare il fatto in una città da tutti conosciuta.

2Mac 9,3:Ecbàtana: l'attuale Hamadan, 700 km a nord-est di Persepoli. In realtà Epifane mori a Tabe, a mezza strada tra queste due città.

2Mac 9,9:nel corpo: con gr. (tranne un ms che ha: «gli occhi del corpo»); BJ con vet. lat., arm. legge: «gli occhi». - Si ignora la natura del male che colpi Antioco. La descrizione rientra nel genere letterario tipico della morte dei tiranni (cf. Gdt 16,17; Gdt 1s 14,11; At 12,23). Lo stesso tipo di descrizione si trova nella morte di Erode il Grande in Ant. Giud., di Giuseppe Flavio. Il parallelo di 1Mac 6,9 è molto più sobrio.

2Mac 9,12:non pensare di essere uguale a Dio: con mss e versioni; una parte del gr. legge: «non aver pensieri orgogliosi»; gr. luc. combina le due lezioni. - L'espressione greca qualifica gli onori divini che ricevevano i re e gli uomini illustri. Cf. l'espressione analoga di Fil 2,6 , applicata a Cristo.

2Mac 9,19:condottiero: alla lettera «stratega»: il termine indica la suprema magistratura di una città, qui Antiochia, la capitale, di cui Antioco si era già fatto nominare edile e tribuno. - La lettera doveva essere indirizzata agli «eccellenti cittadini» di Antiochia e il riferimento ai giudei deve essere una glossa di Giasone di Cirene.

2Mac 9,20:riponendo le mie speranze nel Cielo: aggiunta del gr.; BJ legge: «noi ne ringraziamo sommamente (Dio)».

2Mac 9,21:BJ inizia il v così: «Per me, io mi sono disteso su un letto privo di forza»; BC omette. - del vostro onore e della vostra benevolenza: con il greco; BJ con un ms gr., lat., arm. ha: «di voi».

2Mac 9,23:aveva intrapreso spedizioni: estrateusen conget. secondo lat.; il greco legge: «si accampava», estratopedeusen.

2Mac 9,25:la lettera qui unita: l'autore non ha riportato questa seconda lettera, che forse non aveva potuto reperire.

2Mac 9,28:Il tono violento del compilatore contrasta con quello della lettera, del tutto conforme allo stile protocollare ellenistico.

2Mac 9,29:Particolare che difficilmente si concilia con 1Mac 6,55 e 1Mac 6,63 . Forse Filippo è rimasto in Egitto sino alla fine del 163 (cf. 2Mac 13,23).

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
Acquista la Bibbia per la Scrutatio dalla Libreria del Santo
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online