1Ci fu anche il caso di sette fratelli che, presi insieme alla loro madre, furono costretti dal re, a forza di flagelli e nerbate, a cibarsi di carni suine proibite. 2Uno di loro, facendosi interprete di tutti, disse: «Che cosa cerchi o vuoi sapere da noi? Siamo pronti a morire piuttosto che trasgredire le leggi dei padri». 3Allora il re irritato comandò di mettere al fuoco teglie e caldaie. 4Appena queste divennero roventi, il re comandò di tagliare la lingua a quello che si era fatto loro portavoce, di scorticarlo e tagliargli le estremità, sotto gli occhi degli altri fratelli e della madre. 5Dopo averlo mutilato di tutte le membra, comandò di accostarlo al fuoco e di arrostirlo quando ancora respirava. Mentre il vapore si spandeva largamente tutto intorno alla teglia, gli altri si esortavano a vicenda con la loro madre a morire da forti, dicendo: 6«Il Signore Dio ci vede dall’alto e certamente avrà pietà di noi, come dichiarò Mosè nel canto che protesta apertamente con queste parole: “E dei suoi servi avrà compassione”».
7Venuto meno il primo, allo stesso modo esponevano allo scherno il secondo e, strappatagli la pelle del capo con i capelli, gli domandavano: «Sei disposto a mangiare, prima che il tuo corpo venga straziato in ogni suo membro?». 8Egli, rispondendo nella lingua dei padri, protestava: «No». Perciò anch’egli subì gli stessi tormenti del primo. 9Giunto all’ultimo respiro, disse: «Tu, o scellerato, ci elimini dalla vita presente, ma il re dell’universo, dopo che saremo morti per le sue leggi, ci risusciterà a vita nuova ed eterna».
10Dopo costui fu torturato il terzo, che alla loro richiesta mise fuori prontamente la lingua e stese con coraggio le mani, 11dicendo dignitosamente: «Dal Cielo ho queste membra e per le sue leggi le disprezzo, perché da lui spero di riaverle di nuovo». 12Lo stesso re e i suoi dignitari rimasero colpiti dalla fierezza di questo giovane, che non teneva in nessun conto le torture.
13Fatto morire anche questo, si misero a straziare il quarto con gli stessi tormenti. 14Ridotto in fin di vita, egli diceva: «È preferibile morire per mano degli uomini, quando da Dio si ha la speranza di essere da lui di nuovo risuscitati; ma per te non ci sarà davvero risurrezione per la vita».
15Subito dopo condussero il quinto e lo torturarono. 16Ma egli, guardando il re, diceva: «Tu hai potere sugli uomini e, sebbene mortale, fai quanto ti piace; ma non credere che il nostro popolo sia stato abbandonato da Dio. 17Quanto a te, aspetta e vedrai la grandezza della sua forza, come strazierà te e la tua discendenza».
18Dopo di lui presero il sesto che, mentre stava per morire, disse: «Non illuderti stoltamente. Noi soffriamo queste cose per causa nostra, perché abbiamo peccato contro il nostro Dio; perciò ci succedono cose che muovono a meraviglia. 19Ma tu non credere di andare impunito, dopo aver osato combattere contro Dio».
20Soprattutto la madre era ammirevole e degna di gloriosa memoria, perché, vedendo morire sette figli in un solo giorno, sopportava tutto serenamente per le speranze poste nel Signore. 21Esortava ciascuno di loro nella lingua dei padri, piena di nobili sentimenti e, temprando la tenerezza femminile con un coraggio virile, diceva loro: 22«Non so come siate apparsi nel mio seno; non io vi ho dato il respiro e la vita, né io ho dato forma alle membra di ciascuno di voi. 23Senza dubbio il Creatore dell’universo, che ha plasmato all’origine l’uomo e ha provveduto alla generazione di tutti, per la sua misericordia vi restituirà di nuovo il respiro e la vita, poiché voi ora per le sue leggi non vi preoccupate di voi stessi».
24Antioco, credendosi disprezzato e sospettando che quel linguaggio fosse di scherno, esortava il più giovane che era ancora vivo; e non solo a parole, ma con giuramenti prometteva che l’avrebbe fatto ricco e molto felice, se avesse abbandonato le tradizioni dei padri, e che l’avrebbe fatto suo amico e gli avrebbe affidato alti incarichi. 25Ma poiché il giovane non badava per nulla a queste parole, il re, chiamata la madre, la esortava a farsi consigliera di salvezza per il ragazzo. 26Esortata a lungo, ella accettò di persuadere il figlio; 27chinatasi su di lui, beffandosi del crudele tiranno, disse nella lingua dei padri: «Figlio, abbi pietà di me, che ti ho portato in seno nove mesi, che ti ho allattato per tre anni, ti ho allevato, ti ho condotto a questa età e ti ho dato il nutrimento. 28Ti scongiuro, figlio, contempla il cielo e la terra, osserva quanto vi è in essi e sappi che Dio li ha fatti non da cose preesistenti; tale è anche l’origine del genere umano. 29Non temere questo carnefice, ma, mostrandoti degno dei tuoi fratelli, accetta la morte, perché io ti possa riavere insieme con i tuoi fratelli nel giorno della misericordia».
30Mentre lei ancora parlava, il giovane disse: «Che aspettate? Non obbedisco al comando del re, ma ascolto il comando della legge che è stata data ai nostri padri per mezzo di Mosè. 31Tu però, che ti sei fatto autore di ogni male contro gli Ebrei, non sfuggirai alle mani di Dio. 32Noi, in realtà, soffriamo per i nostri peccati. 33Se ora per nostro castigo e correzione il Signore vivente per breve tempo si è adirato con noi, di nuovo si riconcilierà con i suoi servi. 34Ma tu, o sacrilego e il più scellerato di tutti gli uomini, non esaltarti invano, alimentando segrete speranze, mentre alzi la mano contro i figli del Cielo, 35perché non sei ancora al sicuro dal giudizio del Dio onnipotente che vede tutto. 36Già ora i nostri fratelli, che hanno sopportato un breve tormento, per una vita eterna sono entrati in alleanza con Dio. Tu invece subirai nel giudizio di Dio il giusto castigo della tua superbia. 37Anch’io, come già i miei fratelli, offro il corpo e la vita per le leggi dei padri, supplicando Dio che presto si mostri placato al suo popolo e che tu, fra dure prove e flagelli, debba confessare che egli solo è Dio; 38con me invece e con i miei fratelli possa arrestarsi l’ira dell’Onnipotente, giustamente attirata su tutta la nostra stirpe».
39Il re, divenuto furibondo, si sfogò su di lui più crudelmente che sugli altri, sentendosi invelenito dallo scherno. 40Così anche costui passò all’altra vita puro, confidando pienamente nel Signore. 41Ultima dopo i figli, anche la madre incontrò la morte.
42Ma sia sufficiente quanto abbiamo esposto circa i pasti sacrificali e le eccessive crudeltà.


Note:

2Mac 7:Dopo l'esempio di un venerando dottore della legge, viene riportato quello di una madre di famiglia con i suoi figli. La persecuzione, infatti, esercitata a quei tempi con metodi molto crudeli, si era estesa anche alle donne e ai bambini (cf. 1Mac 1,60s). Il fondo del racconto è dunque storico e la rielaborazione letteraria si esplica soprattutto nei discorsi messi in bocca ai protagonisti. Il culto dei «sette fratelli Maccabei» si diffuse fino nell'Occidente, ai quali vennero dedicate molte chiese. Il racconto intitolato «Passione dei santi Maccabei» incontro larga diffusione e servì da modello a diversi atti di martiri.

2Mac 7,8:lingua paterna: questa espressione ritorna nei vv 21 e 27 e sembra che con essa l'autore voglia alludere all'ebraico (cf. 2Mac 12,37; 2Mac 15,29). In realtà, la lingua della donna doveva essere piuttosto l'aramaico.

2Mac 7,9:vita nuova ed eterna: alla lettera «per una rivivificazione eterna della vita». - La fede nella resurrezione dei corpi, che non risulta in modo del tutto sicuro in Is 26,19 e in Gb 19,26-27 (cf. le note), è affermata per la prima volta qui (e cf. vv 11.14.23.29.36) e nel passo di Dn 12,2-3 , ancora in rapporto alla persecuzione di Antioco Epifane (Dn 11 ; cf. anche 2Mac 12,38-45; 2Mac 14,46). I martiri resusciteranno per opera della potenza del creatore (v 23) per la vita (v 14; cf. Gv 5,29) e per una vita eterna (vv 9.36). Si arriva così alla dottrina della immortalità, che verrà sviluppata, in ambiente greco e senza riferimento alla resurrezione dei corpi, in Sap 3,1-5,16 . Ma per il pensiero ebraico, che non distingueva tra corpo e anima, l'idea della sopravvivenza implicava quella della resurrezione dei corpi; lo si vede qui. Il testo non insegna direttamente la resurrezione di tutti gli uomini: considera unicamente il caso dei giusti (cf. v 14). Dn 12,2-3 invece è più esplicito.

2Mac 7,11:Questo v, omesso da parecchi mss latini, è in contraddizione con il precedente: la lingua tesa dovette essere amputata subito (cf. v 4).

2Mac 7,28:non da cose preesistenti: alla lettera «non da cose che erano», prima affermazione esplicita della creazione ex nihilo (ma cf. già Is 44,24 ; vedi anche Gv 1,3; Col 1,15s). Alcuni mss e sir leggono: «da cose che non sono», espressione che per il filosofo giudaico Filone di Alessandria indica la materia informe (cf. Sap 11,17+).

2Mac 7,30:mentre: eti con gr.; BJ congettura: «appena», arti.

2Mac 7,31:Ebrei: espressione arcaizzante, usata qui e in 2Mac 11,13; 2Mac 15,37 ; cf. Gdt 10,12; Gdt 12,11; Gdt 14,18 . I LXX la usano raramente fuori del Pentateuco.

2Mac 7,34:i figli del Cielo: il greco ha alla lettera: «i servi celesti»; BJ con alcuni mss e versioni preferisce: «i suoi servi».

2Mac 7,36:hanno conseguito o «sono caduti per»: conget. (cf. 6 28; 1Mac 5,20); il greco è incomprensibile. - della vita eterna: BJ con mss latini preferisce: «in vista di una vita perenne».

2Mac 7,37:che egli solo è Dio: Antioco si faceva uguale agli dèi (cf. 2Mac 9,12+). Sulla nozione di un Dio assolutamente universale e senza possibili rivali, cf. 1Cr 17,20; Sir 36,4 e già Is 45,14 .

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
Acquista la Bibbia per la Scrutatio dalla Libreria del Santo
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online