1Dopo di questi sorse Natan,
per profetizzare al tempo di Davide.

2Come il grasso si preleva nel sacrificio pacifico,
così Davide dagli Israeliti.
3Egli scherzò con leoni quasi fossero capretti,
con gli orsi quasi fossero agnelli.
4Nella giovinezza non ha forse ucciso il gigante
e cancellata l'ignominia dal popolo,
scagliando con la fionda la pietra,
che abbatté la tracotanza di Golia?
5Poiché aveva invocato il Signore altissimo,
egli concesse alla sua destra la forza
di eliminare un potente guerriero
e riaffermare la potenza del suo popolo.
6Così l'esaltarono per i suoi diecimila,
lo lodarono nei canti del Signore
e gli offrirono un diadema di gloria.
7Egli infatti sterminò i nemici all'intorno
e annientò i Filistei, suoi avversari;
distrusse la loro potenza fino ad oggi.
8In ogni sua opera glorificò
il Santo altissimo con parole di lode;
cantò inni a lui con tutto il cuore
e amò colui che l'aveva creato.
9Introdusse musicanti davanti all'altare;
raddolcendo i canti con i loro suoni;
10conferì splendore alle feste,
abbellì le solennità fino alla perfezione,
facendo lodare il nome santo di Dio
ed echeggiare fin dal mattino il santuario.
11Il Signore gli perdonò i suoi peccati,
innalzò la sua potenza per sempre,
gli concesse un'alleanza regale
e un trono di gloria in Israele.

12Dopo di lui sorse un figlio saggio,
che, in grazia sua, ebbe un vasto regno.
13Salomone regnò in tempo di pace,
Dio dispose che tutto fosse tranquillo all'intorno
perché costruisse una casa al suo nome
e preparasse un santuario perenne.
14Come fosti saggio nella giovinezza,
versando copiosa intelligenza come acqua d'un fiume!
15La tua scienza ricoprì la terra,
riempiendola di sentenze difficili.
16Il tuo nome giunse fino alle isole lontane;
fosti amato nella tua pace.
17Per i tuoi canti, i tuoi proverbi, le tue massime
e per le tue risposte ti ammirarono i popoli.
18Nel nome del Signore Dio,
che è chiamato Dio di Israele,
accumulasti l'oro quasi fosse stagno,
come il piombo rendesti abbondante l'argento.
19Ma accostasti i tuoi fianchi alle donne,
e ne fosti dominato nel corpo.
20Così deturpasti la tua gloria
e profanasti la tua discendenza,
sì da attirare l'ira divina sui tuoi figli
e sofferenze con la tua follia.
21Il regno fu diviso in due
e in Efraim si instaurò un potere ribelle.
22Ma il Signore non rinnegherà la sua misericordia
e non permetterà che venga meno alcuna delle sue parole.
Non farà perire la posterità del suo eletto
né distruggerà la stirpe di colui che lo amò.
Concesse un resto a Giacobbe
e a Davide un germoglio nato dalla sua stirpe.

23Salomone andò a riposare con i suoi padri,
lasciando dopo di sé un discendente,
stoltezza del popolo e privo di senno,
Roboàmo, che si alienò il popolo con i suoi consigli.

24Geroboàmo figlio di Nabàt fece peccare Israele
e aprì a Efraim la via del peccato;
le loro colpe si moltiplicarono assai,
sì da farli esiliare dal proprio paese.
25Essi commisero ogni genere di malvagità
finché non giunse su di loro la vendetta.


Note:

Sir 47,5:la potenza: alla lettera «il corno», metafora biblica corrente (specie nei salmi) per indicare la forza fisica o morale.

Sir 47,7:L'ebr. ha: «[6]Anche le ragazze gli risposero e lo soprannominarono 'diecimila'. Dopo che ebbe cinto il diadema [7]combatté e tutto all'intorno sottomise il nemico. Fondò città tra i filistei e fino ad oggi spezzò la loro potenza».

Sir 47,8:I salmi (cf. 2Sam 23,1).

Sir 47,11:regale: con greco 248, ebr., lat.; il textus receptus ha: «dei re».

Sir 47,12:L'idea non è solo profana (Salomone beneficiò delle realizzazioni dei suoi predecessori), è anche religiosa: Dio conservò a Salomone il suo favore a motivo di Davide suo padre (cf. vv 20.22; 1Re 11,12).

Sir 47,16:Allusione al nome di Salomone, il «pacifico» (cf. v 13).

Sir 47,17:i tuoi canti: il Cantico dei Cantici. Sulla sapienza e attività letteraria di Salomone cf. 1Re 5,9-14 . Sulle risposte di Salomone cf. 1Re 10,1-10 (la regina di Saba).

Sir 47,18:L'ebr. («tu eri chiamato col nome glorioso invocato su Israele») forse allude al primo nome di Salomone Jedidja, «diletto di Jahve» (2Sam 12,25).

Sir 47,20:sofferenze con la tua follia: l'ebr. ha: «l'afflizione sul tuo letto» (cioè la discendenza).

Sir 47,23:L'ebr. ha: «assai folle e corto di intelligenza». Sembra che ci sia Roboàmo interpretato a partire da rahab, «ampio», l'ebr. e am, «popolo». La lezione greca e quella ebraica avrebbero conservato ognuna un elemento di questa etimologia.

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
Acquista la Bibbia per la Scrutatio dalla Libreria del Santo
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online