Scrutatio

Saturday, 24 February 2024 - San Sergio di Cesarea ( Letture di oggi)

Neemia 1


font font righe continue righe continue righe continue righe continue font font
font

1Parole di Neemia figlio di Akalià. Nel mese di Casleu dell'anno ventesimo, mentre ero nella cittadella di Susa,2Canàni, uno dei miei fratelli, e alcuni altri uomini arrivarono dalla Giudea. Li interrogai riguardo ai Giudei che erano rimpatriati, superstiti della deportazione, e riguardo a Gerusalemme.3Essi mi dissero: "I superstiti della deportazione sono là, nella provincia, in grande miseria e abbattimento; le mura di Gerusalemme restano piene di brecce e le sue porte consumate dal fuoco".4Udite queste parole, mi sedetti e piansi; feci lutto per parecchi giorni, digiunando e pregando davanti al Dio del cielo.5E dissi: "Signore, Dio del cielo, Dio grande e tremendo, che mantieni l'alleanza e la misericordia con quelli che ti amano e osservano i tuoi comandi,6siano i tuoi orecchi attenti, i tuoi occhi aperti per ascoltare la preghiera del tuo servo; io prego ora davanti a te giorno e notte per gli Israeliti, tuoi servi, confessando i peccati, che noi Israeliti abbiamo commesso contro di te; anch'io e la casa di mio padre abbiamo peccato.7Ci siamo comportati male con te e non abbiamo osservato i comandi, le leggi e le decisioni che tu hai dato a Mosè tuo servo.8Ricordati della parola che hai affidato a Mosè tuo servo: Se sarete infedeli, io vi disperderò fra i popoli;9ma se tornerete a me e osserverete i miei comandi e li eseguirete, anche se i vostri esiliati si trovassero all'estremità dell'orizzonte, io di là li raccoglierò e li ricondurrò al luogo che ho scelto per farvi dimorare il mio nome.10Ora questi sono tuoi servi e tuo popolo; tu li hai redenti con grande potenza e con mano forte.11Signore, siano i tuoi orecchi attenti alla preghiera del tuo servo e alla preghiera dei tuoi servi, che desiderano temere il tuo nome; concedi oggi buon successo al tuo servo e fagli trovare benevolenza davanti a questo uomo".
Io allora ero coppiere del re.

Note:

Ne 1,1:Qui incomincia la memoria di Neemia (si veda l'introduzione, p. 715). - anno ventesimo del re Artaserse I (465-424, cf. Ne 2,1) ossia nel dicembre del 446.

Ne 1,2:superstiti della deportazione: il popolo fedele ritornato dall'esilio, raggruppato intorno a Gerusalemme (cf. Esd 1,4+; Esd 6,15; Is 4,3+).

Ne 1,3:La preoccupazione di ricostruire le mura di Gerusalemme sorge durante l'esilio (Is 54,11-12) e dopo (Is 60,10-17; Zc 2,5s). L'iniziativa data probabilmente dal tempo di Serse (Esd 4,6) ed è chiaramente attestata sotto Artaserse (Esd 4,12-13; Esd 4,16). Essa apparve come una rivendicazione di autonomia che rischiava di ledere i diritti acquisiti di Samaria. Di qui l'opposizione samaritana che ottenne dal potere persiano l'arresto immediato della costruzione (Esd 4,23). E' a questo avvenimento recente che Canani fa allusione.

Ne 1,5:La preghiera di Neemia si ispira al Deuteronomio.