Scrutatio

Thursday, 18 April 2024 - San Galdino ( Letture di oggi)

Amos 7


font
NOVA VULGATABIBBIA
1 Haec ostendit mihi Dominus Deus: et ecce, ipse formabat lo custas inprincipio, cum germinarent serotinae fruges; et ecce fruges serotinae postfruges demessas regis.1 Ecco ciò che mi fece vedere il Signore Dio: egli formava uno sciame di cavallette quando cominciava a germogliare la seconda erba, quella che spunta dopo la falciatura del re.
2 Et factum est, cum consummasset comedere herbam terrae,dixi: “Domine Deus, propitius esto, obsecro; quomodo stabit Iacob, quiaparvulus est? ”.2 Quando quelle stavano per finire di divorare l'erba della regione, io dissi: "Signore Dio, perdona, come potrà resistere Giacobbe? È tanto piccolo".
3 Misertus est Dominus super hoc. “ Non erit ”, dixitDominus Deus.
3 Il Signore si impietosì: "Questo non avverrà", disse il Signore.

4 Haec ostendit mihi Dominus Deus: et ecce, vocabat ad iudicium per ignemDominus Deus, et devoravit abyssum magnam et comedit simul partem.4 Ecco ciò che mi fece vedere il Signore Dio: il Signore Dio chiamava per il castigo il fuoco che consumava il grande abisso e divorava la campagna.
5 Et dixi:“ Domine Deus, quiesce, obsecro; quomodo stabit Iacob, quia parvulus est? ”.5 Io dissi: "Signore Dio, desisti! Come potrà resistere Giacobbe? È tanto piccolo".
6 Misertus est Dominus super hoc. “ Sed et istud non erit ”, dicit DominusDeus.
6 Il Signore se ne pentì: "Neanche questo avverrà", disse il Signore.

7 Haec ostendit mihi Dominus Deus: ecce vir stans super murum litum, et in manueius trulla caementarii.7 Ecco ciò che mi fece vedere il Signore Dio: il Signore stava sopra un muro tirato a piombo e con un piombino in mano.
8 Et dixit Dominus ad me: “ Quid tu vides, Amos? ”.Et dixi: “ Trullam caementarii ”. Et dixit Dominus: “Ecce ego ponamtrullam in medio populi mei Israel; non adiciam ultra ignoscere ei.8 Il Signore mi disse: "Che cosa vedi, Amos?". Io risposi: "Un piombino". Il Signore mi disse: "Io pongo un piombino in mezzo al mio popolo, Israele; non gli perdonerò più.
9 Etdemolientur excelsa Isaac, et sanctuaria Israel desolabuntur, et consurgam superdomum Ieroboam in gladio ”.9 Saranno demolite le alture d'Isacco e i santuari d'Israele saranno ridotti in rovine, quando io mi leverò con la spada contro la casa di Geroboàmo".

10 Et misit Amasias sacerdos Bethel ad Ieroboam regem Israel dicens: “Conspiravit contra te Amos in medio domus Israel; non poterit terra sustinereuniversos sermones eius.10 Amasia, sacerdote di Betel, mandò a dire a Geroboàmo re di Israele: "Amos congiura contro di te in mezzo alla casa di Israele; il paese non può sopportare le sue parole,
11 Haec enim dicit Amos: “In gladio morieturIeroboam, et Israel captivus migrabit de terra sua” ”.11 poiché così dice Amos: Di spada morirà Geroboàmo e Israele sarà condotto in esilio lontano dal suo paese".
12 Et dixit Amasiasad Amos: “ Qui vides, gradere. Fuge in terram Iudae et comede ibi panem etprophetabis ibi;12 Amasia disse ad Amos: "Vattene, veggente, ritirati verso il paese di Giuda; là mangerai il tuo pane e là potrai profetizzare,
13 et in Bethel non adicies ultra ut prophetes, quiasanctuarium regis est, et domus regni est ”.13 ma a Betel non profetizzare più, perché questo è il santuario del re ed è il tempio del regno".
14 Responditque Amos et dixit adAmasiam:
“ Non sum propheta
et non sum filius prophetae;
sed armentarius ego sum, vellicans sycomoros.
14 Amos rispose ad Amasia:

"Non ero profeta, né figlio di profeta;
ero un pastore e raccoglitore di sicomori;
15 Et tulit me Dominus,
cum sequerer gregem,
et dixit Dominus ad me:
“Vade, propheta ad populum meum Israel”.
15 Il Signore mi prese
di dietro al bestiame e il Signore mi disse:
Va', profetizza al mio popolo Israele.

16 Et nunc audi verbum Domini. Tu dicis: “Non prophetabis super Israel et nonstillabis verba super domum Isaac”.16 Ora ascolta la parola del Signore: Tu dici: Non profetizzare contro Israele, né predicare contro la casa di Isacco.
17 Propter hoc haec dicit Dominus: “Uxortua in civitate fornicabitur, et filii tui et filiae tuae in gladio cadent, ethumus tua funiculo metietur; et tu in terra polluta morieris, et Israel captivusmigrabit de terra sua” ”.
17 Ebbene, dice il Signore: Tua moglie si prostituirà nella città, i tuoi figli e le tue figlie cadranno di spada, la tua terra sarà spartita con la corda, tu morirai in terra immonda e Israele sarà deportato in esilio lontano dalla sua terra".