Scrutatio

Wenesday, 28 February 2024 - Beato Daniele Alessio Brottier ( Letture di oggi)

Samuelis II 22


font
VULGATABIBBIA
1 Locutus est autem David Domino verba carminis hujus in die qua liberavit eum Dominus de manu omnium inimicorum suorum, et de manu Saul.1 Davide rivolse al Signore le parole di questo canto, quando il Signore lo liberò dalla mano di tutti i suoi nemici, specialmente dalla mano di Saul.
2 Et ait : Dominus petra mea, et robur meum, et salvator meus.
2 Egli disse:

"Il Signore è la mia roccia,
la mia fortezza, il mio liberatore,
3 Deus fortis meus : sperabo in eum ;
scutum meum, et cornu salutis meæ :
elevator meus, et refugium meum ;
salvator meus : de iniquitate liberabis me.
3 il mio Dio, la mia rupe in cui mi rifugio,
il mio scudo, la mia salvezza, il mio riparo!
Sei la mia roccaforte che mi salva:
tu mi salvi dalla violenza.
4 Laudabilem invocabo Dominum,
et ab inimicis meis salvus ero.
4 Invoco il Signore, degno di ogni lode,
e sono liberato dai miei nemici.
5 Quia circumdederunt me contritiones mortis :
torrentes Belial terruerunt me.
5 Mi circondavano i flutti della morte,
mi atterrivano torrenti esiziali.
6 Funes inferni circumdederunt me :
prævenerunt me laquei mortis.
6 Mi avviluppavano le funi degli inferi;
mi stavano davanti i lacci della morte.
7 In tribulatione mea invocabo Dominum,
et ad Deum meum clamabo :
et exaudiet de templo suo vocem meam,
et clamor meus veniet ad aures ejus.
7 Nell'angoscia ho invocato il Signore,
ho gridato al mio Dio,
Egli ha ascoltato dal suo tempio la mia voce;
il mio grido è giunto ai suoi orecchi.
8 Commota est et contremuit terra ;
fundamenta montium concussa sunt, et conquassata :
quoniam iratus est eis.
8 Si scosse la terra e sobbalzò;
tremarono le fondamenta del cielo;
si scossero, perché egli si era irritato.
9 Ascendit fumus de naribus ejus,
et ignis de ore ejus vorabit :
carbones succensi sunt ab eo.
9 Fumo salì dalle sue narici;
dalla sua bocca uscì un fuoco divoratore;
carboni accesi partirono da lui.
10 Inclinavit cælos, et descendit :
et caligo sub pedibus ejus.
10 Egli piegò i cieli e discese;
una nube oscura era sotto i suoi piedi.
11 Et ascendit super cherubim, et volavit :
et lapsus est super pennas venti.
11 Cavalcò un cherubino e volò;
si librò sulle ali del vento.
12 Posuit tenebras in circuitu suo latibulum,
cribrans aquas de nubibus cælorum.
12 Si avvolse di tenebra tutto intorno;
acque scure e dense nubi erano la sua tenda.
13 Præ fulgore in conspectu ejus,
succensi sunt carbones ignis.
13 Per lo splendore che lo precedeva
arsero carboni infuocati.
14 Tonabit de cælo Dominus,
et excelsus dabit vocem suam.
14 Il Signore tuonò nei cieli,
l'Altissimo emise la sua voce.
15 Misit sagittas et dissipavit eos ;
fulgur, et consumpsit eos.
15 Scagliò frecce e li disperse;
vibrò folgori e li mise in fuga.
16 Et apparuerunt effusiones maris,
et revelata sunt fundamenta orbis
ab increpatione Domini,
ab inspiratione spiritus furoris ejus.
16 Apparvero le profondità marine;
si scoprirono le basi del mondo,
come effetto della tua minaccia, Signore,
del soffio violento della tua ira.
17 Misit de excelso, et assumpsit me,
et extraxit me de aquis multis.
17 Dall'alto stese la mano e mi prese;
mi fece uscire dalle grandi acque.
18 Liberavit me ab inimico meo potentissimo,
et ab his qui oderant me :
quoniam robustiores me erant.
18 Mi liberò dai miei robusti avversari,
dai miei nemici più forti di me.
19 Prævenit me in die afflictionis meæ,
et factus est Dominus firmamentum meum.
19 Mi affrontarono nel giorno della mia rovina,
ma il Signore fu il mio sostegno.
20 Et eduxit me in latitudinem :
liberavit me, quia complacui ei.
20 Egli mi trasse al largo;
mi liberò, perché oggetto della sua benevolenza.
21 Retribuet mihi Dominus secundum justitiam meam :
et secundum munditiam manuum mearum reddet mihi.
21 Il Signore mi ricompensò secondo la mia giustizia,
mi trattò secondo la purità delle mie mani.
22 Quia custodivi vias Domini,
et non egi impie a Deo meo.
22 Perché mi sono mantenuto nelle vie del Signore,
non sono stato empio, lontano dal mio Dio,
23 Omnia enim judicia ejus in conspectu meo,
et præcepta ejus non amovi a me.
23 perché tutti i suoi decreti mi sono dinanzi
e non ho allontanato da me le sue leggi.
24 Et ero perfectus cum eo,
et custodiam me ab iniquitate mea.
24 Sono stato irreprensibile nei suoi riguardi;
mi sono guardato dall'iniquità.
25 Et restituet mihi Dominus secundum justitiam meam,
et secundum munditiam manuum mearum in conspectu oculorum suorum.
25 Il Signore mi trattò secondo la mia giustizia,
secondo la purità delle mie mani alla sua presenza.
26 Cum sancto sanctus eris,
et cum robusto perfectus.
26 Con il pio ti mostri pio,
con il prode ti mostri integro;
27 Cum electo electus eris,
et cum perverso perverteris.
27 con il puro ti mostri puro,
con il tortuoso ti mostri astuto.
28 Et populum pauperem salvum facies :
oculisque tuis excelsos humiliabis.
28 Tu salvi la gente umile,
mentre abbassi gli occhi dei superbi.
29 Quia tu lucerna mea, Domine,
et tu, Domine, illuminabis tenebras meas.
29 Sì, tu sei la mia lucerna, Signore;
il Signore illumina la mia tenebra.
30 In te enim curram accinctus :
in Deo meo transiliam murum.
30 Sì, con te io posso affrontare una schiera,
con il mio Dio posso slanciarmi sulle mura.
31 Deus, immaculata via ejus ;
eloquium Domini igne examinatum :
scutum est omnium sperantium in se.
31 La via di Dio è perfetta;
la parola del Signore è integra;
egli è scudo per quanti si rifugiano in lui.
32 Quis est Deus præter Dominum,
et quis fortis præter Deum nostrum ?
32 C'è forse un dio come il Signore;
una rupe fuori del nostro Dio?
33 Deus qui accinxit me fortitudine,
et complanavit perfectam viam meam.
33 Dio mi cinge di forza,
rende sicura la mia via.
34 Coæquans pedes meos cervis,
et super excelsa mea statuens me ;
34 Ha reso simili i miei piedi a quelli delle cerve;
mi ha fatto stare sulle alture.
35 docens manus meas ad prælium,
et componens quasi arcum æreum brachia mea.
35 Ha addestrato la mia mano alla guerra;
ha posto un arco di bronzo nelle mie braccia.
36 Dedisti mihi clypeum salutis tuæ,
et mansuetudo tua multiplicavit me.
36 Mi hai dato lo scudo della tua salvezza,
la tua sollecitudine mi fa crescere.
37 Dilatabis gressus meos subtus me,
et non deficient tali mei.
37 Fai largo davanti ai miei passi;
le mie gambe non vacillano.
38 Persequar inimicos meos, et conteram,
et non convertar donec consumam eos.
38 Inseguo e raggiungo i miei nemici,
non desisto finché non siano distrutti.
39 Consumam eos et confringam, ut non consurgant :
cadent sub pedibus meis.
39 Li colpisco ed essi non possono resistere;
cadono sotto i miei piedi.
40 Accinxisti me fortitudine ad prælium :
incurvasti resistentes mihi subtus me.
40 Mi cingi di forza per la battaglia;
hai fatto piegare sotto di me i miei avversari.
41 Inimicos meos dedisti mihi dorsum ;
odientes me, et disperdam eos.
41 Mi mostri i nemici di spalle,
così io distruggo quelli che mi odiano.
42 Clamabunt, et non erit qui salvet ;
ad Dominum, et non exaudiet eos.
42 Gridano, ma nessuno li salva,
verso il Signore, che a loro non risponde.
43 Delebo eos ut pulverem terræ ;
quasi lutum platearum comminuam eos atque confringam.
43 Li disperdo come polvere della terra,
li calpesto come fango delle piazze.
44 Salvabis me a contradictionibus populi mei ;
custodies me in caput gentium :
populus quem ignoro serviet mihi.
44 Tu mi liberi dalle contese del popolo;
mi poni a capo di nazioni;
un popolo non conosciuto mi serve.
45 Filii alieni resistent mihi ;
auditu auris obedient mihi.
45 I figli degli stranieri mi onorano
appena sentono, mi obbediscono.
46 Filii alieni defluxerunt,
et contrahentur in angustiis suis.
46 I figli degli stranieri vengono meno,
lasciano con spavento i loro nascondigli.
47 Vivit Dominus, et benedictus Deus meus,
et exaltabitur Deus fortis salutis meæ.
47 Viva il Signore! Sia benedetta la mia rupe!
Sia esaltato il Dio della mia salvezza!
48 Deus qui das vindictas mihi,
et dejicis populos sub me.
48 Dio fa vendetta per me
e mi sottomette i popoli.
49 Qui educis me ab inimicis meis,
et a resistentibus mihi elevas me :
a viro iniquo liberabis me.
49 Tu mi liberi dai miei nemici,
mi innalzi sopra i miei avversari,
mi liberi dall'uomo violento.
50 Propterea confitebor tibi, Domine, in gentibus,
et nomini tuo cantabo :
50 Perciò ti loderò, Signore,
fra i popoli canterò inni al tuo nome.
51 magnificans salutes regis sui,
et faciens misericordiam christo suo David,
et semini ejus in sempiternum.
51 Egli concede una grande vittoria al suo re,
la grazia al suo consacrato,
a Davide e ai suoi discendenti per sempre".