Scrutatio

Saturday, 13 April 2024 - Beato Rolando Rivi ( Letture di oggi)

Proverbia 22


font
VULGATABIBBIA
1 Melius est nomen bonum quam divitiæ multæ ;
super argentum et aurum gratia bona.
1 Un buon nome val più di grandi ricchezze
e la benevolenza altrui più dell'argento e dell'oro.
2 Dives et pauper obviaverunt sibi :
utriusque operator est Dominus.
2 Il ricco e il povero si incontrano,
il Signore ha creato l'uno e l'altro.
3 Callidus vidit malum, et abscondit se ;
innocens pertransiit, et afflictus est damno.
3 L'accorto vede il pericolo e si nasconde,
gli inesperti vanno avanti e la pagano.
4 Finis modestiæ timor Domini,
divitiæ, et gloria, et vita.
4 Frutti dell'umiltà sono il timore di Dio,
la ricchezza, l'onore e la vita.
5 Arma et gladii in via perversi ;
custos autem animæ suæ longe recedit ab eis.
5 Spine e tranelli sono sulla via del perverso;
chi ha cura di se stesso sta lontano.
6 Proverbium est : adolescens juxta viam suam ;
etiam cum senuerit, non recedet ab ea.
6 Abitua il giovane secondo la via da seguire;
neppure da vecchio se ne allontanerà.
7 Dives pauperibus imperat,
et qui accipit mutuum servus est fœnerantis.
7 Il ricco domina sul povero
e chi riceve prestiti è schiavo del suo creditore.
8 Qui seminat iniquitatem metet mala,
et virga iræ suæ consummabitur.
8 Chi semina l'ingiustizia raccoglie la miseria
e il bastone a servizio della sua collera svanirà.
9 Qui pronus est ad misericordiam benedicetur :
de panibus enim suis dedit pauperi.
Victoriam et honorem acquiret qui dat munera ;
animam autem aufert accipientium.
9 Chi ha l'occhio generoso sarà benedetto,
perché egli dona del suo pane al povero.
10 Ejice derisorem, et exibit cum eo jurgium,
cessabuntque causæ et contumeliæ.
10 Scaccia il beffardo e la discordia se ne andrà
e cesseranno i litigi e gli insulti.
11 Qui diligit cordis munditiam,
propter gratiam labiorum suorum habebit amicum regem.
11 Il Signore ama chi è puro di cuore
e chi ha la grazia sulle labbra è amico del re.
12 Oculi Domini custodiunt scientiam,
et supplantantur verba iniqui.
12 Gli occhi del Signore proteggono la scienza
ed egli confonde le parole del perfido.
13 Dicit piger : Leo est foris ;
in medio platearum occidendus sum.
13 Il pigro dice: "C'è un leone là fuori:
sarei ucciso in mezzo alla strada".
14 Fovea profunda os alienæ :
cui iratus est Dominus, incidet in eam.
14 La bocca delle straniere è una fossa profonda,
chi è in ira al Signore vi cade.
15 Stultitia colligata est in corde pueri,
et virga disciplinæ fugabit eam.
15 La stoltezza è legata al cuore del fanciullo,
ma il bastone della correzione l'allontanerà da lui.
16 Qui calumniatur pauperem ut augeat divitias suas,
dabit ipse ditiori, et egebit.
16 Opprimere il povero non fa che arricchirlo,
dare a un ricco non fa che impoverirlo.

17 Inclina aurem tuam, et audi verba sapientium :
appone autem cor ad doctrinam meam,
17 Porgi l'orecchio e ascolta le parole dei sapienti
e applica la tua mente alla mia istruzione,
18 quæ pulchra erit tibi cum servaveris eam in ventre tuo,
et redundabit in labiis tuis :
18 perché ti sarà piacevole custodirle nel tuo intimo
e averle tutte insieme pronte sulle labbra.
19 ut sit in Domino fiducia tua,
unde et ostendi eam tibi hodie.
19 Perché la tua fiducia sia riposta nel Signore,
voglio indicarti oggi la tua strada.
20 Ecce descripsi eam tibi tripliciter,
in cogitationibus et scientia :
20 Non ti ho scritto forse trenta
tra consigli e istruzioni,
21 ut ostenderem tibi firmitatem et eloquia veritatis,
respondere ex his illis qui miserunt te.
21 perché tu sappia esprimere una parola giusta
e rispondere con parole sicure a chi ti interroga?
22 Non facias violentiam pauperi quia pauper est,
neque conteras egenum in porta :
22 Non depredare il povero, perché egli è povero,
e non affliggere il misero in tribunale,
23 quia judicabit Dominus causam ejus,
et configet eos qui confixerunt animam ejus.
23 perché il Signore difenderà la loro causa
e spoglierà della vita coloro che li hanno spogliati.
24 Noli esse amicus homini iracundo,
neque ambules cum viro furioso :
24 Non ti associare a un collerico
e non praticare un uomo iracondo,
25 ne forte discas semitas ejus,
et sumas scandalum animæ tuæ.
25 per non imparare i suoi costumi
e procurarti una trappola per la tua vita.
26 Noli esse cum his qui defigunt manus suas,
et qui vades se offerunt pro debitis :
26 Non essere di quelli che si fanno garanti
o che s'impegnano per debiti altrui,
27 si enim non habes unde restituas,
quid causæ est ut tollat operimentum de cubili tuo ?
27 perché, se poi non avrai da pagare,
ti si toglierà il letto di sotto a te.
28 Ne transgrediaris terminos antiquos,
quos posuerunt patres tui.
28 Non spostare il confine antico,
posto dai tuoi padri.
29 Vidisti virum velocem in opere suo ?
coram regibus stabit, nec erit ante ignobiles.
29 Hai visto un uomo sollecito nel lavoro?
Egli si sistemerà al servizio del re,
non resterà al servizio di persone oscure.