1In quel tempo vennero a Gesù da Gerusalemme alcuni farisei e alcuni scribi e gli dissero: 2"Perché i tuoi discepoli trasgrediscono la tradizione degli antichi? Poiché non si lavano le mani quando prendono cibo!". 3Ed egli rispose loro: "Perché voi trasgredite il comandamento di Dio in nome della vostra tradizione? 4Dio ha detto:

'Onora il padre e la madre'

e inoltre:

'Chi maledice il padre e la madre sia messo a morte.'

5Invece voi asserite: Chiunque dice al padre o alla madre: Ciò con cui ti dovrei aiutare è offerto a Dio, 6non è più tenuto a onorare suo padre o sua madre. Così avete annullato la parola di Dio in nome della vostra tradizione. 7Ipocriti! Bene ha profetato di voi Isaia, dicendo:

8'Questo popolo mi onora con le labbra
ma il suo cuore è lontano da me.'
9'Invano essi mi rendono culto,
insegnando dottrine che sono precetti di uomini'".

10Poi riunita la folla disse: "Ascoltate e intendete! 11Non quello che entra nella bocca rende impuro l'uomo, ma quello che esce dalla bocca rende impuro l'uomo!".
12Allora i discepoli gli si accostarono per dirgli: "Sai che i farisei si sono scandalizzati nel sentire queste parole?". 13Ed egli rispose: "Ogni pianta che non è stata piantata dal mio Padre celeste sarà sradicata. 14Lasciateli! Sono ciechi e guide di ciechi. E quando un cieco guida un altro cieco, tutti e due cadranno in un fosso!". 15Pietro allora gli disse: "Spiegaci questa parabola". 16Ed egli rispose: "Anche voi siete ancora senza intelletto? 17Non capite che tutto ciò che entra nella bocca, passa nel ventre e va a finire nella fogna? 18Invece ciò che esce dalla bocca proviene dal cuore. Questo rende immondo l'uomo. 19Dal cuore, infatti, provengono i propositi malvagi, gli omicidi, gli adultéri, le prostituzioni, i furti, le false testimonianze, le bestemmie. 20Queste sono le cose che rendono immondo l'uomo, ma il mangiare senza lavarsi le mani non rende immondo l'uomo".

21Partito di là, Gesù si diresse verso le parti di Tiro e Sidone. 22Ed ecco una donna Cananèa, che veniva da quelle regioni, si mise a gridare: "Pietà di me, Signore, figlio di Davide. Mia figlia è crudelmente tormentata da un demonio". 23Ma egli non le rivolse neppure una parola.
Allora i discepoli gli si accostarono implorando: "Esaudiscila, vedi come ci grida dietro". 24Ma egli rispose: "Non sono stato inviato che alle pecore perdute della casa di Israele". 25Ma quella venne e si prostrò dinanzi a lui dicendo: "Signore, aiutami!". 26Ed egli rispose: "Non è bene prendere il pane dei figli per gettarlo ai cagnolini". 27"È vero, Signore, disse la donna, ma anche i cagnolini si cibano delle briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni". 28Allora Gesù le replicò: "Donna, davvero grande è la tua fede! Ti sia fatto come desideri". E da quell'istante sua figlia fu guarita.

29Allontanatosi di là, Gesù giunse presso il mare di Galilea e, salito sul monte, si fermò là. 30Attorno a lui si radunò molta folla recando con sé zoppi, storpi, ciechi, sordi e molti altri malati; li deposero ai suoi piedi, ed egli li guarì. 31E la folla era piena di stupore nel vedere i muti che parlavano, gli storpi raddrizzati, gli zoppi che camminavano e i ciechi che vedevano. E glorificava il Dio di Israele.

32Allora Gesù chiamò a sé i discepoli e disse: "Sento compassione di questa folla: ormai da tre giorni mi vengono dietro e non hanno da mangiare. Non voglio rimandarli digiuni, perché non svengano lungo la strada". 33E i discepoli gli dissero: "Dove potremo noi trovare in un deserto tanti pani da sfamare una folla così grande?". 34Ma Gesù domandò: "Quanti pani avete?". Risposero: "Sette, e pochi pesciolini". 35Dopo aver ordinato alla folla di sedersi per terra, 36Gesù prese i sette pani e i pesci, rese grazie, li spezzò, li dava ai discepoli, e i discepoli li distribuivano alla folla. 37Tutti mangiarono e furono saziati. Dei pezzi avanzati portarono via sette sporte piene. 38Quelli che avevano mangiato erano quattromila uomini, senza contare le donne e i bambini. 39Congedata la folla, Gesù salì sulla barca e andò nella regione di Magadàn.


Note:

Mt 15,2:La tradizione orale che, sotto il pretesto di far osservare la legge scritta, la rendeva più pesante. I rabbini la facevano risalire, attraverso gli «anziani», a Mosè. - prendono cibo o «mangiano pane», traduzione letterale.

Mt 15,4:Onora (traduzione letterale), ma mediante buone azioni e servizi reali.

Mt 15,5:Ciò con cui ti dovrei aiutare è offerto a Dio: alla lettera «ciò che da parte mia potrebbe esserti utile è dono»; la volg. ha tradotto: munus quodcumque est ex me, tibi proderit.

Mt 15,6:non è tenuto a onorare... sua madre: perché i beni cos¡ consacrati (korban) hanno rivestito un carattere «sacro», che vieta ormai ai genitori di pretendere qualcosa. Questo voto, che restava d'altronde fittizio e non comportava nessuna donazione vera, era un mezzo odioso di affrancarsi da un preciso dovere. I rabbini, pur riconoscendo il suo carattere immorale, consideravano tale voto valido.

Mt 15,10-20:A proposito dell'impurità delle mani, obiettata dai farisei (v 2), Gesù prende in considerazione la questione più generale dell'impurità attribuita dalla legge a certi alimenti (Lv 11) e insegna a posporre l'impurità legale a quella morale, la sola che importa veramente (cf. At 10,9-16; At 10,28; Rm 14,14s).

Mt 15,23:Esaudiscila: alla lettera «lasciala andare» (volg. dimitte eam); BJ traduce «falle grazia»; i discepoli domandano al Maestro di liberarsene esaudendola. Lo stesso termine greco, apolyson in Mt 18,27; Mt 27,15 .

Mt 15,26:Gesù deve dedicarsi alla salvezza dei giudei, «figli» di Dio e delle promesse, prima di occuparsi dei pagani che agli occhi dei giudei erano considerati «cani». Il carattere tradizionale di quest'immagine e la forma diminutiva (kynaria) attenuano sulla bocca di Gesù ciò che l'epiteto aveva di spregiativo

Mt 15,31:gli storpi raddrizzati: omettono S e altri.

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
Acquista la Bibbia per la Scrutatio dalla Libreria del Santo
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online