1Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi la carità, sono come un bronzo che risuona o un cembalo che tintinna.
2E se avessi il dono della profezia e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza, e possedessi la pienezza della fede così da trasportare le montagne, ma non avessi la carità, non sono nulla.
3E se anche distribuissi tutte le mie sostanze e dessi il mio corpo per esser bruciato, ma non avessi la carità, niente mi giova.
4La carità è paziente, è benigna la carità; non è invidiosa la carità, non si vanta, non si gonfia, 5non manca di rispetto, non cerca il suo interesse, non si adira, non tiene conto del male ricevuto, 6non gode dell'ingiustizia, ma si compiace della verità. 7Tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta. 8La carità non avrà mai fine. Le profezie scompariranno; il dono delle lingue cesserà e la scienza svanirà. 9La nostra conoscenza è imperfetta e imperfetta la nostra profezia. 10Ma quando verrà ciò che è perfetto, quello che è imperfetto scomparirà. 11Quand'ero bambino, parlavo da bambino, pensavo da bambino, ragionavo da bambino. Ma, divenuto uomo, ciò che era da bambino l'ho abbandonato. 12Ora vediamo come in uno specchio, in maniera confusa; ma allora vedremo a faccia a faccia. Ora conosco in modo imperfetto, ma allora conoscerò perfettamente, come anch'io sono conosciuto.
13Queste dunque le tre cose che rimangono: la fede, la speranza e la carità; ma di tutte più grande è la carità!


Note:

1Cor 13,1:A differenza dell'amore passionale ed egoista, la carità (agape) è un amore di dilezione che vuole il bene altrui. La sua sorgente è in Dio che ama per primo (1Gv 4,19) e ha dato il suo Figlio per riconciliarsi i peccatori (Rm 5,8; Rm 8,32-39; 2Cor 5,18-21; Ef 2,4-7 ; cf. Gv 3,16s; 1Gv 4,9-10) e farne degli eletti (Ef 1,4) e dei figli (1Gv 3,1). Attribuito dapprima a Dio, cioè al Padre (Rm 5,5; Rm 8,39; 2Cor 13,11; 2Cor 13,13; Fil 2,1; 2Ts 2,16 ; cf. 1Gv 2,15), questo amore, che è la natura stessa di Dio (1Gv 4,7s; 1Gv 4,16), si trova allo stesso titolo nel Figlio (Rm 8,35; Rm 8,37; Rm 8,39; 2Cor 5,14; Ef 3,19; 1Tm 1,14; 2Tm 1,13) che ama il Padre come ne è amato (Ef 1,6; Col 1,13 ; cf. Gv 3,35; Gv 10,17; Gv 14,31); come lui, anche il figlio ama gli uomini (Gv 13,1; Gv 13,34; Gv 14,21; Gv 15,9) per i quali si è dato (2Cor 5,14s; Gal 2,20; Ef 5,2; Ef 5,25; 1Tm 1,14s ; cf. Gv 15,13; 1Gv 3,16; Ap 1,5). E' anche l'amore dello Spirito santo (Rm 15,30; Col 1,8); egli poi lo espande nel cuore dei cristiani (Rm 5,5+ ; cf. Gal 5,22), dando loro di compiere (cf. Rm 8,4) il precetto essenziale della legge, cioè l'amore di Dio e del prossimo (Mt 22,37-40p; Rm 13,8-10; Gal 5,14). Difatti l'amore dei fratelli e anche dei nemici (Mt 5,43-48p) è la conseguenza necessaria e la vera prova dell'amore di Dio (1Gv 3,17; 1Gv 4,20s); è il comandamento nuovo, che ha dato Gesù (Gv 13,34s; Gv 15,12; Gv 15,17; 1Gv 3,23 ; ecc.) e che i suoi discepoli non cessano di inculcare (Rm 13,8; Gal 5,13s; Ef 1,15; Fil 2,2s , Col 1,4; 1Ts 3,12; 2Ts 1,3; Fm 1,5; Fm 1,7 ; cf. Gc 2,8; 1Pt 1,22; 1Pt 2,17; 1Pt 4,8; 1Gv 2,10; 1Gv 3,10s; 1Gv 3,14 ecc.). E' così che Paolo ama i suoi (2Cor 2,4; 2Cor 12,15 ; ecc.) e che ne è amato (Col 1,8; 1Ts 3,6 ; ecc.). Questa carità a base di sincerità e umiltà, di dimenticanza e dono di sé (Rm 12,9s; 1Cor 13,4-7; 2Cor 6,6; Fil 2,2s), di servizio (Gal 5,13 ; cf. Eb 6,10) e di mutuo sostegno (Ef 4,2 ; cf. Rm 14.15; 2Cor 2,7s), deve provarsi con atti (2Cor 8,8-11; 2Cor 8,24 ; cf. 1Gv 3,18) e custodire i comandamenti del Signore (Gv 14,15; 1Gv 5,2s ; ecc.), rendendo la fede efficace (Gal 5,6 ; cf. Eb 10,24). E' il vincolo della perfezione (Col 3,14 ; cf. 2Pt 1,7) e «copre i peccati» (1Pt 4,8 ; cf. Lc 7,47). Appoggiandosi sull'amore di Dio, non teme nulla (Rm 8,28-39 ; cf. 1Gv 4,17s). Esercitandosi nella verità (Ef 4,15 ; cf. 2Ts 2,10), dà il vero senso morale (Fil 1,9s) e apre l'uomo a una conoscenza spirituale del mistero divino (Col 2,2 ; cf. 1Gv 4,7) e dell'amore del Cristo che sorpassa ogni conoscenza (Ef 3,17-19 ; cf. 1Cor 8,1-3; 1Cor 13,8-12). Facendo abitare nell'anima il Cristo (Ef 3,17) e tutta la Trinità (2Cor 13,13+ ; cf. Gv 14,15-23; 1Gv 4,12), l'agape nutre la vita delle virtù teologali (cf. Rm 1,16+; Rm 5,2+), di cui è la regina (1Cor 13,13), perché solo essa non passerà (1Cor 13,8) ma sfocerà nella visione (1Cor 13,12 ; cf. 1Gv 3,2), quando Dio accorderà ai suoi eletti i beni che ha promessi a quelli che lo amano (1Cor 2,9; Rm 8,28; Ef 6,24; 2Tm 4,8 ; cf. Gc 1,12; Gc 2,5).

1Cor 13,3:dessi: var. preferita da alcuni: «dessi il mio corpo per trarne gloria».

1Cor 13,4:La carità è paziente: nei vv 4-7 la carità è definita da una serie di quindici verbi. E' caratterizzata non in modo astratto, ma con l'azione che suscita.

1Cor 13,8:La carità non avrà mai fine: mentre la nostra conoscenza di Dio, imperfetta (v 11) e indiretta (v 12) sparirà per far posto alla visione faccia a faccia, la carità sarà, negli eletti, la stessa che ebbero sulla terra.

1Cor 13,13:tre cose: il gruppo delle tre virtù teologali, che appare in Paolo già da 1Ts 1,3 e gli è forse anteriore, ritorna spesso nelle sue lettere, con diverse variazioni nell'ordine (1Ts 5,8; 1Cor 13,7; 1Cor 13,13; Gal 5,5s; Rm 5,1-5; Rm 12,6-12; Col 1,4-5; Ef 1,15-18; Ef 4,2-5; 1Tm 6,11; Tt 2,2 . Cf. Eb 6,10-12; Eb 10,22-24; 1Pt 1,3-9; 1Pt 1,21s). In più si trovano insieme fede e amore (1Ts 3,6; 2Ts 1,3 , Fm 1,5), costanza e fede (2Ts 1,4), carità e costanza (2Ts 3,5 . Cf. 2Cor 13,13).

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
Acquista la Bibbia per la Scrutatio dalla Libreria del Santo
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online