1Sei giorni prima della Pasqua, Gesù andò a Betània, dove si trovava Lazzaro, che egli aveva risuscitato dai morti. 2E qui gli fecero una cena: Marta serviva e Lazzaro era uno dei commensali. 3Maria allora, presa una libbra di olio profumato di vero nardo, assai prezioso, cosparse i piedi di Gesù e li asciugò con i suoi capelli, e tutta la casa si riempì del profumo dell'unguento. 4Allora Giuda Iscariota, uno dei suoi discepoli, che doveva poi tradirlo, disse: 5"Perché quest'olio profumato non si è venduto per trecento denari per poi darli ai poveri?". 6Questo egli disse non perché gl'importasse dei poveri, ma perché era ladro e, siccome teneva la cassa, prendeva quello che vi mettevano dentro. 7Gesù allora disse: "Lasciala fare, perché lo conservi per il giorno della mia sepoltura. 8I poveri infatti li avete sempre con voi, ma non sempre avete me".
9Intanto la gran folla di Giudei venne a sapere che Gesù si trovava là, e accorse non solo per Gesù, ma anche per vedere Lazzaro che egli aveva risuscitato dai morti. 10I sommi sacerdoti allora deliberarono di uccidere anche Lazzaro, 11perché molti Giudei se ne andavano a causa di lui e credevano in Gesù.

12Il giorno seguente, la gran folla che era venuta per la festa, udito che Gesù veniva a Gerusalemme, 13prese dei rami di palme e uscì incontro a lui gridando:

'Osanna!
Benedetto colui che viene nel nome del Signore,'
il re d'Israele!

14Gesù, trovato un asinello, vi montò sopra, come sta scritto:

15'Non temere, figlia di Sion!
Ecco, il tuo re viene,
seduto sopra un puledro d'asina.'

16Sul momento i suoi discepoli non compresero queste cose; ma quando Gesù fu glorificato, si ricordarono che questo era stato scritto di lui e questo gli avevano fatto. 17Intanto la gente che era stata con lui quando chiamò Lazzaro fuori dal sepolcro e lo risuscitò dai morti, gli rendeva testimonianza. 18Anche per questo la folla gli andò incontro, perché aveva udito che aveva compiuto quel segno. 19I farisei allora dissero tra di loro: "Vedete che non concludete nulla? Ecco che il mondo gli è andato dietro!".

20Tra quelli che erano saliti per il culto durante la festa, c'erano anche alcuni Greci. 21Questi si avvicinarono a Filippo, che era di Betsàida di Galilea, e gli chiesero: "Signore, vogliamo vedere Gesù". 22Filippo andò a dirlo ad Andrea, e poi Andrea e Filippo andarono a dirlo a Gesù. 23Gesù rispose: "È giunta l'ora che sia glorificato il Figlio dell'uomo. 24In verità, in verità vi dico: se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. 25Chi ama la sua vita la perde e chi odia la sua vita in questo mondo la conserverà per la vita eterna. 26Se uno mi vuol servire mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servo. Se uno mi serve, il Padre lo onorerà. 27Ora l'anima mia è turbata; e che devo dire? Padre, salvami da quest'ora? Ma per questo sono giunto a quest'ora! 28Padre, glorifica il tuo nome". Venne allora una voce dal cielo: "L'ho glorificato e di nuovo lo glorificherò!".
29La folla che era presente e aveva udito diceva che era stato un tuono. Altri dicevano: "Un angelo gli ha parlato". 30Rispose Gesù: "Questa voce non è venuta per me, ma per voi. 31Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori. 32Io, quando sarò elevato da terra, attirerò tutti a me". 33Questo diceva per indicare di qual morte doveva morire. 34Allora la folla gli rispose: "Noi abbiamo appreso dalla Legge che il Cristo rimane in eterno; come dunque tu dici che il Figlio dell'uomo deve essere elevato? Chi è questo Figlio dell'uomo?". 35Gesù allora disse loro: "Ancora per poco tempo la luce è con voi. Camminate mentre avete la luce, perché non vi sorprendano le tenebre; chi cammina nelle tenebre non sa dove va. 36Mentre avete la luce credete nella luce, per diventare figli della luce".
Gesù disse queste cose, poi se ne andò e si nascose da loro.

37Sebbene avesse compiuto tanti segni davanti a loro, non credevano in lui; 38perché si adempisse la parola detta dal profeta Isaia:

'Signore, chi ha creduto alla nostra parola?
E il braccio del Signore a chi è stato rivelato?'

39E non potevano credere, per il fatto che Isaia aveva detto ancora:

40'Ha reso ciechi i loro occhi
e ha indurito il loro cuore,
perché non vedano con gli occhi
e non comprendano con il cuore, e si convertano
e io li guarisca!'

41Questo disse Isaia quando vide la sua gloria e parlò di lui. 42Tuttavia, anche tra i capi, molti credettero in lui, ma non lo riconoscevano apertamente a causa dei farisei, per non essere espulsi dalla sinagoga; 43amavano infatti la gloria degli uomini più della gloria di Dio.
44Gesù allora gridò a gran voce: "Chi crede in me, non crede in me, ma in colui che mi ha mandato; 45chi vede me, vede colui che mi ha mandato. 46Io come luce sono venuto nel mondo, perché chiunque crede in me non rimanga nelle tenebre. 47Se qualcuno ascolta le mie parole e non le osserva, io non lo condanno; perché non sono venuto per condannare il mondo, ma per salvare il mondo. 48Chi mi respinge e non accoglie le mie parole, ha chi lo condanna: la parola che ho annunziato lo condannerà nell'ultimo giorno. 49Perché io non ho parlato da me, ma il Padre che mi ha mandato, egli stesso mi ha ordinato che cosa devo dire e annunziare. 50E io so che il suo comandamento è vita eterna. Le cose dunque che io dico, le dico come il Padre le ha dette a me".


Note:

Gv 12,1:Sei giorni prima della pasqua: ultima settimana della vita pubblica di Gesù, seguita con tanta cura (Gv 12,12; Gv 13,1; Gv 18,28; Gv 19,31) come la prima (Gv 2,1+). L'una e l'altra si concludono con la manifestazione della gloria di Gesù. Ma non si è più come a Cana al tempo dei «segni» (Gv 2,4; Gv 2,11); «è giunta l'ora che sia glorificato il figlio dell'uomo» (Gv 12,23; Gv 13,31s; Gv 17,1; Gv 17,5).

Gv 12,7:Gesù vede nel gesto di Maria un omaggio anticipato reso alla sua salma. A questo gesto simbolico corrisponderà (Gv 19,38s) la sepoltura effettiva di Gesù.

Gv 12,13:il re d'Israele: il re messianico.

Gv 12,20:Non giudei, guadagnati al monoteismo di Israele e in una certa misura alle osservanze mosaiche: i «timorati di Dio» di At 10,2+ .

Gv 12,26:dove sono io: nella gloria del Padre (cf. Gv 14,3; Gv 17,24).

Gv 12,27:Ora l'anima mia è turbata: scena che per molti aspetti evoca il Getsemani: angoscia davanti all'« ora» che si avvicina, appello alla pietà del Padre, accettazione del sacrificio, conforto venuto dal cielo (cf. Lc). Notare tuttavia le differenze: Cristo rimane in piedi, il suo appello alla pietà resta allo stato di combattimento interiore (Gv); «si inginocchiò» (Lc); «cadde a terra bocconi» (Mt, Mc). Cf. Gv 18,4-6; Gv 10,18+ .

Gv 12,28:il tuo nome: con volg. e la maggior parte dei testimoni; altri hanno: «tuo Figlio». «Il tuo nome» designa la persona stessa del Padre. Gesù si offre alla morte per compiere l'opera che glorificherà il Padre manifestando il suo amore per il mondo (Gv 17,6+).

Gv 12,30:L'evento è come un sigillo divino messo anticipatamente sulla morte di Gesù.

Gv 12,31:sarà gettato fuori: con la maggior parte dei mss; altre testimonianze hanno: «sarà gettato giù». - Satana (cf. Gv 8,12+; Gv 14,30; Gv 16,11; 2Cor 4,4; Ef 2,2; Ef 6,12) dominava il mondo (1Gv 5,19); la morte di Gesù libera gli uomini dalla sua tirannia (cf. Gv 3,35+; Mt 4,1+; Mt 8,29+; Lc 8,31+; Rm 8,3; Col 1,12-13).

Gv 12,32:quando sarò elevato da terra: lezione corrente: qualche testimone omette «da terra». Allusione all'elevazione del Cristo sulla croce (v 33), contemporaneamente alla sua «elevazione» al cielo (Gv 3,13; Gv 3,14+; Gv 8,28 ; cf. Gv 6,62) il giorno della resurrezione (Gv 20,17+), poiché i due avvenimenti sono due aspetti dello stesso mistero (Gv 13,1+). Esaltato alla destra del Padre, nella gloria (Gv 12,23; Gv 17,5+), il Cristo manderà lo Spirito (Gv 7,39) e attraverso di lui estenderà il dominio sul mondo (Gv 16,14 ; cf. Gv 3,35+). - tutti: D e altri leggono: «tutto». Si registrano anche le varianti: «tutti gli uomini», «ogni uomo». -Elevato sulla croce, Gesù apparirà agli occhi di tutti come il salvatore del mondo (cf. Gv 19,37). E' la risposta ai greci pii che cercavano di «vederlo» (cf. Gv 6,40+).

Gv 12,35:Camminate mentre avete la luce: Gesù esorta i giudei a credere in lui prima che sia troppo tardi (cf. Gv 7,34+).

Gv 12,41:quando vide la sua gloria: con D, vet. lat. e altri; BJ, con B,S e altri, legge: «perché vide la sua gloria». Allusione alla visione di Isaia nel tempio (Is 6,1-4+), interpretata come una visione profetica della gloria del Cristo (cf. Gv 8,56+).

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
Acquista la Bibbia per la Scrutatio dalla Libreria del Santo
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online