1C'era in Cesarèa un uomo di nome Cornelio, centurione della coorte Italica,
2uomo pio e timorato di Dio con tutta la sua famiglia; faceva molte elemosine al popolo e pregava sempre Dio.
3Un giorno verso le tre del pomeriggio vide chiaramente in visione un angelo di Dio venirgli incontro e chiamarlo: "Cornelio!".
4Egli lo guardò e preso da timore disse: "Che c'è, Signore?". Gli rispose: "Le tue preghiere e le tue elemosine sono salite, in tua memoria, innanzi a Dio.
5E ora manda degli uomini a Giaffa e fa' venire un certo Simone detto anche Pietro.
6Egli è ospite presso un tal Simone conciatore, la cui casa è sulla riva del mare".
7Quando l'angelo che gli parlava se ne fu andato, Cornelio chiamò due dei suoi servitori e un pio soldato fra i suoi attendenti e,
8spiegata loro ogni cosa, li mandò a Giaffa.
9Il giorno dopo, mentre essi erano per via e si avvicinavano alla città, Pietro salì verso mezzogiorno sulla terrazza a pregare.
10Gli venne fame e voleva prendere cibo. Ma mentre glielo preparavano, fu rapito in estasi.
11Vide il cielo aperto e un oggetto che discendeva come una tovaglia grande, calata a terra per i quattro capi.
12In essa c'era ogni sorta di quadrupedi e rettili della terra e uccelli del cielo.
13Allora risuonò una voce che gli diceva: "Alzati, Pietro, uccidi e mangia!".
14Ma Pietro rispose: "No davvero, Signore, poiché io non ho mai mangiato nulla di profano e di immondo".
15E la voce di nuovo a lui: "Ciò che Dio ha purificato, tu non chiamarlo più profano".
16Questo accadde per tre volte; poi d'un tratto quell'oggetto fu risollevato al cielo.
17Mentre Pietro si domandava perplesso tra sé e sé che cosa significasse ciò che aveva visto, gli uomini inviati da Cornelio, dopo aver domandato della casa di Simone, si fermarono all'ingresso.
18Chiamarono e chiesero se Simone, detto anche Pietro, alloggiava colà.
19Pietro stava ancora ripensando alla visione, quando lo Spirito gli disse: "Ecco, tre uomini ti cercano;
20alzati, scendi e va' con loro senza esitazione, perché io li ho mandati".
21Pietro scese incontro agli uomini e disse: "Eccomi, sono io quello che cercate. Qual è il motivo per cui siete venuti?".
22Risposero: "Il centurione Cornelio, uomo giusto e timorato di Dio, stimato da tutto il popolo dei Giudei, è stato avvertito da un angelo santo di invitarti nella sua casa, per ascoltare ciò che hai da dirgli".
23Pietro allora li fece entrare e li ospitò.Il giorno seguente si mise in viaggio con loro e alcuni fratelli di Giaffa lo accompagnarono.
24Il giorno dopo arrivò a Cesarèa. Cornelio stava ad aspettarli ed aveva invitato i congiunti e gli amici intimi.
25Mentre Pietro stava per entrare, Cornelio andandogli incontro si gettò ai suoi piedi per adorarlo.
26Ma Pietro lo rialzò, dicendo: "Alzati: anch'io sono un uomo!".
27Poi, continuando a conversare con lui, entrò e trovate riunite molte persone disse loro:
28"Voi sapete che non è lecito per un Giudeo unirsi o incontrarsi con persone di altra razza; ma Dio mi ha mostrato che non si deve dire profano o immondo nessun uomo.
29Per questo sono venuto senza esitare quando mi avete mandato a chiamare. Vorrei dunque chiedere: per quale ragione mi avete fatto venire?".
30Cornelio allora rispose: "Quattro giorni or sono, verso quest'ora, stavo recitando la preghiera delle tre del pomeriggio nella mia casa, quando mi si presentò un uomo in splendida veste
31e mi disse: Cornelio, sono state esaudite le tue preghiere e ricordate le tue elemosine davanti a Dio.
32Manda dunque a Giaffa e fa' venire Simone chiamato anche Pietro; egli è ospite nella casa di Simone il conciatore, vicino al mare.
33Subito ho mandato a cercarti e tu hai fatto bene a venire. Ora dunque tutti noi, al cospetto di Dio, siamo qui riuniti per ascoltare tutto ciò che dal Signore ti è stato ordinato".
34Pietro prese la parola e disse: "In verità sto rendendomi conto che 'Dio non fa preferenze di persone',
35ma chi lo teme e pratica la giustizia, a qualunque popolo appartenga, è a lui accetto.
36Questa è 'la parola che egli ha inviato' ai figli d'Israele, 'recando la buona novella' della pace, per mezzo di Gesù Cristo, che è il Signore di tutti.
37Voi conoscete ciò che è accaduto in tutta la Giudea, incominciando dalla Galilea, dopo il battesimo predicato da Giovanni;
38cioè come 'Dio consacrò in Spirito Santo' e potenza Gesù di Nàzaret, il quale passò beneficando e risanando tutti coloro che stavano sotto il potere del diavolo, perché Dio era con lui.
39E noi siamo testimoni di tutte le cose da lui compiute nella regione dei Giudei e in Gerusalemme. Essi lo uccisero appendendolo a una croce,
40ma Dio lo ha risuscitato al terzo giorno e volle che apparisse,
41non a tutto il popolo, ma a testimoni prescelti da Dio, a noi, che abbiamo mangiato e bevuto con lui dopo la sua risurrezione dai morti.
42E ci ha ordinato di annunziare al popolo e di attestare che egli è il giudice dei vivi e dei morti costituito da Dio.
43Tutti i profeti gli rendono questa testimonianza: chiunque crede in lui ottiene la remissione dei peccati per mezzo del suo nome".
44Pietro stava ancora dicendo queste cose, quando lo Spirito Santo scese sopra tutti coloro che ascoltavano il discorso.
45E i fedeli circoncisi, che erano venuti con Pietro, si meravigliavano che anche sopra i pagani si effondesse il dono dello Spirito Santo;
46li sentivano infatti parlare lingue e glorificare Dio.
47Allora Pietro disse: "Forse che si può proibire che siano battezzati con l'acqua questi che hanno ricevuto lo Spirito Santo al pari di noi?".
48E ordinò che fossero battezzati nel nome di Gesù Cristo. Dopo tutto questo lo pregarono di fermarsi alcuni giorni.


Note:

At 10:La conversione (cf. At 3,19+) di Cornelio non costituisce per Luca un semplice caso individuale. Il suo valore universale risulta sia dal racconto stesso, cioè dalla sua insistenza sulle visioni di Pietro e di Cornelio, e specialmente dal legame stabilito dall'autore fra questo avvenimento e le decisioni del «concilio» di Gerusalemme (cf. At 15,7-11; At 15,14). Sembra emergano due distinti insegnamenti: 1. Dio stesso ha indicato che i pagani dovevano essere ammessi nella chiesa, senza venir sottoposti alle prescrizioni della legge mosaica (cf. At 10,34-35; At 10,44-48(a); At 11,1; At 11,15-18; At 15,7-11; At 15,14; Gal 2,1-10); Gal 2 . Dio stesso ha indicato a Pietro che doveva accettare l'ospitalità di un non circonciso. Si coglie qui il problema dei rapporti fra i cristiani di estrazione giudaica e i cristiani di estrazione pagana (cf. At 10,10-16; At 10,28-29; At 11,2-14 ; e Gal 2,11-21).

At 10,2:uomo pio e timorato di Dio: le espressioni «timorato di Dio» (At 10,2; At 10,22; At 10,35; At 13,16; At 13,26) e «credente in Dio» (At 13,43; At 13,50; At 16,14; At 17,4; At 17,17; At 18,7) sono tecniche: indicano quanti simpatizzano per il giudaismo, senza però arrivare all'integrazione con il popolo giudaico attraverso la circoncisione (cf. At 2,11+).

At 10,4:sono salite, in tua memoria: traduzione quasi letterale; BJ traduce: «sono salite davanti a Dio e lui si è ricordato di te». L'espressione richiama il sacrificio «memoriale» (cf. Lv 2,2; Lv 2,9; Lv 2,16), al quale Tb 12,12 equipara la preghiera.

At 10,11:calata a terra per i quattro capi: con i mss della tradizione alessandrina. BJ con il testo occ. traduce: «Vide il cielo aperto e un oggetto, simile a una grande tovaglia legata ai quattro capi, discendere verso terra».

At 10,15:Pietro è invitato a liberarsi dagli scrupoli circa la purità legale (At 11,9 ; cf. Mt 15,1-20p; Rm 14,14; Rm 14,17). L'applicazione si fa in At 15,9 : per mezzo della fede Dio ha purificato il cuore dei pagani, anche se il loro corpo, non circonciso, resta ritualmente impuro. Conseguenza pratica: Pietro non deve più temere di convivere con i non circoncisi (At 10,27-28).

At 10,19:lo Spirito gli disse: la parte assegnata allo Spirito è parallela a quella dell'angelo del Signore (cf. At 8,26; At 8,29). - tre uomini: cf. At 11,11 . BJ preferisce la variante: «uomini».

At 10,30:Quattro giorni or sono: con volg.; BJ, con D, legge: «tre giorni or sono». - stavo recitando la preghiera: le tradizioni occ. e antiochena fanno menzione anche del digiuno (cf. la variante: «stavo digiunando e recitando la preghiera»).

At 10,31:sono state esaudite: questo modo impersonale di esprimersi, mentre denota rispetto per la maestà divina, richiama anche il ministero degli angeli (cf. Mt 18,11; Mt 18,14; Ap 5,8; Ap 8,3; Tb 12,12).

At 10,35:è a lui accetto: terminologia cultuale (cf. v 4). E' gradito a Dio un sacrificio perfetto o colui che l'offre (Lv 1,3; Lv 19,5; Lv 22,19-27). Isaia (Is 56,7) aveva predetto che alla fine dei tempi i sacrifici dei pagani sarebbero stati graditi a Jahve (Ml 1,10-11 cf. Rm 15,16; Fil 4,18; 1Pt 2,5).

At 10,36:Questa è la parola che egli ha inviato: la costruzione nel testo originale è sintatticamente difficile, da qui le diverse varianti come quella seguita da BJ («egli ha inviato la sua parola») e altre.

At 10,37-42:Questi vv contengono un riassunto della storia evangelica (cf. At 1,21-22; At 2,22+); sottolineano i medesimi tratti messi in evidenza da Luca nel Vangelo.

At 10,37:incominciando dalla Galilea: BJ traduce: «i suoi inizi in Galilea» (di Gesù, masch.); il testo antiocheno legge: «al principio» (neutro).

At 10,40:risuscitato al terzo giorno: formula classica della predicazione e della fede cristiana. Appare già nel Credo in embrione di 1Cor 15,4 , con la precisazione: «secondo le Scritture». La formula riecheggia Gv 2,1 (cf. Mt 12,40 ; vedere anche Os 6,2). Si trova anche in Mt 16,21; Mt 17,23; Mt 20,19; Mt 27,64; Lc 9,22; Lc 18,33; Lc 24,7; Lc 24,46 .

At 10,41:bevuto con lui: un'aggiunta occ. legge: «e abbiamo vissuto familiarmente in sua compagnia per quaranta giorni dopo la sua risurrezione dai morti».

At 10,42:al popolo: «il popolo» per eccellenza è Israele (At 10,2; At 21,8). - giudice dei vivi e dei morti: i vivi, coloro che saranno in vita al momento della parusia; i morti, coloro che, già defunti, allora risusciteranno per il giudizio (vedere 1Ts 4,13-5,10). Dio, risuscitando Gesù, lo ha costituito nella dignità di giudice sovrano (At 17,31; Gv 5,22; Gv 5,27; 2Tm 4,1; 1Pt 4,5); quindi l'annunzio della risurrezione è nello stesso tempo un invito per gli uomini al pentimento (cf. At 17,30-31).

At 10,44:lo Spirito santo scese: è la «pentecoste dei pagani», analoga alla prima pentecoste, come lo constata Pietro (v 47; At 11,15; At 15,8).

At 10,48:E ordinò: di solito gli apostoli non amministravano personalmente il battesimo (cf. At 19,5; 1Cor 1,14; 1Cor 1,17). - alcuni giorni: secondo At 11,2; At 11,3 (cf. At 10,28) è stata questa convivenza di Pietro con i non circoncisi, più dell'autorizzazione a battezzarli, che è sembrata insolita e illegittima agli «ebrei» di Gerusalemme. Questioni simili furono all'origine dell'incidente di Antiochia (Gal 2,11s).

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
Acquista la Bibbia per la Scrutatio dalla Libreria del Santo
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online