Scrutatio

Friday, 19 April 2024 - San Leone IX Papa ( Letture di oggi)

Primus Machabaeorum 1


font
VULGATABIBBIA
1 Et factum est, postquam percussit Alexander Philippi Macedo, qui primus regnavit in Græcia, egressus de terra Cethim, Darium regem Persarum et Medorum :1 Queste cose avvennero dopo che Alessandro il Macedone, figlio di Filippo, uscito dalla regione dei Kittim sconfisse Dario, re dei Persiani e dei Medi, e regnò al suo posto, cominciando dalla Grecia.
2 constituit prælia multa, et obtinuit omnium munitiones, et interfecit reges terræ,2 Intraprese molte guerre, si impadronì di fortezze e uccise i re della terra;
3 et pertransiit usque ad fines terræ : et accepit spolia multitudinis gentium, et siluit terra in conspectu ejus.3 arrivò sino ai confini della terra e raccolse le spoglie di molti popoli. La terra si ridusse al silenzio davanti a lui; il suo cuore si esaltò e si gonfiò di orgoglio.
4 Et congregavit virtutem, et exercitum fortem nimis : et exaltatum est, et elevatum cor ejus :4 Radunò forze ingenti e conquistò regioni, popoli e principi, che divennero suoi tributari.
5 et obtinuit regiones gentium, et tyrannos : et facti sunt illi in tributum.5 Dopo questo cadde ammalato e comprese che stava per morire.
6 Et post hæc decidit in lectum, et cognovit quia moreretur.6 Allora chiamò i suoi luogotenenti più importanti, che erano cresciuti con lui fin dalla giovinezza e mentre era ancora vivo divise tra di loro il suo impero.
7 Et vocavit pueros suos nobiles, qui secum erant nutriti a juventute : et divisit illis regnum suum, cum adhuc viveret.7 Regnò dunque Alessandro dodici anni e morì.
8 Et regnavit Alexander annis duodecim, et mortuus est.8 I suoi subalterni assunsero il potere, ognuno nella sua regione;
9 Et obtinuerunt pueri ejus regnum, unusquisque in loco suo :9 dopo la sua morte tutti cinsero il diadema e dopo di loro i loro figli per molti anni e si moltiplicarono i mali sulla terra.
10 et imposuerunt omnes sibi diademata post mortem ejus, et filii eorum post eos annis multis, et multiplicata sunt mala in terra.
10 Uscì da quelli una radice perversa, Antioco Epìfane, figlio del re Antioco che era stato ostaggio a Roma, e assunse il regno nell'anno centotrentasette del dominio dei Greci.
11 Et exiit ex eis radix peccatrix, Antiochus illustris, filius Antiochi regis, qui fuerat Romæ obses : et regnavit in anno centesimo trigesimo septimo regni Græcorum.11 In quei giorni sorsero da Israele figli empi che persuasero molti dicendo: "Andiamo e facciamo lega con le nazioni che ci stanno attorno, perché da quando ci siamo separati da loro, ci sono capitati molti mali".
12 In diebus illis, exierunt ex Israël filii iniqui, et suaserunt multis, dicentes : Eamus, et disponamus testamentum cum gentibus, quæ circa nos sunt : quia ex quo recessimus ab eis, invenerunt nos multa mala.12 Parve ottimo ai loro occhi questo ragionamento;
13 Et bonus visus est sermo in oculis eorum.13 alcuni del popolo presero l'iniziativa e andarono dal re, che diede loro facoltà di introdurre le istituzioni dei pagani.
14 Et destinaverunt aliqui de populo, et abierunt ad regem : et dedit illis potestatem ut facerent justitiam gentium.14 Essi costruirono una palestra in Gerusalemme secondo le usanze dei pagani
15 Et ædificaverunt gymnasium in Jerosolymis secundum leges nationum :15 e cancellarono i segni della circoncisione e si allontanarono dalla santa alleanza; si unirono alle nazioni pagane e si vendettero per fare il male.
16 et fecerunt sibi præputia, et recesserunt a testamento sancto, et juncti sunt nationibus, et venundati sunt ut facerent malum.16 Quando il regno fu consolidato in mano di Antioco, egli volle conquistare l'Egitto per dominare due regni:
17 Et paratum est regnum in conspectu Antiochi, et cœpit regnare in terra Ægypti ut regnaret super duo regna.17 entrò nell'Egitto con un esercito imponente, con carri ed elefanti, con la cavalleria e una grande flotta
18 Et intravit in Ægyptum in multitudine gravi, in curribus, et elephantis, et equitibus, et copiosa navium multitudine :18 e venne a battaglia con Tolomeo re di Egitto. Tolomeo fu travolto davanti a lui e dovette fuggire e molti caddero colpiti a morte.
19 et constituit bellum adversus Ptolemæum regem Ægypti, et veritus est Ptolemæus a facie ejus, et fugit, et ceciderunt vulnerati multi.19 Espugnarono le fortezze dell'Egitto e Antioco saccheggiò il paese di Egitto.
20 Et comprehendit civitates munitas in terra Ægypti, et accepit spolia terræ Ægypti.
20 Ritornò quindi Antioco dopo aver sconfitto l'Egitto nell'anno centoquarantatré, si diresse contro Israele e mosse contro Gerusalemme con forze ingenti.
21 Et convertit Antiochus, postquam percussit Ægyptum in centesimo et quadragesimo tertio anno : et ascendit ad Israël,21 Entrò con arroganza nel santuario e ne asportò l'altare d'oro e il candelabro dei lumi con tutti i suoi arredi
22 et ascendit Jerosolymam in multitudine gravi.22 e la tavola dell'offerta e i vasi per le libazioni, le coppe e gli incensieri d'oro, il velo, le corone e i fregi d'oro della facciata del tempio e lo sguarnì tutto;
23 Et intravit in sanctificationem cum superbia, et accepit altare aureum, et candelabrum luminis, et universa vasa ejus, et mensam propositionis, et libatoria, et phialas, et mortariola aurea, et velum, et coronas, et ornamentum aureum, quod in facie templi erat : et comminuit omnia.23 si impadronì dell'argento e dell'oro e d'ogni oggetto pregiato e asportò i tesori nascosti che riuscì a trovare;
24 Et accepit argentum, et aurum, et vasa concupiscibilia : et accepit thesauros occultos, quos invenit : et sublatis omnibus, abiit in terram suam.24 quindi, raccolta ogni cosa, fece ritorno nella sua regione. Fece anche molte stragi e parlò con grande arroganza.

25 Et fecit cædem hominum, et locutus est in superbia magna.25 Allora vi fu lutto grande per gli Israeliti
in ogni loro regione.
26 Et factus est planctus magnus in Israël, et in omni loco eorum :26 Gemettero i capi e gli anziani,
le vergini e i giovani persero vigore
e la bellezza delle donne svanì.
27 et ingemuerunt principes et seniores ; virgines et juvenes infirmati sunt : et speciositas mulierum immutata est.27 Ogni sposo levò il suo lamento
e la sposa nel talamo fu in lutto.
28 Omnis maritus sumpsit lamentum, et quæ sedebant in thoro maritali, lugebant :28 Tremò la terra per i suoi abitanti
e tutta la casa di Giacobbe si vestì di vergogna.

29 et commota est terra super habitantes in ea, et universa domus Jacob induit confusionem.
29 Due anni dopo, il re mandò alle città di Giuda un sovrintendente ai tributi. Egli venne in Gerusalemme con ingenti forze
30 Et post duos annos dierum, misit rex principem tributorum in civitates Juda, et venit Jerusalem cum turba magna.30 e rivolse loro con perfidia parole di pace ed essi gli prestarono fede. Ma all'improvviso piombò sulla città, le inflisse colpi crudeli e mise a morte molta gente in Israele.
31 Et locutus est ad eos verba pacifica in dolo : et crediderunt ei.31 Mise a sacco la città, la diede alle fiamme e distrusse le sue abitazioni e le mura intorno.
32 Et irruit super civitatem repente, et percussit eam plaga magna, et perdidit populum multum ex Israël.32 Trassero in schiavitù le donne e i bambini e si impossessarono dei greggi.
33 Et accepit spolia civitatis : et succendit eam igni, et destruxit domos ejus, et muros ejus in circuitu :33 Poi costruirono attorno alla città di Davide un muro grande e massiccio, con torri solidissime, e questa divenne per loro una fortezza.
34 et captivas duxerunt mulieres, et natos et pecora possederunt.34 Vi stabilirono una razza empia, uomini scellerati, che si fortificarono dentro,
35 Et ædificaverunt civitatem David muro magno et firmo, et turribus firmis, et facta est illis in arcem :35 vi collocarono armi e vettovaglie e, radunato il bottino di Gerusalemme, lo depositarono colà e divennero come una grande trappola;
36 et posuerunt illic gentem peccatricem viros iniquos, et convaluerunt in ea : et posuerunt arma, et escas, et congregaverunt spolia Jerusalem :36 questo fu un'insidia per il santuario e un avversario maligno per Israele in ogni momento

37 et reposuerunt illic : et facti sunt in laqueum magnum.37 Versarono sangue innocente intorno al santuario
e profanarono il luogo santo.
38 Et factum est hoc ad insidias sanctificationi, et in diabolum malum in Israël :38 Fuggirono gli abitanti di Gerusalemme a causa loro
e la città divenne abitazione di stranieri;
divenne straniera alla sua gente
e i suoi figli l'abbandonarono.
39 et effuderunt sanguinem innocentem per circuitum sanctificationis, et contaminaverunt sanctificationem.39 Il suo santuario fu desolato come il deserto,
le sue feste si mutarono in lutto,
i suoi sabati in vergogna
il suo onore in disprezzo.
40 Et fugerunt habitatores Jerusalem propter eos, et facta est habitatio exterorum, et facta est extera semini suo, et nati ejus reliquerunt eam.40 Quanta era stata la sua gloria
altrettanto fu il suo disonore
e il suo splendore si cambiò in lutto.

41 Sanctificatio ejus desolata est sicut solitudo ; dies festi ejus conversi sunt in luctum, sabbata ejus in opprobrium, honores ejus in nihilum.41 Poi il re prescrisse con decreto a tutto il suo regno, che tutti formassero un sol popolo
42 Secundum gloriam ejus multiplicata est ignominia ejus, et sublimitas ejus conversa est in luctum.
42 e ciascuno abbandonasse le proprie leggi. Tutti i popoli consentirono a fare secondo gli ordini del re.
43 Et scripsit rex Antiochus omni regno suo ut esset omnis populus unus : et relinqueret unusquisque legem suam.43 Anche molti Israeliti accettarono di servirlo e sacrificarono agli idoli e profanarono il sabato.
44 Et consenserunt omnes gentes secundum verbum regis Antiochi :44 Il re spedì ancora decreti per mezzo di messaggeri a Gerusalemme e alle città di Giuda, ordinando di seguire usanze straniere al loro paese,
45 et multi ex Israël consenserunt servituti ejus, et sacrificaverunt idolis, et coinquinaverunt sabbatum.45 di far cessare nel tempio gli olocausti, i sacrifici e le libazioni, di profanare i sabati e le feste
46 Et misit rex libros per manus nuntiorum in Jerusalem, et in omnes civitates Juda, ut sequerentur leges gentium terræ,46 e di contaminare il santuario e i fedeli,
47 et prohiberent holocausta et sacrificia, et placationes fieri in templo Dei,47 di innalzare altari, templi ed edicole e sacrificare carni suine e animali immondi,
48 et prohiberent celebrari sabbatum, et dies solemnes :48 di lasciare che i propri figli, non circoncisi, si contaminassero con ogni impurità e profanazione,
49 et jussit coinquinari sancta, et sanctum populum Israël.49 così da dimenticare la legge e mutare ogni istituzione,
50 Et jussit ædificari aras, et templa, et idola, et immolari carnes suillas, et pecora communia,50 pena la morte a chiunque non avesse agito secondo gli ordini del re.
51 et relinquere filios suos incircumcisos, et coinquinari animas eorum in omnibus immundis, et abominationibus, ita ut obliviscerentur legem, et immutarent omnes justificationes Dei :51 Secondo questi ordini scrisse a tutto il regno, stabilì ispettori su tutto il popolo e intimò alle città di Giuda di sacrificare città per città.
52 et quicumque non fecissent secundum verbum regis Antiochi, morerentur.52 Anche molti del popolo si unirono a loro, tutti i traditori della legge, e commisero il male nella regione
53 Secundum omnia verba hæc scripsit omni regno suo : et præposuit principes populo, qui hæc fieri cogerent.53 e ridussero Israele a nascondersi in ogni possibile rifugio.
54 Et jusserunt civitatibus Juda sacrificare.54 Nell'anno centoquarantacinque, il quindici di Casleu il re innalzò sull'altare un idolo. Anche nelle città vicine di Giuda eressero altari
55 Et congregati sunt multi de populo ad eos qui dereliquerant legem Domini, et fecerunt mala super terram :55 e bruciarono incenso sulle porte delle case e nelle piazze.
56 et effugaverunt populum Israël in abditis, et in absconditis fugitivorum locis.
56 Stracciavano i libri della legge che riuscivano a trovare e li gettavano nel fuoco.
57 Die quintadecima mensis Casleu, quinto et quadragesimo et centesimo anno, ædificavit rex Antiochus abominandum idolum desolationis super altare Dei, et per universas civitates Juda in circuitu ædificaverunt aras :57 Se qualcuno veniva trovato in possesso di una copia del libro dell'alleanza o ardiva obbedire alla legge, la sentenza del re lo condannava a morte.
58 et ante januas domorum et in plateis incendebant thura, et sacrificabant :58 Con prepotenza trattavano gli Israeliti che venivano scoperti ogni mese nella città
59 et libros legis Dei combusserunt igni, scindentes eos :59 e specialmente al venticinque del mese, quando sacrificavano sull'ara che era sopra l'altare dei sacrifici.
60 et apud quemcumque inveniebantur libri testamenti Domini, et quicumque observabat legem Domini, secundum edictum regis trucidabant eum.60 Mettevano a morte, secondo gli ordini, le donne che avevano fatto circoncidere i loro figli,
61 In virtute sua faciebant hæc populo Israël, qui inveniebatur in omni mense et mense in civitatibus.61 con i bambini appesi al collo e con i familiari e quelli che li avevano circoncisi.
62 Et quinta et vigesima die mensis sacrificabant super aram, quæ erat contra altare.62 Tuttavia molti in Israele si fecero forza e animo a vicenda per non mangiare cibi immondi
63 Et mulieres, quæ circumcidebant filios suos, trucidabantur secundum jussum regis Antiochi,63 e preferirono morire pur di non contaminarsi con quei cibi e non disonorare la santa alleanza; così appunto morirono.
64 et suspendebant pueros a cervicibus per universas domos eorum : et eos, qui circumciderant illos, trucidabant.64 Sopra Israele fu così scatenata un'ira veramente grande.
65 Et multi de populo Israël definierunt apud se, ut non manducarent immunda : et elegerunt magis mori, quam cibis coinquinari immundis :
66 et noluerunt infringere legem Dei sanctam, et trucidati sunt :
67 et facta est ira magna super populum valde.