Scrutatio

Sunday, 23 June 2024 - San Giuseppe Cafasso ( Letture di oggi)

Primo libro dei Maccabei 1


font

Alessandro Magno

1Alessandro, figlio di Filippo, Macedone, primo re di Grecia, dopo avere, uscito dalla terra di Cetin, battuto Dario re dei Persia­ni e dei Medi,2vinse molte battaglie, espugnò tutte le città forti, uccise i re della terra;3avanzatosi fino agli ultimi confini del mondo, s'impadronì delle spoglie di molte nazioni, e la terra tacque dinanzi a lui.4Radunato un potente e poderosissimo esercito, il suo cuore s'innalzò, gonfio d'orgoglio.5Egli sottomise provincie, nazioni e re, che divennero suoi tributari.6Finalmente fu costretto a mettersi a letto; e, sentendosi in punto di morto,7chiamò i suoi ufficiali superiori, educati con lui fin dalla giovinezza, e divise loro il suo impero, mentre era ancora in vita.8Alessandro mori dopo aver regnato dodici anni.9I suoi ufficiali ne occuparono l'impero, ciascuno al suo posto.10Dopo la morte di lui tutti si cinsero il diadema, e dopo di essi i loro figli per molti anni; e i mali si moltiplicarono sopra la terra.

L'ellenismo entra in Israele sotto Antioco Epifane.

11Da essi uscì la radice iniqua. Antioco l'illustre, figlio del re Antioco: egli era stato ostaggio a Roma, e cominciò a regnare nell'anno centotrentasette del regno dei Greci.12In quel tempo vennero fuori da Israele dei figli d'iniquità, i quali misero su molti, dicendo: « Andiamo a fare alleanza colle nazioni circonvicine, che da quando ci siamo appartati da esse son venuti sopra di noi molti mali ».13Essendo parso loro buon discorso,14alcuni del popolo decisero d'andare dal re, il quale li autorizzò a vivere secondo il costume delle nazioni.15Allora essi edificarono in Gerusalemme un ginnasio, secondo le leggi delle nazioni.16E fecero sparire il segno della circoncisione, e si allontanarono dalla santa alleanza, e si unirono colle nazioni, e si venderono per fare il male.

Antioco comincia la persecuzione contro i Giudei

17Antioco quando ebbe assicurato il suo regno, pensò di regnare anche in Egitto, per dominare su due regni.18Entrato infatti in Egitto con poderoso esercito, con cocchi, elefanti, cavalieri e gran numero di navi,19attaccò Tolomeo re d'Egitto. Tolomeo ebbe paura davanti a lui, e prese la fuga, e molti caddero feriti e uccisi.20Antioco espugnò le città forti dell'Egitto, saccheggiò tutto il paese,21e, dopo aver desolato l'Egitto, tornò indietro, l'anno centoquarantatrè, e marciò contro Israele.22Giunto a Gerusalemme con poderoso esercito,23entrò arrogantemente nel luogo santo, tolse l'altare d'oro, il candelabro colle lampade, tutti i vasi, la mensa di proposizione, le coppe, le tazze, i turiboli d'oro, il velo, le corone, il fregio d'oro che stava sulla facciata del tempio, e fece tutto in pezzi.24Preso l'argento, l'oro e i vasi preziosi, portati via i tesori nascosti che potè trovare, saccheggiato ogni cosa, se ne tornò al suo paese25dopo aver trucidata molta gente ed aver parlato con grande superbia.26Grande fu il lutto in Israele, in tutto il paese:27i principi e gli anziani gemevano, i giovani e le vergini persero la loro vigoria e la bellezza delle donne sparì.28Tutti gli sposi novelli s'abbandonavano ai lamenti, e le novelle spose piangevano sul letto nuziale.29La terra tremò per i suoi abitatori, e la casa di Giacobbe fu travolta nella, confusione.

Antioco incrudelisce di nuovocontro Gerusalemme

30Dopo due anni il re mandò il sovrintendente ai tributi per le città di Giuda. Egli, giunto a Gerusalemme con molta truppa,31con inganno rivolse parole amichevoli ai cittadini, che gli credettero.32Ma poi all'improvviso li assalì e ne fece gran macello, e trucidò moltissima gente d'Israele.33Saccheggiata la città vi appicò il fuoco, e ne distrusse le case e le mura di cinta.34Menaron via schiave le donne, e presero i ragazzi e i bestiami.35Cinta poi la città di David di forti mura massiccie e di fortissime torri, la ridussero a loro fortezza.36Vi misero della gente malvagia, uomini iniqui, che vi si fortificarono, radunandovi armi e viveri. Messe insieme le spoglie di Gerusalemme,37Ve le deposero, e divennero un gran pericolo,38stando vi in agguato contro il luogo santo, come il cattivo diavolo d'Israele.39Essi sparsero il sangue innocente intorno al luogo santo, e contaminarono il santuario.40Essendo a causa di loro fuggiti gli abitanti di Gerusalemme, essa divenne soggiorno degli stranieri, straniera al suo popolo, abbandonata dai suoi figli.41Il suo santuario restò desolato come un deserto, le sue feste solenni si cambiarono in lutto, i suoi sabati in obbrobrio, la sua gloria fu annientata.42In proporzione della sua gloria fu moltiplicata la sua umiliazione, e la sua grandezza andò a finire in pianti.

Antioco impone il culto degli idoli

43Il re Antioco pubblicò un editto in tutto il suo regno, ordinando che tutti si riunissero in mi sol popolo, rinunziando ciascuno alla propria legge.44Tutte le genti si conformarono all'ordine del re Antioco,45ed anche molti d'Israele si sottomisero a questa schiavitù, e sacrificarono agli idoli e violarono il sabato.46Il re spedì messaggeri con lettere in Gerusalemme e in tutte le città di Giuda, per far loro abbracciare le leggi delle nazioni della terra,47per far proibire che gli olocausti, i sacrifizi e le oblazioni fossero fatte al tempio di Dio,48come pure che fosse santificato il sabato e lo feste.49Ordinò inoltre che fossero profanati i luoghi santi e il popolo santo di Israele,50che fossero eretti altari, templi e idoli, e fossero immolate carni di porco e bestie immonde,51che non circoncidessero i loro figlioli, e si contaminassero con ogni sorta d'immondezze e d'abominazioni, in modo da dimenticare la legge di Dio e conculcare i precetti di Dio,52e che tutti quelli che non obbedissero agli ordini del re fossero messi a morte.53Tale era l'editto fatto pubblicare in butto il suo regno. Egli deputò dei magistrati che costringessero il popolo ad eseguirei tali ordini.54Questi comandarono alle città di Giuda di sacrificare.55Molti del popolo si unirono con quelli che avevano abbandonato la legge del Signore, e fecero del male nel paese,56e costrinsero il popolo d'Israele a fuggir nei nascondigli, in luoghi ove fosse ignota la loro fuga.57Ai quindici dei mese di Casleu, l'anno centoquarantacinque, il re Antioco innalzò l'abominevole idolo della desolazione sopra l'altare di Dio, e da tutte le partì in tutte le città di Giuda furono eretti altari,58e davanti alle porte delle case, e per le piazze furon bruciati incensi e fatti sacrifizi.59I libri della legge di Dio furori stracciati e gettati ad ardere nel fuoco.60Chiunque fosse stato trovato coi libri del testamento del Signore, o avesse osservata la legge del Signore, era trucidato in virtù dell'editto del re.61Mese per mese trattavano con tali violenze il popolo d'Israele che trovavasi nelle città;62ai venticinque del mese facevano sacrifizi sopra l'altare che era sopra l'altare degli olocausti.63Le donne che avessero circoncisi i loro figlioli eran trucidate secondo l'ordine del re Antioco;64i bambini erano impiccati pel collo in tutte le case, ed eran trucidati quelli che li avessero circoncisi.65Però molti del popolo d'Israele fecero nel loro cuore il fermo proposito di non mangiare cibi immondi, e scelsero di morire piuttosto che contaminarsi con impure vivande.66Siccome non vollero violare la logge santa di Dio, furono trucidati.67L'ira contro il popolo era oltremodo grande.