Scrutatio

Sunday, 14 July 2024 - San Camillo de Lellis ( Letture di oggi)

Lettera ai Filippesi 4


font

1Pertanto, miei fratelli diletti e desiderati, mio gaudio e mia corona, perseverate così nel Signore, o diletti.2Raccomando a Evodia ed esorto Sintiche a vivere in buona armonia nel Signore.3Prego caldamente anche te, o sincero Sizigo, di aiutarle, perché hanno strenuamente lottato con me, per il vangelo, insieme a Clemente e ai restanti miei collaboratori, i cui nomi sono scritti nel libro della vita.4Siate sempre allegri nel Signore. Ve lo ripeto: siate allegri.5La vostra amabilità sia conosciuta da tutti gli uomini. Il Signore è vicino.6Non angustiatevi in nulla, ma in ogni necessità, con la supplica e con la preghiera di ringraziamento, manifestate le vostre richieste a Dio.7Allora la pace di Dio, che sorpassa ogni preoccupazione umana, veglierà, in Cristo Gesù, sui vostri cuori e sui vostri pensieri.8Per il resto, fratelli, quanto c'è di vero, nobile, giusto, puro, amabile, lodevole; quanto c'è di virtuoso e merita plauso, questo attiri la vostra attenzione.9Mettete in pratica quello che avete imparato, ricevuto, udito e visto in me. E il Dio della pace sarà con voi.10Mi sono molto rallegrato nel Signore a vedere finalmente rifiorire i vostri sentimenti per me; certamente li coltivavate anche prima, ma vi mancava l'occasione.11Io non parlo spinto dal bisogno: ho imparato infatti a bastare a me stesso in qualunque condizione mi trovi.12So privarmi ed essere nell'abbondanza. In ogni tempo e in tutti i modi, sono stato iniziato ad essere sazio e a soffrire la fame, a vivere nell'agiatezza e nelle privazioni.13Tutto posso in Colui che mi dà forza.14Ciò nonostante avete fatto bene a condividere le mie tribolazioni.15Proprio voi, Filippesi, sapete che all'inizio dell'evangelizzazione, quando lasciai la Macedonia, nessuna chiesa aprì un conto con me di dare e di ricevere, eccetto voi soli,16e che una o due volte, mentre ero a Tessalonica, avete provveduto alle mie necessità.17Io non cerco il dono; cerco piuttosto il frutto che si accresce sul vostro conto.18Ricevo tutto e sto nell'abbondanza: sono ricolmo avendo avuto da Epafrodito i vostri doni, profumo soave, sacrificio gradito, che piace a Dio.19Il mio Dio soddisferà ogni vostro bisogno in proporzione della sua ricchezza, in Cristo Gesù.20A Dio e Padre nostro gloria nei secoli dei secoli. Amen.21Salutate ciascun santo in Cristo Gesù; vi salutano i fratelli che sono con me.22Vi salutano tutti i santi, in modo particolare quelli della casa di Cesare.23La grazia del Signore Gesù Cristo sia col vostro spirito.