Scrutatio

Sunday, 23 June 2024 - San Giuseppe Cafasso ( Letture di oggi)

Vangelo secondo Luca 2


font

Nascita di Gesù

1- In quei giorni uscì un editto di Cesare Augusto per il censimento di tutto l'impero.2Questo primo censimento venne fatto mentre Cirino era preside della Siria.3E tutti andavano a dare il nome, ciascuno nella propria città.4Anche Giuseppe salì dalla Galilea, dalla città di Nazaret, in Giudea, alla città di David, chiamata Betleem, perchè era della casa e della famiglia di David,5per dare il nome insieme a Maria, sua promessa sposa, che era incinta.6Ora mentre essi si trovavano in quel luogo, venne per lei il momento del parto7e diede alla luce il suo figliuolo primogenito; che fasciato pose in una mangiatoia, perchè non vi era stato posto per loro nell'albergo.8Nello stesso paese c'erano dei pastori, che passavano la notte all'aperto e facevano la guardia al loro gregge.9Un angelo del Signore apparve davanti a loro e la gloria del Signore rifulse intorno ad essi, sì che temettero grandemente.10L'angelo disse loro: «Non temete, perchè io vi reco una buona novella di grande allegrezza per tutto il popolo.11Oggi, nella città di David, vi è nato un Salvatore, che è il Cristo Signore.12Questo vi sia di segnale: troverete un bambino avvolto nelle fasce e coricato in una mangiatoia».13E in quell'istante si raccolse presso l'angelo uno stuolo dell'esercito celeste, che lodava Dio e diceva:14«Gloria a Dio nei luoghi altissimi e pace in terra agli uomini di buona volontà».15Quando gli angeli, risalendo al cielo, si furono allontanati, i pastori presero a dire tra loro: «Andiamo fino a Betleem a vedere quel ch'è accaduto e che il Signore ci ha fatto sapere».16E andarono in fretta e trovarono con Maria e Giuseppe il bambino giacente nella mangiatoia.17E, vistolo, si persuasero di quanto era stato loro detto intorno a quel bambino18e tutti coloro che li udivano, si meravigliarono delle cose riferite loro dai pastori.19Ma Maria conservava in cuore tutte queste cose e le meditava.20E i pastori se ne ritornarono glorificando e lodando Iddio per tutto quello che avevano udito e veduto secondo ch'era stato lor detto.

Circoncisione e presentazione al tempio

21Passati gli otto giorni, in capo ai quali il bambino doveva essere circonciso, gli venne posto il nome di Gesù come era stato chiamato dall'angelo prima di esser concepito nel seno materno.22Quando poi furon compiuti i giorni della sua purificazione secondo la legge di Mosè, lo portarono a Gerusalemme per presentarlo al Signore,23com'è scritto nella legge del Signore: «Ogni primogenito maschio sarà consacrato al Signore»,24e per offrire, com'è prescritto dalla legge del Signore, il sacrificio di un paio di tortore o di due giovani piccioni.

Il Cantico di Simeone

25C'era in Gerusalemme un uomo, di nome Simeone; persona giusta e pia, che attendeva la consolazione d'Israele; sopra di lui era lo Spirito Santo,26il quale gli aveva rivelato che egli non sarebbe morto prima di vedere il Cristo del Signore.27Venne, dunque, nel tempio, condottovi dallo Spirito, e quando i genitori vi portarono il bambino, per osservare a suo riguardo le costumanze legali,28egli pure lo ricevette tra le sue braccia e benedisse Iddio, esclamando:29«Ora, o Signore, lascia pure che il tuo servo se ne vada in pace, secondo la tua parola;30perchè gli occhi miei hanno veduto la tua salute,31da te preparata al cospetto di tutti i popoli;32luce per illuminare le nazioni e gloria del popolo d'Israele».33Il padre e la madre restavano meravigliati delle cose che si dicevan del bambino.34Simeone, benedettili, disse a Maria, sua madre: «Questo bambino è destinato ad essere causa di rovina e di resurrezione di molti in Israele e a diventare un segno di contraddizione;35a te stessa una spada trapasserà l'anima, e così saranno rivelati i pensieri di molti cuori».

Anna la profetessa

36C'era anche una profetessa, Anna, figliuola di Fanuel, della tribù di Aser, molto avanzata negli anni, avendo vissuto, dopo la sua verginità, sette anni con suo marito;37e rimasta vedova, aveva toccato gli ottantaquattro. Ella non s'allontanava mai dal tempio, servendo Dio notte e giorno, in digiuni e preghiere.38Sopraggiunta proprio in quell'ora, cominciò anch'ella a lodare il Signore e a parlare del bambino a quanti in Gerusalemme aspettavano la redenzione. Infanzia di Gesù

Infanzia di Gesù.

39Quando ebbero adempite tutte le prescrizioni delle legge del Signore, se ne tornarono in Galilea, nella loro città di Nazaret.40E il fanciullo cresceva e s'irrobustiva, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era sopra di lui.

Gesù tra i dottori

41I suoi genitori andavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua.42Ora, quand'egli toccò l'età di dodici anni, salirono a Gerusalemme, secondo l'usanza della festa;43e, passati i giorni della solennità, essi ritornarono, mentre il fanciullo Gesù rimase in Gerusalemme, senza che i suoi genitori se ne accorgessero.44Supponendo che egli fosse coi loro compagni di viaggio, essi camminarono una giornata: poi si misero a cercarlo tra i parenti e conoscenti,45e non avendolo trovato tornarono a Gerusalemme per ricercarlo.46Dopo tre giorni, lo trovarono nel tempio seduto in mezzo ai dottori in atto di ascoltarli ed interrogarli:47e tutti che l'udivano, stupivano del suo senno e delle sue risposte.48Al vederlo, essi furono meravigliati, e la madre gli disse: «Figlio, perchè ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre ed io, contristati, andavamo in cerca di te».49Egli rispose loro: «Perchè mi cercavate? Non sapete che io devo attendere a ciò che riguarda il Padre mio?».50Ma essi non compresero ciò che aveva lor detto.51Discese con essi e tornò a Nazaret e stava soggetto a loro. Sua madre custodiva nel cuore tutte queste cose,52mentre Gesù cresceva in sapienza, età e grazia dinanzi a Dio e agli uomini.