Scrutatio

Wenesday, 17 July 2024 - San Alessio ( Letture di oggi)

Vangelo secondo Giovanni 1


font

Il Verbo fatto carne.

1- In principio era il Verbo e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio.2Egli era al principio presso Dio.3Tutto per mezzo di lui è stato fatto e senza di lui non è stato fatto nulla di ciò ch'è stato fatto.4In lui era vita, e la vita era la luce degli uomini.5E la luce splende fra le tenebre e le tenebre non l'hanno accolta.6Ci fu un uomo inviato da Dio; di nome Giovanni.7Egli venne in testimonianza per rendere testimonianza alla luce, affinchè tutti credessero per lui;8egli non era la luce, ma venne per rendere testimonianza alla luce.9Era la luce vera, che illumina ogni uomo che viene a questo mondo.10Egli era nel mondo e il mondo per mezzo di lui fu fatto, e il mondo non l'ha conosciuto.11È venuto nella sua proprietà e i suoi non l'hanno accolto.12A tutti quelli però che l'hanno accolto, a quelli che credono nel suo nome, ha dato il potere di diventare figliuoli di Dio;13i quali, non da sangue nè da volontà di carne, nè da volontà di uomo, ma da Dio son nati.14Il Verbo si è fatto carne ed abitò tra noi; e noi ne abbiamo veduta la gloria, gloria eguale a quella dell'Unigenito del Padre, pieno di grazia e di verità.15Giovanni gli rende testimonianza e grida in questi termini: «Ecco colui del quale dissi: - Chi verrà dopo di me è stato fatto prima di me, perchè egli era prima di me - ».16E della pienezza di lui tutti abbiam ricevuto, e grazia su grazia.17Perchè la legge è stata data da Mosè; la gloria e la verità sono venute da Gesù Cristo.18Nessuno ha veduto mai Dio; il Figlio unigenito, che è nel seno del Padre, ce l'ha fatto conoscere.

Testimonianze di Giovanni Battista

19Ed ecco la testimonianza resa da Giovanni, quando i Giudei mandarono da Gerusalemme sacerdoti e Leviti per domandargli: «Chi sei tu?».20Ed egli affermò e non negò e confessò: «Non sono io il Cristo».21Allora gli domandarono: «Chi sei dunque? Sei tu Elia?». Egli rispose: «Non lo sono». «Sei tu il profeta?». E rispose: «No».22Allora gli dissero: «Chi sei dunque? Affinchè possiamo portare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che cosa dici di te stesso?».23Egli replicò: «Io sono la voce di colui che grida nel deserto: - Raddrizzate la via del Signore -, come ha detto il profeta Isaia».24Ora quegl'inviati erano Farisei25e gli domandarono: «Perchè dunque battezzi, se non sei nè il Cristo, nè Elia, nè il Profeta?».26Giovanni rispose loro: «Io battezzo nell'acqua; ma in mezzo a voi sta uno che voi non conoscete.27È colui che verrà dopo di me, ma che è stato prima di me e del quale io non sono degno di sciogliere il legaccio dei calzari».28Questo accadeva in Betania oltre il Giordano, dove Giovanni stava a battezzare.29Il giorno dopo Giovanni vide Gesù venire a sè, e gridò: «Ecco l'Agnello di Dio, che toglie il peccato del mondo.30Egli è colui del quale ho detto: - Dopo di me viene un uomo che mi ha preceduto, perchè era prima di me. -31Ed io non lo conoscevo; ma per questo sono venuto a battezzare con acqua, affinchè fosse manifestato in Israele».32E Giovanni rese la sua testimonianza così: «Ho veduto lo Spirito discendere, come una colomba, dal cielo e posarsi sopra di lui.33E io non lo conoscevo; ma chi mi ha mandato a battezzare nell'acqua, mi ha detto: - Colui sul quale vedrai scendere e fermarsi lo Spirito, è quegli stesso che battezza nello Spirito Santo. -34E ho veduto e ho testimoniato esser egli il Figliuol di Dio».

I primi discepoli di Gesù

35Il giorno seguente Giovanni si trovava di nuovo là, con due suoi discepoli36e, fissato lo sguardo in Gesù che passava, disse: «Ecco l'Agnello di Dio!».37I due discepoli udirono queste parole e andaron dietro a Gesù.38Gesù si volse e, notato che lo seguivano, domandò loro: «Chi cercate?». Essi gli dissero: «Rabbi», (che tradotto vuol dire "Maestro"), «dove abiti?».39Egli rispose loro: «Venite e vedrete». Andarono e videro dove egli abitava; e rimasero con lui per quel giorno. Era circa l'ora decima.40Andrea, fratello di Simon Pietro, era un dei due che avevano udite le parole di Giovanni e aveva seguìto Gesù.41Imbattutosi pertanto con suo fratello, Simone, gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» (che tradotto vuol dire "il Cristo"), e lo portò da Gesù.42E Gesù, fissando bene in lui lo sguardo, disse: «Tu sei Simone, figliuolo di Giona: tu ti chiamerai Cefa» (che vuol dire "Pietro").43Il giorno seguente Gesù volle andare in Galilea e trovato Filippo, gli disse: «Seguimi».44Filippo era di Betsaida, patria di Andrea e di Pietro.45Filippo essendosi incontrato con Natanaele gli narrò: «Abbiamo trovato colui di cui scrissero Mosè nella Legge, e i Profeti: "Gesù, figlio di Giuseppe, da Nazaret"».46Natanaele gli rispose: «Può mai venire qualcosa di buono da Nazaret?». Filippo gli disse: «Vieni e vedi».47Gesù vide venirgli incontro Natanaele e, parlando di lui, disse: «Ecco un vero Israelita, nel quale non c'è malizia».48Natanaele gli chiese: «Come mai mi conosci?». Gesù rispose: «Prima che Filippo ti chiamasse, quando eri sotto il fico, io ti vidi».49Natanaele gli replicò: «Rabbi, tu sei il Figliuol di Dio! Tu sei il re d'Israele!».50Gesù rispondendo gli disse: «Perchè io ho detto che ti ho veduto sotto il fico, tu credi? Tu vedrai cose più grandi di queste!».51Poi soggiunse: «In verità, in verità vi dico che vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sul Figliuol dell'uomo».