Scrutatio

Saturday, 20 July 2024 - Sant'Apollinare di Ravenna ( Letture di oggi)

Sapienza 1


font

1Amate la giustizia, voi che governate la terra, pensate del Signore con bontà e con cuore semplice cercatelo,2perché si fa trovare da quanti non lo tentano e si manifesta a quanti non diffidano di lui.3Difatti i ragionamenti distorti separano da Dio, ma l'onnipotenza, messa alla prova, convince di delitto gli stolti.4La sapienza non entra in un'anima che opera il male, né dimora in un corpo schiavo del peccato.5Poiché il santo spirito dell'educazione fugge l'inganno, sta lontano dai ragionamenti insensati ed è allontanato al sopraggiungere dell'ingiustizia.6La sapienza è uno spirito che ama l'uomo, ma non lascerà impunito il bestemmiatore per i suoi discorsi, perché Dio è testimone dei suoi pensieri, sorvegliante leale del suo cuore e uditore della sua parola.7Lo spirito del Signore riempie l'universo e colui che tiene insieme ogni cosa, ne conosce la voce.8Per questo non potrà restar nascosto chi pronuncia cose ingiuste né lo risparmierà la giustizia che corregge.9Sarà fatta un'inchiesta sui progetti dell'empio e l'eco delle sue parole giungerà fino al Signore, a condanna dei suoi misfatti;10poiché un orecchio geloso ascolta ogni cosa e il sussurro delle mormorazioni non resta nascosto.11Guardatevi dunque dall'inutile mormorazione, preservate la lingua dalla maldicenza, perché neppure una parola segreta andrà a vuoto, una bocca menzognera uccide l'anima.12Smettete di ricercare la morte con gli errori della vostra vita, e di attirarvi la rovina con le opere delle vostre mani,13perché Dio non ha fatto la morte, né gode per la rovina dei viventi.14Egli ha creato tutte le cose perché esistano; salubri sono le creature del mondo, in esse non c'è veleno mortifero, né il regno degl'inferi è sulla terra.15La giustizia infatti è immortale.16Ma gli empi con gesti e con parole chiamano la morte, credendola amica, si consumano per essa e con essa hanno stretto alleanza, perché sono degni di essere del suo numero.