Scrutatio

Domenica, 3 marzo 2024 - Santa Caterina (Katharina) Drexel ( Letture di oggi)

LI - Come i tre scaloni figurati nel ponte giá decto, cioè nel Figliuolo di Dio, significano le tre potenzie dell’anima.

Santa Caterina da Siena

LI - Come i tre scaloni figurati nel ponte giá decto, cioè nel Figliuolo di Dio, significano le tre potenzie dell’anima.
font righe continue visite 68

Alora, raguardando la divina bontá con l’occhio della sua misericordia el desiderio e la fame di quella anima, diceva: — Dilectissima figliuola mia, Io non so’ spregiatore del desiderio, anco so’ adempitore de’ sancti desidèri. E però Io ti voglio dichiarare e mostrare di quel che tu mi dimandi.

Tu mi dimandi ch’ Io ti spiani la figura de’ tre scaloni e che Io ti dica che modo hanno a tenere a potere escire del fiume e salire il ponte. E poniamo che di sopra, contiandoti lo ‘nganno e ciechità de l’uomo e come in questa vita gustano l’arra de l’inferno, si come martiri del dimonio, e ricevono l’etterna dannazione (de’ quali Io ti contiai el fructo loro che essi ricevono delle loro male operazioni); e narrandoti queste cose, ti mostrai e’ modi che dovevano tenere: nondimeno ora piú a pieno tel dichiararò, satisfacendo al tuo desiderio.

Tu sai che ogni male è fondato ne l’amore proprio di sé, el quale amore è una nuvila che tolle el lume della ragione; la quale ragione tiene in sé el lume della fede, e non si perde l’uno che non si perda l’altro.

L’anima creai lo a la imagine e similitudine mia, dandole la memoria, lo ‘ntellecto e la volontà. L’ intellecto è la piú nobile parte de l’anima: esso intellecto è mosso da l’affecto, e l’intellecto notrica l’affecto. E la mano de l’amore, cioè l’affecto, empie la memoria del ricordamento di me e de’ benefizi che ha ricevuti. El quale ricordamento el fa sollicito e non negligente; fallo grato e none scognoscente. Si che l’una potenzia porge a l’altra, e cosí si notrica l’anima nella vita della grazia.

L’anima non può vivere senza amore, ma sempre vuole amare alcuna cosa, perché ella è fatta d’amore, però che per amore la creai. E però ti dixi che l’affetto moveva lo ‘ntellecto, quasi dicendo: — Io voglio amare, però che ‘l cibo di che io mi notrico si è l’amore. — Alora lo ‘ntellecto, sentendosi svegliare da l’affecto, si leva, quasi dica: — Se tu vuoli amare, io ti darò bene quello che tu possa amare. — E subbito si leva, speculando la dignità de l’anima, e la indegnità nella quale è venuta per la colpa sua. Nella dignità de l’essere gusta la inextimabile mia bontá e caritá increata con la quale Io la creai, e in vedere la sua miseria truova e gusta la misericordia mia, che per misericordia l’ho prestato el tempo e tratta della tenebre.

Alora l’affetto si notrica in amore, aprendo la bocca del sancto desiderio, con la quale mangia odio e dispiacimento della propria sensualità, unta di vera umilità, con perfetta pazienzia, la quale trasse de l’odio sancto. Concepute le virtú elle si parturiscono perfettamente e imperfettamente, secondo che l’anima exercita la perfeczione in sé, si come di sotto ti dirò.

Cosí per lo contrario, se l’affetto sensitivo si muove a volere amare cose sensitive, l’occhio de l’intelletto a quello si muove, e ponsi per obietto solo cose transitorie, con amore proprio, con dispiacimento della virtú e amore del vizio; unde traie superbia e impazienzia. La memoria non s’empie d’altro che di quello che le porge l’affetto. Questo amore ha abbaccinato l’occhio, che non discerne né vede se non cotali chiarori. Questo è il chiarore suo: che lo’ntellecto ogni cosa vede e l’affetto ama con alcuna chiarezza di bene e di diletto; e se questo chiarore non avesse, non offendarebbe, perché l’uomo di sua natura non può desiderare altro che bene. Si che il vizio è colorato col colore del proprio bene, e però offende l’anima. Ma perché l’occhio non discerne per la ciechità sua, non cognosce la veritá; e però erra cercando el bene e i diletti colà dove non sonno.

Già t’ho detto ch’e’ diletti del mondo senza me sonno tutti spine piene di veleno; si che è ingannato l’intelletto nel suo vedere e la volontà ne l’amare (amando quel che non die) e la memoria nel ritenere. Lo ‘ntellecto fa come il ladro che imbola l’altrui; e cosí la memoria ritiene il ricordamento continuo di quelle cose che sonno fuore di me: e per questo modo l’anima si priva della grazia.

Tanta è l’unità di queste tre potenzie de l’anima, che Io non posso essere offeso da l’una che tutte non m’offendano. Perché l’una porge a l’altra, si com’ Io t’ho detto, el bene e ‘l male, secondo che piace al libero arbitrio. Questo libero arbitrio è legato con l’affetto, e però el muove secondo che gli piace, o con lume di ragione o senza ragione. Voi avete la ragione legata in me, colà dove el libero arbitrio con disordinato amore non vi tagli; e avete la legge perversa, che sempre impugna contra lo spirito. Avete dunque due parti in voi, cioè la sensualità e la ragione. La sensualità è serva, e però è posta perché ella serva a l’anima, cioè che con lo strumento del corpo proviate ed exercitiate le virtú.

L’anima è libera (liberata da la colpa nel sangue del mio Figliuolo), e non può essere signoreggiata se ella non vuole consentire con la volontà, la quale è legata col libero arbitrio; e esso libero arbitrio si fa una cosa con la volontà, acordandosi con lei. Egli è legato in mezzo fra la sensualità e la ragione; e a qualunque egli si vuole voliere, si può. È vero che, quando l’anima si reca a congregare con la mano del libero arbitrio le potenzie sue nel nome mio, si come detto t’ho, alora sonno congregate tutte l’operazioni che fa la creatura, temporali e spirituali. E il libero arbitrio alora si scioglie da la propria sensualità e legasi con la ragione. Io alora, per grazia, mi riposo nel mezzo di loro. E questo è quello che dixe la mia Verità, Verbo incarnato, dicendo: «Quando saranno due o tre o piú congregati nel nome mio, lo sarò nel mezzo di loro». E cosí è la veritá. E giá ti dixi che neuno poteva venire a me se non per lui, e però n’avevo facto ponte con tre scaloni; e’ quali tre scaloni figurano tre stati de l’anima, si come di sotto ti narrarò.

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online