Scrutatio

Lunedi, 15 aprile 2024 - San Damiano de Veuster ( Letture di oggi)

L - Come questa anima venne in grande amaritudine per la cechità di quelli che s’annegavano giú per lo fiume.

Santa Caterina da Siena

L - Come questa anima venne in grande amaritudine per la cechità di quelli che s’annegavano giú per lo fiume.
font righe continue visite 77

Alora quella anima ansietata di desiderio, considerando la sua e l‘altrui imperfeczione, adolorata d’udire e vedere tanta ciechità delle creature, e avendo veduto che tanta era la bontá di Dio che neuna cosa aveva posta in questa vita che fusse impedimento, in qualunque stato si fusse, a la sua salute, ma tucte ad exercitamento e a provazione della virtú, e nondimeno, con tucto questo, per lo proprio amore e disordinato affecto, n’andavano giú per lo fiume non correggendosi, vedevali giognere a l’etterna dannazione.

E molti di quelli che v’erano, che cominciavano, tornavano a dietro per la cagione che udita aveva da la dolce bontá di Dio, che aveva degnato di manifestare se medesimo a lei. E per questo stava in amaritudine. E fermando essa l’occhio de l’ intellecto nel Padre etterno, diceva: — O amore inextimabile, grande è l’inganno delle tue creature! Vorrei che, quando piacesse a la tua bontá, tu piú distinctamente mi spianassi e’ tre scaloni figurati nel corpo de l’unigenito tuo Figliuolo; e che modo essi debbono tenere per escire al tucto del pelago e tenere la via della Verità tua, e chi sonno coloro che salgono la scala.