Scrutatio

Domenica, 3 marzo 2024 - Santa Caterina (Katharina) Drexel ( Letture di oggi)

XLVII - Come non si possono observare i comandamenti che non si observino i consigli. E come in ogni stato che la persona vuole essere, avendo sancta e buona volontà, è piacevole a Dio.

Santa Caterina da Siena

XLVII - Come non si possono observare i comandamenti che non si observino i consigli. E come in ogni stato che la persona vuole essere, avendo sancta e buona volontà, è piacevole a Dio.
font righe continue visite 69

— Costoro ti dixi che col coltello di due tagli (cioè con l’odio del vizio e amore delle virtú) per amore tagliavano ci veleno della propria sensualità, e col lume della ragione tenevano e possedevano. E acquistavano l’oro in queste cose mondane, chi le voleva tenere; ma chi voleva usare la grande perfeczione le spregiava actualmente e mentalmente. Questi ti dixi che observavano ci consiglio actualmente, il quale lo’ fu dato e tassato da la mia Verità. Costoro che possedevano sonno quelli che observano e’ comandamenti e i consigli mentalmente ma non actualmente. Ma però ch’ e’ consigli sonno legati co’ comandamenti, neuno può observare i comandamenti che non observi e’ consigli: non actualmente ma mentalmente. Cioè che, possedendo le ‘ricchezze del mondo, egli le possegga con ùmilità e non con superbia, possedendole come cosa prestata e non come cosa sua, come elle sonno date a voi per uso da la mia bontá. Unde tanto l’avete quanto lo ve le do, e tanto le tenete quanto lo ve le lasso, e tanto ve le lasso e do quanto lo vego che faccino per la salute vostra. Per questo modo le dovete usare.

Usandole l’uomo cosí, observa ci comandamento, amando me sopra ogni cosa e ‘l proximo come se medesimo. Vive col cuore spogliato e gictale da sé per desiderio, cioè che non l’ama né tiene senza la mia volontà, poniamo che actualmente le possega. Observa ci consiglio per desiderio, come detto t’ho, tagliandone il veleno del disordinato amore.

Questi cotali stanno nella caritá comune. Ma coloro, che observano e’ comandamenti e i consigli mentalmente e actualmente, sonno nella caritá perfetta. Con vera simplicità observano ci consiglio che dixe la mia Verità, Verbo incarnato, a quel giovano quando dimandò dicendo: «Che potrei io fare, Maestro, per avere vita etterna?» Egli disse: «Observa e’ comandamenti della Legge». Ed egli rispondendo dixe: «Io gli observo». Ed Egli dixe: «Bene, se tu vuogli essere perfetto, va’ e vende ciò che tu hai, e dallo a’ povari». El giovano alora si contristò, perché le ricchezze che egli aveva le teneva ancora con troppo amore, e però si contristò. Ma questi perfetti l’observano abandonando ci mondo con tutte le delizie sue, macerando ci corpo con la penitenzia e vigilia, umile e continua orazione.

Questi altri che stanno nella caritá comune, non levandosi attualmente, non ne perdono però vita etterna, perché non ne sonno tenuti; ma debbonle possedere, se eglino vogliono le cose ‘del mondo, per lo modo che detto t’ho. Tenendole, non offendono, perché ogni cosa è buona e perfetta e creata da me, che so’ somma bontá, e fatte perché servano alle mie creature che hanno in loro ragione, e non perché le creature si faccino servi e schiavi delle delizie del mondo; anco perché le tengano (se lo’ piace di tenere, non volendo andare alla grande perfeczione) non come signori ma come servi. E ‘l desiderio loro debbono dare a me, e ogni altra cosa amare e tenere non come cosa loro ma come cosa prestata, come detto t’ho.

Io non so’ acceptatore delle creature né degli stati, ma de’ sancti desidèri. In ogni stato che la persona vuole stare, abbi buona e sancta volontà, ed è piacevole a me. Chi le terrà a questo modo? coloro che n’hanno mozzato ci veleno con l’odio della propria sensualità e con amore della virtú. Avendo mozzo ci veleno della disordinata volontà e ordinatala con l’amore e sancto timore di me, egli può tenere ed eleggere ogni stato che egli vuole: e in ognuno sarà atto ad avere vita etterna.

Poniamo che maggiore perfeczione, e piú piacevole a me, sia di levarsi mentalmente e attualmente da ogni cosa del mondo, chi non si sente di giognere ad questa perfeczione, ché la fragilità sua non el patisse, può stare in questo stato comune, ogniuno secondo lo stato suo. E questo ha ordinato la mia bontá acciò che veruno abbi scusa di peccato in qualunque stato si sia.

E veramente non hanno scusa, però che lo so’ consceso alle passioni e debilezze loro per sifacto modo che, volendo stare nel mondo, possono e possedere le ricchezze e tenere stato di signoria e stare allo stato del matrimonio e notricare ed affadigarsi per li figliuoli. E qualunque stato si vuole essere, possono tenere, purché in veritá essi taglino ci veleno della propria sensualità, la quale dá morte etternale.

E drittamente ella è uno veleno che, come ci veleno dá pena nel corpo, e ne l’ultimo ne muore se giá egli non s’argomenta di bomitarlo e di pigliare alcuna medicina, cosí questo scarpione del diletto del mondo: non le cose temporali in loro, che giá t’ho detto che elle sonno buone e fatte dame che so’ somma bontá, e però le può usare come gli piace con sancto amore e vero timore; ma dico del veleno della perversa volontà de l’uomo. Dico che ella avelena l’anima e dalle la morte se esso non ci vomita per la confessione sancta, traendone il cuore e l’affetto. La quale è una medicina che’l guarisce di questo veleno, poniamo che paia amara a la propria sensualità.

Vedi dunque quanto sonno ingannati! ché possono possedere e avere me, e possono fuggire la tristizia e avere letizia e consolazione, ed essi vogliono pure male, sotto colore di bene, e dannosi a pigliare l’oro con disordinato amore. Ma perché essi sonno aciecati con molta infedelità, non cognoscono ci veleno; veggonsi avelenati e non pigliano ci rimedio. Costoro portano la croce del dimonio, gustando l’arra de l’inferno.



LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online