Avarizia


Amore sregolato dei beni terreni. L'ebr. besa' (etim. "guadagno illecito") è reso dal greco ***: (V. e N. T.). Vizio spesso riprovato nel V. T.; Ex. 18, 21; Iob. in, 24 s.; Ps. 119 [118) 36; Prov 1, 19 ecc.; Is. 5, 8; 33, 15; Jer. 6, 13; Ez. 22, 12 s.; 32, 21 ecc. e severamente punito: Achan, i figli di Samuele, Nabal, Giezi, (Ios. 7, 21-26; I Sam 8, 3; 25, 3-39; 2Reg. 5, 20-27). N. Signore la pone come l'ostacolo peggiore alla sua sequela, fino a porre la scelta tra mammona (v.) e Dio: (Mt. 6, 24; Lc. 16, 13 ss.; cf. Mc. 7, 22). «Dov'è il tuo tesoro ivi è il tuo cuore» Mt. 6, 21. Insegnamento che s. Paolo riprenderà, definendo idolatria l'a. (Eph. 5, 5; Col. 3, 5). Il danaro è l'idolo dell'avaro. Agli Apostoli Gesù raccomanda di evitarla (Lc. 12, 15; cf. 6, 24) e s. Paolo che ha tanta cura di fuggirla (I Tim. 2, 5) e la dice ancora «la radice di tutti i mali» (I Tim. 6, 10), ripete tale particolare raccomandazione al clero (I Tim. 3, 3; Tit. 1l, 7; così s. Pietro 1Petr. 5, 2; mentre l'a. è il movente, la caratteristica degli eretici 2Petr. 2, 3.14); dopo averla spesso stigmatizzata (Rom. l, 29; I Cor 5, 10 s.; 6, 10; Eph. 4, 19 ecc.). L'a. mosse Giuda al delittuoso tradimento (Mt. 26, 15; Mc. 14, 10 s.; Lc. 22, 3 ss. cf. Io. 12, 4 s.) e suggerì la fatale simulazione di Anania (v.) e Saffira: Act. 5, 1-11. [F. S.]



Autore: Mons. Francesco Spadafora
Fonte: Dizionario Biblico diretto da Francesco Spadafora
Visite: 11