Analogia


È l'uso di un termine comune per designare realtà che sono somiglianti e dissimili sotto lo stesso aspetto (per es., " amore ", predicato di Dio e degli esseri umani). Il termine analogico va distinto: a) dai termini equivoci: questi si hanno quando si usa una stessa parola per indicare realtà differenti (per es., il cane, animale, e il cane, costellazione); b) e dai termini univoci, o termini perfettamente sinonimi: si tratta, in questo caso, di termini differenti che indicano una stessa e identica realtà (per es., il " re " e il " sovrano " per indicare il capo supremo di un regno). Cf Equivocità; Univocità.

Fonte: Dizionario sintetico di Teologia (G.O Collins, E.G. Farrugia)
Visite: 66