Amaleciti


Popolo molto antico, dal nome collettivo arcaico Amalec (Num. 24, 20; I Sam 27, 8). Sono ricordati già nella storia di Abramo (Gen. 14, 17). Nomadi, celebri razziatori dalla regione settentrionale della penisola del Sinai, fino al Negeb (Num. 13, 30; Iudc. l, 16 ecc,); una colonia si stabilì sui monti di Efraim (Iudc. 12, 15). In Gen. 36, 12.16 un Amalec, figlio di Elifaz, nipote di Esau, è nominato come capo stipite di un ramo secondario delle tribù idumee. Tra i più accaniti nemici d'Israele, furono i primi ad attaccare gli Ebrei, dopo l'Esodo (Ex. 17); impedirono loro di entrare in Canaan dal sud (Num. 14, 43 s.); dopo l'occupazione di Canaan, non cessarono di razziarli con frequenti incursioni (Iudc. 3, 13; 6, 4-33; 7, 12). Balaam ne predisse la distruzione (Num. 24, 20); e Deut. 25, 17 ss. ne comanda lo sterminio. Furono vinti da Saul (I Sam 15) e poi da David (ibid. 27, 8; 30, 1-20). Quel che ne rimaneva fu annientato al tempo di Ezechia nella regione di Seir (I Par. 4, 42 s.). Cf. J. De Fraine, Le roi Agag devant la mort (I Sam 15, 36b), in EstE 34 (1960) 537-545.
[F. S.]


Autore: Mons. Francesco Spadafora
Fonte: Dizionario Biblico diretto da Francesco Spadafora
Visite: 18