Scrutatio

Friday, 12 April 2024 - San Zenone ( Letture di oggi)

Lucas 14


font
VULGATABIBBIA
1 Et factum est cum intraret Jesus in domum cujusdam principis pharisæorum sabbato manducare panem, et ipsi observabant eum.1 Un sabato era entrato in casa di uno dei capi dei farisei per pranzare e la gente stava ad osservarlo.
2 Et ecce homo quidam hydropicus erat ante illum.2 Davanti a lui stava un idropico.
3 Et respondens Jesus dixit ad legisperitos et pharisæos, dicens : Si licet sabbato curare ?3 Rivolgendosi ai dottori della legge e ai farisei, Gesù disse: "È lecito o no curare di sabato?".
4 At illi tacuerunt. Ipse vero apprehensum sanavit eum, ac dimisit.4 Ma essi tacquero. Egli lo prese per mano, lo guarì e lo congedò.
5 Et respondens ad illos dixit : Cujus vestrum asinus, aut bos in puteum cadet, et non continuo extrahet illum die sabbati ?5 Poi disse: "Chi di voi, se un asino o un bue gli cade nel pozzo, non lo tirerà subito fuori in giorno di sabato?".
6 Et non poterant ad hæc respondere illi.
6 E non potevano rispondere nulla a queste parole.

7 Dicebat autem et ad invitatos parabolam, intendens quomodo primos accubitus eligerent, dicens ad illos :7 Osservando poi come gli invitati sceglievano i primi posti, disse loro una parabola:
8 Cum invitatus fueris ad nuptias, non discumbas in primo loco, ne forte honoratior te sit invitatus ab illo.8 "Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più ragguardevole di te
9 Et veniens is, qui te et illum vocavit, dicat tibi : Da huic locum : et tunc incipias cum rubore novissimum locum tenere.9 e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: Cedigli il posto! Allora dovrai con vergogna occupare l'ultimo posto.
10 Sed cum vocatus fueris, vade, recumbe in novissimo loco : ut, cum venerit qui te invitavit, dicat tibi : Amice, ascende superius. Tunc erit tibi gloria coram simul discumbentibus :10 Invece quando sei invitato, va' a metterti all'ultimo posto, perché venendo colui che ti ha invitato ti dica: Amico, passa più avanti. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali.
11 quia omnis, qui se exaltat, humiliabitur : et qui se humiliat, exaltabitur.
11 Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato".

12 Dicebat autem et ei, qui invitaverat : Cum facis prandium, aut cœnam, noli vocare amicos tuos, neque fratres tuos, neque cognatos, neque vicinos divites : ne forte te et ipsi reinvitent, et fiat tibi retributio ;12 Disse poi a colui che l'aveva invitato: "Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici, né i tuoi fratelli, né i tuoi parenti, né i ricchi vicini, perché anch'essi non ti invitino a loro volta e tu abbia il contraccambio.
13 sed cum facis convivium, voca pauperes, debiles, claudos, et cæcos :13 Al contrario, quando dài un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi;
14 et beatus eris, quia non habent retribuere tibi : retribuetur enim tibi in resurrectione justorum.
14 e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti".

15 Hæc cum audisset quidam de simul discumbentibus, dixit illi : Beatus qui manducabit panem in regno Dei.15 Uno dei commensali, avendo udito ciò, gli disse: "Beato chi mangerà il pane nel regno di Dio!".
16 At ipse dixit ei : Homo quidam fecit cœnam magnam, et vocavit multos.16 Gesù rispose: "Un uomo diede una grande cena e fece molti inviti.
17 Et misit servum suum hora cœnæ dicere invitatis ut venirent, quia jam parata sunt omnia.17 All'ora della cena, mandò il suo servo a dire agli invitati: Venite, è pronto.
18 Et cœperunt simul omnes excusare. Primus dixit ei : Villam emi, et necesse habeo exire, et videre illam : rogo te, habe me excusatum.18 Ma tutti, all'unanimità, cominciarono a scusarsi. Il primo disse: Ho comprato un campo e devo andare a vederlo; ti prego, considerami giustificato.
19 Et alter dixit : Juga boum emi quinque, et eo probare illa : rogo te, habe me excusatum.19 Un altro disse: Ho comprato cinque paia di buoi e vado a provarli; ti prego, considerami giustificato.
20 Et alius dixit : Uxorem duxi, et ideo non possum venire.20 Un altro disse: Ho preso moglie e perciò non posso venire.
21 Et reversus servus nuntiavit hæc domino suo. Tunc iratus paterfamilias, dixit servo suo : Exi cito in plateas et vicos civitatis : et pauperes, ac debiles, et cæcos, et claudos introduc huc.21 Al suo ritorno il servo riferì tutto questo al padrone. Allora il padrone di casa, irritato, disse al servo: Esci subito per le piazze e per le vie della città e conduci qui poveri, storpi, ciechi e zoppi.
22 Et ait servus : Domine, factum est ut imperasti, et adhuc locus est.22 Il servo disse: Signore, è stato fatto come hai ordinato, ma c'è ancora posto.
23 Et ait dominus servo : Exi in vias, et sæpes : et compelle intrare, ut impleatur domus mea.23 Il padrone allora disse al servo: Esci per le strade e lungo le siepi, spingili a entrare, perché la mia casa si riempia.
24 Dico autem vobis quod nemo virorum illorum qui vocati sunt, gustabit cœnam meam.
24 Perché vi dico: Nessuno di quegli uomini che erano stati invitati assaggerà la mia cena".

25 Ibant autem turbæ multæ cum eo : et conversus dixit ad illos :25 Siccome molta gente andava con lui, egli si voltò e disse:
26 Si quis venit ad me, et non odit patrem suum, et matrem, et uxorem, et filios, et fratres, et sorores, adhuc autem et animam suam, non potest meus esse discipulus.26 "Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo.
27 Et qui non bajulat crucem suam, et venit post me, non potest meus esse discipulus.27 Chi non porta la propria croce e non viene dietro di me, non può essere mio discepolo.

28 Quis enim ex vobis volens turrim ædificare, non prius sedens computat sumptus, qui necessarii sunt, si habeat ad perficiendum,28 Chi di voi, volendo costruire una torre, non si siede prima a calcolarne la spesa, se ha i mezzi per portarla a compimento?
29 ne, posteaquam posuerit fundamentum, et non potuerit perficere, omnes qui vident, incipiant illudere ei,29 Per evitare che, se getta le fondamenta e non può finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, dicendo:
30 dicentes : Quia hic homo cœpit ædificare, et non potuit consummare ?30 Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro.
31 Aut quis rex iturus committere bellum adversus alium regem, non sedens prius cogitat, si possit cum decem millibus occurrere ei, qui cum viginti millibus venit ad se ?31 Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila?
32 Alioquin adhuc illo longe agente, legationem mittens rogat ea quæ pacis sunt.32 Se no, mentre l'altro è ancora lontano, gli manda un'ambasceria per la pace.
33 Sic ergo omnis ex vobis, qui non renuntiat omnibus quæ possidet, non potest meus esse discipulus.33 Così chiunque di voi non rinunzia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo.

34 Bonum est sal : si autem sal evanuerit, in quo condietur ?34 Il sale è buono, ma se anche il sale perdesse il sapore, con che cosa lo si salerà?
35 Neque in terram, neque in sterquilinium utile est, sed foras mittetur. Qui habet aures audiendi, audiat.35 Non serve né per la terra né per il concime e così lo buttano via. Chi ha orecchi per intendere, intenda".