Scrutatio

Tuesday, 3 October 2023 - Nostro Signore della Misericordia ( Letture di oggi)

Psalmi 68


font
VULGATABIBBIA
1 In finem, pro iis qui commutabuntur. David.1 'Al maestro del coro. Di Davide. Salmo. Canto.'

2 Salvum me fac, Deus,
quoniam intraverunt aquæ usque ad animam meam.
2 Sorga Dio, i suoi nemici si disperdano
e fuggano davanti a lui quelli che lo odiano.
3 Infixus sum in limo profundi et non est substantia.
Veni in altitudinem maris, et tempestas demersit me.
3 Come si disperde il fumo, tu li disperdi;
come fonde la cera di fronte al fuoco,
periscano gli empi davanti a Dio.
4 Laboravi clamans, raucæ factæ sunt fauces meæ ;
defecerunt oculi mei, dum spero in Deum meum.
4 I giusti invece si rallegrino,
esultino davanti a Dio
e cantino di gioia.

5 Multiplicati sunt super capillos capitis mei
qui oderunt me gratis.
Confortati sunt qui persecuti sunt me
inimici mei injuste ;
quæ non rapui, tunc exsolvebam.
5 Cantate a Dio, inneggiate al suo nome,
spianate la strada a chi cavalca le nubi:
"Signore" è il suo nome,
gioite davanti a lui.
6 Deus, tu scis insipientiam meam ;
et delicta mea a te non sunt abscondita.
6 Padre degli orfani e difensore delle vedove
è Dio nella sua santa dimora.
7 Non erubescant in me qui exspectant te, Domine, Domine virtutum ;
non confundantur super me qui quærunt te, Deus Israël.
7 Ai derelitti Dio fa abitare una casa,
fa uscire con gioia i prigionieri;
solo i ribelli abbandona in arida terra.
8 Quoniam propter te sustinui opprobrium ;
operuit confusio faciem meam.
8 Dio, quando uscivi davanti al tuo popolo,
quando camminavi per il deserto,
9 Extraneus factus sum fratribus meis,
et peregrinus filiis matris meæ.
9 la terra tremò, stillarono i cieli
davanti al Dio del Sinai,
davanti a Dio, il Dio di Israele.
10 Quoniam zelus domus tuæ comedit me,
et opprobria exprobrantium tibi ceciderunt super me.
10 Pioggia abbondante riversavi, o Dio,
rinvigorivi la tua eredità esausta.
11 Et operui in jejunio animam meam,
et factum est in opprobrium mihi.
11 E il tuo popolo abitò il paese
che nel tuo amore, o Dio, preparasti al misero.

12 Et posui vestimentum meum cilicium ;
et factus sum illis in parabolam.
12 Il Signore annunzia una notizia,
le messaggere di vittoria sono grande schiera:
13 Adversum me loquebantur qui sedebant in porta,
et in me psallebant qui bibebant vinum.
13 "Fuggono i re, fuggono gli eserciti,
anche le donne si dividono il bottino.
14 Ego vero orationem meam ad te, Domine ;
tempus beneplaciti, Deus.
In multitudine misericordiæ tuæ,
exaudi me in veritate salutis tuæ.
14 Mentre voi dormite tra gli ovili,
splendono d'argento le ali della colomba,
le sue piume di riflessi d'oro".
15 Eripe me de luto, ut non infigar ;
libera me ab iis qui oderunt me, et de profundis aquarum.
15 Quando disperdeva i re l'Onnipotente,
nevicava sullo Zalmon.
16 Non me demergat tempestas aquæ,
neque absorbeat me profundum,
neque urgeat super me puteus os suum.
16 Monte di Dio, il monte di Basan,
monte dalle alte cime, il monte di Basan.

17 Exaudi me, Domine, quoniam benigna est misericordia tua ;
secundum multitudinem miserationum tuarum respice in me.
17 Perché invidiate, o monti dalle alte cime,
il monte che Dio ha scelto a sua dimora?
Il Signore lo abiterà per sempre.
18 Et ne avertas faciem tuam a puero tuo ;
quoniam tribulor, velociter exaudi me.
18 I carri di Dio sono migliaia e migliaia:
il Signore viene dal Sinai nel santuario.
19 Intende animæ meæ, et libera eam ;
propter inimicos meos, eripe me.
19 Sei salito in alto conducendo prigionieri,
hai ricevuto uomini in tributo:
anche i ribelli abiteranno
presso il Signore Dio.

20 Tu scis improperium meum, et confusionem meam, et reverentiam meam ;
20 Benedetto il Signore sempre;
ha cura di noi il Dio della salvezza.
21 in conspectu tuo sunt omnes qui tribulant me.
Improperium exspectavit cor meum et miseriam :
et sustinui qui simul contristaretur, et non fuit ;
et qui consolaretur, et non inveni.
21 Il nostro Dio è un Dio che salva;
il Signore Dio libera dalla morte.
22 Et dederunt in escam meam fel,
et in siti mea potaverunt me aceto.
22 Sì, Dio schiaccerà il capo dei suoi nemici,
la testa altéra di chi percorre la via del delitto.

23 Fiat mensa eorum coram ipsis in laqueum,
et in retributiones, et in scandalum.
23 Ha detto il Signore: "Da Basan li farò tornare,
li farò tornare dagli abissi del mare,
24 Obscurentur oculi eorum, ne videant,
et dorsum eorum semper incurva.
24 perché il tuo piede si bagni nel sangue,
e la lingua dei tuoi cani riceva la sua parte tra i nemici".

25 Effunde super eos iram tuam,
et furor iræ tuæ comprehendat eos.
25 Appare il tuo corteo, Dio,
il corteo del mio Dio, del mio re, nel santuario.
26 Fiat habitatio eorum deserta,
et in tabernaculis eorum non sit qui inhabitet.
26 Precedono i cantori, seguono ultimi i citaredi,
in mezzo le fanciulle che battono cèmbali.
27 Quoniam quem tu percussisti persecuti sunt,
et super dolorem vulnerum meorum addiderunt.
27 "Benedite Dio nelle vostre assemblee,
benedite il Signore, voi della stirpe di Israele".
28 Appone iniquitatem super iniquitatem eorum,
et non intrent in justitiam tuam.
28 Ecco, Beniamino, il più giovane,
guida i capi di Giuda nelle loro schiere,
i capi di Zàbulon, i capi di Nèftali.

29 Deleantur de libro viventium,
et cum justis non scribantur.
29 Dispiega, Dio, la tua potenza,
conferma, Dio, quanto hai fatto per noi.
30 Ego sum pauper et dolens ;
salus tua, Deus, suscepit me.
30 Per il tuo tempio, in Gerusalemme,
a te i re porteranno doni.
31 Laudabo nomen Dei cum cantico,
et magnificabo eum in laude :
31 Minaccia la belva dei canneti,
il branco dei tori con i vitelli dei popoli:
si prostrino portando verghe d'argento;
disperdi i popoli che amano la guerra.
32 et placebit Deo super vitulum novellum,
cornua producentem et ungulas.
32 Verranno i grandi dall'Egitto,
l'Etiopia tenderà le mani a Dio.

33 Videant pauperes, et lætentur ;
quærite Deum, et vivet anima vestra :
33 Regni della terra, cantate a Dio,
cantate inni al Signore;
34 quoniam exaudivit pauperes Dominus,
et vinctos suos non despexit.
34 egli nei cieli cavalca, nei cieli eterni,
ecco, tuona con voce potente.

35 Laudent illum cæli et terra ;
mare, et omnia reptilia in eis.
35 Riconoscete a Dio la sua potenza,
la sua maestà su Israele,
la sua potenza sopra le nubi.
36 Quoniam Deus salvam faciet Sion,
et ædificabuntur civitates Juda,
et inhabitabunt ibi, et hæreditate acquirent eam.
36 Terribile sei, Dio, dal tuo santuario;
il Dio d'Israele dà forza e vigore al suo popolo,
sia benedetto Dio.
37 Et semen servorum ejus possidebit eam ;
et qui diligunt nomen ejus habitabunt in ea.