Scrutatio

Friday, 1 March 2024 - San Felice III ( Letture di oggi)

Vangelo secondo Matteo 20


font
NOVA VULGATABIBBIA
1 Simile est enim regnum cae lorum homini patri familias, qui exiit primomane conducere operarios in vineam suam;1 "Il regno dei cieli è simile a un padrone di casa che uscì all'alba per prendere a giornata lavoratori per la sua vigna.
2 conventione autem facta cum operariisex denario diurno, misit eos in vineam suam.2 Accordatosi con loro per un denaro al giorno, li mandò nella sua vigna.
3 Et egressus circa horam tertiamvidit alios stantes in foro otiosos3 Uscito poi verso le nove del mattino, ne vide altri che stavano sulla piazza disoccupati
4 et illis dixit: “Ite et vos in vineam;et, quod iustum fuerit, dabo vobis”.4 e disse loro: Andate anche voi nella mia vigna; quello che è giusto ve lo darò. Ed essi andarono.
5 Illi autem abierunt. Iterum autem exiitcirca sextam et nonam horam et fecit similiter.5 Uscì di nuovo verso mezzogiorno e verso le tre e fece altrettanto.
6 Circa undecimam vero exiit etinvenit alios stantes et dicit illis: “Quid hic statis tota die otiosi?”.6 Uscito ancora verso le cinque, ne vide altri che se ne stavano là e disse loro: Perché ve ne state qui tutto il giorno oziosi?
7 Dicunt ei: “Quia nemo nos conduxit”. Dicit illis: “Ite et vos in vineam”.
7 Gli risposero: Perché nessuno ci ha presi a giornata. Ed egli disse loro: Andate anche voi nella mia vigna.
8 Cum sero autem factum esset, dicit dominus vineae procuratori suo: “ Vocaoperarios et redde illis mercedem incipiens a novissimis usque ad primos ”.8 Quando fu sera, il padrone della vigna disse al suo fattore: Chiama gli operai e da' loro la paga, incominciando dagli ultimi fino ai primi.
9 Et cum venissent, qui circa undecimam horam venerant, acceperunt singulidenarium.9 Venuti quelli delle cinque del pomeriggio, ricevettero ciascuno un denaro.
10 Venientes autem primi arbitrati sunt quod plus essent accepturi;acceperunt autem et ipsi singuli denarium.10 Quando arrivarono i primi, pensavano che avrebbero ricevuto di più. Ma anch'essi ricevettero un denaro per ciascuno.
11 Accipientes autem murmurabantadversus patrem familias11 Nel ritirarlo però, mormoravano contro il padrone dicendo:
12 dicentes: “Hi novissimi una hora fecerunt, etpares illos nobis fecisti, qui portavimus pondus diei et aestum!”.12 Questi ultimi hanno lavorato un'ora soltanto e li hai trattati come noi, che abbiamo sopportato il peso della giornata e il caldo.
13 At illerespondens uni eorum dixit: “Amice, non facio tibi iniuriam; nonne ex denarioconvenisti mecum?13 Ma il padrone, rispondendo a uno di loro, disse: Amico, io non ti faccio torto. Non hai forse convenuto con me per un denaro?
14 Tolle, quod tuum est, et vade; volo autem et huic novissimodare sicut et tibi.14 Prendi il tuo e vattene; ma io voglio dare anche a quest'ultimo quanto a te.
15 Aut non licet mihi, quod volo, facere de meis? An oculustuus nequam est, quia ego bonus sum?”.
15 Non posso fare delle mie cose quello che voglio? Oppure tu sei invidioso perché io sono buono?
16 Sic erunt novissimi primi, et primi novissimi ”.
16 Così gli ultimi saranno primi, e i primi ultimi".

17 Et ascendens Iesus Hierosolymam assumpsit Duodecim discipulos secreto et aitillis in via:17 Mentre saliva a Gerusalemme, Gesù prese in disparte i dodici e lungo la via disse loro:
18 “ Ecce ascendimus Hierosolymam, et Filius hominis tradeturprincipibus sacerdotum et scribis, et condemnabunt eum morte18 "Ecco, noi stiamo salendo a Gerusalemme e il Figlio dell'uomo sarà consegnato ai sommi sacerdoti e agli scribi, che lo condanneranno a morte
19 et tradent eumgentibus ad illudendum et flagellandum et crucifigendum, et tertia die resurget”.
19 e lo consegneranno ai pagani perché sia schernito e flagellato e crocifisso; ma il terzo giorno risusciterà".

20 Tunc accessit ad eum mater filiorum Zebedaei cum filiis suis, adorans etpetens aliquid ab eo.20 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per chiedergli qualcosa.
21 Qui dixit ei: “ Quid vis? ”. Ait illi: “ Dic utsedeant hi duo filii mei unus ad dexteram tuam et unus ad sinistram in regno tuo”.21 Egli le disse: "Che cosa vuoi?". Gli rispose: "Di' che questi miei figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno".
22 Respondens autem Iesus dixit: “ Nescitis quid petatis. Potestis biberecalicem, quem ego bibiturus sum? ”. Dicunt ei: “ Possumus ”.22 Rispose Gesù: "Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per bere?". Gli dicono: "Lo possiamo".
23 Ait illis:“ Calicem quidem meum bibetis, sedere autem ad dexteram meam et sinistram nonest meum dare illud, sed quibus paratum est a Patre meo ”.
23 Ed egli soggiunse: "Il mio calice lo berrete; però non sta a me concedere che vi sediate alla mia destra o alla mia sinistra, ma è per coloro per i quali è stato preparato dal Padre mio".
24 Et audientes decem indignati sunt de duobus fratribus.24 Gli altri dieci, udito questo, si sdegnarono con i due fratelli;
25 Iesus autem vocaviteos ad se et ait: “ Scitis quia principes gentium dominantur eorum et, quimagni sunt, potestatem exercent in eos.25 ma Gesù, chiamatili a sé, disse: "I capi delle nazioni, voi lo sapete, dominano su di esse e i grandi esercitano su di esse il potere.
26 Non ita erit inter vos, sed quicumquevoluerit inter vos magnus fieri, erit vester minister;26 Non così dovrà essere tra voi; ma colui che vorrà diventare grande tra voi, si farà vostro servo,
27 et, quicumque volueritinter vos primus esse, erit vester servus;27 e colui che vorrà essere il primo tra voi, si farà vostro schiavo;
28 sicut Filius hominis non venitministrari sed ministrare et dare animam suam redemptionem pro multis ”.
28 appunto come il Figlio dell'uomo, che non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la sua vita in riscatto per molti".

29 Et egredientibus illis ab Iericho, secuta est eum turba multa.29 Mentre uscivano da Gèrico, una gran folla seguiva Gesù.
30 Et ecce duocaeci sedentes secus viam audierunt quia Iesus transiret et clamaveruntdicentes: “ Domine, miserere nostri, fili David! ”.30 Ed ecco che due ciechi, seduti lungo la strada, sentendo che passava, si misero a gridare: "Signore, abbi pietà di noi, figlio di Davide!".
31 Turba autemincrepabat eos, ut tacerent; at illi magis clamabant dicentes: “ Domine,miserere nostri, fili David! ”.31 La folla li sgridava perché tacessero; ma essi gridavano ancora più forte: "Signore, figlio di Davide, abbi pietà di noi!".
32 Et stetit Iesus et vocavit eos et ait: “Quid vultis, ut faciam vobis?”.32 Gesù, fermatosi, li chiamò e disse: "Che volete che io vi faccia?".
33 Dicunt illi: “ Domine, ut aperianturoculi nostri ”.33 Gli risposero: "Signore, che i nostri occhi si aprano!".
34 Misertus autem Iesus, tetigit oculos eorum; et confestimviderunt et secuti sunt eum.
34 Gesù si commosse, toccò loro gli occhi e subito ricuperarono la vista e lo seguirono.