Scrutatio

Friday, 12 April 2024 - San Zenone ( Letture di oggi)

Salmi 137


font
NOVA VULGATABIBBIA
1 Super flumina Babylonis,
illic sedimus et flevimus,
cum recordaremur Sion.
1 Sui fiumi di Babilonia,
là sedevamo piangendo
al ricordo di Sion.
2 In salicibus in medio eius
suspendimus citharas nostras.
2 Ai salici di quella terra
appendemmo le nostre cetre.
3 Quia illic rogaverunt nos,
qui captivos duxerunt nos,
verba cantionum,
et, qui affligebant nos, laetitiam:
“ Cantate nobis de canticis Sion ”.
3 Là ci chiedevano parole di canto
coloro che ci avevano deportato,
canzoni di gioia, i nostri oppressori:
"Cantateci i canti di Sion!".

4 Quomodo cantabimus canticum Domini
in terra aliena?
4 Come cantare i canti del Signore
in terra straniera?
5 Si oblitus fuero tui, Ierusalem,
oblivioni detur dextera mea;
5 Se ti dimentico, Gerusalemme,
si paralizzi la mia destra;
6 adhaereat lingua mea faucibus meis,
si non meminero tui,
si non praeposuero Ierusalem
in capite laetitiae meae.
6 mi si attacchi la lingua al palato,
se lascio cadere il tuo ricordo,
se non metto Gerusalemme
al di sopra di ogni mia gioia.

7 Memor esto, Domine, adversus filios Edom
diei Ierusalem;
qui dicebant: “ Exinanite, exinanite
usque ad fundamentum in ea ”.
7 Ricordati, Signore, dei figli di Edom,
che nel giorno di Gerusalemme,
dicevano: "Distruggete, distruggete
anche le sue fondamenta".
8 Filia Babylonis devastans,
beatus, qui retribuet tibi retributionem tuam,
quam retribuisti nobis;
8 Figlia di Babilonia devastatrice,
beato chi ti renderà quanto ci hai fatto.
9 beatus, qui tenebit
et allidet parvulos tuos ad petram.
9 Beato chi afferrerà i tuoi piccoli
e li sbatterà contro la pietra.