Scrutatio

Thursday, 29 February 2024 - Sant' Augusto Chapdelaine ( Letture di oggi)

Salmi 109


font
NOVA VULGATABIBBIA
1 Magistro chori. David. Psalmus.
Deus laudis meae, ne tacueris,
1 'Al maestro del coro. Di Davide. Salmo.'

Dio della mia lode, non tacere,
2 quia os peccatoris et os dolosi super me apertum est.
Locuti sunt adversum me lingua dolosa
2 poiché contro di me si sono aperte
la bocca dell'empio e dell'uomo di frode;
parlano di me con lingua di menzogna.

3 et sermonibus odii circumdederunt me
et expugnaverunt me gratis.
3 Mi investono con parole di odio,
mi combattono senza motivo.
4 Pro dilectione mea adversabantur mihi;
ego autem orabam.
4 In cambio del mio amore mi muovono accuse,
mentre io sono in preghiera.
5 Et posuerunt adversum me mala pro bonis
et odium pro dilectione mea.
5 Mi rendono male per bene
e odio in cambio di amore.

6 Constitue super eum peccatorem,
et adversarius stet a dextris eius.
6 Suscita un empio contro di lui
e un accusatore stia alla sua destra.
7 Cum iudicatur, exeat condemnatus,
et oratio eius fiat in peccatum.
7 Citato in giudizio, risulti colpevole
e il suo appello si risolva in condanna.
8 Fiant dies eius pauci,
et ministerium eius accipiat alter.
8 Pochi siano i suoi giorni
e il suo posto l'occupi un altro.
9 Fiant filii eius orphani,
et uxor eius vidua.
9 I suoi figli rimangano orfani
e vedova sua moglie.
10 Instabiles vagentur filii eius et mendicent
et eiciantur de ruinis suis. -
10 Vadano raminghi i suoi figli, mendicando,
siano espulsi dalle loro case in rovina.

11 Scrutetur fenerator omnem substantiam eius,
et diripiant alieni labores eius.
11 L'usuraio divori tutti i suoi averi
e gli estranei faccian preda del suo lavoro.
12 Non sit qui praebeat illi misericordiam,
nec sit qui misereatur pupillis eius.
12 Nessuno gli usi misericordia,
nessuno abbia pietà dei suoi orfani.
13 Fiant nati eius in interitum,
in generatione una deleatur nomen eorum.
13 La sua discendenza sia votata allo sterminio,
nella generazione che segue sia cancellato il suo nome.
14 In memoriam redeat iniquitas patrum eius in conspectu Domini,
et peccatum matris eius non deleatur.
14 L'iniquità dei suoi padri sia ricordata al Signore,
il peccato di sua madre non sia mai cancellato.
15 Fiant contra Dominum semper,
et disperdat de terra memoriam eorum.
15 Siano davanti al Signore sempre
ed egli disperda dalla terra il loro ricordo.

16 Pro eo quod non est recordatus facere misericordiam
et persecutus est hominem inopem et mendicum
et compunctum corde, ut mortificaret.
16 Perché ha rifiutato di usare misericordia
e ha perseguitato il misero e l'indigente,
per far morire chi è affranto di cuore.
17 Et dilexit maledictionem: et veniat ei;
et noluit benedictionem: et elongetur ab eo.
17 Ha amato la maledizione: ricada su di lui!
Non ha voluto la benedizione: da lui si allontani!
18 Et induit maledictionem sicut vestimentum:
et intret sicut aqua in interiora eius,
et sicut oleum in ossa eius.
18 Si è avvolto di maledizione come di un mantello:
è penetrata come acqua nel suo intimo
e come olio nelle sue ossa.

19 Fiat ei sicut indumentum, quo operitur,
et sicut zona, qua semper praecingitur.
19 Sia per lui come vestito che lo avvolge,
come cintura che sempre lo cinge.
20 Haec retributio eorum, qui adversantur mihi apud Dominum,
et qui loquuntur mala adversus animam meam.
20 Sia questa da parte del Signore
la ricompensa per chi mi accusa,
per chi dice male contro la mia vita.

21 Et tu, Domine, Domine, fac mecum propter nomen tuum,
quia suavis est misericordia tua;
libera me,
21 Ma tu, Signore Dio,
agisci con me secondo il tuo nome:
salvami, perché buona è la tua grazia.
22 quia egenus et pauper ego sum,
et cor meum vulneratum est intra me.
22 Io sono povero e infelice
e il mio cuore è ferito nell'intimo.
23 Sicut umbra, cum declinat, pertransii,
excussus sum sicut locustae.
23 Scompaio come l'ombra che declina,
sono sbattuto come una locusta.
24 Genua mea infirmata sunt ieiunio,
et caro mea contabuit absque oleo.
24 Le mie ginocchia vacillano per il digiuno,
il mio corpo è scarno e deperisce.
25 Et ego factus sum opprobrium illis:
viderunt me et moverunt capita sua.
25 Sono diventato loro oggetto di scherno,
quando mi vedono scuotono il capo.

26 Adiuva me, Domine Deus meus,
salvum me fac secundum misericordiam tuam.
26 Aiutami, Signore mio Dio,
salvami per il tuo amore.
27 Et sciant quia manus tua haec:
tu, Domine, hoc fecisti.
27 Sappiano che qui c'è la tua mano:
tu, Signore, tu hai fatto questo.
28 Maledicant illi, et tu benedicas;
qui insurgunt in me, confundantur,
servus autem tuus laetabitur.
28 Maledicano essi, ma tu benedicimi;
insorgano quelli e arrossiscano,
ma il tuo servo sia nella gioia.
29 Induantur, qui detrahunt mihi, pudore
et operiantur sicut diploide confusione sua.
29 Sia coperto di infamia chi mi accusa
e sia avvolto di vergogna come d'un mantello.

30 Confitebor Domino nimis in ore meo
et in medio multorum laudabo eum,
30 Alta risuoni sulle mie labbra la lode del Signore,
lo esalterò in una grande assemblea;
31 quia astitit a dextris pauperis,
ut salvam faceret a iudicantibus animam eius.
31 poiché si è messo alla destra del povero
per salvare dai giudici la sua vita.