La santa verginità

Sant'Agostino d'Ippona

La santa verginità
83

Introduzione all'opera.

1. 1. Or non è molto abbiamo pubblicato un libro su La dignità del matrimonio. In esso esortavamo le vergini di Cristo - come le esortiamo anche adesso - a non disprezzare i coniugi dell'antico popolo di Dio, anche se, paragonandosi con loro, troveranno che il proprio dono divino è più grande e più sublime. Di tali coniugi e del ministero che mediante la generazione dei figli rendevano al Messia venturo fa l'elogio l'Apostolo chiamandoli il buon olivo, per eliminare ogni superbia nell'olivo selvatico che vi è stato innestato 1. Non si deve pensare che fossero inferiori in merito, anche se per diritto divino la continenza in se stessa è più eccellente del matrimonio e la verginità consacrata più eccellente delle nozze. Per loro mezzo, infatti, si preparavano e venivano realizzandosi quegli eventi futuri che noi oggi riscontriamo essersi verificati con meravigliosa efficacia: tanto che la stessa loro vita coniugale aveva un valore profetico, e non va attribuito ai soliti motivi di calcolo personale e di soddisfazione esclusivamente umana se in certuni di loro la fecondità meritò degli onori segnalati e se, in altri, fu resa feconda persino la sterilità. Ogni cosa in loro accadeva per un'arcana disposizione divina. Quanto al tempo presente, invece, coloro cui si riferiscono le parole: Se non riescono a contenersi, si sposino 2 non hanno bisogno d'essere incoraggiati ma rasserenati. Mentre gli altri, per i quali sta scritto: Capisca chi può 3, hanno proprio bisogno di esortazione perché non si spaventino, e di salutare timore perché non si inorgogliscano. Non basta quindi elogiare la verginità perché venga amata. Occorrerà anche aggiungere degli ammonimenti perché non si gonfi d'orgoglio.

Dignità delle vergini nella Chiesa, vergine feconda.

2. 2. È quanto intraprendiamo con la presente trattazione. Ci aiuti Cristo, figlio della Vergine e sposo delle vergini, nato fisicamente da un grembo verginale, sposato misticamente con nozze verginali. Se tutta la Chiesa è una vergine fidanzata a un sol uomo, il Cristo 4 (come si esprime l'Apostolo), quale non dovrà essere l'onore che meritano quelle persone che custodiscono anche nel corpo l'integrità che tutti i credenti conservano nella fede! La Chiesa ricopia gli esempi della madre del suo Sposo e del suo Signore, ed è, anche lei, madre e vergine. Se infatti non fosse vergine, perché tanto preoccuparci della sua integrità? E, se non fosse madre, di chi sarebbero figli coloro ai quali rivolgiamo la parola? Maria mise al mondo fisicamente il capo di questo corpo; la Chiesa genera spiritualmente le membra di quel capo. Nell'una e nell'altra la verginità non ostacola la fecondità; nell'una e nell'altra la fecondità non toglie la verginità. La Chiesa è, tutt'intera, santa nel corpo e nell'anima, ma non tutta intera è vergine nel corpo, anche se lo è nell'anima. Di quale santità non dovrà dunque rifulgere in quelle sue membra che conservano la verginità nel corpo e nell'anima?

Parentela di sangue e parentela spirituale.

3. 3. Un giorno - racconta il Vangelo - la madre e i fratelli di Gesù (cioè i suoi cugini) si fecero annunziare, ma rimasero fuori casa perché la folla non permetteva loro di avvicinarsi [al Maestro]. Gesù uscì in queste parole: Chi è mia madre? e chi sono i miei fratelli? E stendendo la mano verso i suoi discepoli, disse: Ecco i miei fratelli! Poiché, chiunque fa la volontà del Padre mio, questi è mio fratello e madre e sorella 5. Ci insegnava con questo ad attribuire più importanza al nostro parentado spirituale che non a quello carnale. Ci insegnava a ritenere beata la gente, non per i vincoli di parentela o di sangue che vanta con persone giuste e sante, ma perché, attraverso l'obbedienza e l'imitazione, si adeguano al loro insegnamento e alla loro condotta. Proprio come Maria, la quale, se fu beata per aver concepito il corpo di Cristo, lo fu maggiormente per aver accettato la fede nel Cristo. A quel tale, infatti, che aveva esclamato: Beato il grembo che ti ha portato!, il Signore replicò: Beati sono, piuttosto, coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano 6. Si sa di certi fratelli di Gesù (cioè suoi parenti di famiglia), che non credettero in lui. A costoro cosa giovò la parentela che li univa a Cristo? E così anche per Maria: di nessun valore sarebbe stata per lei la stessa divina maternità, se lei il Cristo non l'avesse portato nel cuore, con una sorte più fortunata di quando lo concepì nella carne.

Prototipo delle vergini è Maria, vergine per libera scelta.

4. 4. La verginità di Maria fu certamente molto gradita e cara [al Signore]. Egli non si contentò di sottrarla - dopo il suo concepimento - a ogni violazione da parte dell'uomo, e così conservarla sempre incorrotta. Già prima d'essere concepito volle scegliersi, per nascere, una vergine consacrata a Dio, come indicano le parole con le quali Maria replicò all'Angelo che le annunziava l'imminente maternità. Come potrà accadere una tal cosa - disse - se io non conosco uomo? 7. E certo non si sarebbe espressa in tal modo se prima non avesse consacrato a Dio la sua verginità. Ella si era fidanzata perché la verginità non era ancora entrata nelle usanze degli ebrei; ma s'era scelta un uomo giusto, che non sarebbe ricorso alla violenza per toglierle quanto aveva votato a Dio, che anzi l'avrebbe protetta contro ogni violenza. Che se nella sua risposta ella si fosse limitata a dire: Come accadrà questo? e non avesse aggiunto: poiché non conosco uomo, anche in questo caso le sue parole non sarebbero certo state una richiesta d'informazioni sul come avrebbe messo al mondo il figlio che le veniva promesso, qualora sposandosi non avesse escluso ogni uso del matrimonio. L'obbligo di restare vergine poteva anche esserle imposto dall'esterno, affinché il Figlio di Dio assumesse la forma di servo con un miracolo degno dell'evento. Ma non fu così: fu lei stessa a consacrare a Dio la sua verginità quando ancora non sapeva chi avrebbe concepito. E così sarebbe stata di esempio alle sante vergini, e nessuno avrebbe mai potuto credere che la verginità è una prerogativa di colei che aveva meritato la fecondità senza il concorso dell'uomo. In tal modo questa imitazione della vita celeste da parte di persone rivestite di corpo mortale e fragile cominciò ad esistere in forza d'una promessa, non di una imposizione; d'un amore che sceglie, non d'una necessità che rende schiavi. E così Cristo, nascendo da una vergine che aveva deciso di restare vergine quando ancora non sapeva chi sarebbe nato da lei, mostrò che preferiva intervenire all'approvazione della verginità piuttosto che ad impartirne il comando; e per questo motivo volle che, anche in colei che gli avrebbe somministrato la forma di servo, la verginità fosse di libera scelta.

Fratello, sorella e madre di Cristo.

5. 5. Le sante vergini non debbono rammaricarsi se, conservando la verginità, non possono diventar madri in senso fisico. Caso unico, infatti, in cui fu conveniente che la verginità partorisse fu quello di chi, nella sua nascita, non avrebbe dovuto avere l'eguale. Del resto, il parto di quella Vergine singolare e santa è una gloria di tutte le sante vergini: esse sono, in Maria, madri del Cristo, a condizione però che facciano la volontà del Padre. È infatti a questo titolo che Maria è madre di Cristo in senso più encomiabile e felice, secondo la parola evangelica sopra ricordata: Chi fa la volontà del Padre mio, che è nei cieli, costui mi è fratello e sorella e madre 8. Elenca tutti questi vincoli di parentela, ma, trattandosi del popolo dei redenti, li presenta elevati all'ordine soprannaturale, cioè riferiti a se stesso. Egli ritiene per fratelli e sorelle i santi e le sante con i quali condivide l'eredità celeste. Sua madre è la Chiesa universale, in quanto, mediante la grazia divina, genera le sue membra, cioè i suoi fedeli. Inoltre, di ogni anima devota si può dire che essa è madre di Cristo, nel senso che, facendo la volontà del Padre, mediante la carità - che è virtù fecondissima - dà la vita a tutti coloro in cui imprime la forma di Cristo 9. Quanto a Maria, essa adempì la volontà del Padre; e in tal modo, se fisicamente fu soltanto madre di Cristo, spiritualmente gli fu sorella e madre.

Parallelo fra Maria e la Chiesa.

6. 6. Maria è stata l'unica donna ad essere insieme madre e vergine, tanto nello spirito come nel corpo. Spiritualmente però non fu madre del nostro capo, cioè del nostro Salvatore, dal quale piuttosto ebbe la vita, come l'hanno tutti coloro che credono in lui (anche lei è una di questi!), ai quali si applica giustamente il nome di figli dello sposo 10. È invece senza alcun dubbio madre delle sue membra, che siamo noi, nel senso che ha cooperato mediante l'amore a generare alla Chiesa dei fedeli, che formano le membra di quel capo. Per quanto invece concerne il suo corpo, essa è la madre proprio del capo. Era infatti necessario che il nostro capo, con un insigne miracolo, prendesse la carne da una vergine, per significare che nell'ordine soprannaturale le sue membra sarebbero dovute nascere da una vergine, cioè dalla Chiesa. Dunque, soltanto Maria fu madre e vergine nello spirito e nel corpo: madre di Cristo, vergine di Cristo. La Chiesa, nei santi cui è riservato il possesso del Regno dei cieli, è, tutta intera, madre di Cristo e vergine di Cristo, nell'ordine spirituale; fisicamente però non è tutta intera vergine e madre. In certuni è soltanto vergine di Cristo, in certi altri è soltanto madre, ma non di Cristo. Spiritualmente infatti si può dire che sono madri di Cristo tanto le donne sposate quanto le vergini consacrate a Dio, purché siano sante, cioè ornate di santi costumi e specialmente della carità, che procede da cuore puro, coscienza buona e fede sincera 11, e facciano la volontà del Padre celeste. Nell'ordine naturale, invece, delle donne maritate non si può dire che, generando figli, divengano madri di Cristo ma solo di Adamo. Ed è per questo - perché cioè sanno cosa hanno generato - che esse si affrettano a portare ai sacramenti i loro figli, affinché, ricevendone gli effetti salutari, diventino membra di Cristo.

Generare figli non equivale a generare cristiani.

7. 7. Ho detto questo prevedendo possibili attacchi delle persone maritate con prole contro le vergini rimaste incorrotte. Rifacendosi, infatti, a Maria, esse potrebbero ragionare così: " Maria ebbe nel corpo le due prerogative, della verginità e della fecondità: rimase intatta ed ebbe prole. Noi non abbiamo potuto partecipare, tutte, a questo duplice privilegio, ma ce lo siamo diviso a metà: voi ne possedete la verginità, noi la maternità. Per voi, la verginità che avete conservata vi consola della mancanza di prole; per noi, i vantaggi della figliolanza bilanciano la perdita dell'integrità verginale ". Un tal modo di ragionare delle spose cristiane nei riguardi delle sacre vergini si potrebbe, su per giù, lasciar correre se esse effettivamente generassero dei cristiani, e se la fecondità di Maria, a parte la prerogativa della verginità, non avesse altro elemento di superiorità se non quello d'aver generato lei il capo del corpo mistico, le altre invece solo le membra di quel capo. Tuttavia, anche ammesso che a pronunciare tali parole siano persone che si maritino e si diano ai loro uomini per l'unico ed esclusivo fine d'aver figli, e, quanto ai loro figli, esse non si preoccupino d'altro se non che divengano cristiani - e di fatto ce li rendano non appena è loro possibile -, resta sempre vero che dalle viscere materne non nascono dei cristiani ma ci diventano solo in un secondo momento: quando cioè li rigenera la Chiesa, che spiritualmente è la madre delle membra di Cristo, come anche ne è, spiritualmente, la vergine sposa. A questo parto santo concorrono anche le madri cristiane, se, non avendo generato dei cristiani, procurano che i figli diventino ciò che esse riconoscono di non aver potuto partorire. E il loro contributo si colloca là dove anche loro sono vergini e madri di Cristo: nell'ambito, cioè, della fede, che mediante la carità si esplica in opere buone 12.

La verginità più eccellente del matrimonio per il suo carattere sacro.

8. 8. Nessuna fecondità carnale può essere messa a confronto con la verginità consacrata, considerando anche solo la verginità fisica. La quale, se è degna di onore, non lo è per se stessa, in quanto tale, ma per il fatto d'essere consacrata a Dio, e quindi, anche se praticata nel corpo, il motivo per cui la si pratica è un motivo religioso e di ordine spirituale. Per cui anche la verginità del corpo è un valore spirituale: in quanto cioè la si promette e la si custodisce mediante le virtù della continenza e della pietà. A quel modo, infatti, che nessuno commette atti impuri se prima con l'anima non ne ha concepito il cattivo proposito, così nessuno conserva la purezza del corpo senza aver ben radicata nell'anima la virtù della castità. È, questo, il caso della castità coniugale. Essa si pratica nel corpo, ma è una virtù dell'anima, non del corpo, poiché è per il dominio e il controllo esercitato dall'anima che si esclude ogni rapporto carnale che non sia con il proprio coniuge. A maggior ragione, quindi, occorrerà annoverare fra i valori spirituali più elevati quella continenza per la quale si conserva l'integrità della carne e la si consacra con voto al Creatore delle anime e dei corpi.

Donare figli alla Chiesa non compensa la perdita della verginità.

9. 9. Non si pensi che, al presente, la perdita della verginità sia compensata dalla fecondità carnale, nemmeno in quelle madri che dal matrimonio non si ripromettono altro all'infuori della prole che intendono consacrare al Signore. Nei tempi prima di Cristo, invece, e in ordine alla sua venuta, fu necessario che la famiglia umana si propagasse diventando un popolo numeroso e, in un certo senso, anche profetico. Oggi non è più così: oggi che da tutte le famiglie umane e da ogni nazione è dato raccogliere delle membra di Cristo perché divengano popolo di Dio e cittadini del Regno dei cieli. Oggi chi è in grado di capire il valore della verginità consacrata, veda di capirlo 13; e soltanto chi non riesce a contenersi vada a nozze 14. Ponete il caso di una donna ricca che voglia spendere delle grandi somme in quell'opera di bene che è riscattare gli schiavi, di diversa nazionalità, e farne dei cristiani. Riuscirebbe senz'altro a generare a Cristo più membra che non qualsiasi madre, per quanto feconda la si voglia supporre. Tuttavia non vorrà certo paragonare il suo denaro con la funzione e il pregio della sacra verginità. Anzi, se fosse un valore sufficiente a compensare la perdita della verginità l'aver figli da far diventare cristiani, ci potrebbe essere un sistema ancor più redditizio: esigere cioè una bella somma per la perdita della propria verginità e, attraverso il ricavato, riscattare molti e molti bambini da far battezzare, più di quanti non se ne potessero avere mediante la più prolifica maternità.

10. 9. La quale supposizione è, evidentemente, quanto di più insensato si possa dire. Per cui, si tengano pur caro le donne cristiane, se sposate, il bene del loro matrimonio (del quale abbiamo trattato a sufficienza in un altro volume). Ma onorino nelle sacre vergini un bene superiore a quello che posseggono loro: come del resto già sono solite fare. E questo è l'argomento dell'opera presente.

Un'altra ragione inconsistente.

10. 10. Le persone sposate non debbono stabilire confronti di merito fra se stesse e coloro che praticano la continenza, nemmeno in base al fatto che proprio dalle nozze nascono le vergini. Questo non dipende dalle nozze ma dalla natura. Tale è, infatti, per divina istituzione, l'ordine naturale che da ogni rapporto carnale consumato fra i due sessi (non importa se legittimo e onesto ovvero sconveniente e proibito), qualora ne nasca una femmina, questa debba essere vergine, ma non certo una sacra vergine... Si nasce pertanto vergini anche da uno stupro; vergini sacre non nascono neppure dal matrimonio legittimo.

La vergine e la vergine consacrata.

11. 11. Se noi onoriamo le vergini, non è perché siano vergini ma perché sono vergini consacrate a Dio con la virtù della continenza. Non vorrei dire una sciocchezza, ma a me sembra che una donna sposata si trovi in una condizione più felice rispetto a una vergine che voglia maritarsi. La prima ha raggiunto ciò che l'altra ancora ricerca, specialmente se non è ancora nemmeno fidanzata. La prima cerca di piacere a quell'unico al quale s'è donata; l'altra, nell'incertezza del consorte cui dovrà donarsi, cerca di piacere a molti, e la purità del suo pensiero è salvaguardata soltanto dal fatto che, fra i molti, lei non va in cerca d'un adultero ma d'un marito legittimo. Veramente superiore alla donna sposata è la vergine che, ricercando l'amore dell'Unico scelto fra molti, non si espone ai molti per cattivarne l'affetto, né deve adattarsi alle esigenze dell'uomo che si è scelto, immergendosi in pensieri di mondo, sul come piacere al marito 15. La vergine propriamente detta è l'innamorata del più bello tra i figli dell'uomo 16; è colei che, non avendo potuto concepirlo, come Maria, fisicamente, l'ha concepito col cuore e gli ha conservato intatta la propria carne.

Madre delle vergini, la Chiesa.

12. 11.Una tal sorta di vergini non fu mai prodotto di fecondità carnale; non può essere prole di carne e di sangue. Se si vuol sapere chi ne sia la madre, lo è la Chiesa. Le sacre vergini non le genera se non quella vergine sacra che fu sposata a un sol uomo, Cristo, al quale ha da essere presentata pura 17. Da questa Chiesa, che nello spirito è tutta intera vergine e nel corpo lo è solo limitatamente a certi individui, nascono le vergini sacre, che sono vergini nel corpo e nello spirito.

Dignità del matrimonio.

12. 12. Ha senza dubbio il matrimonio il suo valore positivo: non quello di procreare figli, ma quello d'una procreazione onesta, legittima, casta e socialmente ordinata; quello della educazione che con perseveranza viene impartita alla prole in ordine alla salvezza; quello della fedeltà e della convivenza, vicendevolmente rispettate, con l'esclusione di ogni profanazione del sacramento del matrimonio.

La verginità non è ordinata a finalità terrene.

13. 12. Ma tutto questo rimane nell'ambito dei doveri e dei vantaggi umani. Al contrario, l'integrità verginale e l'astensione da ogni rapporto sessuale praticata in virtù della continenza sono doti angeliche, testimonianza della incorruttibilità eterna attuata in una carne corruttibile. A questa verginità si inchini ogni umana fecondità, come pure ogni castità praticata nel matrimonio. La prima non è un successo delle capacità [dell'uomo], la seconda non è cosa che rimanga in eterno. La fecondità carnale non è effetto di libera scelta, la castità coniugale non è roba di cielo. E senza dubbio, in quell'immortalità che sarà partecipata da tutti gli eletti, avranno grandi privilegi coloro che, anche nella carne, posseggono qualcosa che non è carnale.

13. 13. Dicono una colossale sciocchezza coloro che ritengono essere la continenza un bene necessario non al conseguimento del Regno dei cieli ma solo in relazione alla vita presente. Per loro, le vergini e quanti fanno professione di continenza starebbero bene perché esenti dalle numerose e pressanti cure a cui soggiacciono le persone sposate. Il vantaggio della rinuncia al matrimonio consisterebbe solo nel non essere gravati dalle ansietà della vita presente, senza alcun vantaggio per la vita avvenire. Per non figurare come autori di questa scemenza, sorta dalla vacuità del loro cuore, mettono in ballo le parole dell'Apostolo: Quanto alle vergini, non ho precetti da parte del Signore; voglio solo darvi un consiglio, come uno che da Dio ha conseguito misericordia sì da essere fedele. Ritengo pertanto che ciò sia un bene a causa della necessità attuale, poiché è veramente un bene per l'uomo essere così 18. Dicono: " Ecco un testo ove l'Apostolo asserisce chiaramente che ciò è un bene in relazione ai gravami della vita presente, non in vista dell'eternità futura ". Come se l'Apostolo potesse interessarsi delle situazioni e istanze della vita presente senza aver di mira il futuro e come provvedervi nella maniera più adeguata, egli, la cui attività tutta intera non mirava ad altro se non a chiamare gli uomini alla vita eterna.

Alla verginità è promessa una gloria speciale.

14. 14. Ci sono, nella vita presente, delle implicazioni che occorre evitare: quelle cioè che ostacolano in qualche modo il conseguimento dei beni futuri. Così, nella vita coniugale, il dover pensare alle cose del mondo: vale a dire, per l'uomo, come contentare la moglie e, per la donna, come contentare il marito. Non che siano cose inconciliabili col Regno di Dio, come invece lo sono i peccati. Questi si debbono evitare non in forza d'un semplice consiglio ma per un precetto divino, al quale se non si obbedisse ci si meriterebbe la condanna. Là invece è soltanto questione di quel sovrappiù che si potrebbe conseguire nel Regno di Dio se si pensasse maggiormente a piacere al Signore, e che risulterà tanto più scarso quanto meno l'uomo, impedito dalle cure della famiglia, vi avrà pensato. Perciò dice: Circa la verginità non ho precetti da parte del Signore 19. Se, dunque, è vero che quando uno non esegue un comando è colpevole e merita castigo, ne segue che, se a non maritarsi e a non ammogliarsi non si fa peccato (sarebbe vietato con un comando se fosse peccato), non ci debbono essere comandi del Signore in fatto di verginità. Ma evitare i peccati o conseguirne il perdono non è tutto: è da raggiungersi la vita eterna. Ora, in questa vita eterna c'è una gloria particolare cui non parteciperanno tutti coloro che vivranno eternamente, ma sarà riservata a pochi. In ordine a tale gloria è poca cosa una vita immune da peccati; occorre far voto, a colui che ce ne ha liberati, d'un qualcosa che, a non consacrarglielo, non sarebbe stato colpa, mentre è gran merito avergliene fatto voto e aver mantenuto la promessa. Dice: Vi do un consiglio, come uno che da Dio ha ricevuto la grazia d'essere uno di sua fiducia 20. Non debbo sottrarre agli altri un consiglio, ritenuto sinceramente utile, io che, se sono degno di fede, lo sono non per i miei meriti ma per la misericordia di Dio. Ritengo pertanto che questo sia un bene a motivo della necessità presente. Significa: Quanto vi ho detto delle vergini - a proposito delle quali non ho una prescrizione del Signore ma voglio darvi un consiglio - ecco cos'è che io ritengo un bene a motivo della necessità attuale. Conosco bene infatti quali siano le cure che impone il tramestio della vita presente, a cui sono asservite le persone unite in matrimonio. Queste hanno certamente meno agio di pensare alle cose di Dio, meno, cioè, di quanto occorrerebbe per conseguire quella gloria speciale che non sarà di tutti coloro che arrivano alla vita e alla salvezza eterna. Come - infatti - una stella differisce dall'altra in splendore, così sarà nella resurrezione dei morti 21. Per cui è bene che l'uomo rimanga così 22.

La verginità, ideale consigliato, non imposto.

15. 15. Un po' più avanti l'Apostolo soggiunge: Se sei sposato, non cercare di sciogliere il tuo matrimonio; se invece non lo sei, non ti sposare 23. Di questi due suggerimenti, il primo è un precetto, e non lo si può trasgredire. Non è infatti ammesso rimandare la propria moglie, se non per motivo di fornicazione, come dice il Signore nel Vangelo 24. L'altro, cioè di non sposarsi qualora si sia ancora celibi, è un consiglio, un parere, non una prescrizione. Ci si potrebbe, quindi, sposare, ma è meglio non farlo. Seguita infatti: Se ti sposi, non fai peccato; e se una ragazza si marita, non pecca 25. Alla prima frase, cioè dove diceva: Se sei sposato, non far divorzio, non aggiunge: Se lo fai, non è peccato. Aveva infatti detto poco prima: A coloro che sono uniti in matrimonio comando, non io, ma il Signore, che la moglie non si separi dal marito, e, se si separa, ha da restare senza nuove nozze, anzi, ha da riconciliarsi col suo sposo. Può infatti capitare che una donna si debba separare non per colpa sua ma per causa del marito. E poi prosegue: L'uomo non ripudi la moglie 26. È, anche questo, un comando del Signore, per cui Paolo non aggiunge: Se la ripudia non pecca. Trattandosi infatti d'un precetto divino, non eseguirlo è peccato. Non è un consiglio, rifiutando il quale consegui un bene minore ma non fai peccato. Vengono poi le parole: Se sei senza moglie, non sposarti. Siccome non sono un precetto con cui si imponga di fuggire un male, ma un consiglio in vista d'un bene maggiore, soggiunge subito: Ma se ti sposi, non fai peccato, e non fa peccato una ragazza quando vada a marito.

La " tribolazione della carne ".

16. 16. Aggiunge Paolo: Costoro però avranno le tribolazioni della carne, mentre io voglio esservi indulgente. Esorta in questa maniera alla pratica della verginità e della perpetua continenza, e quasi quasi parrebbe distogliere dallo sposarsi. Il suo dire però è misurato, come si conviene in una cosa non cattiva o illecita ma soltanto onerosa e molesta. Infatti, una cosa è abbandonarsi alla sregolatezza carnale, e un'altra subire le molestie della carne. Nel primo caso si commette colpa, nel secondo è solo questione di fastidio da tollerare: di quei fastidi che, normalmente, l'uomo non rifugge nell'adempimento del proprio dovere anche il più onesto. Comunque, all'età nostra, quando la propagazione della specie non riveste più la funzione di servizio al Cristo venturo nella carne, sobbarcarsi al peso di questa tribolazione carnale che l'Apostolo predice ai coniugati è proprio da insipienti: a meno che non si tratti di persone talmente incapaci di continenza che, sotto la furia delle tentazioni diaboliche, cadano in peccato e incorrano nella dannazione. Che se poi dice, l'Apostolo, di voler essere indulgente verso coloro cui predice tale tribolazione, non mi viene, per il momento, spiegazione migliore di questa: che, cioè, egli non vuol manifestare né descrivere in termini chiari quale sia in realtà la tribolazione della carne che predice a chi sceglie la vita nel matrimonio. Sono i sospetti e le gelosie fra coniugi, la procreazione e il mantenimento dei figli, i timori e le lacrime della vedovanza. C'è infatti persona sposata che non sia soggetta e, talora, sconvolta da simili angustie? Senza però che abbiamo ad esagerarle; poiché non conviene che noi siamo intolleranti là dove l'Apostolo ritenne opportuno usare indulgenza.

Condannano il matrimonio e negano l'autorità della Bibbia.


17. 17. Queste brevi annotazioni mi sono sentito obbligato a stilare per mettere in guardia il lettore da certi soggetti che deprezzano il matrimonio. Essi ritengono che l'espressione: I coniugati avranno la tribolazione nella carne, ma io vi uso indulgenza 27 sia, indirettamente, una condanna delle nozze: quasi che appunto l'idea di condanna, sebbene non detta espressamente, sia contenuta nelle parole: Ma io vi uso indulgenza. In questo caso però, per essere indulgente con gli altri, egli sarebbe crudele con se stesso, per via della menzogna che avrebbe commesso quando insegnava: Se uno prende moglie non pecca, come anche non pecca una ragazza quando si marita 28. Coloro che in materia di sacra Scrittura hanno simili idee o ne pretendono dagli altri, è come se si preparassero una via ben riparata e difesa per mentire liberamente o per sostenere le loro opinioni sballate e contrastanti con la sana dottrina. Viene loro presentato un argomento biblico con cui si confuta all'evidenza il loro errore? Per difendersi dalla verità, offrendosi magari nudi alle trafitture del diavolo, subito ricorrono, come a scudo, al pretesto che l'autore del libro in tal caso non ha detto la verità: una volta per risparmiare la gente debole, un'altra perché voleva spaventare gli arroganti, o per qualsiasi altro motivo che loro salti in testa. Basta solo che la loro sentenza erronea possa essere sostenuta. In tal modo, pur di difendere le proprie idee anziché rettificarle, s'accaniscono contro le sacre Scritture per sminuirne l'autorità: quell'autorità che, sola, è in grado di schiacciare le teste più superbe e più dure.

L'onestà delle nozze fa risaltare il merito della verginità.

18. 18. Esorta quanti fra gli uomini e le donne si votano alla continenza perpetua e alla verginità consacrata a preferire il loro stato come più eccellente delle nozze, ma, nello stesso tempo, a non pensare che le nozze siano un male. Ricordino la massima, non falsa ma assolutamente vera, dell'Apostolo: Chi dà a marito una giovane, fa bene; chi non la dà, fa meglio 29... E tu, se ti sposi, non pecchi; come anche non pecca una ragazza se si marita 30. A cui poco dopo aggiunge: Tuttavia, secondo il mio consiglio, sarà più felice se vorrà rimanere così 31. Anzi, per mostrare che non si tratta d'un parere esclusivamente umano, seguita a dire: A quanto mi è dato giudicare, penso d'avere anch'io lo Spirito di Dio. Questa è la dottrina del Signore, la dottrina apostolica, la dottrina vera, la dottrina sana: scegliere i doni maggiori senza condannare i minori. È un valore più grande la verità di Dio contenuta nella Scrittura di Dio, che non la verginità dell'uomo, di qualsiasi uomo, la possegga egli nella mente o nella carne. Si ami pure ciò che è casto, ma non si rinneghi, per questo, la verità. Se uno, infatti, ritiene che la lingua d'un apostolo non sia rimasta vergine da menzogna proprio mentre raccomanda la verginità del corpo, quale sarà il male che non oserà pensare anche circa la propria carne? Coloro, pertanto, che scelgono il bene della verginità debbono in primo luogo e al di sopra di tutto essere convinti in maniera assoluta che le sacre Scritture non contengono menzogne. Ne seguirà che saranno vere anche le parole: Se ti ammogli, non pecchi; e se si sposa una giovane, non pecca 32. Non debbono pensare che il pregio, innegabilmente grande, della verginità venga sminuito se il matrimonio non è un peccato. Tutt'altro! Se infatti una persona rimane vergine, non per il timore della pena in cui sarebbe incorsa sposandosi ma per il desiderio di una corona più onorifica che spera conseguire ricusando le nozze, questo le sarà senza dubbio motivo per attendersi fiduciosamente una palma di gloria maggiore. Quanti pertanto decidono di non contrarre matrimonio, non fuggano le nozze come una sentina di peccati, ma trasvolino il colle d'un bene minore per andare a riposarsi sul monte della continenza, che è un bene maggiore. Chi risiede su quel primo colle ha una legge che non gli permette d'allontanarsene quando vorrebbe: difatti la donna, finché vive suo marito, è legata 33. Da lì si passa, è vero, come per un gradino, alla continenza vedovile; ma, quanto alla continenza verginale, il matrimonio bisogna o scansarlo non accettando le richieste degli uomini, ovvero scavalcarlo mediante una scelta che prevenga tutte le altre provenienti da uomini.

Confronto fra due errori diametralmente opposti.

19. 19. Non si pensi che i due stati di vita, buono l'uno, migliore l'altro, siano premiati con eguali ricompense. A evitare una tale conclusione, abbiamo polemizzato contro coloro che interpretano le parole dell'Apostolo: Ritengo che ciò sia un bene a motivo della necessità presente 34 nel senso che la verginità è vantaggiosa solo limitatamente alla vita presente, non in vista del Regno dei cieli. Secondo costoro, la persona che ha fatto la scelta di questo bene superiore, nella vita eterna non otterrebbe niente di più rispetto agli altri. Sviluppando la trattazione di questo tema eravamo poi giunti alle parole dell'Apostolo: Costoro avranno la tribolazione nella carne, ma io voglio usarvi indulgenza 35. Ma qui abbiamo incontrato altri tipi ancor più reazionari. Costoro non solo non riconoscono alle nozze la stessa dignità della continenza verginale, ma anzi le condannano assolutamente. Sono, tutt'e due, errori gravi: porre le nozze sullo stesso livello della verginità consacrata, e condannare le nozze. Questi due errori, muovendosi oltre misura in direzioni opposte e non volendo conservare il giusto mezzo della verità, si trovano in netto contrasto fra loro. Noi, al contrario, e per validi argomenti d'ordine razionale e per l'autorità delle Scritture divine, siamo convinti che le nozze non sono affatto un peccato, ma non osiamo equipararle in dignità né alla continenza delle vergini e nemmeno a quella delle vedove.

20. 19. Certuni, invaghiti della verginità, pretesero di poter abominare le nozze, quasi fossero un adulterio. Altri, per difendere il matrimonio, non ammisero alcuna superiorità o differenza di merito fra la continenza perpetua e la castità coniugale. Come se i pregi di una Susanna potessero sminuire la dignità di Maria, o, viceversa, la maggiore dignità di Maria dovesse coinvolgere una riprovazione per Susanna.

L'onestà delle nozze inculcata dalla Bibbia, sempre verace.

20. 20. Assurdo, quindi, che le parole: Io però vi uso indulgenza 36, dette dall'Apostolo alle donne sposate o in procinto di sposarsi, equivalgano a un rifiuto di precisare la pena che nell'altra vita sarà inflitta alle persone sposate. Sarebbe come se Paolo volesse spedire all'inferno colei che Daniele liberò da una condanna temporale. O come se la vita coniugale e la fedeltà, per la quale Susanna preferì esporsi alla morte sotto la falsa accusa di adulterio, potessero diventare motivo di condanna dinanzi al tribunale di Cristo. Lei diceva: È meglio per me cadere [innocente] nelle vostre mani anziché peccare dinanzi a Dio 37. Ma questo ragionamento sarebbe risultato assurdo se poi Dio l'avesse non liberata, per aver conservato la castità coniugale, ma condannata per essersi unita in matrimonio. Ma la castità coniugale ha in sua difesa, contro ogni sorta di detrattori e di denigratori, la sacra Scrittura e la sua verità. E ogni volta che s'interviene a difenderla, è Susanna che viene ancora difesa dallo Spirito Santo contro falsi testimoni e viene liberata dalla colpa falsamente attribuitale. E questo con risonanza ancora più grande. Allora infatti si incriminava una sola persona, adesso tutta la categoria delle sposate; allora si esigeva la pena a causa d'un adulterio occulto e inesistente, adesso si intenta un processo contro l'istituzione stessa del matrimonio, regolare e palese. E l'accusa, allora lanciata contro una sola donna, si basava su affermazioni di vecchi depravati; oggi sono sotto accusa tutti i mariti e tutte le mogli, per una sentenza che l'Apostolo si sarebbe (nientemeno!) rifiutato di pronunziare. Dicono infatti: La vostra condanna non ha voluto esprimerla, ma l'ha sottintesa nelle parole: Ma io vi uso indulgenza 38. Chi si sarebbe comportato così? Colui che un po' più avanti aveva detto: Se prendi moglie non pecchi, e se una vergine si sposa non pecca 39. Come fate a vedere una condanna del matrimonio nelle parole che egli per discrezione non dice, e a non riconoscere una apologia del matrimonio nelle parole tanto chiare che proferisce? Potrà forse Paolo condannare tacendo uno che a chiare parole ha assolto? E non sarebbe più leggera l'accusa, non dico di matrimonio ma anche di adulterio, lanciata contro Susanna, che non l'accusa di falsità pronunziata contro un apostolo e la sua dottrina? Che fare di fronte a tanta minaccia? Convincerci che è ugualmente sicuro e manifesto non doversi riprovare le nozze e la castità coniugale, come è sicuro ed evidente che la sacra Scrittura non può contenere menzogne.

Riepilogo delle argomentazioni precedenti.

21. 21. Potrebbe obiettare qualcuno: Ma tutto questo cosa c'entra con la sacra verginità e la perpetua continenza, di cui si vuol fare l'elogio nel presente trattato? Rispondo: In primo luogo - e lo ricordavo già sopra - l'eccellenza dello stato verginale risulta aumentata se alla sua conquista si giunge non evitando un peccato ma lasciandosi alle spalle uno stato pur esso apprezzabile, qual è lo stato coniugale. Se così non fosse - cioè se la continenza perpetua si abbracciasse per il solo fatto che le nozze sono peccato - non occorrerebbe tesserne elogi particolari: basterebbe non dirne male. In secondo luogo, quando si esorta la gente a tendere a questa nobilissima meta, lo si fa non per adeguarsi a insegnamenti umani ma per rispetto verso l'autorità divina della Scrittura. E allora la cosa riveste un peso tutt'altro che indifferente, né ci si può passare sopra con leggerezza, per non dare ad alcuno l'impressione che si ammettano delle falsità nella Scrittura stessa. Coloro che spingono le sacre vergini a seguire la loro vocazione condannando le nozze, fanno piuttosto opera di dissuasione che non di persuasione. Come possono infatti ritenere per vero l'insegnamento che è preferibile non maritare una ragazza 40, se ritengono per falso quanto è scritto poco avanti, e cioè che chi la lascia sposare fa bene anche lui? Se invece credono con fede assoluta alla sacra Scrittura quando parla dell'onestà delle nozze, incoraggiate dall'autorità e dalla veracità della parola divina e rese da essa fervorose e fidenti, si muoveranno con passo spedito verso il loro ideale più perfetto. A questo punto riteniamo d'aver detto abbastanza sul tema che ci eravamo proposto e d'averlo dimostrato nei limiti del nostro possibile. Pertanto le parole dell'Apostolo: Ritengo questo esser meglio a motivo della necessità presente 41 non debbono essere intese nel senso che le vergini consacrate siano, rispetto alle donne cristiane sposate, in una condizione di privilegio solo per quel che concerne la vita presente, senza distinguersene in dignità quanto al Regno dei cieli e il mondo avvenire. Viceversa, le altre parole, dove alle persone che si orientano verso il matrimonio vien detto che avranno la tribolazione nella carne o che si usa loro indulgenza 42, non bisogna intenderle quasi che le nozze siano un peccato, sulla cui condanna l'Apostolo preferisce tacere anziché pronunziarsi apertamente. Di queste due sentenze si sono approfittati due movimenti ereticali, fra loro diametralmente opposti: peccato però che non le abbiano capite! Della prima, ove si parla della necessità presente, si sono fatti forti coloro che pretendono di porre sullo stesso piano sposati e non sposati. Dell'altra, cioè delle parole: Ma io vi perdono, hanno abusato coloro che pretendono condannare il matrimonio. Noi però vogliamo restare fedeli alle sacre Scritture e alla sana dottrina; e quindi neghiamo che le nozze siano peccato, pur collocandole, nella scala dei valori, al di sotto della continenza, non solo verginale ma anche vedovile. Quanto alla necessità presente delle persone sposate, diciamo che essa è un ostacolo a conseguire il merito, non già della vita eterna, ma di quella gloria e di quello splendore speciale che è riservato alla continenza perfetta. Quanto alle nozze in se stesse, diciamo che, nell'era in cui viviamo, esse giovano solo a coloro che non riescono a contenersi. E finalmente, se l'Apostolo non ha omesso di ricordare la tribolazione nella carne, che trae origine dall'amore carnale inerente necessariamente alla vita matrimoniale abbracciata da chi non sa contenersi, l'ha fatto per ammonirci della vera realtà delle cose, e, se non l'ha spiegato più chiaramente, l'ha fatto per un riguardo alla fragilità umana.

È un controsenso votarsi alla continenza perpetua per motivi esclusivamente temporali.

22. 22. La castità perfetta e perpetua è da scegliersi non in relazione alla vita presente ma a quella avvenire, non per questo mondo ma per il Regno dei cieli. Appare all'evidenza da indiscutibili brani biblici, quanti siamo in grado di ricordare nell'ambito modesto della nostra memoria. Lo si ricava, ad esempio, dalle parole che un po' più avanti scrive l'Apostolo: Chi non ha moglie si dà pensiero delle cose del Signore, in che modo possa piacergli; chi invece è coniugato, si dà pensiero delle cose del mondo, di come possa piacere alla moglie. E c'è una gran differenza fra la donna non sposata, specialmente una vergine, e colei che è sposata: la donna non sposata si occupa delle cose del Signore, sì da essere santa di corpo e di spirito, la sposata invece ha da occuparsi in cose del mondo, come cioè piacere al marito 43. Non dice: " La vergine si dedica a quel che le procura tranquillità in questo mondo, in modo da passare la vita senza molestie, almeno le più gravi ". Non dice neppure che la donna non sposata e vergine è divisa (cioè si diversifica e distingue) da quella sposata nel senso che la non sposata è, nella vita presente, al riparo dalle molestie temporali che invece gravano quaggiù sulle persone coniugate. Dice inequivocabilmente: Si dà pensiero delle cose di Dio e di come piacergli e: Può attendere alle cose del Signore, in modo da essere santa nel corpo e nello spirito 44. E nessuno, suppongo, vorrà essere così stolto nel suoi cavilli da asserire che, quando ci proponiamo di piacere a Dio, lo facciamo non in vista del Regno dei cieli ma per il mondo presente, o che le vergini debbono essere sante nel corpo e nello spirito per la vita temporale e non per quella eterna. Una tale convinzione, cosa mai sarebbe se non un condannarsi ad essere il più miserabile di tutti gli uomini? Come dice l'Apostolo: Se speriamo in Cristo solo per la vita presente, siamo i più miserabili di tutti gli uomini 45. Se infatti è sciocco colui che spezza il pane all'affamato per motivi esclusivamente contingenti, come potrà chiamarsi saggio colui che mortifica il suo corpo con la continenza e rifugge dal matrimonio senza riportarne alcun vantaggio nel Regno dei cieli?

La rinunzia alle nozze è rimunerata nel cielo.

23. 23. Ascoltiamo il Signore e il suo chiarissimo insegnamento. Parlava con accenti divinamente terribili, riprovando ogni divorzio che non fosse stato per motivo di fornicazione, tanto che gli Apostoli ebbero a dirgli: Se in tali termini si pone il problema della moglie, non vale la pena sposarsi. Al che il Signore rispose: Non tutti capiscono questa parola. Ci sono infatti degli evirati che sono così dalla nascita; e ce ne sono altri resi tali dagli uomini; ma ce ne sono ancora di quelli che si sono mutilati loro stessi per il Regno dei cieli. Capisca chi può! 46 Cosa poteva dire di più vero e di più chiaro? E chi lo dice è Cristo, la Verità, la Potenza e la Sapienza di Dio; e afferma che quanti si astengono dal matrimonio per motivi soprannaturali si rendono eunuchi per il Regno dei cieli. Come potrà allora l'uomo, vano com'è, avere il coraggio, anzi l'empia temerità, di sostenere che chi abbraccia la continenza ha sì il vantaggio di sottrarsi a beghe e angustie che in questa vita esperimentano i coniugi, ma nel Regno dei cieli non conseguono nulla più degli altri?

Il " luogo segnalato " che Dio riserva ai vergini.

24. 24. Di certi eunuchi parla il Signore per bocca del profeta Isaia. Dice che darà loro un luogo segnalato nella sua casa e dentro le sue mura, molto più distinto che non quello dei figli e delle figlie. E chi saranno mai costoro, se non quei tali che si sono resi eunuchi per il Regno dei cieli 47? Poiché, quanto agli altri eunuchi - ad esempio dei nobili o dei re - che sono stati ridotti all'impotenza dagli uomini e non possono più generare, sarebbe stato sufficiente, una volta diventati cristiani e supposto che osservino la legge di Dio, ma conservano l'intenzione di sposarsi nei limiti loro consentiti, sarebbe stato sufficiente (dico) porli sullo stesso piano di dignità che nella casa di Dio occupano gli altri sposi cristiani: coloro cioè che, generata la prole con atti leciti e senza mancare alla castità, la educano nel timore di Dio e le insegnano di riporre in Dio ogni fiducia. Non c'era bisogno d'assicurare loro un posto di privilegio rispetto ai figli e alle figlie. Essi, infatti, se non prendono moglie, lo fanno per necessità fisica, non per virtù dell'animo. Che se qualcuno, amante delle sottigliezze, s'ostinasse ancora a ritenere che il Profeta parli di questi eunuchi in senso materiale, mutilati cioè nel loro corpo, anche in tale ipotesi e proprio da questo errore trarrebbe un valido argomento la sentenza che abbiamo abbracciato. Vi si dice infatti che Dio preferisce questi eunuchi, non a gente che nella casa non rappresenta nulla, ma a coloro che posseggono la dignità della gente sposata con figli. Quando infatti dice: Darò ad essi un posto molto più elevato 48, fa capire che anche ai coniugi compete un certo grado di gloria; solo che è molto inferiore. Ammettiamo dunque che la profezia annunzi l'esistenza, nella casa di Dio, di detti eunuchi nella carne, quali non esistevano nel popolo d'Israele. Constatiamo infatti che questi tali non abbracciano il giudaismo ma si fanno cristiani. Ammettiamo ancora che il Profeta non parli di coloro che rinunziano al matrimonio per motivi di castità e si rendono eunuchi in vista del Regno dei cieli. Ammesso anche tutto questo, è mai possibile che ci sia qualcuno talmente dissennato e ostile alla verità da ritenere che, se gente così mutilata nel loro fisico può raggiungere, nella casa di Dio, una dignità superiore a quella dei coniugati, è possibile che gli altri - cioè coloro che praticano la continenza per motivo religioso, esercitando sul loro corpo un dominio che giunge fino alla rinuncia del matrimonio e si castrano non già nel corpo ma nella stessa radice della concupiscenza, pur di attuare qui in terra, nonostante la loro condizione di mortali, un genere di vita angelica e celeste - debbano essere ritenuti di pari merito delle persone sposate? Possibile mai che un cristiano si voglia mettere in contrasto con Cristo, che elogia quanti si evirano non per il secolo presente ma per il Regno dei cieli, e affermi che tale gesto, utile per la vita presente, non lo sia per la vita futura? Cosa altro resta a costoro, se non che affermino che il Regno stesso dei cieli rientra nell'ambito di questa vita temporale nella quale viviamo? Perché, alla fin fine, non dovrebbe arrivare a tale mostruosità uno che sia talmente cieco e presuntuoso? Ma ci potrebbe essere conclusione più pazza di questa? È vero, infatti, che il nome di Regno dei cieli è dato anche alla Chiesa del tempo presente; tuttavia ciò lo si fa solo in quanto essa è adunata in ordine alla vita futura ed eterna, e, sebbene a lei siano state fatte promesse della vita presente e di quella futura 49, essa, in ogni opera buona, ha di mira non le cose che appaiono, ma quelle che non appaiono. Le cose visibili infatti sono temporanee, mentre quelle che non si vedono sono eterne 50.

...non è da ricercarsi nel tempo ma nell'eternità.

25. 25. Lo Spirito Santo non ha omesso un argomento che, essendo chiaro e incontrastato, valesse contro questi uomini ostinati nella loro sfrontatezza e incoscienza: un argomento che, qual difesa insuperabile, respingesse dal suo ovile il loro feroce attacco. Aveva detto degli eunuchi: Darò loro nella mia casa ed entro le mie mura un posto privilegiato, molto migliore di quello riservato ai figli e alle figlie 51. E affinché nessuno, di mentalità troppo terrena, potesse, in forza di queste parole, attendersi un qualche bene temporale, subito aggiunse: Darò loro un nome eterno, che non verrà mai meno 52. Come se dicesse: Perché indugi, o malvagia cecità? Perché indugi? Perché vuoi gettare in faccia alla luce della verità l'oscuro della tua cattiveria? Perché, di fronte a tanta limpidezza delle Scritture, cerchi le tenebre per insidiare? Perché ai santi continenti prometti solo dei vantaggi temporali? Darò loro un nome eterno. Perché ti ostini a circoscrivere entro l'ambito di interessi terreni l'ideale di coloro che si astengono da contatti carnali e che, in tanto se ne astengono, in quanto pensano alle cose del Signore, come, cioè, piacere a lui? Darò loro un nome eterno. Perché pretendi che si debba intendere limitato a questa vita il Regno dei cieli, per il quale i santi eunuchi si sono volontariamente evirati? Darò loro un nome eterno. E se per caso volessi insistere nell'interpretare questo eterno nel senso di "durevole", aggiungo, sottolineo, ricalco: Non verrà mai meno. Cosa cerchi ancora? Cosa dici ancora? Questo nome eterno, qualunque cosa esso sia, che viene promesso agli eunuchi di Dio, indica certamente una gloria loro propria e particolarmente sublime: una gloria che non sarà comune a molti, anche se viventi nello stesso Regno e nella stessa dimora [divina]. E può darsi anche che una tal gloria sia stata chiamata nome proprio perché distingue coloro ai quali è concessa da tutti gli altri.

Comune, fra i santi, la vita eterna; diversa la gloria.

26. 26. Ma allora - obiettano - cosa vuol dire quel denaro che, terminato il lavoro nella vigna, viene dato indistintamente a tutti, sia che abbiano lavorato fin dalla prima ora, sia che abbiano lavorato un'ora sola 53? Cosa significa, se non un qualcosa che gli eletti riceveranno tutti senza distinzione? E tale è appunto la vita eterna o il Regno di Dio, dove saranno tutti coloro che Dio ha predestinati, chiamati, giustificati, glorificati. È necessario infatti che questo corpo corruttibile si rivesta di incorruzione, e questo corpo mortale si rivesta d'immortalità 54. Questo è quel denaro, mercede di tutti. Tuttavia una stella differisce dall'altra in splendore; e così sarà anche nella resurrezione dei morti 55. Questi sono i diversi meriti che ciascun santo ha. Se quel denaro indica il cielo, l'essere in cielo, ovviamente, è comune a tutti gli astri; e tuttavia altro è lo splendore del sole, altro lo splendore della luna, altro lo splendore delle stelle 56. Se quel denaro indica la salute del corpo, quando stiamo bene la salute è comune a tutte le membra; e, se durasse fino alla morte, si troverebbe contemporaneamente e in uguale misura in tutte. E tuttavia Dio ha posto le membra, distribuendole nel corpo come ha voluto 57, perché non tutto il corpo fosse occhio, né tutto udito, né tutto odorato. Così ogni membro - questi nominati e gli altri ancora - ha la sua funzione, benché abbia con tutte le altre membra in comune la salute. Allo stesso modo, siccome la vita eterna in se stessa sarà uguale per tutti i santi, a tutti fu dato ugualmente un denaro; ma, poiché nell'unica vita eterna gli splendori dei meriti brilleranno in modo diverso, presso il Padre ci sono molte dimore 58. Per questo motivo, essendo il denaro uguale per tutti, l'uno non vive più a lungo dell'altro; essendo invece molte le dimore, l'uno è onorato con più gloria dell'altro.

Seguono l'Agnello cantando un cantico singolare.

27. 27. Avanti dunque, o santi di Dio, fanciulli e giovinette, uomini e donne, celibi e nubili! Continuate con perseveranza sino alla fine! Lodate il Signore, tanto più dolcemente quanto più intensamente pensate a lui. Sperate in lui con tanta più felicità quanto maggiore è lo zelo con cui lo servite. Tanto più ardente sia il vostro amore per lui quanto maggiore è la cura nel piacergli. Con i lombi cinti e le lampade accese aspettate il Signore al suo ritorno dalle nozze 59. Nelle nozze dell'Agnello voi cantate un cantico nuovo, accompagnandovi con le vostre cetre. Certamente non sarà, quel canto, lo stesso che canterà la terra intera, a cui si dice: Cantate al Signore un cantico nuovo; cantate al Signore, o terra tutta! 60 Sarà un canto che nessuno potrà cantare se non voi. Così infatti vi ha visti nell'Apocalisse colui che più degli altri fu amato dall'Agnello, colui che era solito posare il capo sopra il suo cuore e sorbiva, per poi effonderle agli altri, le meraviglie sovrumane del Verbo di Dio. Questo veggente vi contemplò in numero di centoquarantaquattromila santi citaredi, contraddistinti da verginità illibata nel corpo, da inviolata verità nel cuore; e di voi scrisse che seguite l'Agnello dovunque egli vada 61. Dove pensiamo che vada questo Agnello, che nessuno osa o riesce a seguire, se non voi? Dove pensiamo che vada? In quali pascoli o in quali prati? Là - penso - dove sono pascoli le gioie celesti: non le gioie vuote o le follie ingannatrici di questo mondo, e nemmeno le gioie che nel Regno di Dio saranno concesse agli altri, non vergini, ma gioie diverse da tutte le altre. La gioia delle vergini di Cristo, da Cristo, in Cristo, con Cristo, al seguito di Cristo, per mezzo di Cristo, in ordine a Cristo. Le gioie proprie delle vergini di Cristo non sono le stesse delle non vergini, anche se appartenenti a Cristo. Avranno infatti anche gli altri eletti i loro godimenti, ma nessuno ne possederà di simili. Andate verso queste gioie; seguite l'Agnello, perché anche la carne dell'Agnello è vergine. Egli ha conservato, anche dopo la glorificazione, quello che non aveva tolto alla madre nella concezione e nella nascita. A ragione lo seguite dovunque vada mediante la vostra verginità del cuore e della carne. Cosa vuol dire infatti seguire se non imitare? Cristo infatti patì per noi, lasciandoci un esempio, come dice l'apostolo Pietro, perché potessimo seguire le sue orme 62. Quindi, uno in tanto lo segue in quanto lo imita: non come Figlio unico di Dio, per mezzo del quale furono create tutte le cose, ma come Figlio dell'uomo, che mostrò in sé ciò che si deve imitare. In lui vengono proposte molte cose alla imitazione di tutti; non a tutti però viene proposto d'imitarne la verginità del corpo. Infatti non hanno più la possibilità di essere vergini coloro che hanno perso la loro verginità.

I buoni cristiani son tutti al seguito dell'Agnello.

28. 28. Seguano pertanto l'Agnello i fedeli che hanno perso la verginità fisica: non però dovunque egli vada, ma fin dove essi lo potranno. Possono infatti seguirlo dovunque, fuorché là dove egli avanza per la gloria della verginità. Beati i poveri di spirito! 63 Imitate colui che, essendo ricco, si è fatto povero per voi 64. Beati i miti! 65 Imitate colui che disse: Imparate da me, perché sono mite ed umile di cuore 66. Beati coloro che piangono! 67 Imitate colui che pianse sopra Gerusalemme 68. Beati coloro che hanno fame e sete di giustizia! 69 Imitate colui che disse: Il mio cibo è fare la volontà di colui che mi ha mandato 70. Beati i misericordiosi! 71 Imitate colui che prestò soccorso all'uomo ferito dai briganti e abbandonato ai margini della strada mezzo morto, in condizioni disperate 72. Beati i puri di cuore! 73 Imitate colui che non commise peccato e sulla cui bocca non si è trovato inganno 74. Beati i pacifici! 75 Imitate colui che pregò per i suoi carnefici: Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno 76. Beati i perseguitati per amore della giustizia! 77 Imitate colui che patì per voi, lasciandovi un esempio affinché ne seguiate le orme 78. Coloro che imitano l'Agnello in queste virtù, in queste stesse ne seguono le orme. E in tale via possono, certo, camminare anche gli sposati, i quali, benché non ricalchino in modo perfetto tali orme, tuttavia sono incamminati per la stessa via.

La verginità dei pochi sarà gaudio per tutti gli eletti.

29. 29. Ecco però, a un certo momento, l'Agnello incamminarsi per il sentiero della verginità. Come potranno seguirlo coloro che irrimediabilmente hanno perso una tale prerogativa? Là tocca a voi seguirlo, a voi, sue vergini. Voi seguitelo anche in questo, perché solo a questo titolo è detto che potete seguirlo dovunque egli vada. Possiamo infatti esortare gli sposati a qualsiasi ideale di santità, in cui seguire l'Agnello, eccettuato però quello che hanno perso in modo irreparabile. Voi, dunque, seguitelo: mantenendo con perseveranza il voto che avete fatto con amore ardente. Finché potete, datevi da fare per non perdere il dono della verginità, perché, una volta perso, non potreste far nulla per riacquistarlo. Vi osserverà la moltitudine dei fedeli, che in questo non può seguire l'Agnello. Vi osserverà senza invidiarvi; e, rallegrandosi con voi, in voi riavrà quello che in sé non ha più. Infatti, se non potrà cantare quel cantico che è solo vostro, potrà però ascoltarlo e gioire del vostro dono eccelso. Quanto, poi, a voi che lo canterete e ascolterete (vi sarà dato infatti d'ascoltare le vostre parole), voi gioirete con maggiore felicità e regnerete con maggiore letizia. Una letizia singolare, della quale tuttavia nessuno si rattristerà, nemmeno chi non la possiede. Difatti, quell'Agnello che voi seguite dovunque vada non abbandonerà coloro che non possono seguirlo fin dove lo seguite voi. È infatti un Agnello onnipotente, quello di cui parliamo: tale che, se precederà voi, non si allontanerà dagli altri, quando Dio sarà tutto in tutti 79. E coloro che possederanno di meno non dissentiranno da voi. Non ci saranno infatti sentimenti d'invidia, ma solo delle diversità nella piena concordia. Fatevi, dunque, coraggio! Confidate, rafforzatevi, perseverate! Voi vi siete consacrate al Signore vostro Dio con perpetua castità. Orbene, mantenete i vostri voti 80. Non per la vita attuale, ma per il Regno dei cieli.

La verginità è un'offerta volontaria.

30. 30. Una parola anche a voi che ancora non avete fatto questo voto. Se potete capire, capite 81. Correte con perseveranza, affinché possiate raggiungere la meta 82. Prendete ognuno le vostre offerte ed entrate negli atri del Signore 83. Non per necessità, ma come chi può disporre liberamente della propria volontà. Infatti non si può dire allo stesso modo: Non fornicare o: Non uccidere 84 e: Non sposarti. I primi sono precetti, l'ultimo è un'offerta. Se si compie questa, si è lodati; se invece non si rispettassero i primi, si sarebbe condannati. In quelli il Signore vi impone degli obblighi; in questo, se avrete sborsato qualcosa di più, egli ve lo restituirà al ritorno 85. Pensate a quel luogo insigne, qualunque cosa esso sia, entro le sue mura, molto più eccelso di quello dei figli e delle figlie 86. Meditate su quel nome eterno. Chi potrà spiegare di che nome si tratti? Qualunque esso sia, sarà una realtà eterna. Credendo, sperando, amando queste realtà, voi avete rinunciato al matrimonio, non perché fosse proibito, ma, benché vi fosse consentito, voi l'avete rifiutato per procedere oltre.

Verginità e umiltà.

31. 31. Vi abbiamo esortato con tutta l'energia a tendere verso l'ideale della verginità. Il quale, quanto più è eccellente e divinamente grande, tanto più costituisce un richiamo alla nostra sollecitudine affinché diciamo, sì, qualcosa sulla pregevolissima virtù della castità, ma ancor più ci soffermiamo su quella munitissima dell'umiltà. Difatti, se a coloro che professano la continenza viene fatto di paragonarsi con gli sposati, subito si accorgeranno che, secondo la Scrittura, questi sono inferiori a loro per l'opera, per la ricompensa, per la promessa e per il premio. In tal caso si dovranno ricordare di ciò che è scritto: Quanto più sei grande, tanto più umiliati in tutto, e troverai grazia presso Dio 87. L'umiltà di ciascuno, infatti, deve essere rapportata alla sua grandezza e al conseguente pericolo d'insuperbirsi: poiché la superbia insidia maggiormente colui che si trova più in alto. L'invidia poi segue la superbia come figlia pedissequa: la superbia la genera molto precocemente, anzi, mai si trova senza tale prole e compagna. E così, attraverso questi due mali, la superbia e l'invidia, si rende presente il diavolo. Non per niente infatti proprio contro la superbia, madre dell'invidia, principalmente lotta tutta l'ascesi cristiana. Questa insegna l'umiltà, con la quale si consegue e si custodisce la carità, di cui sta scritto: La carità non è invidiosa. E, come se gli andassimo a chiedere il motivo per cui non è invidiosa, subito aggiunge: La carità non si gonfia 88. È come se dicesse: Non è invidiosa perché non è superba. Il Maestro dell'umiltà, Cristo, cominciò con l'annientare se stesso prendendo la forma di schiavo, diventando simile agli uomini e, quanto all'aspetto esterno, riscontrato effettivamente come un uomo. Umiliò se stesso, facendosi obbediente fino alla morte, e morte di croce 89. Quanto poi alla sua dottrina, chi potrà spiegare con linguaggio semplice con quanta solerzia ci inculchi l'umiltà e come insista fortemente nel comandarla? E chi riuscirà a raccogliere tutte le testimonianze che illustrano questo argomento? Per portare a termine una tale impresa o solo per provarci, occorrerebbe scrivere un libro a parte proprio sull'umiltà. Mentre l'argomento di quest'opera è un altro: e dell'umiltà ci si occupa solo perché da un bene così grande deve, con ogni cura, essere tenuta lontana la superbia.

Lezioni sull'umiltà tratte dal Vangelo.

32. 32. Dell'insegnamento di Cristo sull'umiltà riporterò poche testimonianze: quelle che il Signore si degnerà farmi ricordare e che, probabilmente, saranno sufficienti a chiarire l'argomento che mi sono proposto. Il discorso che egli tenne ai discepoli all'inizio della sua missione, e che è il più lungo, comincia così: Beati i poveri di spirito, perché di essi è il Regno dei cieli 90. Senza alcun dubbio, questi poveri sono gli umili. Se poi lodò calorosamente la fede di quel centurione e disse di non averne trovata altrettanta in Israele, fu perché egli aveva creduto con umiltà così profonda da asserire: Non sono degno che tu entri sotto il mio tetto 91. È questo il motivo per cui Matteo può dire che il centurione andò lui stesso da Gesù, mentre Luca dichiara apertamente che non fu lui ad andarci ma vi inviò alcuni amici 92. Con la sua umiltà piena di fede, egli personalmente si avvicinò al Cristo più di coloro che aveva mandati. Da qui il detto del Profeta: Il Signore è altissimo: egli guarda con amore le cose umili, mentre osserva da lontano le cose elevate 93. Certamente come non avvicinabili. Non diverso il caso della donna cananea, a cui dice: O donna, grande è la tua fede! ti sia fatto come desideri 94. Prima l'aveva chiamata cane, e le aveva risposto che non poteva darle il pane dei figli 95. Ma lei, accettando con umiltà il rifiuto, aveva replicato: Sì, Signore! anche i cani mangiano le briciole che cadono dalla mensa dei padroni 96. Con una professione di umiltà merita quello che non aveva ottenuto con l'insistenza del suo gridare 97. Ci viene, ancora, proposto l'esempio di quei due uomini che pregano nel tempio, uno fariseo, l'altro pubblicano 98: parabola detta per coloro che si credono giusti e disprezzano gli altri, e nella quale alla enumerazione dei meriti viene chiaramente preferita la confessione dei peccati. Il fariseo ringraziava il Signore per delle cose che lo riempivano di soddisfazione. Ti ringrazio - diceva - perché non sono come gli altri uomini, ingiusti, rapaci, adulteri, e nemmeno come questo pubblicano. Digiuno due volte la settimana; pago le decime di tutto ciò che possiedo. Il pubblicano, invece, se ne stava in lontananza e non ardiva neppure alzare gli occhi al cielo, ma si percuoteva il petto dicendo: O Dio, sii propizio a me peccatore. Segue la sentenza divina: In verità vi dico: Il pubblicano uscì dal tempio giustificato, molto più che non il fariseo. E si allega anche il motivo della giusta sentenza: Chi si esalta sarà umiliato; chi si umilia sarà esaltato 99. Può capitare che qualcuno eviti effettivamente il male e trovi in se stesso dei beni veramente positivi, per i quali si sente obbligato a ringraziare il Padre dei lumi, da cui trae origine ogni grazia segnalata, ogni dono perfetto 100. Ciò non di meno, costui non può incontrare l'approvazione divina, e proprio per il vizio della superbia: se, cioè, orgogliosamente insulta, anche con il solo pensiero - che certamente Dio conosce -, gli altri peccatori, specialmente quelli che confessano i loro peccati nella preghiera. A costoro infatti non si deve il rimprovero superbo, ma la comprensione che non fa disperare. C'è poi l'episodio dei discepoli che discutevano fra loro chi fosse il più grande. Perché mai il Signore mise avanti ai loro occhi un fanciullo piccolo piccolo e disse: Se non sarete come questo bambino, non entrerete nel Regno dei cieli 101? Non fu forse per inculcare efficacemente l'umiltà, ponendo in essa il merito della grandezza? E quando i figli di Zebedeo gli esposero il desiderio di sedere al suo fianco nei seggi celesti, non rispose che pensassero piuttosto a bere il calice della passione 102 - come lui, che umiliò se stesso fino alla morte e morte di croce 103 - anziché presentare la superba richiesta d'essere preferiti agli altri? E cosa insegnava, con questo, se non che avrebbe dato la gloria soltanto a coloro che prima l'avessero seguito come maestro di umiltà? Stando per affrontare la passione, lavò i piedi ai discepoli e raccomandò apertamente di fare ai condiscepoli e conservi ciò che lui, Maestro e Signore, aveva fatto a loro 104. Che lezione di umiltà! Per lasciarla più impressa nel loro animo, scelse proprio il momento in cui, stando egli per morire, i discepoli lo osservavano con più ansiosità. E, certamente, avrebbero ricordato in modo tutto particolare quello che il Maestro per ultimo aveva offerto alla loro imitazione. Egli, in un momento come quello, fece un gesto che avrebbe potuto compiere in qualsiasi altro dei giorni che aveva trascorsi con loro. Se l'avesse compiuto prima, però, avrebbe dato, sì, lo stesso insegnamento, ma questo non sarebbe rimasto impresso con pari efficacia.

Umiltà necessaria al cristiano comune, necessarissima ai vergini.

33. 33. Tutti i cristiani, dunque, debbono praticare l'umiltà. Essi infatti si chiamano " cristiani " da Cristo; e il Vangelo di Cristo nessuno lo scruta con diligenza senza trovarvi Gesù che si presenta come maestro di umiltà. Tuttavia, questa virtù debbono ricercarla e coltivarla con un impegno tutto speciale coloro che eccellono sugli altri per qualche dono fuori dell'ordinario. Questi debbono riflettere molto su quanto dicevo sopra: Quanto più sei grande, tanto più umiliati in tutto, e troverai grazia presso Dio 105. E poiché la continenza perpetua, e soprattutto la verginità, è negli eletti di Dio un grande favore della sua munificenza, si deve vigilare con la massima cura perché non sia rovinato dalla superbia.

Donne viziose biasimate da san Paolo.

33. 34. L'apostolo Paolo parla della malizia di certe donne non sposate, che egli presenta come curiose e ciarliere, osservando che questo vizio deriva dall'ozio. Inoltre - dice -, essendo oziose, si abituano a girare per le case; e non sono solamente oziose, ma anche indiscrete, chiacchierone, e parlano di ciò che non debbono 106. Di queste persone aveva detto prima: Rifiuta le vedove giovani, perché, dopo essere vissute tra i piaceri, vogliono rimaritarsi in Cristo, incorrendo così nella dannazione, poiché violano l'impegno che avevano prima 107, non mantenendo cioè il voto fatto antecedentemente.

La superbia fa poca fortuna tra i viziosi.

34. 34.Non dice: Si sposano, ma: Vogliono sposarsi. Molte di loro infatti, se rifiutano di sposarsi, lo fanno non per amore di un ideale più elevato, ma per timore di una vergogna palese che deriva dalla superbia. Poiché è proprio la superbia che porta l'uomo a temere più la disistima degli altri uomini che non il giudizio di Dio. Queste vedove pertanto, che vogliono sposarsi ma non ce la fanno per dei motivi banali, farebbero certamente meglio a sposarsi piuttosto che bruciare dal desiderio, cioè piuttosto che essere agitate nella loro coscienza dalla fiamma nascosta della concupiscenza. Esse si rammaricano del loro stato, e si vergognano di professarlo; ma, se non si ravvedono né raddrizzano il loro cuore, e se non vincono ancora una volta la libidine mediante il timore di Dio, debbono considerarsi come morte: sia che vivano tra i piaceri (come dice l'Apostolo: Colei che vive nei piaceri, benché viva, è morta 108), sia che vivano nelle fatiche e nei digiuni, i quali, senza la correzione del cuore, sono inutili e servono più alla ostentazione che non a rendere migliore la vita. Non sono, però, queste le persone a cui io raccomando di curare con diligenza l'umiltà. In esse infatti la superbia trova più d'un motivo per confondersi e arrossire, e pertanto viene fatta fuori dalle trafitture della coscienza. Una cura sollecita per la santa umiltà non sento il dovere d'inculcarla nemmeno alle ubriacone, alle avare o a quante sono affette da qualche altra malaugurata specie di malattia spirituale. Avendo fatto professione di continenza, se poi vivono sregolatamente, sono in stridente contrasto col nome che portano. D'umiltà si potrebbe loro parlare solo se osassero vantarsi di questi mali, non convinte che la loro punizione sia solamente differita. Non parlo nemmeno di quelle donne che nutrono in cuore il desiderio di rendersi interessanti, ad esempio, per il vestito più elegante di quanto non consentano le convenienze della loro sublime professione. E nemmeno di quelle che si acconciano la testa in maniera ricercata ed eccentrica, o sistemandosi i capelli a guisa di elevati torrioni, o coprendoli con veli così trasparenti da lasciar vedere le retine [preziose] che vi sono sotto. A persone di questa levatura non è il caso di tener discorsi sull'umiltà; occorrerà piuttosto richiamarle agli obblighi della castità e della modestia. Dammi invece una persona che professi la continenza perpetua e che sia esente da questi e da tutti gli altri vizi e macchie morali. In questa temo la superbia. Temo che a un dono così grande rechi danno il gonfiore della vanagloria. Sì, quanto più forti sono i motivi di compiacersi in se stessi, tanto più vivo è il timore che nutro sul pericolo che chi si compiace di sé non abbia a piacere a colui che resiste ai superbi, mentre dà la sua grazia agli umili 109.

Invocazione al Maestro dell'umiltà.

35. 35. Il documento base e il modello più perfetto della integrità verginale si deve ammirare in Cristo stesso. Senza dubbio. Ma, allora, quale altro precetto sull'umiltà dovrei io imporre a coloro che fanno professione di continenza, se non quello che Cristo diede a tutti gli uomini: Imparate da me che sono mite ed umile di cuore 110? Egli aveva parlato della sua grandezza, e, volendo mostrare quanto si fosse fatto piccolo per noi, lui che era così grande, disse: Ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai dotti e ai sapienti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, Padre, perché così è piaciuto a te. Tutto è stato dato a me dal Padre mio: e nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio avrà voluto rivelarlo. Venite a me, voi tutti che siete affaticati e stanchi, e io vi ristorerò. Prendete su di voi il mio giogo, e imparate da me, perché sono mite ed umile di cuore 111. Lui, sì, lui al quale il Padre ha dato tutto, e che nessuno conosce se non il Padre, e che solo conosce il Padre - insieme con coloro ai quali egli avrà voluto rivelarlo -, non dice: Imparate da me a creare il mondo, o, a risuscitare i morti; ma: che sono mite ed umile di cuore. O dottrina salutare! O Maestro e Signore dei mortali!, ai quali la morte fu propinata e tuttora si comunica nella coppa della superbia... Non volle insegnare ciò che egli non fosse. Non volle comandare ciò che egli non avesse eseguito personalmente. Con gli occhi della fede, che tu mi hai aperto, contemplo te, o buon Gesù, che esclami e dici, come in un'adunata dell'intero genere umano: Venite a me, e imparate da me. O Figlio di Dio, per mezzo del quale tutte le cose furono fatte, e insieme Figlio dell'uomo, che sei stato fatto come una delle altre cose, noi verremo da te. Ma per imparare che cosa? Che sono mite ed umile di cuore 112, rispondi. Ma è davvero a questo che si sono ridotti tutti i tesori della sapienza e della scienza nascosti in te 113? È proprio possibile che noi non abbiamo da imparare da te altra lezione più grande che l'essere tu mite e umile di cuore? O dovremo proprio ritenere che l'essere piccoli sia una cosa talmente grande che, se non si fosse realizzata in te, non avremmo avuto altra maniera d'impararla? Proprio così. Non c'è altra via per giungere alla pace dell'anima se non quella d'eliminare il gonfiore turbolento che la faceva apparire grande ai suoi occhi, mentre avanti a te era malata.

Il convertito è disposto ad accogliere l'invito all'umiltà.

36. 36. Ti ascoltino quanti cercano la tua misericordia e la tua verità. Vengano da te e imparino da te ad essere miti ed umili di cuore. Vivano per te: per te, non per sé. Ascolti ciò quel peccatore affaticato e affranto, così oppresso dal peso delle sue colpe da non osare di alzare gli occhi al cielo: colui che si percuote il petto e, da lontano, diviene vicino 114. Ascolti il centurione, che non si stimava degno d'accoglierti in casa 115. Ascolti Zaccheo, uomo ragguardevole fra i pubblicani, che restituisce il quadruplo di quanto aveva incamerato con i suoi detestabili peccati 116. Ascolti la donna nota in città come la peccatrice: lei che tanto più versava lacrime ai tuoi piedi, quanto più era stata lontana dalle tue vie 117. Ascoltino le meretrici e i pubblicani, che precedono nel Regno dei cieli gli scribi e i farisei 118. Ascoltino i malati di ogni specie: coloro dei quali tu partecipasti al banchetto, con un gesto che ti fu rinfacciato come colpa da coloro che si ritenevano sani e non cercavano il medico: mentre tu sei venuto a chiamare alla penitenza non i giusti ma i peccatori 119. Tutti costoro, quando si volgono a te, facilmente diventano miti e umili davanti a te, memori della loro vita trascorsa nel vizio e della tua inesauribile misericordia. In essi, infatti, dove era stato abbondante il peccato, la grazia fu ancora più abbondante 120.

Invocazione per lo stuolo dei vergini.

36. 37. Volgi lo sguardo alla moltitudine dei vergini: santi fanciulli e sante fanciulle. Questa categoria di persone è sorta nella tua Chiesa: lì, come da un seno materno, ha cominciato a crescere, a gloria tua; lì sciolse la lingua per pronunziare il tuo nome; lì ha inteso il tuo nome e l'ha succhiato come il latte della propria infanzia. Nessuno di questa schiera ha da dire: Un tempo io ero un bestemmiatore, un persecutore, un violento; ma ottenni misericordia, perché agivo nell'ignoranza, essendo un incredulo 121. Anzi, essi hanno scelto, obbligandosi anche con voto, ciò che tu non avevi comandato ma solo proposto ai più generosi, quando dicevi: Chi può intendere intenda. E si sono resi eunuchi per il Regno dei cieli 122, non perché tu lo abbia imposto, ma per un tuo semplice invito.

Ai casti conceda il Signore di essere umili.

37. 37.A costoro grida; costoro da te ascoltino che tu sei mite ed umile di cuore. Fa' che costoro, quanto più sono grandi, tanto più si umilino in tutto, per trovare grazia presso di te. Essi sono giusti: ma forse quanto te, che giustifichi l'empio? Sono casti: ma erano nel peccato quando le loro madri li nutrivano in seno 123. Sono santi: ma tu sei il Santo dei santi. Sono vergini: ma non sono nati da vergini. Sono integri nello spirito e nella carne: ma non sono il Verbo fatto carne. E allora, imparino, non da coloro ai quali tu rimetti i peccati, ma da te che sei lo stesso Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo 124: imparino che tu sei mite ed umile di cuore.

L'anima vergine si lasci ammaestrare da Cristo.

37. 38. Quanto a te, o anima pia e casta, che non hai ceduto all'appetito carnale e ti sei privata del matrimonio (che pure ti era lecito); che al corpo corruttibile non hai accordato nemmeno la speranza di sopravvivere attraverso la generazione d'una posterità; che hai elevato delle membra caduche e terrene ad abitudini di vita celeste: io non voglio mandarti a imparare l'umiltà dal pubblicano e dai peccatori, anche se costoro nel Regno dei cieli precedono i superbi. Non ti mando da costoro. Non è infatti conveniente mandare la verginità illibata ad imitare coloro che sono stati liberati dall'abisso dell'impurità. Ti mando dal Re del cielo, da colui per opera del quale sono stati creati gli uomini, e che è stato creato tra gli uomini per il bene degli uomini. Ti mando dal più bello dei figli degli uomini 125, che si lasciò disprezzare dagli uomini per amore degli uomini: da colui che, pur dominando gli angeli immortali, si è degnato servire i mortali. E non fu, certamente, il peccato a renderlo umile, ma la carità: quella carità che non è invidiosa, non si vanta, non cerca il proprio interesse 126. Cristo - infatti - non cercò di piacere a se stesso, ma, come era stato scritto di lui, gli oltraggi di coloro che ti ingiuriavano sono caduti su di me 127. Muoviti! Vieni da lui, e impara come egli sia mite ed umile di cuore. Non andare da colui che non osava alzare gli occhi al cielo per il peso della colpa, ma da colui che discese dal cielo per l'immensa sua carità 128. Non andrai nemmeno da colei che con le lacrime bagnò i piedi del suo Signore, chiedendo perdono dei suoi gravi peccati; ma da colui che, appressandosi il momento in cui avrebbe perdonato tutti i peccati, si mise a lavare i piedi dei suoi discepoli 129. Riconosco l'eccellenza della tua verginità. Non ti propongo d'imitare il pubblicano che accusa umilmente i suoi peccati; temo, tuttavia, nei tuoi riguardi, l'atteggiamento del fariseo che ostenta superbamente i suoi meriti 130. Non ti dico di essere come colei di cui sta scritto: Le sono rimessi i suoi molti peccati, perché ha amato molto; ma ho paura che, lusingandoti che ti sia stato perdonato poco, tu non abbia ad amare abbastanza 131.

Amore e timore.

38. 39. Temo assai per te, ripeto, che, gloriandoti di seguire l'Agnello dovunque vada, tu non possa seguirlo per la via stretta a causa della superbia che gonfia. È bene per te, o anima vergine, che, come sei vergine e conservi gelosamente nel cuore l'innocenza della tua rigenerazione e nella carne l'integrità con cui nascesti, così tu possa concepire mediante il timore del Signore e generare lo spirito della salvezza 132. È vero, infatti, che nella carità non c'è timore e che l'amore perfetto scaccia il timore, come dice la Scrittura 133. Tuttavia lì si tratta del timore degli uomini, non di Dio; del timore dei mali temporali, non dell'ultimo giudizio divino. Non ti abbandonare all'orgoglio, ma temi 134. Ama la bontà di Dio, temi la sua severità: tutt'e due ti impediranno d'essere superba. Amando, temerai di offendere gravemente colui che ami e da cui ti sai riamata. E ci potrebbe essere offesa più grave che, per superbia, recare dispiacere a colui che per amor tuo ricusò di piacere ai superbi? E dove mai dovrà ricercarsi quel timore casto che resta per l'eternità 135, se non in te, che non pensi alle cose del mondo e come piacere al coniuge, ma alle cose di Dio e come piacere a lui 136? Quell'altro timore non è conciliabile con la carità; questo timore casto, invece, non può separarsi dalla carità. Se non ami, temerai di andare all'inferno; se ami, temerai di non essere gradita abbastanza. L'amore caccia via quel primo timore; se, invece, si ha in cuore quest'altro timore, l'amore mette le ali. C'è un passo di san Paolo in cui si dice: Non abbiamo ricevuto uno spirito di schiavitù, per cadere di nuovo nel timore, ma lo spirito di adozione a figli, mediante il quale gridiamo: Abba, Padre 137. Credo che si riferisca a quel timore dato nell'Antico Testamento al fine di impedire che si perdessero i beni temporali promessi da Dio a coloro che non erano ancora figli sotto la grazia, ma servi sotto la legge. E poi, esiste anche il timore del fuoco eterno: e servire Dio per evitare questa pena non è certamente amore perfetto. Una cosa infatti è il desiderio del premio, e un'altra il timore del supplizio. Una cosa è dire: Dove andrò per sottrarmi al tuo spirito, e dove fuggirò [per celarmi] dalla tua presenza? 138; un'altra invece: Solo una grazia ho domandato al Signore, e questa gli chiederò ancora: abitare nella casa del Signore tutti i giorni della mia vita, per ammirare la dolcezza del Signore, al riparo del suo santuario. E ancora: Non mi nascondere il tuo volto 139, e: L'anima mia anela e si strugge per gli atri del Signore 140. Potrà pronunciare quelle prime parole colui che non osava alzare gli occhi al cielo o colei che bagnava con lacrime i piedi del Signore per impetrare il perdono dei suoi gravi peccati. Le altre parole invece devi dirle tu, che sei occupata nelle cose del Signore, per essere santa nel corpo e nello spirito. Quelle parole sono accompagnate dal timore: timore che include angoscia ed è cacciato via dall'amore perfetto. Le altre parole, invece, sono accompagnate dal timore casto del Signore: timore che durerà in eterno. Agli uni e agli altri, tuttavia, si deve dire: Non abbandonarti all'orgoglio, ma temi 141. Affinché l'uomo non insuperbisca e voglia difendere i suoi peccati, ovvero presuma della sua giustizia. È vero, infatti, che Paolo dice: Non avete ricevuto uno spirito di schiavitù, per ricadere nel timore; ma, come ripensando al timore che deve accompagnare l'amore, aggiunge: Fui in mezzo a voi in uno stato di timore e di trepidazione 142. E perché l'olivastro innestato non insuperbisse nei confronti dei rami dell'olivo che s'erano spezzati, egli uscì in quella sentenza che ho citato: Non essere orgoglioso, ma temi. E altrove, in un ammonimento che rivolge a tutte le membra di Cristo, dice: Lavorate per la vostra salvezza con timore e tremore: infatti è Dio che opera in voi il volere e l'agire, conforme alla [vostra] buona volontà 143. Questo, perché non si pensi che si riferisca solo all'Antico Testamento la massima: Servite il Signore nel timore, e inneggiate a lui con tremore 144.

Motivi di insicurezza e di umiltà.

39. 40. E quali membra di quel corpo santo che è la Chiesa dovranno interessarsi perché lo Spirito Santo riposi su di loro, più delle persone che professano la santità verginale? Ovvero, come potrà, lo Spirito, restare dove non trova il luogo adatto? E quale sarà un tal luogo se non un cuore umile, che egli possa riempire senza essere respinto, che possa elevare e non deprimere? In questo senso fu detto in maniera quanto mai chiara: Su chi riposerà il mio Spirito? Su chi è umile e amante della pace e su chi teme le mie parole 145. Tu vivi da tempo nella giustizia e nella pietà; vivi nella purezza, nella santità, nella castità verginale. Tuttavia vivi ancora in questo mondo. E non vorrai umiliarti all'udire le parole: Forse che la vita umana sulla terra non è una tentazione? 146 Non ti ritrae dall'orgoglio e dalla fiducia smodata il detto: Guai al mondo per gli scandali 147? Non tremi all'idea di poter essere annoverata tra quei molti il cui amore si raffredderà per il moltiplicarsi della colpa 148? Non ti batterai il petto ascoltando: Colui che si crede di stare in piedi, guardi di non cadere 149? Dopo tutti questi ammonimenti divini e fra tanti pericoli umani, dovremo forse insistere ancora nell'inculcare l'umiltà alle vergini consacrate?

Essere esentati dal male, motivo di amore e di umiltà.

40. 41. Per qual motivo penseremo che Dio permetta si mescolino, a quanti professano la vostra vita, molti e molte che poi se ne allontanano? Lo fa certamente perché, attraverso la loro caduta, aumenti in voi il timore e si sgonfi la superbia: quella superbia che Dio odia talmente da umiliarsi - Egli, l'Altissimo - fin al limite [della umiliazione], per combattere quest'unico vizio capitale. A meno che tu davvero non voglia temere di meno e restar gonfio nella tua superbia, per poter amare di meno colui che ti ha amato tanto, fino a dare se stesso per te 150; e questo proprio per il fatto che ti è stato perdonato poco, cioè, perché fin dalla fanciullezza vivi una vita religiosa e casta, mediante una castità consacrata e una illibata verginità! Quasi che, invece, tu non debba amarlo con più ardore! Lui che, mentre ai peccatori convertiti perdona ogni sorta di colpe, quanto a te non ha permesso che cadessi in alcuna. Come se quel fariseo, che amava poco perché riteneva gli si dovesse perdonare poco 151, non fosse accecato nel suo errore da altro motivo che non fosse quello d'ignorare la giustizia di Dio e di voler affermare la sua propria, e così non essere soggetto alla giustizia di Dio 152? Ma voi siete stirpe eletta, anzi, fra gli eletti, il fiore: voi, o cori di vergini che seguite l'Agnello. Voi siete stati salvati per la grazia mediante la fede; e tutto questo non per vostra iniziativa ma per dono di Dio. Non è frutto di opere [umane], affinché nessuno se ne possa gloriare. Siamo infatti una sua creazione: creati in Cristo Gesù per compiere opere buone, che Dio ha predisposto affinché noi le praticassimo 153. E allora, sarà mai possibile che, quanto più voi siete adorni dei suoi doni, tanto meno vogliate amarlo? Egli stesso allontani da voi una insensatezza così mostruosa. Infatti, è certamente vero quanto asserisce la Verità, e cioè che colui al quale è stato perdonato poco ama poco. Ma voi, per amare appassionatamente colui per amore del quale siete rimasti liberi dai legami del matrimonio, ritenete come a voi perdonato in una maniera più perfetta tutto il male che non avete commesso per esserne stati preservati da lui. I vostri occhi siano sempre rivolti al Signore, perché egli ritrae i vostri piedi dal cappio 154. E ancora: Se il Signore non custodisce la città, invano lavora chi la custodisce 155. E, proprio parlando di questa continenza, l'Apostolo diceva: Vorrei che tutti gli uomini fossero come me; ma ognuno ha da Dio il suo dono: chi in un modo e chi in un altro 156. Chi, dunque, dona queste prerogative? Chi è che distribuisce a ciascuno il suo dono, secondo il proprio volere 157? Dio certamente. E presso Dio non c'è ingiustizia 158. Pertanto, anche se all'uomo è impossibile o estremamente difficile conoscere con quali criteri egli favorisca gli uni con certe doti e gli altri con altre, tuttavia non sarà mai lecito dubitare che egli agisca con giustizia. Che cosa, infatti, possiedi tu, che non l'abbia ricevuto? 159 E allora, non ti sembrerà una strana aberrazione, se amerai di meno, mentre hai ricevuto di più?

L'innocenza, come l'obbedienza e il ravvedimento, è dono di Dio.

41. 42. La prima preoccupazione della vergine di Dio sia pertanto quella di rivestirsi di umiltà. Non creda che, quello che è, lo sia per suo merito, ma piuttosto che questo dono sublime le provenga dall'alto, dal Padre della luce, presso il quale non esiste cambiamento od ombra di variabilità 160. Così non penserà che le sia stato perdonato poco per permettersi, di conseguenza, d'amare poco; né avverrà che, ignorando la giustizia di Dio e volendo affermare la propria, rimanga al di fuori dell'azione giustificatrice di Dio 161. In questo vizio cadde quel tale Simone, che fu lasciato indietro dalla donna a cui erano stati rimessi molti peccati perché aveva amato molto. La vergine di Dio vorrà essere ben più saggia e aderire alla verità: penserà con piena convinzione che, quando Dio impedisce a certuni di cadere in peccato, costoro hanno da considerare che tutti i peccati sono stati loro perdonati in una maniera più radicale. Ne sono testimoni certe espressioni di supplica devota che troviamo nella sacra Scrittura: quelle, cioè, in cui appare che gli stessi comandamenti di Dio non possono tradursi in pratica senza il dono e l'aiuto di chi li aveva impartiti. Sarebbero infatti delle domande senza costrutto, se i precetti per cui si prega potessero essere adempiuti senza l'aiuto della grazia divina. Cos'è comandato - ad esempio - in modo così universale e con il massimo rigore, come l'obbedienza, con la quale si osservano i precetti di Dio? Eppure troviamo che questa obbedienza è chiesta a Dio. Tu - dice - hai comandato di osservare fedelmente i tuoi precetti. Poi aggiunge: Deh! siano indirizzati i miei passi a compiere i tuoi statuti: non arrossirò nel fissare lo sguardo a tutte le tue ingiunzioni 162. Quello che prima aveva qualificato come un precetto divino, questo ora domanda di poter mettere in pratica: e ciò proprio per non peccare. Se poi si è peccato, viene imposto l'obbligo di pentirsi, perché, difendendo e scusando il peccato, il peccatore non abbia a perire a causa della superbia, ostinandosi cioè a non eliminare con la penitenza il male che ha commesso. Ma anche la penitenza è domandata a Dio: naturalmente perché si comprenda che non la si può praticare se non ce la concede colui al quale la chiediamo. O Signore - dice -, poni un sigillo alla mia bocca e una porta, quella della continenza, intorno alle mie labbra. Non permettere che si pieghi il mio cuore a cose inique, per trovare scuse ai miei peccati, come [fanno] gli uomini dediti alla iniquità 163. Si presenta, dunque, a Dio il desiderio e la richiesta dell'obbedienza, con la quale osserviamo i suoi precetti, e gli si presenta ancora quella della penitenza, con la quale non scusiamo ma accusiamo i nostri peccati. È pertanto chiaro che, se si traducono in pratica questi precetti, vi si riesce perché lui lo dona, e si ottiene l'effetto perché lui aiuta. Dell'obbedienza è detto in una forma ancor più esplicita: Il Signore dirige il cammino dell'uomo e gradisce la sua via 164. E, quanto alla penitenza, l'Apostolo dice: In attesa che Dio conceda loro il ravvedimento 165.

La continenza è un dono di Dio.

41. 43. E della continenza non è forse detto in maniera quanto mai esplicita: Sapendo di non poter essere continente, se non me lo avesse concesso Iddio, già questo era un frutto della sapienza: il sapere da chi venisse questo dono 166?

Dono di Dio è la sapienza.

42. 43. Ma se la continenza è un dono di Dio, la sapienza potrà forse l'uomo procurarsela da sé? quella sapienza, dico, con cui riconosce che il dono della continenza non è suo ma di Dio. Tutt'altro! È Dio che rende sapienti i ciechi 167. E ancora: La parola del Signore è fedele e dona la sapienza ai piccoli 168. Così pure: Se qualcuno si riscontra privo della sapienza, la chieda a Dio che dona a tutti generosamente e senza rinfacciare, e gli sarà concessa 169. Orbene, se è conveniente che le vergini siano sagge, perché non si spengano le loro lampade 170, come potranno esserlo se non escludendo ogni aspirazione per le altezze della sapienza e lasciandosi attrarre da ciò che è umile 171? È infatti la Sapienza stessa che dice all'uomo: Ecco! La pietà è sapienza 172. Se pertanto nulla possiedi che non l'abbia ricevuto, non ti abbandonare all'orgoglio, ma temi 173. E non crederti autorizzato ad amare poco il Signore, quasi che ti abbia perdonato poco. Amalo molto, invece, poiché molto egli ti ha dato. Se, infatti, ama colui al quale è stato condonato un debito, quanto più non dovrà amare colui al quale è stato accordato un beneficio? Difatti, uno che fin dal principio si conserva puro, è Dio che lo sostiene. E un altro, che da impuro diventa puro, è Dio che lo rimette sulla buona strada. Chi invece rimane impuro sino alla fine, è Dio che lo abbandona. Tutto questo egli può fare, con un giudizio che sarà, sì, occulto, ma giammai ingiusto. E se rimane occulto, lo sarà, forse, perché se ne abbia più timore e ci si inorgoglisca di meno.

L'umiltà deve essere sincera.

43. 44. Convinti che quel che si è lo si è per grazia di Dio, non si deve incorrere nell'altra tentazione, sempre della superbia, e, inorgogliti del dono divino, mettersi a disprezzare gli altri. Sarebbe, questo, il vizio di quel fariseo evangelico che, mentre ringraziava Dio per i doni ricevuti, si credeva superiore al pubblicano che confessava i propri peccati 174. Che cosa, dunque, avrà da fare una vergine, che cosa pensare, al fine di non ritenersi superiore agli uomini o alle donne che non hanno lo stesso grande privilegio? Non basta infatti un'umiltà apparente; ne occorre una reale: poiché un'umiltà finta sarebbe una superbia ancor più raffinata. E che l'umiltà debba essere sincera, lo insegna la Scrittura quando dice: Più sei grande, più devi umiliarti in ogni cosa. E prosegue: Così troverai grazia al cospetto di Dio 175. Dove, evidentemente, nessuno potrà presentarsi con umiltà simulata.

Molti doni divini sono occulti: evitare, quindi, i confronti.

44. 45. Che diremo dunque? Non ci sarà un motivo per il quale una vergine consacrata a Dio, se ci pensi seriamente, debba allontanare da sé ogni sorta di preferenza nei confronti con le altre donne, vedove o maritate che siano? Parlo di una vergine fedele ai suoi obblighi: poiché chi non capisce che una donna a posto vale molto di più che una vergine indisciplinata? Ma, supponendo l'una e l'altra in regola con i precetti divini, dovrà una vergine esitare nella scelta fra la sua verginità consacrata e le nozze per quanto caste, fra la continenza e il matrimonio, fra il frutto del cento e quello del trenta per uno? Tutt'altro! Riguardo alla cosa in se stessa, non ci possono essere dubbi. Quanto alle persone, tuttavia, la tale o tal altra vergine, obbediente e timorata di Dio, non osi mai preferirsi alla tale o tal altra donna del popolo, che parimenti obbedisca a Dio e viva nel suo timore. Regolandosi altrimenti, peccherebbe di superbia, e ai superbi Dio resiste 176. Su che cosa dovrà riflettere allora? Che i doni di Dio sono occulti, e solo la prova li rende manifesti: e ciò anche per quel che riguarda noi stessi. Omettendo altri esempi e limitandoci al caso d'una vergine che è tutta dedita alle cose del Signore e cerca di piacergli 177: chi sa se costei non abbia interiormente una qualche infermità spirituale che la renda immatura al martirio, mentre l'altra donna, di cui si vantava d'essere superiore, sia già in grado di bere al calice dell'umiltà che Cristo Signore aveva offerto per primo da bere a quei discepoli che erano innamorati delle altezze 178? Voglio dire: come fa una vergine a sapere che, mentre lei non è ancora una Tecla, l'altra non sia già una Crispina 179?

45. 45. Finché manca la prova, evidentemente non si potrà far mostra d'un simile dono.

Diversi gradi di fecondità spirituale.

45. 46. La grandezza di quella grazia che è il martirio è tale che certuni identificano con essa il fruttato del cento per uno 180. Ne fa fede sino all'evidenza l'autorità della Chiesa. È noto infatti ai fedeli in che ordine vengano menzionati, durante la celebrazione dei divini misteri, i nomi dei martiri e quelli delle sacre vergini defunte 181. Quanto poi alla diversità del raccolto, di cui il Vangelo, e al suo significato, se la vedano pure coloro che sono più di noi addentro in questa materia. Potrebbe darsi infatti che nel cento per uno si rappresenti la vita verginale, mentre nel sessanta per uno la vita vedovile, e nel trenta per uno la vita coniugale. Ma nel cento per uno potrebbe anche essere raffigurato il martirio, nel sessanta per uno la continenza, nel trenta per uno la vita coniugale. Similmente, potrebbe anche darsi che la verginità raggiunga il cento per uno se unita al martirio, mentre da sola costituisca il sessanta per uno: restando ai coniugi il frutto del trenta per uno, il quale, però, salirebbe al sessanta quando si trattasse di martiri. Per dire ciò che mi sembra più probabile, io penserei che il testo vada inteso nel senso che molti sono i doni di Dio e che, quindi, non si possano ripartire in tre sole categorie. È infatti noto che le grazie distribuite dalla bontà divina sono molteplici e, fra loro, certune sono più grandi e nobili che non altre. Come dice l'Apostolo: Cercate con ardore i doni più eccellenti 182. In primo luogo, dunque, evitiamo di svalutare, fino a negarlo, il frutto della continenza vedovile. Non abbassiamolo al livello della castità coniugale, né eleviamolo allo stesso rango della verginità. Quanto alla corona del martirio, o limitato alla sola disposizione dell'animo - per il fatto che la prova esterna della persecuzione non si è presentata - o concretatosi in patimenti effettivamente tollerati, non la si deve avvicinare, senza accordarle un ampio margine di maggiore fecondità, a nessuna delle menzionate forme di castità. Finalmente, resterebbe da esaminare il caso di quei molti, uomini e donne, che vivono, sì, nella continenza verginale, ma non praticano le parole del Signore: Se vuoi essere perfetto, va', vendi tutto quello che hai e dallo ai poveri: ne avrai un tesoro nel cielo. Poi vieni e seguimi 183. Costoro non sanno decidersi ad abbracciare la vita di quei tali che non hanno niente di proprio ma tutte le cose sono fra loro in comune 184. Che dire? che i vergini di Dio non conseguano alcun frutto, quando scelgono una tal vita? o che la verginità consacrata al Signore resti senza frutto, se non si compie un tal passo?

I molteplici doni della grazia sono ordinati alla vita eterna.

46. 46. Molti, dunque, sono i doni di Dio: altri più, altri meno nobili ed eccellenti. A ognuno viene dato il suo proprio dono, e capita che uno ha da sfruttare pochi doni ma di grado eminente, mentre un altro ne ha a disposizione di più, quanto a numero, ma di grado inferiore. Quanto poi alle equivalenze o alle distinzioni che esistono fra l'uno e l'altro di tali doni in ordine al conseguimento della gloria eterna, chi, fra i mortali, oserà pronunziare una sentenza definitiva? L'importante, e quindi da tenersi per fermo, è che questi doni sono molti e, fra loro, diversi, e che i più eccellenti mirano a un vantaggio non circoscritto alla vita presente ma sono ordinati alla vita eterna. E se il Signore si limitò a ricordare solo tre diverse misure di fruttato 185, quanto al resto lasciò all'intelligenza del lettore che ne aggiungesse delle altre. Difatti un altro Evangelista menziona solo la resa del cento per uno 186; ma si potrà forse, per questo, dire che Luca abbia disapprovato o semplicemente ignorato le altre due quantità? O non piuttosto diremo che egli le abbia lasciate supplire dalla nostra intelligenza?

Il martirio, dono eccellentissimo della grazia.

46. 47. Ad ogni modo, sia che il frutto del cento per uno rappresenti la verginità consacrata a Dio - come avevo cominciato a dire -, sia che la diversa fecondità, di cui il Vangelo, debba intendersi in altra maniera - fra quelle da me ricordate o anche fra le non ricordate -, nessuno - a quanto posso valutare - oserà mai mettere la verginità in un piano superiore al martirio; e nessuno, parimenti, vorrà porre in dubbio che il martirio è una grazia che rimane occulta finché manca la prova esterna.

Stimare il prossimo più di se stessi.

47. 47. La vergine ha numerosi temi di riflessione per restare nell'umiltà e non offendere la carità. È infatti, questa, il dono che supera tutti gli altri: un dono senza del quale gli altri, pochi o molti, grandi o piccoli che siano, non valgono niente. Ha, ripeto, non pochi motivi di riflessione, e così: non gonfiarsi 187 né essere invidiosa. Resterà nella convinzione che lo stato di verginità è molto più nobile ed eccellente della vita coniugale; tuttavia, quanto alle persone sposate in concreto, riconoscerà di non sapere se abbiano raggiunto o meno la maturità di subire il martirio per Cristo. E analogamente, quanto a se stessa, riconoscerà di non sapere se abbia o meno la stessa capacità e di non sapere, ancora, se non sia proprio in vista di tale debolezza che le venga risparmiata la prova. Dio infatti - dice l'Apostolo - è fedele, e non permette che voi siate tentati al di là delle vostre forze, ma, insieme alla prova, vi farà trovare una via d'uscita, sì che possiate resistere 188. Ci possono essere, quindi, uomini e donne che rimangono nella condizione - condizione meritevole d'ogni rispetto - di persone coniugate, e già sono in grado di sostenere, di fronte al nemico che le spinge al male, delle lotte che vadano fino allo scempio delle membra e all'effusione del sangue. Come pure ci possono essere certuni, maschi e femmine, che, pur vivendo in castità fin dall'infanzia essendosi evirati per il Regno dei cieli, tuttavia non sono in grado di sostenere le stesse pene per la giustizia o per la castità. Una cosa è, infatti, dire di no a uno che avanza proposte abili e lusinghiere e così restare nella verità e mantenere i voti pronunziati; un'altra è restare saldi anche di fronte ai tormenti e alle ferite. Sono, queste, delle risorse che si celano nell'intimo dell'anima e delle sue facoltà: la tentazione le scopre, la prova concreta le fa conoscere. Se pertanto la persona consacrata non vuole insuperbirsi per le mete che sa d'aver raggiunto, pensi con umiltà all'esistenza di altre mete ancora più sublimi, che lei non sa se sia in grado o meno di raggiungere. E viceversa, quanto agli altri, penserà che ce ne sono di quelli che, senza avere il dono di cui lei si vanta e per cui si crede di spiccare su di essi, e senza farne pubblica professione, purtuttavia sono in grado di conseguire mete che a lei non è dato raggiungere. In tal modo, con umiltà vera, e non finta, si rispetteranno le parole: Prevenitevi l'un l'altro nell'onore 189, e: Stimate ciascuno il vostro simile superiore a voi 190.

Dal pensiero delle proprie colpe, un forte richiamo all'umiltà.

48. 48. A questo punto, che dirò delle precauzioni e della vigilanza che occorrono per non peccare? Chi potrà vantarsi d'avere il cuore casto? Chi d'essere esente da peccato? 191 Ammettiamo pure che uno abbia custodito integra la verginità fin dal seno materno; tuttavia è detto: Nessuno è puro agli occhi tuoi, nemmeno il bambino che vive sulla terra da un giorno soltanto 192. Ammettiamo pure che, anche nella fede, sia stata osservata senza alcuna violazione una purità - diciamo così - verginale, quella per la quale la Chiesa è unita, come vergine casta, a un solo sposo. Tuttavia questo sposo singolare ha insegnato una preghiera non soltanto ai fedeli vergini di spirito e di corpo ma a tutti indistintamente i cristiani: spirituali o carnali, apostoli o penitenti dell'ultimo rango, una preghiera che si allarga dalle sommità dei cieli (per così dire) fino all'altra loro estremità 193, una preghiera che contiene in sé anche un ammaestramento. Vi si dice: Rimetti a noi i nostri debiti, come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori 194. Parole d'invocazione, ma che nello stesso tempo ci mostrano che cosa siamo, invitandoci a ricordarlo. Noi preghiamo che vengano rimessi a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori; e sappiamo bene che questa supplica non ci viene imposta a motivo dei debiti che avevamo contratti negli anni che precedettero il battesimo, per la cui grazia e pace confidiamo che tutte le colpe ci siano state rimesse. Se così non fosse, questa preghiera dovrebbero averla sulle labbra i catecumeni, fino a che non siano battezzati. Che se, al contrario, essa è una preghiera che riguarda i battezzati, membri della gerarchia e semplici fedeli, pastori e greggi, significa che in questa vita - la quale tutta intera è una prova 195 - nessuno può vantarsi d'essere completamente immune da colpa.

Nessuno ha da ritenersi esente da colpa.

49. 49. È vero, quindi, che le sacre vergini, vivendo irreprensibilmente, seguono l'Agnello dovunque vada. Esse hanno conseguito una perfetta purificazione dal peccato e hanno conservato intatta la verginità: la quale, una volta perduta, non tornerebbe più. Tuttavia l'Apocalisse, in cui a un vergine viene rivelata la sorte dei vergini, loda le vergini anche per un altro motivo: che, cioè, sulle loro labbra non si trova menzogna 196. Pertanto, queste persone si ricordino di dire la verità anche in questo: nel non dichiararsi senza peccato. È Giovanni, il veggente dell'Apocalisse, che lo afferma: Se dicessimo di non aver peccati, ci inganneremmo, e non sarebbe in noi la verità. Se invece confessiamo le nostre colpe, egli è fedele e giusto, e sa perdonarci i nostri peccati e purificarci da ogni iniquità. Se dicessimo di non aver peccati, sarebbe come un incolpare Dio di menzogna, e allora la sua parola non sarebbe in noi 197. Queste parole non sono rivolte a categorie particolari di persone, ma a tutti i cristiani: fra i quali debbono riconoscersi anche le vergini. Così facendo, saranno senza menzogna, come apparvero nell'Apocalisse; e l'umile confessione le metterà al riparo dalle varie accuse. Fino a che non venga la perfezione [assoluta] che si conseguirà in cielo.

La facilità del perdono divino non deve facilitare le colpe.

49. 50. Alle parole di san Giovanni sopra riferite qualcuno avrebbe - forse - potuto appellarsi per peccare con fatale sicurezza: si sarebbe, cioè, potuto abbandonare più liberamente al peccato col pretesto che, poi, si sarebbe fatto presto a cancellarlo con una facile confessione. Per questo motivo egli aggiunge immediatamente: Figliolini miei, vi scrivo queste cose, perché non pecchiate. Che se uno ha peccato, abbiamo un avvocato presso il Padre, Gesù Cristo, il giusto. Egli è la propiziazione dei nostri peccati 198. Pertanto, nessuno ha da romperla col peccato con l'idea di tornare a commetterlo. Nessuno ha da stringere col male quasi un patto d'alleanza, sì da preferire la gioia che si prova nel confessare la colpa a quella che si prova nel tenersene lontano.

50. 50. La fragilità umana è tanta che anche a chi si sforza e vigila per non peccare succedono delle mancanze. Saranno piccole, saranno poche; ma non si può dire che non ci siano. Esse, anzi, diverrebbero grandi e gravi se vi si aggiungesse la malizia e la gravità della superbia. Viceversa, se una fiduciosa umiltà le stende al suolo, con ogni facilità vengono perdonate dal Sacerdote che abbiamo nel cielo.

Contro certe insinuazioni pelagiane.

50. 51. Non voglio entrare qui in polemica con coloro che sostengono essere possibile all'uomo, qui in terra, vivere senza peccato. Non voglio discutere; non voglio contraddire. Potrebbe darsi infatti che misuriamo i grandi col metro della nostra miseria e, confrontando noi con noi stessi 199, non riusciamo a capirli. Una cosa soltanto però io so bene: che questi grandi - fra i quali noi non siamo né ci siamo mai accorti di esserlo - quanto più sono grandi tanto più debbono umiliarsi in ogni maniera, se vogliono trovar grazia dinanzi a Dio. Siano pur grandi quanto vogliono, ma non ci sarà mai servo più grande del suo padrone, né discepolo più grande del proprio maestro 200. Eppure, questo Padrone, che poteva dire: Tutto mi è stato dato dal Padre mio, è lo stesso Maestro che diceva: Venite a me, voi tutti che tribolate, e imparate da me. Imparare, che cosa? Che sono mite - diceva - e umile di cuore 201.

Verginità, carità, umiltà.

51. 52. Qualcuno potrebbe osservare: Ma questo non è più ormai un trattato sulla verginità, bensì sull'umiltà! Quasi che la verginità di cui sto sottolineando i pregi sia una verginità profana, e non piuttosto quella secondo Dio. La quale, come mi si presenta un gran dono del Signore, così ho paura del ladro che ne minaccia la rovina: cioè la superbia. Orbene, solo Dio, che della verginità è l'autore, è in grado di custodirla. Ma, se Dio è carità 202, custode della verginità è la carità: quella carità che ha la sua sede nell'umiltà. È infatti nell'umiltà che risiede colui che prometteva di far riposare il suo spirito su l'umile, il pacifico e quanti temono la sua parola 203. Cosa, quindi, ho fatto di strano se, volendo che fosse custodito nella maniera più sicura il bene che elogiavo, mi sono anche preoccupato di allestire una sede per il suo custode? Voglio, anzi, dire una cosa azzardata: senza paventare le stizze di coloro ai quali, pieno di sollecitudine, rivolgo l'invito a nutrire, nei riguardi di loro stessi, un senso di timore pari al mio. Dico: È più facile che seguano l'Agnello (non certo dovunque egli vada, ma fin dove è loro consentito) le persone sposate, ma umili, che non le vergini che siano superbe. Come, infatti, potrà seguirlo uno che non si cura nemmeno di avvicinarlo? Ovvero, come potrà avvicinarglisi uno che non vada da lui ad imparare come egli è mite ed umile di cuore 204? Per cui, tra i suoi seguaci, l'Agnello condurrà dovunque egli vada solo coloro nei quali avrà trovato un posto dove poggiare il capo. Ci fu, infatti, una volta un tale, superbo e insincero, che gli andò a dire: Signore, ti seguirò dovunque andrai; ma il Signore gli replicò: Le volpi hanno la tana, e gli uccelli dell'aria il nido; il Figlio dell'uomo invece non ha dove poggiare la testa 205. Accennando alle volpi, gli rinfacciava la furberia e l'insincerità; col richiamo agli uccelli, la volubilità e l'alterigia. Comunque, in lui il Signore non trovò quell'umiltà e devozione in cui riposarsi; ed egli, nonostante le promesse di seguire il Signore, non fino a un certo punto ma assolutamente dovunque fosse andato, di fatto non lo seguì proprio per niente.

Tendere alle cime camminando col piede dell'umiltà.

52. 53. In conclusione: voi, che siete vergini di Dio, questo dovete fare, questo: seguire l'Agnello dovunque vada. Ma, prima di mettervi al suo seguito, recatevi da lui, e imparate come egli è mite e umile di cuore 206. Se amate, andate con umiltà a colui che è umile. Non vi allontanate da lui, se non volete cadere. Chi teme di allontanarsi da lui, prega implorando che non lo raggiunga il piede della superbia 207. Avviatevi alle altezze col piede dell'umiltà. Egli porta in alto chi lo segue con umiltà: egli che non sdegnò di chinarsi su coloro che giacevano nel peccato. Affidate a lui i doni che vi ha elargito, perché ve li conservi; deponete presso di lui la vostra forza 208. Tutto il male che non commettete perché Dio ve ne tiene lontani, consideratelo come perdonato. In tal modo non vi succederà di amarlo poco, illudendovi che poco vi sia stato rimesso; né disprezzerete con fatale arroganza i pubblicani che vedrete battersi il petto 209. Se avete avuto modo di saggiare le vostre forze, non vi inorgoglite per quanto siete riuscite a sopportare. Se la prova non vi è ancora toccata, pregate per non essere tentate al di sopra delle vostre capacità. Coloro, rispetto ai quali vi trovate più in alto per dignità esterna, riteneteli a voi superiori nelle doti che rimangono occulte. In tal modo, cioè riconoscendo voi in spirito di benevolenza i doni del prossimo che pur non vedete, i vostri doni - di cui siete ben consapevoli - non risulteranno sminuiti dal confronto, ma saranno consolidati dalla carità. Quanto poi ai doni che ancora vi mancano, vi saranno concessi con tanto maggiore facilità, quanto più grande sarà l'umiltà con cui li desidererete. Quelli che fra voi perseverano, vi siano d'esempio. Quelli che cadono, aumentino la vostra trepidazione. Amate la perseveranza degli uni per imitarla; piangete la defezione degli altri per evitare l'orgoglio. Non vogliate stabilire una vostra giustizia; assoggettatevi a Dio che opera in voi la sua giustificazione. Perdonate i peccati altrui; pregate per i vostri. Con la vigilanza schivate le colpe avvenire. Cancellate le colpe del passato mediante la confessione.

Se unita alle altre virtù, la verginità offre un'immagine della vita celeste.

53. 54. Voi avete raggiunto una tale perfezione che tutto nella vostra condotta corrisponde alla verginità che professate e custodite. Non avete nulla a che fare con gli omicidi, con i sacrifizi idolatrici e simili abominazioni diaboliche, con i furti, le rapine, le frodi, gli spergiuri, l'ubriachezza, la lussuria nelle sue varie forme, l'avarizia, la finzione, la gelosia, l'empietà, la durezza di cuore 210. Non solo, ma fra voi non è dato vedere, né succedono di fatto, quelle colpe che sono effettivamente o, quanto meno, vengono reputate di poco rilievo: non viso procace, non occhi curiosi, non lingua ciarliera, non ridere sguaiato, non scherzi villani, non mode indecenti, non portamento esageratamente sostenuto o languido. Voi non rendete male per male, né maledizione per maledizione 211. Anzi, così sublime è il grado della vostra carità che siete disposte a dare la vostra vita per i fratelli 212. Siete così, e così dovete essere. E tutte queste virtù, unite alla verginità, offrono agli uomini un'immagine della vita angelica, riproducono sulla terra costumanze celesti. Orbene, quanto più siete in alto - lo dico a quanti posseggono tali grandezze -, altrettanto dovete umiliarvi in ogni maniera, se volete trovare grazia davanti a Dio 213. Se non volete che, essendo voi superbi, egli vi resista. Se non volete che, cercando voi d'innalzarvi, egli vi abbassi, e che, essendo voi troppo gonfi, egli non riesca a farvi passare per la porta stretta. Raccomandazioni, queste, che dovrebbero essere superflue, poiché dove arde la carità è impossibile che manchi l'umiltà.

Amate come si conviene il più bello tra i figli degli uomini.

54. 55. Voi avete ricusato di contrarre nozze con uomini, da cui avreste generato degli uomini. Ricordatevi d'amare con tutto il cuore colui che, tra i figli degli uomini, è il più bello 214. Ne avete ogni agio essendo il vostro cuore libero da legami di nozze. Considerate la bellezza di colui che amate. Pensatelo uguale al Padre 215 e obbediente anche alla madre; signore del cielo e servo qui in terra; creatore di tutte le cose e creato come una di esse. Contemplate quanto sia bello in lui anche quello che i superbi scherniscono. Con occhi interiori mirate le piaghe del crocifisso, le cicatrici del risorto, il sangue del morente, il prezzo versato per il credente, lo scambio effettuato dal redentore.

55. 55. Pensate al valore di tutte queste cose e ponetelo sulla bilancia dell'amore. E tutto quell'amore che avreste dovuto riversare sul marito, nel caso che vi foste sposate, altrettanto riversatene in Cristo.

Lo sposo divino colmi il vuoto del cuore verginale.

55. 56. Siete fortunate, poi, per il fatto che egli va in cerca solo della vostra bellezza interiore, là dove vi ha dato il potere di essere figli di Dio 216. Non si aspetta da voi una bellezza carnale, ma dei buoni costumi e che siate padrone della vostra carne. Non è, lui, un tipo che qualcuno possa andare a raccontargli delle frottole sul vostro conto e così renderlo geloso e farlo infuriare. Notate con quale abbandono potete amarlo e come non avete da temere di spiacergli per dei sospetti infondati. Marito e moglie si amano in quanto si vedono; ma in quello che non riescono a vedersi nutrono dei timori l'uno per l'altro. E, se nel segreto covano dei sospetti, per motivi che fossero pure infondati, come capita il più delle volte, non si può dire che godano effettivamente per quanto conoscono con certezza, trattandosi di qualità manifeste. Del vostro sposo, invece, voi con la fede potete penetrare anche là dove non vedete con gli occhi. E in lui mai troverete difetti reali da rimproverargli, mai avrete da temere di disgustarlo per motivi immaginari. Se, pertanto, grande sarebbe dovuto essere il vostro amore per il vostro marito, in che misura dovrete amare colui per amore del quale avete rinunziato al matrimonio? Vi si imprima nel cuore, per quanto esso è capace, colui che per voi fu confitto in croce. Venga lui a occupare nel vostro animo tutto il vuoto che ha lasciato in voi la rinunzia alle nozze. Non vi è consentito amare con tiepidezza colui per amore del quale ricusaste un amore che, pure, era legittimo. Se amerete in questa maniera colui che è mite e umile di cuore 217, non avrò ragioni per temere che diventiate superbe.

Conclusione.

56. 57. Per quanto era dato alle nostre limitate risorse, ci sembra d'aver parlato abbastanza e della santità per cui, con termine tecnico, vi si chiama le " consacrate " e dell'umiltà che è la custode della vostra grandezza. Una esortazione più autorevole sul tema che abbiamo affrontato nel presente lavoretto, ve la rivolgano quei tre fanciulli che, amando Dio con tutto l'ardore del cuore, venivano da lui refrigerati in mezzo alle fiamme 218. L'inno che composero a gloria del Signore è molto più breve del presente opuscolo, quanto al numero delle parole, ma è molto superiore per il peso dell'autorità. Essi uniscono, nelle persone che intendono lodare Dio, l'umiltà con la santità; e insegnano che, quanto maggiore è la santità che uno professa, tanto maggiore dev'essere la cura per non lasciarsi traviare dalla superbia. Anche voi, pertanto, lodate colui che vi dà la grazia di non bruciare - pur nella rinunzia delle nozze - in mezzo alle fiamme della corruzione di questo mondo. Pregatelo anche per noi. Voi che siete santi e umili di cuore, benedite il Signore. Cantategli un inno e dategli gloria per sempre 219.


Note:




1 - Cf. Rm 11, 17-18.

2 - 1 Cor 7, 9.

3 - Mt 19, 12.

4 - 2 Cor 11, 2.

5 - Mt 12, 48-50.

6 - Lc 11, 27-28.

7 - Lc 1, 34.

8 - Mt 12, 50.

9 - Cf. Mt 9, 15.

10 - Cf. ibidem.

11 - 1 Tm 1, 5.

12 - Gal 5, 6.

13 - Mt 19, 12.

14 - 1 Cor 7, 9.

15 - 1 Cor 7, 34.

16 - Sal 44, 3.

17 - Cf. 2 Cor 11, 2.

18 - 1 Cor 7, 25-26.

19 - 1 Cor 7, 25.

20 - 1 Cor 7, 26.

21 - 1 Cor 15, 41-42.

22 - 1 Cor 7, 26.

23 - 1 Cor 7, 27.

24 - Cf.Mt 19, 9.

25 - 1 Cor 7, 28.

26 - 1 Cor 7, 10-11. 18-24. 27-28.

27 - 1 Cor 7, 28.

28 - Ibidem.

29 - 1 Cor 7, 38.

30 - 1 Cor 7, 28.

31 - 1 Cor 7, 40.

32 - 1 Cor 7, 28.

33 - 1 Cor 7, 39.

34 - 1 Cor 7, 26.

35 - 1 Cor 7, 28.

36 - Ibidem.

37 - Dn 13, 23.

38 - 1 Cor 7, 28.

39 - Ibidem.

40 - 1 Cor 7, 38.

41 - 1 Cor 7, 26.

42 - 1 Cor 7, 28.

43 - 1 Cor 7, 32-34.

44 - Ibidem.

45 - 1 Cor 15, 19.

46 - Mt 19, 10-12.

47 - Cf. Is 56, 5.

48 - Is 56, 5.

49 - 1 Tm 4, 8.

50 - 2 Cor 4, 18.

51 - Is 56, 6.

52 - Ibidem.

53 - Cf. Mt 20, 9.

54 - 1 Cor 15, 53.

55 - 1 Cor 15, 41-42.

56 - 1 Cor 15, 41.

57 - 1 Cor 12, 18.

58 - Cf. Gv 14, 2.

59 - Cf. Lc 12, 35-36.

60 - Sal 95, 1.

61 - Cf. Ap 14, 1ss.

62 - 1 Pt 2, 21.

63 - Mt 5, 3.

64 - 2 Cor 8, 9.

65 - Mt 5, 4.

66 - Mt 11, 29.

67 - Mt 5, 5.

68 - Cf. Lc 19, 41.

69 - Mt 5, 6.

70 - Gv 4, 34.

71 - Mt 5, 7.

72 - Cf. Lc 10, 30-35.

73 - Mt 5, 8.

74 - 1 Pt 2, 22.

75 - Mt 5, 9.

76 - Lc 23, 34.

77 - Mt 5, 10.

78 - 1 Pt 2, 21.

79 - 1 Cor 15, 28.

80 - Sal 75, 12.

81 - Cf. Mt 19, 12.

82 - 1 Cor 9, 24.

83 - Sal 95, 8.

84 - Es 20, 13. 15.

85 - Cf. Lc 10, 35.

86 - Cf. Is 56, 5.

87 - Sir 3, 18.

88 - 1 Cor 13, 4.

89 - Fil 2, 7-8.

90 - Mt 5, 3.

91 - Mt 8, 5-10.

92 - Cf. Lc 7, 6-7.

93 - Sal 137, 6.

94 - Mt 15, 28.

95 - Cf. Mt 15, 26.

96 - Mt 15, 27.

97 - Cf. Mt 15, 22-28.

98 - Lc 18, 10.

99 - Lc 18, 11-14.

100 - Gc 1, 17.

101 - Mt 18, 1-3.

102 - Cf. Mt 20, 21-22.

103 - Fil 2, 8.

104 - Cf. Gv 13, 1-17.

105 - Sir 3, 18.

106 - 1 Tm 5, 13.

107 - 1 Tm 5, 11-12.

108 - 1 Tm 5, 6.

109 - Gc 4, 6.

110 - Mt 11, 29.

111 - Mt 11, 25-29.

112 - Mt 11, 28.

113 - Col 2, 3.

114 - Cf. Lc 18, 13.

115 - Cf. Mt 8, 8.

116 - Cf. Lc 19, 2. 8.

117 - Cf. Lc 7, 37-38.

118 - Cf. Mt 21, 31.

119 - Cf. Mt 9, 11-13.

120 - Rm 5, 20.

121 - 1 Tm 1, 13.

122 - Mt 19, 12.

123 - Cf. Sal 50, 7.

124 - Gv 1, 14. 29.

125 - Sal 44, 3.

126 - 1 Cor 13, 4-5.

127 - Rm 15, 3.

128 - Cf. Gv 6, 38.

129 - Cf. Gv 13, 5.

130 - Cf. Lc 18, 10-14.

131 - Cf. Lc 7, 38. 47.

132 - Cf. Is 26, 18.

133 - 1 Gv 4, 18.

134 - Rm 11, 20.

135 - Sal 18, 10.

136 - Cf. 1 Cor 7, 32-33.

137 - Rm 8, 15.

138 - Sal 138, 7.

139 - Sal 26, 4. 9.

140 - Sal 83, 3.

141 - Rm 11, 20.

142 - 1 Cor 2, 3.

143 - Fil 2, 12-13.

144 - Sal 2, 11.

145 - Is 66, 2.

146 - Gb 7, 1.

147 - Mt 18, 7.

148 - Mt 24, 12.

149 - 1 Cor 10, 12.

150 - Cf. Gal 2, 20.

151 - Cf. Lc 7, 36-47.

152 - Rm 10, 3.

153 - Ef 2, 8-10.

154 - Sal 24, 15.

155 - Sal 126, 1.

156 - 1 Cor 7, 7.

157 - 1 Cor 12, 11.

158 - Cf. Rm 9, 14.

159 - 1 Cor 4, 7.

160 - Gc 1, 17.

161 - Cf. Rm 8, 10.

162 - Sal 118, 4-6.

163 - Sal 140, 3-4.

164 - Sal. 36, 23.

165 - 2 Tm 2, 25.

166 - Sap 8, 21.

167 - Sal 145, 8.

168 - Sal 18, 8.

169 - Gc 1, 5.

170 - Cf. Mt 25, 4.

171 - Rm 12, 16.

172 - Gb 28, 28.

173 - Rm 11, 20.

174 - Cf.Lc 18, 10-14.

175 - Sir 3, 18.

176 - Gc 4, 6.

177 - 1 Cor 7, 32.

178 - Cf. Mt 20, 22.

179 - Cf. AUG., Serm. 354, 5: PL 39, 1565.

180 - Cf. AUG., Quaest. Ev. 9: PL 35, 1325.

181 - Cf. AUG., Serm. 159, 1: PL 38, 868.

182 - 1 Cor 12, 31.

183 - Mt 19, 21.

184 - At 4, 32; 2, 44.

185 - Cf. Mt 13, 8.

186 - Cf. Lc 8, 8.

187 - Cf. 1 Cor 13, 4.

188 - 1 Cor 10, 13.

189 - Rm 12, 10.

190 - Fil 2, 3.

191 - Prv 20, 9.

192 - Gb 25, 4.

193 - Mt 24, 31.

194 - Mt 6, 12.

195 - Cf. Gb 7, 1.

196 - Cf. Ap 14, 4-5.

197 - 1 Gv 1, 8-10.

198 - 1 Gv 2, 1-2.

199 - Cf. 2 Cor 10, 12.

200 - Gv 13, 16.

201 - Mt 11, 27-29.

202 - 1 Gv 4, 8.

203 - Cf. Is 66, 2.

204 - Mt 11, 29.

205 - Mt 8, 19-20.

206 - Mt 11, 29.

207 - Sal 35, 12.

208 - Cf. Sal 58, 10.

209 - Cf. Lc 7, 47.

210 - Cf. Gal 5, 19ss.; 1 Cor 5, 9ss.

211 - 1 Pt 3, 9.

212 - Cf. 1 Gv 3, 16.

213 - Sir 3, 18.

214 - Sal 44, 3.

215 - Cf. Fil 2, 6.

216 - Cf. Gv 1, 12.

217 - Cf. Mt 11, 29.

218 - Cf. Dn 3, 1ss.

219 - Dn 3, 87.

LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
Acquista la Bibbia per la Scrutatio dalla Libreria del Santo
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online