Scrutatio.it

La vita di Mosè

img

1 2



STORIA DI MOSÈ



Nascita e salvezza di Mosè (Es 2,1-10)

All’epoca in cui nacque Mosè, una legge dispoti­ca, ricordata dalla Scrittura, imponeva che i nati maschi fossero soppressi. Ma i suoi genitori non vollero sottostare a quella legge, perché nel volto del bambino già allora splendeva la bellezza che tutti in seguito avrebbero ammirato.

Costretti, tuttavia, a cedere alle minacce del ti­ranno, affidarono il bambino alle acque del fiume, preoccupandosi che non venisse subito sommerso.

Lo misero in un canestro spalmato di pece e lo abbandonarono così alla corrente. (Questi partico­lari ci sono riferiti con esattezza dagli storici della sua vita).

Il canestro, come guidato dalla mano di Dio, en­trò in uno dei canali laterali del fiume e finì per es­sere sbalzato dalla corrente sui bordi del canale stesso.

La figlia del re che passava lungo i prati proprio là dove il canestro si era fermato, lo scoprì senten­do uscirne dei vagiti. Piena di stupore per la bellezza del bambino, de­cise di portarlo con sé, di curano e tenerlo come un figlio.

Ma il bambino, per istinto di natura, non si la­sciava allattare da estranee per cui, alcune persone avvedute, appartenenti alla sua stessa razza, riusci­rono a farlo allattare da sua madre.

Uscito di fanciullezza, dopo che era stato educa­to nelle discipline di quel popolo straniero, egli ri­cusò gli onori che avrebbe potuto ottenere presso di loro; si staccò dalla madre fittizia che l’aveva te­nuto come figlio e tornò tra i compatrioti presso la propria madre.

Fuga nel deserto di Madian (Es 2, 11 12)

Un giorno, imbattutosi in un ebreo e in un egi­ziano che litigavano, volle prender le difese del compatriota ed uccise l’egiziano. In altra occasione si adoperò per pacificare due ebrei che rissavano furiosamente. Inutilmente ri­cordò a essi che erano fratelli e avrebbero dovuto risolvere la controversia non già con l’ira ma nello spirito della reciproca comunanza di stirpe: quello dei due che aveva torto lo costrinse ad andarsene ed egli approfittò dell’offesa per acquistarsi una saggezza più alta.

Portatosi lontano, fuori dai rumori del mondo, in luoghi solitari, si mise al servizio di una persona straniera molto saggia e sperimentata nel giudicare i costumi e la condotta degli uomini2. Fu sufficiente l’episodio dell’assalto dei pastori perché quest’uomo comprendesse il valore del gio­vane Mosè.

Costui infatti si rese conto che Mosè non si era scagliato contro i pastori a scopo di lucro o di dife­sa essi non l’avevano provocato ma perché, giudi­cando un onore potersi battere per la giustizia, ave­va voluto punire appunto il loro ingiusto comporta­mento.

Fu questo atto che gli meritò l’ammirazione del suo padrone straniero, il quale finì per dargli in mo­glie la figlia, tenendo in gran conto il coraggio del giovane e non badando invece alla sua povertà. Lo lasciò libero di condurre il genere di vita che più gli gradisse.

Così Mosè, divenuto pastore di pecore, continuò a restare nel deserto, lontano dalla confusione del­la folla, pienamente soddisfatto di quella vita.

La vocazione (Es 3, 2 22)

Fu nel tempo in cui si trovava nel deserto che, secondo la testimonianza della storia, Dio gli si ma­nifestò in modo miracoloso.

Un giorno, in pieno meriggio, fu colpito da una luce così intensa che superava quella del sole e qua­si lo accecò. L’insolito fenomeno, pur avendolo sba­lordito, non gli impedì di levare gli occhi verso la cima del monte, dove vide un chiarore di fuoco at­torno a un cespuglio, i cui rami però continuavano a restare verdi anche in mezzo alle fiamme, come se fossero coperti di rugiada.

A quella vista Mosè esclamò: «Andrò a vedere questa grande visione» (Es 3, 3) e mentre pronun­ziava queste parole avvertì che il chiarore del fuo­co raggiungeva contemporaneamente e incredibil­mente tanto i suoi occhi come il suo udito.

Da quelle fiamme avvampanti vennero infatti a lui come due grazie diverse: l’una attraverso la lu­ce dava vigore agli occhi, l’altra faceva risuonare al­le orecchie ordini santi.

La voce proveniente dal chiarore ingiunse a Mo­sè di levare i calzari e di salire a piedi nudi verso il luogo in cui splendeva la luce divina.

Poiché ritengo superfluo, per l’intento che mi sono proposto, dilungarmi su tutte le singole vicen­de esteriori della vita di Mosè, mi basta far notare che l’apparizione divina gli donò tanta forza che fu in grado di accettare l’ordine di liberare il popolo dalla schiavitù degli Egiziani.

Egli fece esperienza della forza ricevuta, attra­verso prove che Dio gli comandò di eseguire lì sul momento. Fatta cadere per terra una verga che te­neva in mano, essa si trasformò in serpente, ma non appena l’ebbe raccolta da terra, ritornò come prima. Fu poi la volta di una mano che, appena estrat­ta dal seno, mutò il colore della pelle, divenendo bianca come neve, ma rimessa al posto di prima riacquistò il colore naturale.

Ritorno in Egitto (Es 4, 18 27)

Decise allora di ritornare in Egitto conducendo con sé la moglie e il figlio. Nel viaggio, come dice la storia, gli andò incontro un angelo, che gli minac­ciò la morte, ma la donna riuscì a placarlo con il sangue della circoncisione del figlio.

Anche Aronne, suo fratello, venne a incontrarlo e a parlargli secondo l’ordine che aveva ricevuto da Dio.

Per la liberazione del popolo (Es 4, 28 31; 5, 1 19)

Il popolo che viveva disperso in mezzo agli Egi­ziani e oppresso sotto i lavori forzati, fu da loro convocato in assemblea, dove essi promisero a tut­ti la liberazione dalla schiavitù. Il proposito fu ma­nifestato al sovrano da Mosè stesso, ma quello si mise a opprimere ancor più gli Israeliti, mostran­dosi più esigente con i sovrintendenti ai lavori. Or­dini più severi imposero la raccolta di una quanti­tà maggiore di argilla, di paglia e di stoppa.

Gli indovini egiziani e i serpenti (Es 7, 8 13)

Quando il Faraone, tale era il nome del tiranno degli egiziani, fu informato dei portenti che Mosè aveva compiuto in mezzo al suo popolo, escogitò dei raggiri servendosi degli indovini. Era convinto che le arti magiche di costoro avrebbero potuto ripro­durre lo stesso portento delle verghe trasformate da Mosè in serpente al cospetto di tutti gli Egiziani.

In realtà, anche le verghe degli indovini diven­nero serpenti, ma il serpente uscito dalla verga di Mosè si lanciò su di loro e li divorò.

Questo bastò a smascherare l’errore e mostrare che la magia aveva saputo procurare alle verghe sol­tanto una vita effimera, capace di destare l’ammi­razione di persone facili a lasciarsi ingannare.

Le piaghe d’Egitto (Es 7, 14 11, 36)

Quando Mosè s’accorse che anche il popolo egi­ziano appoggiava pienamente il despota autore di quei raggiri, procurò di colpirli tutti indistintamen­te, con dei castighi.

Gli stessi elementi del mondo materiale, quasi un esercito agli ordini di Mosè, si schierarono con­tro gli Egiziani: la terra, l’acqua, l’aria, il fuoco mu­tarono le loro qualità naturali, ma soltanto quan­do si trattava di castigare gli Egiziani maldisposti verso gli Ebrei. Quando qualcuno di questi elemen­ti causava la punizione dei primi, contemporanea­mente e nel medesimo luogo lasciava immuni gli altri, perché innocenti.

Le acque mutate in sangue (Es 7, 14 25)

Così le acque d’Egitto si mutarono in sangue coagulato che, formando una massa compatta, fe­ce morire i pesci. Ma per gli Ebrei l’acqua restò quella che era, anche se, per il suo apparente colo­re, poteva essere scambiata per sangue.

Gli indovini presero a pretesto l’apparenza di sangue che aveva l’acqua usata dagli Ebrei, per or­dire nuovi inganni.

Le rane (Es 7, 26; 8, 11)

Una moltitudine di rane riempì in seguito tutto l’Egitto. Esse non venivano da una eccezionale pro­liferazione della natura, ma le fece accorrere in nu­mero straordinario un ordine di Mosè. Penetraro­no così in tutte le case degli Egiziani, causando gra­vi danni, ma non toccarono quelle degli Ebrei.

Le tenebre (Es 10, 21 23)

Il nuovo castigo degli Egiziani fu di non riuscire più a distinguere il giorno dalla notte. Restarono avvolti in una oscurità continua, mentre gli Ebrei non trovarono mutato il consueto alternarsi di luce e tenebre.

Altre calamità (Es 8,12 10, 20)

Molte altre calamità vennero suscitate da Mosè contro gli Egiziani: la grandine, il fuoco, le mosche, le pustole, i topi, gli sciami di cavallette. Tutte que­ste cose procurarono danni di maggiore o minore entità in conformità con la loro specifica natura. Come sempre, gli Ebrei non subirono danno alcu­no, ma ne venivano a conoscenza dalle grida e dal­le informazioni dei loro vicini Egiziani.

La morte dei primogeniti (Es 12,29 30)

Tuttavia il fatto che rese più evidente questa di­versità tra Ebrei ed Egiziani, fu la morte dei pri­mogeniti. Davanti ai loro figli più cari trovati mor­ti, gli Egiziani levarono grandi grida di dolore, men­tre tra gli Ebrei c’era piena tranquillità e sicurez­za. Essi infatti avevano segnato gli stipiti delle por­te di ogni loro casa con il sangue degli agnelli uc­cisi e questa fu la ragione della loro salvezza.

La partenza degli Ebrei (Es 12,37 42)

Mosè non appena vide gli Egiziani colpiti indi­stintamente con la morte dei loro primogeniti e, per tanta disgrazia, immersi nel dolore e nel pian­to, diede agli Israeliti l’ordine della partenza, ren­dendoli docili con l’invito a chiedere agli Egiziani le loro suppellettili, a titolo di prestito.

L’inseguimento (Es 14,5 9)

Per tre giorni gli Ebrei camminarono fuori dei confini dell’Egitto, ma l’Egiziano, ci dice la storia, dispiaciuto che Israele non fosse più sottoposto al­la sua schiavitù, decise di assalirli con la forza, mandando contro di loro un esercito di cavalieri. Alla vista dell’esercito con armi e cavalli gli Ebrei, poco pratici di guerra e non abituati a tali spetta­coli, si spaventarono e si ribellarono a Mosè. Ma qui la storia riferisce sul conto di questi un fatto quasi incredibile: mentre infatti egli moltiplicava le energie per incoraggiare i suoi, esortandoli a nu­trire buone speranze, nel suo intimo supplicava il Signore che li liberasse dalle angustie. Riferiscono che Dio intese quel grido silenzioso, consigliando a Mosè come scampare dal pericolo.

La nube (Es 13,21 22)



Intanto era apparsa una nube a far da guida al popolo. Essa non consisteva di vapori umidi, sog­getti a condensazione, come normalmente avviene. Era una nube dalla straordinaria composizione cui corrispondevano altrettanto straordinari effetti. In­fatti era guidata dal Signore e, se stiamo alle infor­mazioni del racconto, avveniva questo: quando i raggi del sole splendevano con forza, la nube face­va da riparo al popolo, mandando ombra a chi le stava sotto e insieme una sottile rugiada, che rin­frescava l’aria infuocata; di notte invece, si trasfor­mava in fuoco che, da sera fino all’alba, mandava luce sul cammino degli Israeliti3.

Il passaggio del Mar Rosso (Es 14, 5 31)

Mosè la seguiva e altrettanto raccomandava di fare al popolo. Giunsero così, dietro tale guida, sul­le rive del Mar Rosso. Ma l’esercito egiziano piom­bò alle spalle degli Israeliti, mettendoli in grave an­gustia, poiché non avevano altra via di scampo che spingersi dentro il mare. Sorretto dalla forza di Dio, Mosè operò allora un prodigio grande, incredibile. Stando sulla riva del mare, ne colpì con la verga le acque ed ecco, sotto i colpi della verga, il mare si divise e le onde, rotte a una estremità, portarono la loro spaccatura fino alla riva opposta, proprio come succede in un vetro, quando la frattura fatta a un capo si estende fino all’altro capo.

Tutti, Mosè e il popolo, scesero nel fossato che aveva diviso in due il mare e lì non solo si trovaro­no all’asciutto, ma perfino il sole arrivò ad avvol­gerli con la sua luce. Attraversarono allora a piedi il fondo asciutto del mare, senza paura delle pareti di ghiaccio che di qua e di là si levavano come un muro4. Anche il Faraone entrò coi suoi per la strada aperta in mezzo alle acque, ma queste subi­to tornarono ad accavallarsi e confondersi e il ma­re, ripresa uniformità d’aspetto, ricominciò a flui­re alla maniera consueta.

Quando gli Israeliti avevano ormai terminato il tragitto sul fondo del mare e si trovarono sull’altra riva, intonarono un inno di vittoria in onore del Si­gnore, che aveva drizzato innanzi a loro un trofeo non intriso di sangue5 e aveva sommerso nelle acque gli Egiziani, con cavalli, carri e armi.

Le acque di Mara (Es 15, 22 25)



Avanzarono nel deserto per tre giorni, senza tro­vare acqua. Mosè era preoccupato per l’impossibili­tà di soddisfare la sete di tante persone. Si accam­parono attorno a una palude dalle acque salate e più amare di quelle del mare. La gente, divorata dalla sete, fissava, seduta sui bordi, l’acqua della palude. Ma ispirato da Dio, Mosè andò in cerca di un pezzo di legno e lo gettò nelle acque: subito es­se divennero dolci.

Per effetto del legno, l’acqua amara era diventa­ta dolce. Poiché la nube riprese a precederli, essi non avevano che da seguire gli spostamenti di quel­la guida, stando a questa regola: se la nube si fer­mava sospendevano la marcia; viceversa quando ri­prendevano il cammino, la nube tornava a guidarli.

Le palme di Elim (Es 15, 27)

Seguendola, giunsero in una località ricca di buo­ne acque, che zampillavano tutt’intorno da dodici abbondanti fonti, ombreggiate da un boschetto di palme. Erano appena settanta queste palme, ma tanto alte, belle e grosse da lasciare meravigliati chi le mirava.

L’acqua dalla roccia (Es 17, 1 7)

La nube li guidò verso un’altra località, dove fe­cero sosta. Il luogo era deserto, coperto di sabbia asciutta e bruciata, senza alcuna vena d’acqua che lo inumidisse. Di nuovo allora tornò la sete a tor­mentarli e Mosè procurò acqua dolce, buona e ab­bondante più del bisogno, facendola ancora scatu­rire da una roccia della collina, colpita con la sua verga.

La manna (Es 16, 9 27)



Intanto si era esaurita la provvista di cibo che ciascuno aveva preso per il viaggio e si trovavano ormai stretti dalla fame, quando avvenne un’incre­dibile meraviglia. Il cibo arrivò non dalla terra co­me è normale, ma dal cielo, al pari di rugiada. Pro­prio come una rugiada infatti esso scendeva di mat­tina, ma nell’atto in cui lo raccoglievano, trovava­no che si trattava di cibo. Non erano infatti delle gocce, come avviene nella rugiada, ma certi grani cristallini, simili al seme di coriandro, rotondi e dal sapore di miele.

I fatti riguardanti la raccolta di questo cibo han­no dello straordinario: succedeva anzitutto che i più deboli non raccogliessero meno degli altri, tut­ti invece finivano per avere una porzione eguale, an­che se età e capacità fisiche erano differenti e cia­scuno cercasse di raccoglierne in proporzione dei propri bisogni.

Ma non mancava qualcuno che, non acconten­tandosi del fabbisogno quotidiano, ne ammassava per il giorno seguente. Orbene, la porzione accanto­nata diveniva immangiabile, trasformandosi in vermi.

Solo nel giorno precedente a quello consacrato, per mistica ragione, al riposo, ognuno scopriva di aver raccolto una porzione doppia, nonostante che la quantità discesa e raccolta fosse la medesima de­gli altri giorni. Avveniva questo, perché la necessità di raccogliere il cibo, non servisse di pretesto per violare la legge del sabato. Si trovavano dunque di fronte a una più chiara manifestazione della divina Potenza. Infatti negli altri giorni, il cibo preso in più si guastava; esso invece restava intatto e non meno fresco del solito, quando veniva raccolto per il sabato, che era il loro giorno festivo.

Vittoria sugli Amaleciti (Es 17, 8 16)

Gli Amaleciti, una popolazione straniera, mosse­ro guerra contro di loro. Era la prima volta che il popolo d’Israele scendeva armato a combattere. Furono in realtà uomini appositamente scelti quelli che sostennero la battaglia, non già tutto il popolo, ma veri e propri soldati, in grado di condurre una guerra. In quell’occasione Mosè sperimentò una strategia nuova.

Nel tempo stesso in cui l’altro capo degli Israe­liti, Giosuè, muoveva con l’esercito contro gli Ama­leciti, Mosè in disparte stava sopra un colle, con gli occhi rivolti al cielo, assistito di qua e di là da due aiutanti. Il racconto ci fa sapere che l’esercito d’I­sraele aveva il sopravvento sui nemici, fin quando Mosè teneva sollevate le mani al cielo; cedeva inve­ce ai loro assalti, quando anche le mani di Mosè si lasciavano andare. Ciò costatando, i due assistenti pensarono di tenergli sollevate le braccia, divenute, per ignote ragioni, troppo pesanti per stare alzate da sole. Ma anch’essi si stancarono di restare in quella posizione e perciò fecero accomodare Mosè su un seggio di pietra; così gli fu più facile tener sollevate le mani verso il cielo. Nel frattempo gli Israeliti riuscirono a travolgere i loro nemici.

La nube continuava a guidarli dall’alto e, seguen­dola, non avrebbero potuto perdere la giusta di­rezione. Avevano dunque di che vivere senza trop­pe fatiche, giacché il pane pioveva dal cielo già pronto, né mancava acqua da bere, scaturendo es­sa dalla roccia. La nube da parte sua li proteggeva contro il calore del giorno, e di notte, risplenden­do come fuoco fiammeggiante, disperdeva le te­nebre.

La teofania del Sinai (Es 19, 1 24)

Durante una sosta nel deserto ai piedi di una montagna, dove avevano piantato l’accampamento, subirono una prova dolorosa. In compenso là furo­no iniziati da Mosè ai misteri divini. Fu anzi Dio stesso che introdusse Mosè e il popolo ai suoi mi­steri per mezzo di grandiosi miracoli. Questa mista­gogia avvenne in questo modo. Fu dato ordine al popolo che si tenesse lontano da ogni impurità di corpo e di anima. Dovevano anche compiere di­verse abluzioni e astenersi dal matrimonio in de­terminati giorni. Purificati da queste osservanze e liberate le loro anime dalle passioni, essi dovevano salire verso il monte, per essere introdotti ai miste­ri di Dio6.

Il nome di questa montagna era il Sinai. L’acces­so a questo monte era permesso solo alle persone di sesso maschile, purché si fossero purificate da ogni macchia. Venne predisposta anche una rigoro­sa sorveglianza per impedire che non vi si trovasse nessun animale e per scacciano immediatamente, qualora se ne fosse scoperta la presenza.

L’aria, prima chiara e luminosa, si fece improv­visamente oscura e una nube venne a coprire il monte. Davanti a simile spettacolo, molti incomin­ciarono a tremare di paura e ancor più s’impauri­rono, quando videro un fuoco provenire dalla nube e circondare tutta la montagna insieme a nubi di fumo.

Mosè avanzava davanti a tutti, ma anch’egli guar­dando a quanto succedeva, si sentiva agitato dalla paura. Tremava al pari degli altri e, non riuscendo a nascondere il suo stato d’animo, confessò aperta­mente il terrore che si era impossessato di lui, visi­bile del resto anche dal tremore delle sue membra.

Dall’apparizione usciva un suono terrificante co­sì che la loro paura traeva alimento dalla vista e dall’udito. Era un suono simile a quello di numero­se trombe, grave e spaventevole come mai fu dato di udire. Nessuno, al suo primo esplodere, poté so­stenerne il rimbombo. Più il suono si avvicinava e si spandeva attorno, più metteva paura. Poi, per di­vina virtù, si espresse in voce articolata, come quel­la degli organi vocali e formulò un discorso, ritra­smesso dall’aria. Non erano parole di cui si potes­se tener poco conto, poiché esse comunicavano gli ordini di Dio.

Avvicinandosi, la voce cresceva di intensità e le parole risuonavano assai più forti e distinte che non il suono di tante trombe, come era all’inizio7.

Ma il popolo non riuscì né a sostenere la visio­ne, né a percepire i suoni. Tutti allora, di comune accordo, chiesero a Mosè che si incaricasse di tra­smettere loro gli ordini provenienti dalla voce8.

Tutti erano persuasi che si trattasse di un inse­gnamento soprannaturale, ossia di una rivelazione divina. Essi si ritrassero e scesero dal monte, la­sciandovi Mosè, solo. In lui allora successe il con­trario di quanto avviene normalmente. Rimasto so­lo, si sentì pieno di coraggio, come nessun altro avrebbe potuto averne, mentre di fronte a cose spa­ventose di solito si prende coraggio quando si è in molti.

Questo significa che la paura iniziale non deri­vava propriamente da lui, ma dall’influsso che su di lui aveva la paura degli altri. Non appena egli fu lontano dalla folla timorosa, ebbe l’ardire di entra­re solo nella nube e, scomparso ormai alla vista di chi lo guardava, s’accostò alle realtà invisibili.

Non visto, stava dunque vicino all’Essere invisi­bile, insegnando, a mio parere, con questo fatto, che chiunque voglia unirsi a Dio deve estraniarsi dalle cose visibili, per volgere la sua mente alla cima di quei monte che è l’Essere invisibile e incompren­sibile, cioè l’Essere divino. Esso si trova là dove non può arrivare la comprensione dell’intelligenza.

Il Decalogo (Es 20,1 17)

Mosè giuntovi, ricevette i divini comandamenti, che sono un ammaestramento alla virtù. Il primo di essi riguarda la virtù della religione e ci impone di avere esatte cognizioni intorno alla natura di­vina. Dobbiamo pensare che essa supera ogni no­stra cognizione derivata dai sensi o dall’intelligen­za, così che risulta impossibile qualsiasi paragone tra le nostre cognizioni e la natura divina. Non dobbiamo dunque definire Dio secondo concetti umani, perché la sua natura è superiore a tutte le cose dell’universo e non ha alcuna somiglianza con quanto noi conosciamo. Dobbiamo soltanto crede­re che essa esiste, senza darci pensiero di cerca­re la sua qualità e quantità, l’origine e le modalità della sua esistenza: tutto questo sarebbe infatti ir­raggiungibile dal pensiero umano.

I comandamenti divini, così come erano formu­lati, contenevano anche ammaestramenti atti alla correzione dei costumi. Essi si possono distinguere in leggi generali e leggi particolari.

La legge generale che comandava l’amore al pros­simo, era atta a togliere alla radice ogni ingiustizia. Da essa deriva il dovere di non far del male agli altri. Alle leggi particolari apparteneva l’obbligo del rispetto verso i genitori. Era poi elencata e condan­nata tutta una serie di altre mancanze.

Il Tabernacolo celeste (Es 24, 15 18)

Purificato da queste leggi, Mosè venne introdot­to a più alti misteri, quando Dio gli presentò. la complessa costruzione del Tabernacolo. Era un tempio la cui bellezza e varietà non possono essere facilmente descritte. Comprendeva un ingresso a colonne, tendaggi, lampadari, tavole, un altare dei sacrifici e un altare degli olocausti e nell’interno un santuario inaccessibile. Dio ordinò a Mosè di edificare quell’edificio di armoniosa bellezza, affin­ché i posteri ne conservassero il ricordo e ancor più ne ammirassero la meraviglia. Perciò Mosè non do­veva limitarsi a descrivere il Tabernacolo da lui vi­sto in cielo, ma doveva riprodurlo in una costruzio­ne visibile qui in terra, usando i più preziosi e più splendidi materiali che potesse trovare.

Il Tabernacolo terrestre e la sua tenda (Es 26,1 14; 36,8 19)

I fusti delle colonne furono rivestiti d’oro, i lo­ro capitelli d’argento, mentre le basi erano di bron­zo. Questa varietà di colori aveva, a mio parere, lo scopo di dare maggior risalto ed estensione al ba­gliore dell’oro. Le parti in bronzo stavano immedia­tamente sopra e sotto quelle in argento.

Anche i tessuti dei tendaggi, delle coperture e dei drappi che correvano attorno al Tabernacolo ed erano stesi sopra le colonne, furono fatti di ma­teriali finissimi, dalle tinte più varie: l’azzurro e la porpora, il rosso fuoco o il bianco naturale e viva­ce del lino. Infatti, alcuni tessuti destinati a usi par­ticolari, erano di lino, altri invece di crine. I drap­pi in rosso contribuivano da parte loro a rendere più attraente tutto il complesso. Appena sceso dal monte, Mosè incominciò la co­struzione del Tabernacolo, servendosi di aiutanti per l’esecuzione.

Le vesti sacerdotali (Es 28,1 43; 39,1 31)

Già in antecedenza, quando ancora stava nel Ta­bernacolo celeste, Mosè ricevette da Dio istruzioni circa i paramenti che avrebbe dovuto indossare il Sommo Sacerdote, entrando nel sacrario. C’erano vesti esterne e vesti interne e Dio gliele fece cono­scere in tutti i particolari, incominciando da quelle esterne.

Comprendevano anzitutto gli omerali, il cui co­lore corrispondeva a quello delle tende del Taberna­colo ma recavano anche ricami in oro. Ai due lati erano trattenuti da fibbie cerchiate d’oro e splen­denti di smeraldi. Da queste bellissime pietre irra­diavano bagliori verdognoli. Erano oggetto di am­mirazione anche i ceselli che le ornavano, presen­tandosi però in forma diversa da quella dei culti idolatrici. Invece di idoli vi erano incisi i nomi dei Patriarchi, sei nomi per ciascuna pietra: davvero una meraviglia!

Attaccati alle fibbie, sul davanti, c’erano piccoli scudi, da cui pendevano, a modo di rete, cordicelle intrecciate, di bellissimo effetto, perché ricevevano risalto dalle parti sottostanti.

Anche sul petto, il Sommo Sacerdote portava una stoffa lavorata in oro; vi apparivano, disposte su quattro file, pietre preziose di diverso tipo, tan­te quanti sono i Patriarchi. Ogni fila comprendeva tre pietre e ogni pietra portava incisi i nomi dei ca­postipiti delle tribù.

Sotto gli omerali scendeva fino ai piedi una tu­nica, intorno alla quale correva una bella frangia, decorata di vari ricami e alla quale erano sospesi campanelli dorati e piccole melograne, che la divi­devano simmetricamente. Sul capo il Sommo Sacerdote portava una fascia di colore violaceo e in fronte una lamina d’oro, su cui erano incise parole arcane.

Le pieghe troppo larghe della tunica erano stret­te da una fascia, e un apposito indumento copriva le parti del corpo che vanno coperte. Ogni singola veste e ogni suo ornamento erano simbolo e richiamo di corrispondenti virtù richie­ste nel Sommo Sacerdote.

Le tavole della legge (Es 24,12 18; 31,18)

Dio dopo aver impartito a Mosè questi arcani insegnamenti, gli comandò di uscire dalla nube ca­liginosa e scendere, interiormente rinnovato, là do­ve si era accampato il popolo, per far conoscere a tutti ciò che gli era stato mostrato nella teofania: le leggi, il tabernacolo, il sacerdozio, tutto secondo gli esemplari visti sul monte. Egli portava in mano le sacre tavole consegnategli da Dio; esse non era­no dovute al lavoro dell’uomo ma tutto, sia il mate­riale di cui eran fatte, sia le lettere che vi si vede­vano incise, era opera di Dio.

Il vitello d’oro e le tavole spezzate (Es 32,1 24)

Ma il popolo, prima che il Legislatore scendesse dal monte, si era dato all’idolatria, rendendo così inutile il dono della legge che figurava scritta sulle tavole. Infatti, durante i quaranta giorni e le qua­ranta notti del lungo colloquio di Mosè con Dio nel­la nube caliginosa, quando egli veniva iniziato ai misteri divini e faceva esperienza di una vita non più terrena, ma soprannaturale (il suo corpo per tutto quel periodo non ebbe bisogno di cibo), il po­polo si lasciò andare ad azioni disordinate, come fa­rebbe un fanciullino, quando non si sente più sor­vegliato dal pedagogo. Tutti, infatti, si recarono da Aronne e lo costrinsero a farsi promotore di un cul­to idolatrico. Costruirono un idolo d’oro in forma di vitello e stavano già raccogliendosi intorno al­l’empio simulacro, quando sopraggiunse Mosè, che infranse contro di esso le tavole consegnategli da Dio. Questo fece per castigare il loro peccato e per significare che avevano perduto la grazia del Signore.

La punizione dei colpevoli (Es 32,25 35)

I trasgressori lavarono con il loro sangue la mac­chia di tanto delitto e la loro punizione, che riuscì a placare il Signore, fu affidata ai Leviti.

Le seconde tavole di pietra (Es 34,1 4)

Mosè fece distruggere anche l’idolo, poi, passati altri quaranta giorni, tornò con altre tavole. Questa volta aveva dovuto lui stesso procurarsi le pietre, mentre la Potenza divina provvide solo a incidervi le lettere. Anche in quell’occasione, prima del ritor­no con le nuove tavole, era vissuto quaranta giorni in maniera straordinaria e soprannaturale, senza sentire alcun bisogno di cibo.

Altre opere per il Tabernacolo (Es 27, 30)

Innalzato il Tabernacolo per il servizio religioso e date le leggi, stabilì il sacerdozio, conforme alle indicazioni ricevute dal Signore. Furono eseguite anche molte altre opere inerenti al Tabernacolo: la sistemazione dell’ingresso e quella dell’interno, l’al­tare dell’incenso e l’altare degli olocausti, il cande­labro, i drappi, il santuario interno, destinato alla preghiera, le vesti sacerdotali, i profumi, le cerimo­nie sacre, le purificazioni, le orazioni di ringrazia­mento, quelle per scongiurare i malanni e di propi­ziazione per i peccatori, tutto fu ordinato in confor­mità alle istruzioni ricevute.

L’invidia dei familiari (Nm 12)

Ma l’invidia, male congenito della natura uma­na, si insinuò nell’animo dei suoi stessi familiari, di Aronne suo fratello, che pure aveva l’onore del som­mo sacerdozio e di Maria, sua sorella, che fu presa da una gelosia tutta femminile per gli onori che Mosè aveva ricevuto da Dio. Costoro osarono muo­vere gravi critiche contro Mosè, tanto che il Signo­re non poté lasciare impunita tale colpa.

In quella circostanza si rivelò l’ammirevole man­suetudine di Mosè perché, volendo Dio punire la cat­tiveria della sorella egli, superando il risentimento, supplicò il Signore in suo favore.

Mormorazioni per il cibo (Nm 11)

In seguito ci fu una ribellione tra il popolo, cau­sata dai piaceri smoderati del ventre. Infatti, non erano contenti di vivere bene, senza malattie, con il cibo che scendeva dal cielo, ma desideravano avere la carne, disprezzando così i beni che avevano a di­sposizione e rimpiangendo i tempi della schiavitù sotto gli Egiziani.

Mosè parlò al Signore per queste lamentele e il Signore, pur manifestando il suo disappunto, fece in modo che avessero quanto desideravano, man­dando sull’accampamento una moltitudine di uccel­li, che volavano raso terra.

Questo facilitò la loro cattura e la gente ebbe la carne tanto bramata. Ma avendo a disposizione molta varietà di cibi, ne usarono per preparare in­tingoli dannosi alla salute, causa di malattie e per­fino di morte. Viste tali conseguenze rovinose, si ri­dussero a migliori consigli, cosa che dovrebbe ripe­tersi a beneficio di chiunque si soffermi a meditare su tali fatti.

Gli Esploratori (Nm 13)

Il paese che per assegnazione divina, avrebbero dovuto abitare, fu perlustrato da osservatori invia­ti da Mosè. Ma, in seguito alle false notizie riferite da alcuni di loro, il popolo di nuovo si adirò contro di lui.

Nuova sedizione (Nm 20, 1 4)

Dio, vedendo tanta diffidenza nel suo aiuto, im­pedì loro per castigo che potessero giungere a vede­re la terra promessa. Continuava frattanto la mar­cia attraverso il deserto e di nuovo venne a manca­re l’acqua. Si era ormai dileguato dalla loro memo­ria il ricordo del miracolo con cui precedentemente il Signore aveva fatto scaturire l’acqua dalla roccia.

Essi perciò non avevano fiducia di ottenere da Dio ciò di cui abbisognavano. Giunsero perfino, nella loro disperazione, a lanciare oltraggi contro Dio e contro Mosè e sembrò che anche questi stesse per cadere nell’incredulità. Avrebbe Dio mutato ancora la dura roccia in acqua, con un nuovo miracolo?

Il serpente di bronzo (Nm 21, 4 9)

In preda ancora una volta alle basse brame del­la gola, essi rimpiangevano i pasti abbondanti del­l’Egitto, sebbene non mancasse loro il necessario. I promotori della ribellione, tutti giovani, furono pu­niti da serpenti, che li assalirono e li morsero, iniet­tando in loro un veleno mortale. Molti infatti mo­rirono e Mosè allora, per suggerimento del Signore, fece innalzare su un’altura, al cospetto dell’intero accampamento, un serpente di bronzo.

Il danno arrecato dai serpenti in mezzo al po­polo fu fermato e tutti si sentirono liberati dall’e­strema rovina. Bastava volgere gli sguardi all’im­magine bronzea del serpente, per essere immuniz­zati dai morsi dei veri serpenti, come se il loro mor­so, per una misteriosa operazione, iniettasse un ve­leno dolce.

La sedizione per il sacerdozio (Nm 16,1 35; 17,1 15)

Avvenne una nuova rivolta del popolo contro i capi, perché costoro volevano assumere con la for­za la dignità sacerdotale. Mosè si presentò ancora al Signore, supplicandolo in favore dei rivoltosi, ma questa volta le decisioni della divina Giustizia ebbe­ro il sopravvento sui suoi sentimenti compassione­voli. Il Signore provocò nel terreno l’apertura di una voragine che, rinchiudendosi, divorò tutti quel­li che si erano sollevati contro l’autorità di Mosè. Coloro che avevano voluto usurpare il sacerdozio con la violenza, circa duecentocinquanta persone, furono bruciati vivi e questa punizione fece diven­tare più saggi gli altri.

La verga di Aronne (Nm 17, 16 26)



Per persuaderli che la grazia del sacerdozio vie­ne dal Signore, Mosè consegnò una verga ai capi di ciascuna tribù, facendovi incidere il loro nome. Tra le verghe c’era anche quella del Sommo Sacerdote Aronne.

Collocate davanti all’altare, le verghe indicarono senza equivoci chi il Signore aveva scelto alla digni­tà sacerdotale. Infatti, sola fra tutte, la verga di Aronne germogliò dal suo fusto (era legno di noce), produsse e maturò un frutto. La cosa fu giudicata miracolosa perfino dai più scettici, visto che si trat­tava di un legno secco, legato in fascio con gli al­tri, senza radice, eppure produsse un frutto, come si fosse trattato di una pianta viva. La Potenza di­vina aveva dunque operato in quel legno ciò che normalmente e insieme operano il terreno, l’umidi­tà, la corteccia e la radice.

Rifiuto degli Edomiti (Nm 20,14; 21,21 26)

Dopo questi fatti, Mosè fece avanzare le sue schiere verso il territorio di una popolazione stra­niera, che però non permise a loro di passare. Ciononostante egli riuscì ugualmente a seguire la strada maestra, senza deviare dall’esatta direzione. Quei nemici non si diedero per vinti ma, sconfitti in bat­taglia, lasciarono via libera a Mosè.

Balaam l’indovino (Nm 22 24)

Un certo Balac, re degli Edomiti, un popolo piut­tosto evoluto, visto ciò che era capitato ai prigionie­ri catturati dagli Ebrei, e temendo di subire la stes­sa sorte, mandò in soccorso dei Madianiti non un esercito armato ma un certo Balaam, maestro nelle arti magiche e divinatorie, di cui menava gran van­to e da cui s’aspettava sorprendenti risultati. Egli esercitava l’arte della divinazione con l’aiuto del de­monio9. Sapeva perciò incutere timore e causare gravi danni alle persone superstiziose.

Mentre stava percorrendo la strada insieme a quelli che erano venuti a condurlo dal re, egli si sentì dire dalla voce del suo asino, che la sua sareb­be stata una fatica vana. Fu poi istruito da un’appa­rizione come comportarsi. Così ogni malefico influs­so della magia risultò annullato, dal momento che egli non maledisse affatto gli Ebrei impegnati in una battaglia, nella quale avevano l’appoggio di Dio.

Non più ispirato dalle potenze demoniache, ma da Dio stesso, pronunciò parole profetiche circa gli eventi futuri. Sottratto alle arti del male, avendo preso coscienza dell’Onnipotenza divina, abbando­nò le pratiche divinatorie e si fece interprete della divina volontà.

Le figlie di Moab (Nm 25,1 18)

Israele, che ormai si era fatto forte nelle azioni di guerra, riuscì a sterminare il popolo dei Madia­niti, ma fu a sua volta sconfitto a causa dell’incon­tinenza nei riguardi delle donne prigioniere. Finees passò a fil di spada quanti si contaminarono con ta­li unioni illegittime e allora si placò l’ira del Signo­re contro i colpevoli, che la passione aveva travolto.

La morte di Mosè (Dt 32,48 52; 34,1 12)

Fu quella l’epoca in cui Mosè, il grande Legisla­tore, abbandonò questa vita terrena, dopo che poté osservare da lontano, sulla cima di un monte, la ter­ra assegnata a Israele con promesse già fatte agli antichi patriarchi.

Egli non lasciò in terra nessun vestigio corpora­le né il ricordo della sua partenza è legato a qual­che particolare luogo di sepoltura. Gli anni non of­fuscarono la sua grazia, ne lo splendore dei suoi oc­chi, né la maestà del suo volto. Sebbene la natura sia soggetta a continui cambiamenti, egli mantenne immutata la sua bellezza.

Ti ho presentato in sunto la storia di quest’uo­mo, così come l’abbiamo appresa, dilungandomi ne­cessariamente su quei fatti che interessano da vici­no il nostro tema. È venuto il momento di applica­re le vicende ora esposte allo scopo della nostra trattazione e dobbiamo perciò riprendere da capo tutta la storia.

NASCITA SPIRITUALE



Possiamo imitare la nascita di Mosè

Dato che Mosè venne alla luce quando una legge dispotica imponeva l’uccisione di ogni neonato ma­schio, vediamo in che senso anche noi, con le libe­re scelte della nostra volontà, possiamo imitare quel­la sua fortunosa nascita.

Subito qualcuno obietterà vivacemente che è una pretesa assurda volerci rendere somiglianti a lui an­che nel modo di nascere. Ma non abbiamo difficol­tà a prendere le mosse delle nostre riflessioni da questo aspetto alquanto difficile della imitazione di Mosè.

La libera volontà è il principio di questa nascita

Nessuno ignora che ogni essere soggetto per na­tura a mutamenti, non rimane mai identico a sé stesso, ma passa continuamente da una condizione all’altra, divenendo migliore o peggiore in conse­guenza di tali cambiamenti. È questa una costata­zione fondamentale per le nostre riflessioni. Se in­fatti il tiranno egiziano lascia in vita le femmine, ciò fa perché il sesso femminile gli torna gradito, in­carnando esso un’attrattiva fisica capace di destare passioni violente, alle quali la natura umana cede con facilità. Invece il sesso maschile, dalle caratte­ristiche più austere e affini con la virtù, viene trat­tato dal tiranno come nemico, per il sospetto che possa un giorno insidiare il suo potere.

Ogni cosa soggetta a mutamenti deve in certo modo essere generata di continuo. Nelle sostanze mutevoli nulla può restare identico a sé stesso. Ma il particolare tipo di generazione al quale noi ci ri­feriamo, non ha origine da cause esterne, come ca­pita nella generazione corporale di una nuova crea­tura. Il suo frutto proviene invece da un atto li­bero della volontà. Noi siamo perciò in certo senso padri di noi stessi, potendoci generare quali ci vo­gliamo e darci liberamente il volto che desideriamo o di maschio o di femmina, secondo che ci siamo lasciati guidare dalla virtù o dal vizio.

È certamente possibile anche a noi, contro il volere e con dispiacere del nostro tiranno, giunge­re a nascere spiritualmente e ottenere che i genitori di così bella creatura (essi sono i buoni movimenti dell’animo) possano ammirarla e mantenerla in vi­ta, nonostante l’opposizione del tiranno.

Affinché ognuno, prendendo le mosse dai fatti della storia, ne possa cogliere meglio il significato recondito, vogliamo dire quale insegnamento ci dà qui la Scrittura. Essa ci dice che l’inizio della no­stra vita spirituale coincide con una nascita che re­ca dolore al nostro nemico. Questa nascita è porta­ta a buon fine dalla nostra volontà. Ma se uno non mostrasse sopra di sé i segni visibili della vittoria sull’avversario, come potrebbe riuscire a rattri­stano?

È compito esclusivo della libertà generare quel­la forte creatura che è la virtù, nutrirla con alimen­ti adatti e provvedere che venga salvata dalle acque senza che abbia a subire danni10.

Coloro che consegnano i loro figli al tiranno, li espongono nudi e senza protezione alla corrente del fiume. Chiamo fiume la vita che è agitata dalle on­de incessanti delle passioni; esse sommergono e tra­volgono chiunque venga immerso nelle sue acque.

I vantaggi di una solida formazione

Ma le provvide e sagge disposizioni dell’animo, che sono padri di creature, virili, mettono al sicuro i loro figli dentro un cesto, allorché le necessità del­la vita le costringono ad abbandonarli alle onde. Otterranno così che, nonostante la furia delle ac­que, i loro figli non finiscano affogati. Il cesto che è formato dall’intreccio di molti giunchi rappresen­ta l’opera educativa, costituita da varie discipline e capace di tenere a galla sopra le onde chiunque a essa si affida.

La nuova creatura di cui siamo i padri, una vol­ta messa al sicuro nel canestro di una solida forma­zione, non verrà trascinata per molto tempo alla ventura in balia di onde impetuose, ma sotto la lo­ro stessa spinta, sarà automaticamente sbalzata dal pelago della vita sopra il terreno solido del litorale.

L’esperienza ci insegna che le persone capaci di non lasciarsi sommergere dalle umane illusioni, rie­scono a tenersi lontane dalle vicende tumultuose della vita, come se queste, nel loro incessante mo­vimento, trattino come peso inutile quelli che a es­se si oppongono con la loro virtù.

I limiti della cultura profana

La figlia del Faraone, che era sterile e senza figli (in lei vedo simboleggiata la cultura pagana) fa cre­dere che il ragazzo sia suo per poter essere chiama­ta madre11. Egli acconsente che duri quel fittizio legame fin quando non abbia superato l’età della fanciullezza.

Una volta arrivato all’età adulta, sappiamo che Mosè considera una vergogna essere chiamato figlio di una donna sterile. Veramente la cultura profana è sterile, perché quando ha concepito, non porta a compimento il parto. Quali sono i frutti derivati dalle dottrine che la filosofia pagana ha concepito in gran numero e a prezzo di tante fatiche?

Anche se tali dottrine non sempre sono del tutto vane e informi, succede che abortiscano prima di giungere alla luce della conoscenza di Dio. Potrebbero divenire creature virili, ma nascoste come sono nel grembo di una sterile saggezza, esse finiscono per morire.

Mosè dunque ritorna vicino alla vera sua madre, dopo aver trascorso presso la regina degli Egiziani un periodo di tempo sufficiente a mostrare che era stato educato in mezzo a splendori regali. In realtà non restò mai del tutto separato dalla madre nep­pure quando rimase presso la regina, perché fu pro­prio sua madre che lo allattò.

Non trascurare il cibo della fede

A mio parere qui ci viene insegnato che non dobbiamo lasciare il latte della Chiesa, nostra ma­dre, quando nel periodo della formazione fossimo costretti a familiarizzare con dottrine estranee alla fede12.

Le leggi e gli usi della Chiesa rappresentano il latte che nutre le nostre anime e le irrobustisce, fa­vorendone la crescita.

Mosè ci viene presentato in seguito dal testo bi­blico in mezzo a due nemici, che simboleggiano l’u­no il complesso delle dottrine profane, l’altro l’inse­gnamento tradizionale.

C’è realmente un contrasto tra la religione ebrai­ca e quella delle altre popolazioni, ed esse si batto­no per avere la preminenza. Certe persone superficiali, lasciandosi persuade­re, abbandonano la fede per allearsi con i suoi ne­mici e tradire così la dottrina dei loro padri13.

Ma chi possiede un animo grande e coraggioso come l’aveva Mosè, procura la morte a quanti si op­pongono alla dottrina della fede.

Il dissidio interiore dell’uomo

Altri danno una diversa spiegazione di questo passo, dicendo che tale lotta tra nemici si svolge dentro di noi. L’uomo infatti si trova in mezzo a due conten­denti, a uno dei quali può procurare la vittoria sul­l’avversario, se egli si mette dalla sua parte. Ido­latria e vera religione, intemperanza e modera­zione, giustizia e ingiustizia e ogni altra realtà mo­rale in reciproca opposizione, riproducono in noi la lite tra l’egiziano e l’ebreo.

Mosè ci insegna con il suo esempio a farci allea­ti della virtù, sopprimendo chiunque a essa si op­ponga. In realtà la vittoria della vera religione si­gnifica morte e distruzione dell’idolatria. Parimen­ti l’ingiustizia viene eliminata dalla giustizia e la su­perbia uccisa dall’umiltà.

Contrasto tra dottrina ortodossa ed eresia

In noi si ripete anche la lite tra i due connazio­nali ebrei. L’eresia infatti non troverebbe modo di affermarsi, se non si svolgesse dentro di noi una lotta serrata tra le vere e le false dottrine.

Quando, per il malefico influsso della cattiva condotta sui principi della verità, noi ci sentissimo deboli di fronte al dovere di difendere la sana dot­trina, converrà che cerchiamo rifugio nell’adesione ai più alti misteri della fede, come ci viene indicato dall’esempio di Mosè.

Piena adesione alla fede

Che se per necessità fossimo costretti a ritorna­re in mezzo agli stranieri, cioè a trattare con perso­ne i cui principi sono contrari alla fede, questo pos­siamo farlo, purché anche noi allontaniamo i catti­vi pastori dall’uso illegittimo dei pozzi. In altre pa­role, noi dobbiamo confutare i maestri del male, che cercano di sfruttare la loro missione di inse­gnamento.

Vivremo allora in disparte14, non più occupati a fare da pacieri tra persone litigiose, ma in mezzo a gente pacifica, che si trova in pieno accordo con i nostri pastori.

Ne conseguirà che anche i moti dell’anima reste­ranno sottomessi, come docili pecorelle, ai coman­di dello spirito che li presiede15.

Mentre godiamo tale sosta di pace e di tranquil­lità, risplenderà su noi il sole della verità, che illu­mina con i suoi raggi gli occhi delle nostre anime.

Questa verità è Dio, manifestatosi a Mosè nella soprannaturale e ineffabile rivelazione, di cui ab­biamo parlato.

La virtù è la condizione per la conoscenza del Dio incarnato

Non dobbiamo trascurare, in relazione all’ogget­to della nostra ricerca, il fatto che l’anima del Pro­feta venga rischiarata dalla luce proveniente da un cespuglio.

Se Dio è verità e la verità è luce, termini questi che il Vangelo applica al Dio incarnato (Gv 1,2), so­lo la strada della virtù ci conduce alla conoscenza di quella luce divina che si è manifestata in una na­tura umana. Essa non brilla a noi da un astro del cielo, per farci credere che emana da una materia celeste, ma da un cespuglio della terra, con una for­za d’irradiazione superiore a quella degli astri del cielo.

In questa luce emanante dal cespuglio, noi scor­giamo il mistero della Vergine, dal cui parto sorse sul mondo la luce di Dio. Questa lasciò intatto il cespuglio da cui proveniva, così che il parto non ina­ridì il fiore della verginità di lei.

La conoscenza del vero Essere

La luce del cespuglio ci insegna che anche noi dobbiamo restare esposti ai raggi della vera luce.

Sulla cima ove splende la luce della verità, non si può salire con l’anima avvolta da quelle pelli di animali morti di cui fu rivestita all’inizio la nostra natura, quando ci trovammo denudati per aver di­sobbedito al comando divino16.

Solo se avremo tolto questi indumenti, fatti di cose morte, la verità ci si svelerà e ci rischiarerà. Conoscere l’Essere significa liberarsi da tutte le co­gnizioni che hanno riferimento a ciò che non è. La falsità è l’idea di una cosa che non esiste, ma si suppone esistente, mentre la verità è conoscenza certa di ciò che realmente esiste.

Dopo aver riflettuto a lungo e con tranquillità su problemi così ardui, nessuno riuscirà facilmente a comprendere che cosa realmente è l’Essere, che ha come prima sua proprietà quella di esistere e che cosa invece è il non essere il quale, possedendo una natura contingente, si riduce a una parvenza di es­sere.

Mosè nella divina visione, venne a sapere e rico­noscere che nessuna delle nostre conoscenze sensi­bili e nessuna delle idee della nostra mente ha una reale esistenza. Questa è posseduta invece in modo esclusivo da quella sostanza a tutte superiore che è causa del tutto e dalla quale tutto dipende.

Se fissiamo il nostro pensiero sugli altri esseri esistenti, in nessuno di loro noi possiamo scoprire quella emancipazione da legami con altri esseri che renda loro possibile esistere senza possedere l’esse­re per partecipazione.

Quale sarà allora l’Essere per essenza? Esso sa­rà l’Essere sempre identico a se stesso, quello che non cresce e non diminuisce, non cambia in peggio o in meglio (infatti non contiene nessun male e non c’è un altro bene che possa superano), non abbiso­gna di nessun altro.

Sarà questo l’Essere unicamente desidèrabile, dal quale ogni cosa prende esistenza, ma che non si col­loca al livello degli altri esseri, che hanno una esi­stenza partecipata. Conoscere questo Essere equivale a conoscere la verità.

Mosè si avvicinò a lui. Anche chi vuole imitarne l’esempio deve prima liberarsi dal peso delle cose terrene e mirare poi alla luce che esce dal roveto, simbolo questo della carne che manda su noi i suoi raggi quale luce di verità, come dice il Vangelo (Gv 1, 9).

Il mistero dell’Incarnazione

Per effetto di quella luce Mosè fu completamen­te trasformato, tanto da poter provvedere alla sal­vezza degli altri. Si diede allora a contrastare la tirannide prepo­tente e rovinosa con l’intento di ridare la libertà al suo popolo, sottomesso a una spietata schiavitù.

Ciò avvenne dopo che la mano mutò miracolosa­mente il suo colore naturale e dopo che la verga tau­maturgica si cambiò in serpente. A mio parere, questi fatti alludono al mistero dell’Incarnazione del Signore, con la quale la Divini­tà apparve tra gli uomini per debellare il tiranno e liberare quelli sottomessi al suo dominio.

Ci sono i testi dei Profeti e del Vangelo a suffra­gare queste mie dichiarazioni. Dice il Profeta: «La destra dell’Altissimo non è più la stessa» (Sal 76, 11). Il Profeta, pur continuando a considerare immu­tabile la natura divina, dice che essa si è esterna­mente mutata per accondiscendere alla nostra debo­lezza e ha assunto la somiglianza della nostra na­tura.

Secondo il racconto biblico, la mano del legisla­tore Mosè, non appena fu estratta dal seno, assun­se un colore non naturale; quando l’ebbe rimessa là donde l’aveva tolta, riacquistò la primitiva bellezza. Anche l’Unigenito Figlio che è nel seno del Padre (Gv 1, 18), è la destra dell’Altissimo.

Uscendo dal seno di Dio per apparire in mezzo a noi, egli assunse la nostra somiglianza. Ma dopo averci purificato dalle nostre debolezze, egli portò in cielo, nel seno del Padre, quella mano che la na­tura gli aveva dato simile alla nostra e allora non fu la sua natura divina, immune da alterazioni, che mutò, ma fu la nostra natura umana, mutevole e passibile, che divenne inalterabile al contatto con l’Essere immutabile.

Il serpente figura di Cristo

I credenti in Cristo vedendo che noi ora connet­tiamo l’esposizione del mistero con un animale che è il meno adatto a simboleggiarlo, cioè con il ser­pente nel quale si mutò la verga di Mosè, non devo­no sentirsi in imbarazzo.

La stessa Verità non disdegna simile accostamen­to quando dichiara nel Vangelo: «Come Mosè innal­zò il serpente nel deserto, così bisogna che sia in­nalzato il Figlio dell’uomo» (Gv 3,14).

La ragione è chiara: se l’autore del peccato ebbe dalla Scrittura il nome di serpente e se un serpen­te, come è evidente, non genera che serpenti, il pec­cato viene di conseguenza ad avere il i4ome stesso di colui che ne è stata la causa.

Ci sono le parole dell’Apostolo a testimoniare che Cristo è divenuto peccato per noi (2 Cor 5,21), dopo aver assunto la nostra natura peccatrice.

A ragione dunque viene applicato a Cristo il sim­bolo del serpente17, se teniamo ben presente che serpente e peccato sono la stessa cosa e che Cristo è diventato peccato.

Cristo, divenuto peccato, si fece serpente perché questo, come abbiamo visto, altro non è che il pec­cato. Fu per noi che Cristo divenne serpente onde di­vorare e distruggere i serpenti egiziani, chiamati a vita dai maghi. Dopo di ciò, egli torna a essere verga per l’emen­damento dei peccatori e per sostegno di coloro che salgono lungo l’erta della virtù, appoggiati alla spe­ranza e alla fede.

La fede infatti è sostanza di cose sperate (Eb 11,1). La comprensione di queste realtà fa di noi come degli dei rispetto agli oppositori della verità che si lasciano facilmente ingannare dalle apparenze, per­suadendosi che dare ascolto al vero Essere è cosa spregevole18.

La forza che deriva dalla conoscenza della verità

Il Faraone pensa appunto così, quando dice: «Chi è mai costui perché io lo ascolti? Io non co­nosco il Signore» (Es 5,2). Egli apprezza soltanto le cose materiali e carnali, oggetto delle sensazioni più irragionevoli. Mosè invece ricevette tanta forza dalla luce della verità che gli consentì di affrontare vigorosamente i suoi oppositori. Egli fece come l’a­tleta che, dopo il tirocinio con il maestro di ginna­stica, si accinge con coraggio e fiducia ad affronta­re l’avversario19.

Mosè con in mano la famosa verga, simbolo del­la dottrina della fede, riuscì a eliminare i serpenti egiziani.

La cultura profana e la fede

Sua moglie, che era forestiera, volle accompa­gnarlo. Essa è simbolo della cultura profana, ser­vendoci della quale noi potremmo anche riuscire a far maturare, in noi i frutti della virtù. La filosofia morale e la filosofia fisica potrebbero realmente fa­vorire un’autentica vita spirituale, qualora riuscis­simo a purificare i loro dati dottrinali dalle deturpa­zioni di errori profani.

Siccome Mosè non aveva provveduto a distrugge­re totalmente ciò che era impuro e dannoso, gli mosse incontro un Angelo a minacciargli la morte. Sua moglie allora procurò di eliminare i segni che facevano riconoscere il loro figlio come uno stranie­ro e lo presentò, così purificato all’Angelo, cui rivol­se le sue suppliche. Dovrebbe risultare chiaro da ciò che ho detto a chi è iniziato al simbolismo del­la storia, che la virtù progredisce gradualmente; ciò appare nel significato simbolico delle vicende che la Scrittura va a mano a mano raccontando.

In realtà gli insegnamenti delle dottrine filosofi­che contengono qualcosa come di carnale e di in­circonciso. Se lo togliamo, esse splendono di quel nobile decoro che è tutto israelitico. La filosofia pagana insegna che l’anima è im­mortale e si tratta indubbiamente di un insegnamen­to buono.

Essa però torna alla condizione degli stranieri in­circoncisi e carnali, quando dichiara che l’anima passa da un corpo all’altro, trasformandosi in una natura irrazionale20.

Simili esemplificazioni si potrebbero moltiplica­re. Così essa afferma che Dio esiste, ma poi lo con­cepisce come un essere materiale21. Lo ricono­sce creatore, ma dice contemporaneamente che non può creare se gli manca la materia22. Concede che egli sia buono e potente, ma ammette che spes­so è soggetto alla forza del fato23.

Troppo lungo sarebbe passare in rassegna a una a una le dottrine lodevoli della filosofia profana, cui sono congiunti insegnamenti assurdi. Se li togliamo, ci apparirà benevolo l’Angelo di Dio a mostrarci ciò che di buono contengono tali dottrine.

L’INCONTRO CON L’ANGELO



L’aiuto dell’Angelo custode

Fissiamo ora la nostra attenzione sui fatti suc­cessivi, affinché anche noi, in procinto di scendere in lotta contro i nostri nemici egiziani, possiamo in­contrarci con chi ci offra un aiuto fraterno.

Ben ricordiamo che Mosè agli inizi della vita di perfezione si trovò immischiato in un episodio di violenza e in una lite, allorché l’Egiziano uccise l’Ebreo e poi un Ebreo si scagliò contro un proprio connazionale.

Egli però si volse a propositi di vita più perfet­ta, sostenuto oltre che da questi propositi anche dal­la visione soprannaturale che ebbe in cima al mon­te e meritando la grazia che Dio gli mandasse in­contro il fratello, animato da sentimenti amichevoli.

Noi non pensiamo di scostarci dal nostro inten­to, se diamo a questi fatti un’interpretazione sim­bolica. Il soccorso divino non manca in realtà a colo­ro che si applicano a vivere virtuosamente ed è un soccorso accordato da Dio già fin dalla nascita na­turale24. Esso diventerà più tangibile e visibile quando, applicandoci con maggior diligenza e impegno nel­la vita spirituale, ci sentiremo in mezzo a lotte più aspre. Per non dare l’impressione di dare spiegazioni di cose oscure attraverso spiegazioni altrettanto o­scure, cercherò di chiarire il mio pensiero.

Un insegnamento fondato sulla tradizione patri­stica asserisce che Dio non abbandona l’uomo a sé stesso dopo che è stato assoggettato al peccato, non per colpa personale, ma in forza di quella che ha coinvolto tutto il genere umano. Dio assegna a ciascun uomo l’aiuto di un Ange­lo, che è una creatura non fornita di corpo. Il guastatore della nostra natura da parte sua cerca di ostacolarci per mezzo di un demone male­fico, intento solo al nostro danno25.

L’uomo si trova pertanto in mezzo a due esseri che lo accompagnano con intenti contrari: l’Ange­lo buono che lo spinge a riflettere sui beni della vir­tù, oggetto della speranza di quelli che la praticano e l’Angelo cattivo che spinge ai piaceri sensuali, in­capaci di suscitare la speranza dei beni futuri per­ché, dando un godimento immediato, sottomettono a schiavitù i sensi di coloro che vi si abbandonano.

Solo se ci liberiamo dagli allettamenti del male e se fissiamo la nostra mente verso le mete più al­te, lasciando ogni atto cattivo e mettendoci davan­ti come uno specchio la speranza dei beni eterni26, potremo riflettere nella limpidezza della nostra anima l’immagine delle cose celesti e sentiremo vi­cino l’aiuto di un fratello.

L’uomo infatti, considerando la parte spirituale e razionale del suo essere, è come un fratello del­l’Angelo mandato ad assisterci quando stiamo per avvicinarci al Faraone.

Precisazioni sul metodo esegetico

Se nel corso delle nostre riflessioni sui fatti del­la storia di Mosè, si riscontrasse che qualcuno di quei fatti non concorda con le nostre spiegazioni, nessuno deve prendere motivo da ciò per rifiutare in blocco le applicazioni da noi date.

Bisogna che sia sempre tenuto presente lo sco­po del nostro scritto mirante, come abbiamo spie­gato nell’introduzione, a proporre la vita di uomini grandi come modello di virtù per i posteri27.

Evidentemente non è possibile che gli emuli del­le virtù di quei grandi si trovino nelle loro identi­che materiali situazioni. (Ci si dovrebbe trovare an­cora nel caso di un popolo che cresce sotto la schia­vitù degli Egiziani, trovarsi davanti a un persecutore che fa uccidere i neonati maschi, lasciando vivere il sesso più debole e gentile, ripetersi gli altri partico­lari narrati dalla storia). Risulta perciò impensabi­le che le loro gesta possano essere ripetute tali e quali.

Conviene invece ricavare dalle loro imprese un insegnamento spirituale, utile per quelli che mirano a condurre una vita simile alla loro nella pratica della virtù. Tralasceremo perciò come inutile al no­stro scopo quegli avvenimenti che risultassero com­pletamente estranei all’ordine delle nostre conside­razioni, non volendo creare una frattura nell’esposi­zione della dottrina della virtù, attinta da noi a quei fatti che ce ne offrono la possibilità.

Questa precisazione era necessaria per risponde­re in anticipo a chi avesse da obiettare circa le ap­plicazioni che farò delle vicende di Aronne.

Qualcuno infatti potrebbe fare osservare che, se il compito di aiutare chi combatte contro i nemici, affidato all’Angelo, è in armonia con la sua natura spirituale e intelligente (sotto questo aspetto la na­tura angelica è pari a quella dell’anima umana, pur avendo però un’esistenza anteriore alla nostra), non si può invece accettare di porre su un piano di iden­tità l’Angelo e Aronne.

Risponderemo a questa obiezione partendo dal principio già esposto che l’incontro difatti estranei al nostro intento non deve comportare uno sconvol­gimento nell’ordine della trattazione e costatando come i termini di angelo e fratello siano in certo senso sinonimi e si possono ugualmente applicare a due esseri tra loro in contrasto.

Anche nella Scrittura si accenna a un Angelo di Dio e a un angelo di Satana (2 Cor 12,7). Anche noi chiamiamo fratello tanto quello buono come quello cattivo. La Scrittura si esprime in questo senso quando parla di fratelli buoni, premurosi dei biso­gni altrui (Pro 17,7) e di fratelli cattivi, che pren­dono a calci i propri fratelli (Ger 9, 3).

Il compito di guida spirituale esige una preparazione

Ma proseguiamo l’esposizione, rimandando a do­po l’esame particolareggiato di questi punti ed esa­minando ora i fatti che successivamente il racconto ci propone.

Mosè, ricevuta la forza necessaria nell’apparizio­ne luminosa, assistito e protetto dal fratello, può parlare con sicurezza al popolo della liberazione vi­cina, ricordare a tutti la comune nobiltà di stirpe, indicare come sottrarsi alle gravose imposizioni del­la raccolta di argilla e della fabbricazione di mat­toni.

Che cosa ci insegna qui la storia? Che non biso­gna presumere di parlare al popolo senza un’oppor­tuna preparazione.

Sebbene Mosè già al tempo della sua giovinezza fosse avanzato nella virtù, come ben sai, tuttavia quando volle intromettersi come paciere, tra due li­tiganti, non fu ben accolto. Ora invece affronta una intera moltitudine, quasi in contrasto con la riser­vatezza del suo carattere.

La storia sottolinea questo particolare per dirci che è azzardato esporci al giudizio di tanti ascolta­tori, se non possediamo una preparazione adeguata.



LE PRIME TENTAZIONI



Mosè usa le parole più adatte per proporre al popolo la prospettiva della liberazione, riuscendo a suscitare in tutti una brama così ardente di liber­tà che i loro oppressori reagiscono duramente, de­cidendo di aggravare le sofferenze di quanti hanno ascoltato le parole di Mosè.

Questo si ripete esattamente anche adesso. Mol­ti, dopo aver dato ascolto a colui che ci libera dal­la tirannide spirituale, udendone da vicino la paro­la, subiscono ancora da parte del nemico gli assalti delle tentazioni. Ora, di fronte a tali assalti c’è chi diviene più buono e più forte nella fede, perché sa premunirsi contro i colpi avversi, ma c’è chi, più debole, cede alle difficoltà e alle accresciute fatiche.

Costoro allora affermano che è cosa più vantag­giosa fare i sordi alle promesse di liberazione che non intraprendere a lottare per ottenerla28.

Si verificò appunto questo tra gli Israeliti i qua­li, diventati pusillanimi, si misero ad accusare co­lui che aveva loro proposto la liberazione dalla schiavitù. Non bisogna invece cessare di esortare e stimolare al bene chi, preso dallo spavento per l’ine­sperienza della tentazione, è rimasto bambino e im­perfetto nell’anima. Il demonio fa di tutto per per­derci, ottenendo che gli uomini, una volta a lui sot­tomessi, non guardino più verso il cielo, ma si pie­ghino sulla terra a fabbricare mattoni.

Insaziabilità delle passioni

In questo atteggiamento sono simboleggiate le soddisfazioni materiali, formate di terra e di acqua, come è dato vedere nei piaceri del ventre e della tavola e nelle altre soddisfazioni procurate dalla ricchezza.

Terra e acqua mescolate insieme formano il fan­go. In verità, tutti quelli che si abbandonano alle soddisfazioni impure si riempiono di fango, senza mai riuscire a saziarsi, perché non appena svuota­no il materiale versato prima, subito lo sostituisco­no con dell’altro. Proprio così fa il costruttore di mattoni, quando vera altro fango nella forma vuota.

Chi ha appagato un desiderio, si sente sospinto verso un altro oggetto da una nuova brama ancora insoddisfatta. Quando l’anima, ottenendo ciò che desiderava, ha riempito questo suo vuoto, altri de­sideri sorgono in lei a. creare altri vuoti. Il succedersi di desideri inappagati continuerà in noi fino al termine della vita.

La tattica ingannatrice di Satana

La divina voce del Vangelo e quella autorevole dell’Apostolo ci fanno osservare (Mt 3,12; 1Cor 3,12) che la canna e la paglia raccolta dagli Ebrei per ordini tirannici e mescolate con il fango per farne mattoni, costituiscono materia del fuoco.

La persona virtuosa che intende liberare chi è vittima dell’errore e condurlo a una vita libera e saggia, sa dal Vangelo (Mt 4,1 11) che il demonio usa ogni mezzo per irretire con l’inganno le nostre anime, opponendo alla legge del Signore i sofismi dell’errore.

Dico questo fissando l’attenzione sui serpenti egiziani di cui ci parla il racconto e che rappresen­tano le malvagie arti dell’inganno.

Ma i serpenti sono stati distrutti dalla verga di Mosè e su ciò abbiamo già fatto appropriate rifles­sioni.

Armato di questa prodigiosa verga che, rimasta illesa, fu in grado di distruggere quelle degli Egizia­ni, Mosè avanza sul cammino di una vita spirituale ricca di eventi miracolosi.

Finalità del miracolo

Egli possiede il potere dei miracoli e ne usa non per suscitare l’ammirazione dei curiosi29, ma per l’utilità dei salvati.

La forza derivante dai miracoli abbatte gli avver­sari e contemporaneamente dà sostegno ai fedeli.

Se teniamo presente lo scopo generale dei mira­coli nella vita spirituale, saremo poi in grado di co­gliere le finalità particolari di ciascuno di essi.

Però la comprensione dell’insegnamento della verità è in stretto rapporto con le disposizioni d’a­nimo di quelli che l’ascoltano. Il Verbo presenta a tutti indistintamente il bene e il male, ma c’è chi, docile al suo insegnamento, accoglie la luce nella sua mente e c’è chi non vuole esporre la propria anima ai raggi della verità, per cui rimangono in lui le tenebre dell’ignoranza30.

I contrasti di opinione in materia di fede

Se le riflessioni da noi fatte su questi punti non sono false, neppure lo saranno le applicazioni ai sin­goli fatti, perché lo studio dei particolari è già pre­sente nella visione dell’insieme.

Non c’è da meravigliarsi che gli Ebrei restino immuni dalle disgrazie degli Egiziani, pur vivendo in mezzo a costoro. Il fatto si ripete identico anche adesso. Nelle grandi città dove la gente si trova in mezzo a opi­nioni contrastanti, l’acqua della fede si offrirà lim­pida e buona a coloro che l’attingono dall’insegna­mento divino, ma si presenterà alterata in sangue a quelli che, danneggiati da dottrine malvagie, imita­no gli atteggiamenti degli Egiziani.

L’orditore di inganni, con le arti della corruzio­ne e della falsità, si adopera per far apparire san­gue anche l’acqua degli Ebrei, tenta cioè di mostra­re che la nostra non è la vera dottrina.

Egli potrebbe certo riuscire in questo tentativo di dare alle limpide acque della vera dottrina il co­lore apparente del sangue, cioè mescolarvi l’errore, ma non riuscirà mai a ottenere un’adulterazione completa. In realtà gli Ebrei bevono acqua genuina, anche se i loro nemici hanno procurato apparenze capaci di trarli in inganno.

L’impurità e i suoi segni

Quegli animali anfibi e schifosi che sono le rane (esse passano la vita ora in acqua ora sulla terra, saltano e strisciano, sono nauseanti d’aspetto e ma­leodoranti) penetrano in massa nelle case, nei letti, nei ripostigli degli Egiziani, ma lasciano immuni gli Ebrei.

L’uomo che conduce una vita intemperante, af­fogata nel fango, se esternamente riesce a conser­vare la sua natura di uomo, in realtà viene abbassa­to dalla passione al livello di una bestia, trasfor­mandosi così in un essere anfibio e indefinibile31.

Egli è preso da una malattia vera e propria, del­la quale scoprirai i segni non nel suo letto soltanto, ma sulla sua tavola, nei suoi armadi, in tutta la sua casa. Essi sono i contrassegni della dissolutezza.

Negli oggetti che uno tiene in casa si rivela se egli conduce una vita viziosa o una vita pura. Sulle pareti della casa del vizioso sono visibili le eccita­zioni al piacere sensuale, poiché l’artista vi ha raf­figurato figure ignobili che esprimono in certo mo­do la malattia di cui l’anima è affetta e la cui vista costituisce un continuo eccitamento alla passione.

Nella casa della persona pura noti invece la vigile preoccupazione di sottrarre alla vista qualsiasi og­getto sensuale.

Lo stesso dicasi della tavola. Mentre la persona virtuosa sa renderla pura, il vizioso che è avvoltola­to nel fango, la rende immonda e carnale.

Introduciti nei ripostigli della casa dei dissolu­ti, cioè nelle pieghe nascoste e misteriose della lo­ro esistenza e lì troverai più che altrove un vero esercito di rane.



PROVVIDENZA E LIBERTÀ



Non è Dio che causa l’indurimento del peccatore



Non ci si deve stupire quando la storia riferisce che i mali degli Egiziani furono causati dalla verga prodigiosa di Mosè e che Dio indurì il cuore del Fa­raone. Ci domandiamo tuttavia come è possibile che il Faraone meriti una condanna, se le cattive disposizioni del suo animo gli sono imposte da una forza superiore. Pare che anche il divino Apostolo, riferendosi a quanti commettono azioni vituperevo­li, affermi la stessa cosa quando dice: «Perché non vollero riconoscere Dio, egli li abbandonò in balia di passioni ignominiose» (Rm 1,24).

Quando la Scrittura afferma che Dio abbandona in preda a passioni vergognose l’uomo sensuale, non vuole significare che l’indurimento del cuore del Faraone è causato dal volere di Dio né che la vita impura trova nella virtù la causa del suo consoli­damento.

Se questi effetti dipendessero dal volere divino, le decisioni della nostra volontà sarebbero ridotte tutte conseguentemente allo stesso livello e verreb­be così annullata ogni distinzione tra virtù e vi­zio32.

Predominio della libertà

Non tutti vivono allo stesso modo, ma c’è chi progredisce nella virtù e chi s’abbandona al vizio.

A ben considerare, non possiamo attribuire que­sti modi diversi di vivere, a una imposizione inelut­tabile della divina volontà, ma al potere di libera decisione posseduto da ogni uomo.

L’Apostolo ci fa sapere con chiarezza chi mai Dio abbandona in balia di passioni ignominiose.

Si tratta di chi non si è degnato di conoscere Dio per cui, ignorato da Dio e privo della sua protezio­ne, viene a trovarsi alla mercé delle proprie passio­ni. La vera causa che fa precipitare l’uomo nella sensualità più vergognosa è il rifiuto di riconosce­re Dio.

Sentendo che un tale è caduto in un fosso per­ché non è riuscito a vederlo, noi non penseremo mai che il sole abbia voluto castigare quell’uomo, facen­dolo cadere nel fosso, perché non guardava a lui.

Le nostre precedenti dichiarazioni vanno appun­to intese nello stesso senso per cui cerchiamo la causa della caduta nel fosso di quell’uomo disatten­to, nella sua impossibilità a vedere.

Risulta perciò chiaro anche il pensiero dell’Apo­stolo là dove afferma che i misconoscitori di Dio vengono lasciati in preda a passioni vergognose.

Dio indurisce il cuore del Faraone non nel senso che il suo intervento produca nell’anima un atteg­giamento di opposizione, ma nel senso che l’invito rivolto al buon volere del Faraone perché depones­se l’ostilità contro gli Ebrei, non ebbe accoglienza, perché egli era già propenso a malvagi propositi.

Così l’azione della verga prodigiosa procura agli Ebrei la liberazione da una vita ignobile, ma nello stesso tempo rivela che gli Egiziani sono affetti da simile malattia.

Lo sguardo al Crocifisso

Mosè con il gesto delle mani distese, fece scom­parire le rane anche dalle case degli Egiziani. Ci è possibile osservare anche oggigiorno questo fatto. Colui che vede il Legislatore stendere le mani (que­sto gesto, come ben capisci, è in misteriosa relazio­ne con quello del vero Legislatore che distese le ma­ni sulla croce) e tiene fissi gli occhi sopra di lui, viene liberato dall’odiosa compagnia di pensieri lu­ridi e impuri, così che la passione finisce per mori­re e imputridire. Il ricordo del passato causa un disgusto insop­portabile in quelli che, con la mortificazione dei mo­ti disordinati dell’anima, si sono liberati dal male.

L’Apostolo, quando accenna a coloro che hanno abbandonato le vie del male per seguire la strada della virtù, dice appunto che essi sentono vergogna del loro passato: «Quale frutto avevate allora nelle cose di cui ora vi vergognate?» (Rm 6, 21).

Tu devi interpretare alla luce di queste conside­razioni anche il fatto che, per effetto della verga di Mosè, l’aria si ottenebrò sotto gli occhi stessi degli Egiziani.

Predominio della volontà

Esaminando questo fatto, vedrai confermata la tesi da noi esposta, che non si deve attribuire a una forza superiore ineluttabile il trovarsi nelle tenebre del male o nella luce del bene. Gli uomini hanno dentro di sé, nella direzione delle loro libere scelte, la vera causa delle tenebre o della luce in cui vi­vono.

Essi diventano tali quali vogliono essere. La sto­ria non ci dice che gli occhi degli Egiziani erano im­possibilitati a vedere perché avevano davanti qual­che muro o qualche montagna che intercettasse i raggi del sole o protendesse su di loro la sua ombra.

In realtà il sole spandeva ovunque i suoi raggi, ma solo gli Ebrei ne godevano i benefici, mentre gli Egiziani neppure potevano accorgersi della loro presenza.

A tutti è data la possibilità di una vita piena di luce, ma alcuni per la loro cattiva condotta vanno avanti fra le tenebre sempre più intense del male, altri invece vivono nella splendida luce della virtù.

Salvezza universale?

Basandosi sul fatto che dopo tre giorni di oscu­rità gli Egiziani ritornano a godere la luce, qualcu­no potrebbe sentirsi autorizzato a interpretare que­sto fatto come restaurazione finale (apocatastasis) nel regno dei Cieli dei dannati all’inferno33.

Effettivamente le espressioni «tenebre profon­de» venute sopra l’Egitto e «tenebre esteriori», presentano affinità di termini e di concetto. Ma ab­biamo visto che le tenebre vengono dissipate per ef­fetto delle mani, stese da Mosè sopra gli Egiziani, che ne erano stati colpiti.

Se guardiamo al significato del termine fornace presente in quella «cenere di fornace» che causò tante dolorose pustole alla pelle degli Egiziani, es­so potrebbe indicare il castigo del fuoco della geen­na minacciato a coloro che imitano gli Egiziani nel loro modo di vivere.

Il vero Israelita, figlio ed imitatore di Abramo, associato alla famiglia degli eletti per merito delle sue libere decisioni, resta immune dalle pene della fornace. Ma anche gli Egiziani e i loro imitatori po­trebbero essere guariti dai mali che li affliggono e ottenere la liberazione dal castigo, se Mosè ripetes­se su di loro il gesto di stendere la mano, di cui già ho spiegato il recondito significato.

Ciascuno è causa dei propri mali

Tutti gli altri castighi che ho ricordato nella par­te narrativa: i piccolissimi insetti dalle dolorose morsicature, gli scarabei pari ai primi nel recar danno, le cavallette che distrussero i raccolti della campagna, i fulmini scesi insieme alla grandine, tut­ti questi castighi hanno un particolare simbolismo, non difficile da trovare con il metodo di interpreta­zione usato fin qui.

Già abbiamo avuto modo di costatare che que­sti castighi sono una conseguenza degli atti liberi degli Egiziani. Questi atti hanno provocato l’inter­vento dell’incorruttibile giustizia di Dio, perché moralmente cattivi.

Bisogna dunque ritenere che, secondo il senso letterale dei fatti narrati, certe sofferenze da noi pa­tite, sono meritate da noi e non causate da Dio.

Ciascuno con le decisioni della propria volontà è causa dei propri mali, proprio come afferma l’Apostolo quando si rivolge a coloro che si trovano in questa situazione: «Per la tua durezza e il tuo cuo­re impenitente accumuli per te ira nel giorno dell’i­ra, della rivelazione e del giusto giudizio di Dio, il quale darà a ciascuno secondo le sue opere» (Rm 2,5 6).

Il medico che con i mezzi dell’arte provoca il vo­mito al paziente per estrargli dalle viscere intossi­cate le sostanze dannose, frutto di una vita sregola­ta, non può certo essere accusato di aver prodotto quelle sostanze nocive, causa di malattie. Si dovrà piuttosto accusare l’uso smoderato del cibo, men­tre l’opera del medico si è limitata a espellerle.

Parimenti noi non possiamo affermare che il ca­stigo per un atto libero della nostra volontà si deve attribuire a Dio, ma dobbiamo convincerci che la sua origine e causa è in noi. Le tenebre, i vermi, la geenna e tutti gli altri spaventosi castighi non col­piscono chi è vissuto senza peccato, proprio come gli Ebrei non subirono le piaghe abbattutesi sull’E­gitto.

Il fatto che l’Egiziano è sottoposto al castigo e l’Ebreo no, dimostra che diversi furono gli atteggia­menti della loro volontà e che nessun male può col­pirci senza che sia in rapporto con le deliberazioni da noi prese.



LA MORTE DEI PRIMOGENITI



Eliminare il male dagli inizi

Applichiamo la nostra riflessione alle vicende successive per ricavarne un ammaestramento.

Mosè e chiunque voglia imitarlo nell’ascesa ver­so la virtù, dopo aver ricevuto forza nell’esercizio di una vita austera e dall’illuminazione soprannatu­rale scesa su lui dal cielo, si ritiene in dovere di mettersi a capo del popolo per guidano verso la li­bertà. Si presenta a loro ad avvertirli che i mali di cui sono vittime potrebbero aggravarsi, sapendo co­sì destare in tutti un acceso desiderio di libera­zione. Per ottenerla, fa in modo che la morte colpisca ogni primogenito tra gli Egiziani. Così agendo egli ci ammonisce che il male va sradicato fin dal suo primo apparire.

Mi pare opportuno approfondire questa conside­razione perché, tenendo conto soltanto dei fatti pu­ri e semplici, si verrebbe a sopprimere ogni conve­niente interpretazione del loro significato. Mentre i colpevoli sono gli Egiziani adulti, il ca­stigo si abbatte sui loro figli appena nati, privi an­cora della capacità di discernere il bene. Nella vita di un infante non hanno posto le passioni cattive. Egli non sa neppure distinguere la sinistra dalla de­stra e l’unica cosa di cui s’accorge sono le poppe del­la madre. Per farsi capire quando sta male, non ha altro mezzo che le lacrime e per esprimere la con­tentezza, quando ha ottenuto ciò di cui sentiva istin­tivo bisogno, non ha che il riso. Ma se il figlio subi­sce il castigo per la colpa del padre, dov’è la giusti­zia, la religione, la santità? Perché Ezechiele va gri­dando: «L’anima che ha peccato subirà la morte» e ancora: «Non erediterà il peccato del padre il fi­glio nato da lui»? (Ez 18,20).

È ovvio allora che nei fatti presentati dalla Scrit­tura dobbiamo vedere un significato spirituale e ri­tenere che il divino Legislatore abbia voluto presen­tarci in quei fatti un insegnamento nascosto.

Qui ci insegna dunque che bisogna eliminare il male ai suoi inizi quando noi, incamminati sulla strada della virtù, ci troviamo impegnati a debella­re qualche nostra cattiva tendenza.

Se eliminiamo il male non appena si manifesta, viene automaticamente eliminata ogni sua conse­guenza.

Ce lo insegna il Signore nel Vangelo, quasi ad’ ammonirci di tagliare alla radice il mal degli Egi­ziani, là dove ci comanda di sopprimere i. moti con­vulsi della passione, affinché non abbiamo più a te­mere né l’ira, né l’adulterio, né l’omicidio (Mt 5,22).

Se l’ira conduce al delitto e la passione impura all’adulterio, ciò significa che sono i moti delle pas­sioni la causa di quelle colpe.

Prima della generazione di un figlio adulterino, c’è stata la generazione del desiderio che porterà al­l’adulterio e similmente prima dell’omicidio, è av­venuta un’esplosione di ira nell’animo di chi l’ha commesso.

Se elimini sul nascere un desiderio cattivo, già hai eliminato tutto ciò che da quel desiderio può de­rivare e fai allora come colui che, schiacciando il ca­po del serpente, causa la morte di tutto il lungo cor­po che esso si trascina dietro.

Il sangue dell’agnello, garanzia di salvezza

Ma non si arriva a questo risultato, se l’uscio delle nostre case non è stato contrassegnato con il sangue che tiene lontano l’Angelo sterminatore.

Sia l’uccisione dei primogeniti come l’immunità per le porte segnate con il sangue, sono due fatti che conducono alle medesime considerazioni da noi espresse, chiunque voglia comprendere con maggior precisione le interpretazioni che abbiamo dato fin qui.

Nell’uccisione dei primogeniti costatiamo come il male sia distrutto subito agli inizi, mentre nell’im­munità delle porte troviamo che gli viene proibito l’accesso dentro di noi in virtù del sangue del vero Agnello. Infatti noi non ci accingiamo a scacciare colui che vuole il nostro sterminio, quando ci accor­giamo che ormai è entrato in noi ma, sorretti dalla legge, vigiliamo perché non vi si introduca fin dagli inizi. Gli Ebrei infatti, contrassegnando gli stipiti e i battenti delle loro case con il sangue dell’agnello, ebbero una sicura garanzia di salvezza.

L’anima e le sue parti

Questo fatto della Scrittura contiene significati­ve allusioni circa la dottrina dell’anima. Di questo argomento si è interessata anche la filosofia paga­na, distinguendo l’anima in tre parti: la razionale, l’irascibile e la concupiscibile. Da queste due ultime parti provengono, secondo i filosofi, i moti dell’ira e i desideri. Tuttavia né la parte concupiscibile né l’irascibile restano prive della presenza dell’attività dell’anima razionale. Quei filosofi precisano infatti che la parte razionale giunge a vivificare la parte irascibile e concupiscibile. Le tiene legate a sé ed è a sua volta come sostenuta da esse34.

La razionale si determina e si muove sotto la spinta dell’appetito irascibile e raggiunge il posses­so di un bene sotto la spinta dell’appetito concupi­scibile. Finché l’anima rimane salda in questa struttura, saldi rimangono anche i suoi intenti virtuosi, quasi fossero tenuti fermi da chiodi, così che in tutte le sue parti si attua una reciproca spinta verso il be­ne: la parte razionale per sua natura è portata a te­ner salde le parti inferiori e tuttavia riceve da que­ste un aiuto non indifferente.

Ma quando questa struttura venisse sconvolta e la parte che deve stare in alto è portata in basso, quando cioè si riduce la parte razionale dal suo ruo­lo direttivo a quello proprio dell’appetito irascibile o concupiscibile, allora il suo nemico mortale riesce a invaderla. Non c’è più il segno del sangue che gli proibisce l’ingresso, cioè manca a essa, ridotta in quello stato, il soccorso della fede in Cristo.

Chi riceve il comando di segnare con il sangue lo stipite e i due battenti, come potrebbe contrasse­gnare la parte alta, cioè l’anima razionale, se essa non si trova più al suo posto?

Ancora sulla necessità di estirpare il male fin dall’inizio

Anche se i due fatti considerati, ossia lo stermi­nio dei primogeniti e l’aspersione del sangue sulle porte, non sono avvenuti simultaneamente tra gli Israeliti, tu non devi trarne una difficoltà per riget­tare la dottrina esposta circa l’eliminazione del ma­le, come se fosse il risultato di false deduzioni.

Nei nomi di ebreo e di egiziano abbiamo visto indicata la distinzione tra virtù e vizio. Poiché dun­que la riflessione ci suggerisce di riconoscere in Israele il simbolo della virtù, nessuno di noi, se è sano di mente, si metterebbe a eliminare le primizie dei frutti della virtù, simboleggiati nei figli degli Israeliti. Bisognerà invece preoccuparci di far scom­parire quei frutti dalla cui conservazione potrà de­rivare un danno. Per questo abbiamo appreso dal Signore a togliere perfino la possibilità che nascano ancora dei figli agli Egiziani.

In altre parole, il male deve essere distrutto ap­pena accenna a comparire. Conclusione questa che si accorda perfettamente con gli avvenimenti da cui è ricavata. I figli d’Israele, con l’aspersione del sangue, ottengono di essere difesi, affinché il bene possa svi­lupparsi fino alla sua perfezione. Ma i primogeniti che un giorno, fatti adulti, potrebbero portare van­taggio al popolo egiziano, sono eliminati prima che raggiungano la piena capacità di operare il male.

USCITA DALL’EGITTO



Difesa dell’interpretazione spirituale della Scrittura

Le riflessioni che facciamo ora seguire, rafforze­ranno l’interpretazione spirituale (anagogica) segui­ta fin qui.

La Scrittura ordina agli Ebrei di cibarsi delle carni da cui sgorgò il sangue che essi misero sulle porte, per tener lontano l’uccisore dei primogeniti egiziani. Essa impone a chi prende quel cibo un mo­do di vestire che è diverso da quello in uso nei banchetti della gente spensierata. Costoro a ban­chetto ci stanno con le mani libere, le vesti discinte, i piedi nudi. Al contrario gli Ebrei devono portare i calzari, avere attorno ai fianchi una fascia che strin­ga forte le pieghe superflue della veste, tenere in mano un bastone per difendersi dai cani.

Vestiti in questo modo, essi preparano il cibo, cucinandolo in fretta, senza condimenti, su un fuo­co improvvisato.

Esso è rappresentato dalle carni dell’agnello, che devono consumare totalmente, lasciando intatto soltanto il midollo delle ossa. Neppure le ossa dove­vano essere spezzate e se ci fossero stati degli avan­zi, dovevano essere distrutti nel fuoco.

Tutti questi particolari ci fanno chiaramente ca­pire che la lettera della Scrittura mira a un insegna­mento spirituale. Non possiamo pensare che la leg­ge voglia insegnarci il modo di cucinare i cibi (a questo basta la natura che ha messo in noi il desi­derio del cibo), ma dobbiamo ritenere che essa, con tutti questi precetti, ha valore semantico.

La vita è un viaggio che richiede un equipaggiamento adatto

Ci domandiamo quale importanza possa avere ri­spetto al vizio o alla virtù il fatto di prendere il ci­bo in un modo piuttosto che in un altro, con o sen­za una fascia ai fianchi, a piedi nudi o calzati, a ma­ni libere o fornite di un bastone.

Nel tenersi pronti alla partenza in tenuta da viag­gio c’è un significato simbolico abbastanza chiaro, che ci fa capire come la vita terrena sia un viaggio. Fin dalla nascita esso procede sotto la spinta di una forza ineluttabile verso quel termine che segna la fine delle nostre attività presenti. A rendere più si­curo il viaggio, occorre provvedere l’equipaggia­mento necessario alle mani e ai piedi. Bisogna co­prirci i piedi, perché le spine di questa vita che so­no i peccati non ci danneggino. Ci occorrono perciò calzature robuste che, fuor di metafora, sono le au­sterità e le mortificazioni, capaci di spezzare la pun­ta delle spine35, di impedire cioè che il peccato pe­netri nell’anima fin dagli inizi, quando si presenta in forma attraente ed entra in noi furtivamente.

Una tunica lunga fino ai piedi e chiusa tutt’in­torno non pare molto adatta per un viaggio, che Dio vuole condotto speditamente.

Essa dovrebbe essere interpretata come il sim­bolo delle piacevoli comodità della vita che la retta ragione, al pari di una fascia attorno ai fianchi, de­ve cercare di ridurre al minimo indispensabile.

Questa fascia è la saggezza, come risulta chiaro dal posto in cui viene applicata. Il bastone, destina­to a tener distanti i cani, rappresenta invece le pa­role della speranza cui ci appoggiamo nelle stanchez­ze dell’anima e con le quali ci difendiamo dai rab­biosi assalti dei nemici36. Il cibo cotto al fuoco sarebbe simbolo, a mio pa­rere, della fede che, senza nostro merito, abbiamo ricevuto come fiamma già accesa. Il cibo già pronto della fede si prende con sem­plicità e facilità secondo le nostre capacità e lo si mette al fuoco, lasciando da parte certi complicati e difficili ragionamenti della ragione.

Accontentarci delle interpretazioni facili

Dio dunque, come vediamo, si serve di simboli per istruirci ma per il fatto che essi sono di facile e spontanea interpretazione, né la pigrizia né la fret­ta devono indurci a tenerli in poco conto. Sono an­ch’essi un cibo offertoci perché, poveri e bisognosi quali siamo, ce ne nutriamo e riusciamo così ad ave­re un viaggio felice.

Esistono invece problemi ai quali non riusciamo a dare una soluzione soddisfacente. Ci chiediamo a volte che cosa è l’essenza divina, che cosa esisteva prima della creazione, che cosa c’è al di là delle real­tà visibili e se gli avvenimenti siano determinati da una forza ineluttabile.

Solo lo Spirito Santo possiede la piena risposta a questi e altri problemi che agitano gli spiriti più curiosi. Egli, come dice l’Apostolo, scruta le profon­dità di Dio (1 Cor 2,10). Chi conosce bene le Scrit­ture non può ignorare che in diversi punti lo Spiri­to Santo vi è menzionato sotto il nome di fuoco. An­che il libro della Sapienza ci spinge a riflessioni non dissimili da quelle qui espresse, quando dice: «Non occuparti di cose più grandi di te, non voler svisce­rare le ragioni nascoste, perché ciò che ti viene na­scosto non è necessario» (Eccl 3,22 23).

RICCHEZZE D’EGITTO



Critica a un ordine di Mosè

Mosè fu dunque il promotore dell’uscita del po­polo d’Israele dall’Egitto. Anche tutti coloro che hanno il compito di fare da guida agli altri, se si metteranno dietro le orme di Mosè, riusciranno a li­berare dalla schiavitù d’Egitto le anime loro affi­date.

Queste anime, venendo dietro chi le guida sulla strada della virtù, dovranno portare con sé le ric­chezze e i tesori degli Egiziani, cioè di una popola­zione straniera. Mosè ordina infatti alla sua gente di usare in proprio favore i beni sottratti ai nemici. Quest’ordine a prima vista appare incomprensibile in quanto spinge a rubare i beni dei ricchi ed è quin­di incentivo di ingiustizia.

Ma per capire che non si tratta di un ordine det­tato da intenzioni contrarie al giusto, basta dare uno sguardo alle leggi che Mosè emanerà in seguito: es­se dalla prima all’ultima non hanno altro scopo che colpire con rigore ogni ingiustizia.

Alcuni approvano che gli Israeliti per farsi paga­re il debito dei lavori eseguiti in favore degli Egizia­ni37 abbiano trovato questo espediente. Ma esso può certamente essere oggetto di biasimo perché contiene una menzogna e un inganno.

È indubbiamente un truffatore, colpevole di fur­to, chi prende a prestito e non restituisce, ma tale si deve considerare anche chi, volendo rientrare in possesso delle proprie cose, le chiede in prestito con l’assicurazione che verranno restituite.

Le discipline profane messe al servizio della Chiesa

Ma consideriamo il significato più profondo e spi­rituale di questo comando. Esso spinge i cultori del­la virtù a far proprie con tutta libertà le ricchezze della cultura profana, di cui si vantano le persone estranee alla fede. L’ordine dato da colui che fa da guida sul cammino della virtù è di prendere come in prestito le ricchezze possedute dagli Egiziani. Orbe­ne, la filosofia morale e la scienza fisica, la geome­tria, l’astronomia, la logica e tutte le altre discipli­ne coltivate da chi è fuori della Chiesa, sono beni assai utili ed è buona cosa che le ricchezze dell’in­telligenza vengano usate per decorare il tempio dei misteri della fede38.

I tesori presi agli Egiziani, furono poi portati a Mosè per contribuire, con offerte personali, all’alle­stimento del tabernacolo in corso di attuazione.

La cosa si verifica anche ai nostri giorni. Molti e tra questi il grande Basilio, portano in dono alla Chiesa di Dio la loro cultura profana. Egli offrì a Dio le ricchezze d’Egitto che si era procacciato al tempo della sua giovinezza e con esse decorò il vero tabernacolo che è la Chiesa.



LA COLONNA DI NUBE



Ma dobbiamo ritornare al punto del testo dove ci siamo fermati. Chi è uscito dal territorio della dominazione egiziana e si è messo in viaggio verso la meta della virtù, non potrà evitare né assalti, né tentazioni, né prove d’ogni genere: angustie, paure, pericoli mortali. Egli si sentirà tanto scosso nelle convinzioni della fede da poco entrate nella sua ani­ma, che cadrà nella sfiducia più completa di poter raggiungere i beni cercati39.

Mosè e gli altri capi sanno con il loro consiglio mettere un freno alla paura, dar coraggio alle ani­me troppo impressionabili, suscitare la speranza dell’aiuto divino.

Sovente le persone poste a governare gli altri si preoccupano soltanto che tutto proceda bene nelle cose esteriori e non danno alcuna importanza alle interne disposizioni, invisibili agli altri, ma note a Dio. Non così si comportò Mosè. Invitato a infondere coraggio al popolo, pregò il Signore di venire in aiu­to ma senza far uscire suoni dalla sua bocca. Tutta­via ci viene assicurato che egli levava grida verso il Signore. Che cosa ci vuole insegnare qui la Scrittu­ra se non questo: che alle orecchie di Dio sale gradita non la voce più rumorosa ma quella che esprime la supplica di una coscienza pura40.

L’aiuto dello Spirito Santo

Quando Mosè si trovò a dover affrontare più du­re battaglie, il «fratello» mandatogli incontro al suo rientro in Egitto e nel quale abbiamo visto il simbolo dell’Angelo, non gli poté offrire che un aiu­to molto limitato.

Fu allora che, in forme adeguate alle sue capaci­tà conoscitive, gli si manifestò l’Essere trascenden­te. Se riflettiamo su questi avvenimenti, abbiamo la possibilità di conoscere la loro applicazione alla no­stra vita spirituale.

L’anima che ha abbandonato la terra d’Egitto e si trova esposta all’assalto delle tentazioni, può tro­varsi piena di paura. Ma chi la guida sa mostrarle la salvezza che scende dall’alto, e costringere il ma­re a farsi come una strada asciutta su cui passare a piedi, nel momento in cui il nemico incalza l’ani­ma e la stringe da ogni parte.

Allora apparirà anche la nube a precederla sul cammino. Giustamente i nostri padri hanno cambia­to nome a questa nube, identificandola con la gra­zia dello Spirito Santo da cui proviene ai santi la guida verso il bene.

Chi le sta dietro, passa attraverso le acque del mare dove gli è stata aperta una strada.

Lo Spirito Santo rende sicura la libertà che ab­biamo acquistato, facendo in modo che gli insegui­tori decisi a catturarci, vengano affogati nelle ac­que.

LA TRAVERSATA DEL MAR ROSSO



L’esercito delle passioni

Nessuno che senta il racconto di questi fatti po­trebbe ignorare il loro riferimento a un mistero. C’è ancora chi passa attraverso le acque ed è inseguito da un esercito nemico. Ancora le acque sommergono l’esercito inseguitore ed egli è il solo che ne esce salvo41. L’esercito egiziano con tutti quei cavalieri, carri, cavalli, lancieri, frombolieri e combattenti schierati a battaglia, rappresenta le molteplici passioni che tiranneggiano l’uomo42.

Troviamo perfetta identità tra l’esercito egiziano e quei sentimenti d’ira, quelle inclinazioni al piace­re, alla tristezza, alla superbia che si trovano nella nostra anima.

L’insulto contro il prossimo è ben paragonabile a un sasso lanciato sulla fronte con una fionda e lo scatto dell’ira è veramente come la punta vibrante di una lancia.

Quanto ai cavalli che irresistibilmente trascina­no il carro di guerra vi vedo simboleggiati i piaceri sensuali.

Ancora sulle tre parti dell’anima

Sappiamo dalla storia che sul carro di guerra sa­livano tre uomini chiamati “primi dignitari”. Già nel simbo­lismo dello stipite e dei due battenti abbiamo scor­to le tre dimensioni dell’anima. Se ora fissiamo la nostra attenzione sui tre combattenti che il carro porta con sé in una corsa impetuosa, non avremo difficoltà a vedervi un richiamo alle tre parti dell’a­nima: la razionale, l’irascibile, la concupiscibile.

Quei tre precipitano nelle acque insieme ai loro compagni, mentre inseguono Israele a tutta forza.

Efficacia salvifica del battesimo

Coloro che si erano affidati alla virtù della verga ed erano rischiarati dalla nube, scesero in quella stessa acqua e vi trovarono la salvezza, mentre i lo­ro inseguitori vi affogarono43.

Da questi fatti ci viene un ulteriore insegnamen­to. Nessuno, una volta passato attraverso l’acqua, deve più trascinarsi dietro i resti dell’esercito ne­mico.

Se permettiamo che il nostro nemico riemer­ga dall’acqua insieme con noi, dopo l’immersione, questo significa che rimaniamo nello stato di schia­vitù, perché ci ritroviamo vivo e vicino il tiranno, non essendo riusciti ad affogarlo.

Per rendere evidente il significato nascosto di questi fatti, è necessario che ci esprimiamo in ter­mini più chiari. Questi fatti interessano tutti coloro che passano attraverso le mistiche acque del battesimo.

In esse devono annegare le cattive tendenze del­l’anima e le opere che ne derivano, cioè tutto l’eser­cito del male: avarizia, desideri impuri, furto, vani­tà, superbia, violenza, ira, rancore, invidia, gelosia e tante altre passioni che la natura porta con sé dal­la nascita44.

Impegni del battesimo

Quando la legge parla del mistero della Pasqua cioè della festa destinata a ricordare la preservazio­ne dalla morte, ottenuta per mezzo del sangue, ordi­na di mangiare pane azzimo, privo del vecchio fer­mento.

Ci fa capire in tal modo che il convertito non de­ve continuare sulla strada del male, ma ricomincia­re da capo la sua vita senza più l’antico fermento del male45.

Essa vuole anche qui che facciamo affogare nel­le acque del battesimo, come negli abissi di un ma­re, ogni egiziano cioè ogni abitudine di peccato. Vuole essa che da queste acque riemergiamo so­li, non più permettendo che elementi estranei si tro­vino nella nostra vita.

È questo appunto l’insegnamento della Scrittu­ra quando ci mostra le medesime acque dar rovina e morte ai nemici, vita e salvezza agli amici.

Purtroppo molti battezzati, ignorando gli ordini della legge, introducono nella loro vita dopo il bat­tesimo il vecchio lievito del male e trascinano anco­ra dietro di sé nei loro atti, dopo il passaggio attra­verso l’acqua l’esercito egiziano in piena efficienza.

Chi, prima del battesimo, si è arricchito con ra­pine e ingiustizie, chi è venuto in possesso di un ter­reno attraverso falsi giuramenti, chi conviveva in adulterio con una donna o aveva commesso altre violazioni della legge, se continua a tenere ciò che ha preso ingiustamente, si illude di essersi liberato con il battesimo dalla schiavitù dei suoi peccati e non s’accorge che in realtà è rimasto sottoposto a padroni tirannici.

Una passione sfrenata domina senza pietà l’ani­ma razionale, flagellandola con i piaceri come fos­sero delle verghe. Anche l’ingordigia è un padrone dispotico, che nega ogni riposo a chi lo serve; ag­giunga pure costui lavoro a lavoro per procacciare al suo padrone i beni che esige; sempre verrà incal­zato a fare ancora di più.

Davvero ogni atto cattivo che compiamo è un de­bito pagato a padroni dispotici. Chi li serve dopo aver attraversato il mare è come se non fosse stato neppure sfiorato dalla mistica acqua che abbiamo ricordato e alla quale si deve l’eliminazione di tiran­ni così crudeli.



LE SOSTE NEL DESERTO



L’obbedienza

Ma proseguiamo la nostra esposizione. Il popo­lo che ha percorso la strada in fondo al mare e ha visto morire gli Egiziani nel modo descritto, costa­ta che Mosè ha sempre in mano la verga prodigio­sa e che soprattutto confida in Dio.

È per questo che la Scrittura ci informa come il popolo obbediva a Mosè, servo di Dio. È ciò che costatiamo anche ora. Le persone pas­sate per le acque del battesimo e consacrate a Dio, si sottomettono e obbediscono a coloro che, secon­do la parola dell’Apostolo, hanno ricevuto con l’or­dinazione sacerdotale la cura delle cose divine (Eb 13,17).

Forza consolatrice della risurrezione di Cristo

Gli Ebrei, dopo aver attraversato il mare, cam­minano per tre giorni fin quando si accampano do­ve trovano acqua, che tuttavia si rivela terribilmen­te amara.

Ma gli assetati ebbero per loro fortuna acqua dolce, quando fu gettato il legno. Il miracolo atte­stato dal racconto si ripete esattamente anche a­desso.

In principio risulta dura e disgustosa la vita di chi ha abbandonato i piaceri d’Egitto, di cui era schiavo prima di attraversare il mare. Ma se egli get­ta il legno nelle acque amare, se cioè si dà a consi­derare il mistero della Risurrezione che prende ini­zio dal legno (mi riferisco evidentemente al legno della croce), allora la vita virtuosa gli diventa più dolce e più saporosa di qualsiasi dolcezza grata al gusto, poiché essa si fonda sulla speranza dei beni futuri46.

Gli araldi del Vangelo

Nella, successiva tappa, gli Ebrei poterono final­mente, dopo lungo cammino, riposarsi presso un luogo allietato da palme e da sorgenti. Si trattava di dodici fonti d’acqua pura e dolcissima e di settan­ta palme molto alte.

Che cosa trovare in tutti questi particolari? Di­rei questo: che il mistero del legno dà agli assetati di poter bere l’acqua della virtù e poi li conduce al­le dodici sorgenti e alle settanta palme, cioè agli in­segnamenti del Vangelo.

Le dodici sorgenti indicano gli Apostoli che Cri­sto scelse perché vi attingessimo la parola della ve­rità, conforme all’annuncio del Profeta, quando pre­disse che dagli Apostoli sarebbe zampillata come da una sorgente un’acqua abbondante. Ecco le sue pa­role: «Nelle vostre riunioni lodate il Signore Iddio dalle fonti di Israele» (Sal 67,27).

Le settanta palme rappresentano gli Apostoli mandati in tutto il mondo, in numero appunto di settanta, se escludiamo i dodici Discepoli47.

Pronti ad accogliere Cristo



Credo opportuno accelerare l’esposizione inizia­ta, onde rendere facile, attraverso brevi commenti, la comprensione del significato spirituale delle al­tre tappe. Sono in esse simboleggiate le virtù, che rappresentano come una sosta un riposo per chi, seguendo la colonna di nube, s’affatica nel continuo camminare.

Trascurando i fatti avvenuti nelle altre tappe, mi limiterò a ricordare il miracolo della roccia, per mezzo del quale la materia dura e resistente della rupe si trasformò in dolce acqua corrente, a soddi­sfare il bisogno degli assetati.

Non abbiamo particolare difficoltà a collocare questi fatti; al pari dei precedenti, nel quadro di una interpretazione spirituale uniforme.

Colui che ha lasciato alle sue spalle gli Egiziani morti e ha provato le acque addolcite dal legno, chi ha avuto la grazia di attingere alle fonti degli Apo­stoli e s’è disteso a riposare all’ombra delle palme, è ormai in grado di accogliere Dio.

Osserviamo che i Dodici sono chiamati qui con il nome di Discepoli e i settanta con il nome di Apostoli. Dice infatti l’Apostolo: Cristo è la roccia (1Cor 10, 4): pietra dura e resistente per gli increduli, ma che diviene acqua buona per l’assetato che le si avvicini con la verga della fede.

Cristo penetra nell’intimo di chi lo accoglie, poi­ché è lui stesso che afferma: «Io e il Padre verre­mo e faremo dimora in lui» (Gv 14, 23).



LA MANNA

Il Verbo fatto carne per essere nostro cibo

Dopo che abbiamo considerato il passaggio del mare, la conversione dell’acqua amara in acqua buo­na per soddisfare la sete dei viandanti della virtù, la sosta confortevole presso le sorgenti all’ombra delle palme e l’assaggio dell’acqua scaturita dalla pietra, non dobbiamo lasciare inosservato il fatto che i cibi portati dall’Egitto vengono a finire. Ma fu appunto in seguito alla totale scomparsa delle vettovaglie prese da una terra straniera quale l’Egit­to, che discese dal cielo un cibo vario e uniforme a un tempo.

Uniforme all’aspetto, esso variava nel gusto che era adattato alla voglia di ciascuno. Da questo fatto dobbiamo apprendere a libera­re la nostra vita da abitudini profane, svuotando il sacco dell’anima da ogni cibo corrompitore con cui si sostenevano gli Egiziani, per accogliere in un’ani­ma pura il cibo che scende dall’alto. Esso non è frut­to di un seme giunto a maturazione per il lavoro dell’agricoltore, ma è pane già pronto, che non ha avuto bisogno né di aratura né di semina e, disceso dal cielo, è apparso sul terreno.

In questo pane devi vedere simboleggiato il vero cibo, quel pane celeste che è disceso tra noi in una sostanza corporale.

In realtà come potrebbe diventare nostro cibo una sostanza mancante di corpo? Ciò che non è sen­za corpo, evidentemente è un corpo. Ma né aratura né seminagione hanno prodotto la materia di questo pane, eppure ne vediamo ripieno il terreno, senza che sia stato per nulla smosso, per nutrire chi ha fame di cibo divino. Con il miracolo della manna gli Ebrei apprese­ro anzitempo il mistero della nascita verginale.

Il Verbo si offre alle anime in misura diversa


Questo pane non derivato dal lavoro agricolo, è il Verbo la cui forza nutritiva dipende dalle capaci­tà di chi se ne ciba.

Il Verbo infatti non sempre si presenta come pa­ne ma anche in forma di latte e carni e legumi o al­tro che possa convenire e piacere a chi lo acco­glie48. Proprio in questo senso il divino Apostolo Paolo, fornendoci una tavola copiosissima, offre ai più perfetti un insegnamento in forma di cibo so­stanzioso quale la carne, mentre dà ai più deboli un insegnamento paragonabile ai legumi e dà ai fanciul­li un insegnamento paragonabile al latte (Eb 5, 12; Rm 14, 2).

La temperanza

Anche gli altri fatti miracolosi che la Scrittura riferisce intorno a quel cibo, contengono un inse­gnamento relativo alla vita virtuosa.

La Scrittura infatti ci informa che tutti avevano un’identica porzione di cibo, non superiore né infe­riore al necessario, indipendentemente dalla mag­giore o minore robustezza fisica di chi lo racco­glieva. A me pare di poter scorgere qui un consiglio uti­le a tutti. I mezzi di sussistenza fornitici dalla na­tura non devono superare il limite del bisogno. Dobbiamo anche tener presente che l’unica misu­ra data dalla natura circa l’uso del cibo è la quan­tità necessaria al sostentamento di un giorno.

Se fossero preparati e messi in tavola cibi in quantità superiore al bisogno, il ventre non avrebbe la capacità di allargarsi e allungarsi oltre le proprie misure.

Anche quelli che vollero raccogliere la manna in quantità superiore, s’accorsero di non averne a di­sposizione più degli altri (mancava del resto il posto dove conservarla) e coloro che ne presero poca, non si sentirono menomati, perché la quantità da essi raccolta corrispondeva pienamente ai loro bisogni, che erano inferiori a quelli degli altri.

Avvertimenti agli avari

Quel superfluo, accumulato da alcuni per ingor­digia e trasformatosi in un semenzaio di vermi, di­ce ad alta voce agli avari che i loro averi superflui, frutto di avarizia, si trasformeranno in vermi nella vita futura, a dispetto della loro brama di accumu­lare.

Quanto a noi invece, la vita futura è oggetto di speranza. Il lettore saprà scorgere nei vermi ricor­dati dal racconto il verme sempre operante dell’a­varizia.

Seminare per la vita futura

Si può ricavare un insegnamento anche dal fat­to che il superfluo, raccolto per il giorno di sabato, non marciva. Bisogna infatti accumulare i beni che, anche am­massati, non subiscono corruzione.

Essi ci serviranno quando, terminata questa vita di preparazione, ci troveremo nella forzata inazione che segue la morte. Il giorno che precede il sabato è chiamato parasceve perché serve di preparazione al sabato. Esso simboleggia la vita presente, duran­te la quale prepariamo quanto ci servirà nella fu­tura49.

Là non eseguiremo più nessuna delle opere che possiamo esercitare qui, non l’agricoltura, non il commercio, non il mestiere delle armi; nessuna del­le presenti attività ci sarà più consentita, perché re­steremo a riposo, godendo i frutti dei semi gettati nel terreno di questa vita: frutti perfetti se i semi gettati quaggiù furono buoni; frutti guasti e letali, se tali sono cresciuti per negligenza di chi li ha pian­tati.

«Chi semina per lo spirito dice la Scrittura dallo spirito mieterà vita eterna; chi semina per la carne, dalla carne mieterà corruzione» (Gal 6, 8). Merita propriamente il nome di parasceve solo quella preparazione che mira a una migliore riusci­ta nel bene. Solo questa è sanzionata dalla legge che vuole farci mettere da parte beni non soggetti a corru­zione. Non è parasceve e non ne merita il nome ogni intento contrario al bene.

Nessuno potrebbe chiamare con il nome di para­sceve la mancanza di beni; questa dovrebbe piutto­sto denominarsi assenza di preparazione.

La Scrittura prescrive perciò i preparativi desti­nati a una migliore riuscita nel bene, lasciando in­tendere, con il fatto di non parlarne, che non esiste una preparazione contraria a questo scopo.

Come il capo di un esercito, arruolando i solda­ti, prima paga il soldo e poi consegna loro i vessilli di guerra, così i militi della virtù prima ricevono il mistico soldo e poi, comandati da Giosuè, successo­re di Mosè, scendono in guerra contro i nemici.



SENSO DELLE SCRITTURE

Bisogna saper sostenere da soli il combattimento spirituale


Intuisci a quali conseguenze portano queste ri­flessioni? L’uomo fin quando è dominato da una tirannide crudele, si trova in uno stato di così grave debolez­za che non può, con le sole sue forze, respingere il nemico. Ma c’è chi prende le difese dei deboli e as­sale il nemico senza risparmiare colpi.

Allora il debole viene liberato dalla schiavitù ti­rannica ed esperimenta, in virtù del legno, la dolcez­za dello spirito. Sosta a riposare sotto le palme, vie­ne a conoscenza del mistero della roccia, si ciba del pane celeste e allora si trova in grado di respingere da solo il nemico, non più per mano di altri. Egli possiede ormai la forza propria di chi, oltrepassata la fanciullezza, si trova nel pieno sviluppo dell’età giovanile e muove contro i nemici non più sotto il comando di Mosè, ma di Dio stesso, di cui Mosè fu il servo50.

Valore dell’interpretazione spirituale della Scrittura

Il popolo muove contro il nemico quando le ma­ni del suo Legislatore restano sollevate, fugge inve­ce quando s’abbassano.

Mosè che tiene alzate le mani significa chi riflet­te sui testi della Scrittura e dà loro una interpreta­zione spirituale. Le mani abbandonate verso terra indicano invece l’interpretazione puramente lette­rale. Neppure il fatto che un sacerdote e un familia­re sostengono le mani appesantite di Mosè può ri­manere estraneo alla linea delle nostre riflessioni.

È infatti il sacerdozio che per mezzo della pa­rola affidatagli, risolleva le energie della legge, ab­bassata fino a terra dalla troppo letterale interpre­tazione giudaica.

È ancora il sacerdozio che rende visibile la leg­ge, collocandola sopra una pietra. da dove essa, al­largando le mani, rivela a chi la scorge il proprio fine.

Nella legge infatti le persone illuminate vedono il mistero della croce. Per questo il Vangelo in un certo passo (Mt 5, 18) afferma che non si perderà un jota o un apice della legge, annuendo con questi ter­mini al braccio trasversale e a quello perpendicola­re che compongono la figura della croce.

Essa è già visibile in Mosè il quale, come simbo­lo della legge, diviene segno e causa di vittoria a chi fissa gli sguardi sopra di lui.

La legge che fu data per essere tipo e ombra del­le cose future, abbandonato il campo di battaglia, è sostituita nel compito di stratega da colui che la perfeziona. Egli è il successore di Mosè, già preannunciato nel nome di Giosuè, che era il capo dell’esercito di allora.

L’ascesa verso la montagna della divina conoscenza

Le nostre riflessioni vanno innalzandosi sempre più verso le alte cime della virtù. Colui che, ricevuta forza dal cibo celeste, ne espe­rimenta l’efficacia, scontrandosi con i nemici e uscendone vittorioso, viene poi introdotto alla mi­steriosa conoscenza di Dio.

La Scrittura, facendoci conoscere queste cose, ci mostra quali fatiche uno deve affrontare per riusci­re un giorno ad accostarsi al monte della divina co­noscenza, sostenere il suono della tromba, entrare nella nube caliginosa dove è Dio, far incidere su ta­vole di pietra le lettere divine, presentare a Dio nuo­ve tavole ottenute con il proprio lavoro se mai le prime si fossero rotte, affinché il dito di Dio anco­ra vi incida le sue lettere.

Seguendo il filo del racconto, noi dobbiamo ade­guare il nostro insegnamento al senso spirituale, che è il più profondo. Chi, tenendo fissi gli sguardi alle due guide di chiunque vuole avanzare sulla strada della virtù, cioè a Mosè e alla nube (Mosè rappresenterebbe la lettera della legge e la nube lo spirito) è stato puri­ficato nel passaggio attraverso l’acqua, dove distrus­se e rinnegò in sé stesso ogni resto di profanità, giunge ad assaggiare l’acqua di Mara cioè una vita priva di piaceri, che sulle prime risulta amara e spiacevole, ma poi, una volta assaporato il legno, procura dolcezza.

Egli potrà poi ammirare le belle palme evangeli­che che sorgono vicino alle sorgenti, saziarsi del­l’acqua viva sgorgante dalla pietra, ricevere in ali­mento il pane celeste che gli dà forza contro i ne­mici e vedere il suo Legislatore con le mani allarga­te in un gesto che è causa di vittoria e prefigura il mistero della croce. Soltanto allora egli verrà intro­dotto alla visione dell’Essere soprannaturale.

Purificarsi da ogni macchia

Per giungere a così alta conoscenza egli deve pulirsi il corpo con abluzioni e avere i vestiti senza macchie. Chi vuole avvicinarsi alla visione delle realtà51, deve essere mondo nell’anima e nel corpo, allonta­nando da sé ogni macchia e sporcizia. Allora appariremo mondi anche agli occhi di co­lui che vede dove l’occhio materiale non arriva. Ci sarà una perfetta armonia tra il nostro aspetto este­riore e le interiori disposizioni dell’animo. È per questo motivo che Dio ordina di lavare le vesti, pri­ma che si salga la montagna. Le vesti indicano sim­bolicamente gli aspetti esteriori della vita. Nessuno può affermare che un vestito, anche se molto macchiato, costituisce un impedimento a sa­lire verso Dio. Giova perciò pensare che nelle vesti siano indi­cate tutte le occupazioni esteriori di questa vita.

Superare le conoscenze sensibili

Fatti questi preparativi, l’anima procede all’asce­sa verso le più alte cime, avendo cura di tenere il più lontano possibile dal monte qualsiasi animale.

La scomparsa dal monte di qualunque animale ci sprona a superare le conoscenze sensibili per mez­zo della visione delle realtà. Gli animali, privi come sono d’intelligenza, vivo­no soltanto delle loro sensazioni; è una caratteri­stica della loro natura.

Essi sono guidati dalla vista, sebbene anche l’u­dito a volte li spinga verso qualche oggetto. Sono presenti in loro tutte le altre sensazioni nelle quali si attua la conoscenza sensibile. Ma la contemplazione di Dio non si attua per mezzo della vista o dell’udito, e neppure vi si arriva attraverso le nostre facoltà intellettuali.

«Né occhio vide, né orecchio udì, né mai entrò in cuore di uomo» (1 Cor 2, 9). Chi intende salire verso la conoscenza delle più alte realtà, deve liberarsi da ogni forma di attività sensibile e irrazionale.

Ogni concetto derivante dalla conoscenza sensi­bile va separato e liberato da quegli elementi sensi­bili con i quali abitualmente è congiunto, come lo sono due persone abitanti nella stessa casa. Solo al­lora si può affrontare la montagna. Ma essa è tanto scoscesa che la maggior parte della gente può a ma­la pena spingersi fino ai suoi piedi.

La divina rivelazione

Per salire in alto fino a sentire i suoni delle trom­be bisogna diventare come Mosè, che li sente farsi più forti a mano a mano che sale, come il racconto riferisce.

La rivelazione che ha per oggetto la natura divi­na è veramente una tromba che fa vibrare le nostre orecchie. Essa è un annuncio già grandioso al suo primo echeggiare, ma negli ultimi tempi è risuona­to più distinto alle nostre orecchie.

La legge e i profeti hanno proclamato il divino mistero dell’Incarnazione, ma le loro voci erano ini­zialmente troppo deboli perché riuscissero a colpi­re l’udito di chi avesse voluto sentirle.

I giudei restarono sordi al suono di quelle trom­be. Tuttavia il racconto ci informa che quel suono diventava sempre più forte.

I suoni uditi negli ultimi tempi corrispondono all’annuncio del Vangelo. Essi hanno potuto colpire le nostre orecchie perché, attraverso la voce di intermediari, era lo Spirito che si faceva sentire e suscitava un’eco più vibrata e più profonda anche per coloro che verranno dopo.

Il magistero della Chiesa, intermediario della divina rivelazione

I profeti e gli apostoli sono gli strumenti che dif­fondono la loro voce sotto l’azione dello Spirito. Es­sa come dice il Salmo si è diffusa su tutta la ter­ra e le loro parole sono giunte fino ai confini del mondo (Sal 18, 5).

Sappiamo che la moltitudine non comprese i suoni provenienti dalla montagna e affidò a Mosè l’incarico di interpretare quelle misteriose rivela­zioni. Mosè poi istruì il popolo sulle dottrine che aveva appreso nell’insegnamento celeste.

Questi due fatti concordano con l’ordinamento della Chiesa per il quale non tutti possono penetra­re da soli nella comprensione dei misteri, ma si sce­glie chi sia in grado di capire le cose di Dio e a lui si presta fiducioso ascolto, perché tutto ciò che viene insegnato da chi è stato istruito nelle cose di­vine si deve giudicare degno di fede.

«Non tutti dice la Scrittura sono apostoli, né tutti sono profeti» (1 Cor 12, 29). Questo ordinamento non viene rispettato oggi­giorno in molte chiese. Molti osano affrontare la salita verso Dio men­tre devono ancora purificare la loro vita passata e, per non essersi lavati, portano sopra di sé il sudiciu­me delle manifestazioni esteriori della vita e non hanno altro equipaggiamento che le conoscenze sen­sibili, vuote di razionalità. Costoro saranno investi­ti dalle pietre dei loro stessi pensieri. Le dottrine eretiche sono precisamente come pietre che ricada­no sullo stesso autore52.



LE TENEBRE



Vediamo ora che cosa ci suggerisce l’entrata di Mosè nella nube tenebrosa, dove ebbe la visione di Dio. Pare che qui la Scrittura si contraddica con ciò che ha riferito circa la prima teofania53. Allora, infatti, Dio apparve nella luce, ora nelle tenebre.

Invisibilità dell’essenza divina

Non si pensi che questi particolari del racconto mal si accordino con la nostra spirituale contem­plazione. Per mezzo loro la Scrittura ci insegna che la co­noscenza (gnosi) del mistero di Dio è luce per colo­ro che le si avvicinano. Tenebra invece è l’empietà, ma la tenebra si dissipa quando si entrai nella luce.

La mente che penetra con più intensa e perfetta attenzione nella intelligenza delle realtà, quanto più avanza nella contemplazione tanto più s’accorge che la natura divina è invisibile.

Solo se lasciamo da parte le conoscenze sen­sibili e ciò che di vero ha soltanto apparenza, p0­tremo, con il travaglio della riflessione, penetrare in profondità fino a raggiungere l’Essere invisibile e inconoscibile: là allora vedremo Dio.

Ma potremo dire di vederlo veramente quando ci accorgeremo che l’oggetto della nostra ricerca sta nascosto, come in una nube caliginosa, al di fuo­ri del nostro campo visivo.

Il mistico Giovanni che si trovò in questa lumi­nosa caligine afferma che «nessuno mai vide Dio» (Gv 1, 18). Con questa costatazione negativa, egli stabilisce che la conoscenza dell’essenza divina è irraggiungi­bile non solo dagli uomini, ma da qualsiasi crea­tura intellettuale54.

Mosè asserisce di vedere Dio nella caligine, pro­prio quando ne ha raggiunto una conoscenza più perfetta. Egli intende affermare che Dio è per natu­ra superiore a ogni capacità di conoscenza e di com­prensione delle creature. La Scrittura dichiara infatti che Mosè avanzò in mezzo alla caligine, ove era Dio. Quale Dio? Colui che pose nelle tenebre il suo nascondiglio (Sal 17, 12).

Così dice anche Davide, iniziato a misteri ineffa­bili in questo medesimo santuario segreto55. Mosè, giunto nel mezzo della caligine, viene istruito da Dio a viva voce, affinché possa trasmette­re anche a noi la dottrina appresa, con una concre­tezza maggiore. Le parole divine insegnano che nessuna umana conoscenza può darci un’idea adeguata della divi­nità.

Se mai concetto o immagine pretenda offrirci la conoscenza o l’intuizione della natura divina, biso­gna ammettere che essi esprimono soltanto un fan­tasma di Dio, non già la sua reale essenza56.

I doveri morali

La virtù cristiana è costituita da due parti: la prima ci conduce a Dio, l’altra mira alla correzione dei costumi, poiché la purezza della vita è parte in­tegrante della religione.

Dopo aver appreso la giusta nozione di Dio, che cioè le conoscenze umane nulla ci possono far sa­pere di lui, bisogna apprendere quell’aspetto della virtù che consiste nell’adempimento dei doveri, atti a rendere perfetta la nostra vita morale57.

Conoscenza naturale e conoscenza soprannaturale di Dio

Mosè entrò poi nel tabernacolo celeste non fatto da mano d’uomo. Ma chi lo potrà seguire nelle ascen­sioni della sua mente? Prima di iniziare la salita dai piedi del monte egli si sbarazza di tutto ciò che po­trebbe essergli di impaccio. Giunto in cima, lo colpisce il suono delle trom­be e penetra poi nel recondito invisibile santuario della conoscenza di Dio. Tuttavia non vi si ferma, poiché passa nel Tabernacolo non costruito da ma­no d’uomo.

Allora veramente tocca il termine del suo viag­gio, dopo essere giunto a tanta altezza per strade così varie. Nonostante la diversa interpretazione da­ta da altri, mi pare che le trombe celesti vogliano trasmettere a chi le ascolta un insegnamento circa l’accesso alle realtà increate.

Tutto il meraviglioso apparato dei cieli è una voce che grida la visibile sapienza di Dio e ne pro­clama la grande gloria a chiunque l’ascolti. «I cieli narrano la gloria di Dio» (Sal 18, 2).

È questa la tromba che, con suono potente e prolungato, diffonde il suo insegnamento. Così in­fatti dice il Profeta: «Il cielo risuonò dall’alto» (Eccl. 46, 17). Chi ha ascoltato quel suono con purità di cuore e attenzione di mente, chi cioè ha potuto conosce­re la divina potenza attraverso la contemplazione delle realtà create, viene spinto a entrare con la mente fin là dove è Dio. Questo luogo è chiamato dalla Scrittura nube caliginosa che simboleggia, co­me fu detto, le realtà sconosciute e invisibili.

Là entrato, Mosè poté vedere e ammirare il ce­leste Tabernacolo di cui dovrà presentare l’immagi­ne al popolo rimasto ai piedi del monte, attraverso una costruzione materiale: vera riproduzione del modello mostratogli sul monte.



IL TABERNACOLO CELESTE



Il Tabernacolo non fatto da mano d’uomo è il misterioso archetipo che desta l’ammirazione di Mo­sè e che Dio gli ordina di riprodurre in un edificio materiale innalzato dagli uomini. «Ecco gli dice il Signore tu farai tutto secon­do il modello che ti fu mostrato sul monte» (Es 25, 9).

Nuova descrizione del santuario

Le sue colonne dorate posavano su basi d’argen­to e portavano capitelli anch’essi d’argento. Altre colonne invece avevano basi e capitelli di bronzo e d’argento il fusto.

Il pavimento su cui poggiavano le colonne era di legno pregiato, non soggetto a putrefazione. Tutti questi materiali preziosi spandevano attor­no un meraviglioso splendore.

C’era anche un candelabro con un unico piedi­stallo che in alto si divideva in sette braccia, ciascu­no dei quali portava una fiamma. Esso era di oro massiccio non già di legno dorato. C’erano l’altare, il propiziatorio, i cosiddet­ti cherubini che con le loro ali ombreggiavano l’arca.

Tutti questi oggetti non erano semplicemente ri­vestiti d’oro per ingannare l’occhio, ma erano fatti di oro massiccio. Tende di diverse stoffe artisticamente intessute abbellivano il santuario con la varietà dei loro co­lori. Esse dividevano il luogo del santuario ove po­tevano entrare i sacri ministri, da quello più inter­no e inaccessibile.

La parte anteriore del tabernacolo era denomi­nata il Santo, quella più recondita il Santo dei Santi. C’erano anche dei catini per le abluzioni e dei bracieri. Una tenda copriva i cortili. C’erano tende di crine e pelli di color rosso e al­tri oggetti che il testo descrive con precisione.

Ci domandiamo se questi oggetti sono la ripro­duzione di realtà increate e quale utile insegnamen­to essi possono darci.

Interpretazioni sottoposte al giudizio dei lettori

Mi pare opportuno lasciare la, spiegazione di que­ste realtà a chi sia in grado di parlare dei divini mi­steri sotto l’ispirazione dello Spirito, come afferma l’Apostolo (1 Cor 14, 2). Essi infatti hanno ricevuto dallo Spirito la capacità di scandagliare le profon­dità di Dio (1 Cor 2, 10).

Quanto a noi, daremo di queste realtà interpre­tazioni congetturali e approssimative, che l’illumi­nato giudizio dei lettori potrà accettare o no, in pie­na libertà. Fondandoci su alcune indicazioni dell’a­postolo Paolo, quando ci svela in parte il mistero di queste realtà, siamo del parere che esse rappre­sentano dei simboli, attraverso i quali Mosè fu istrui­to circa il mistero del Tabernacolo che contiene il tutto.

L’Incarnazione e il suo fine

Esso sarebbe il Cristo, Potenza e Sapienza di Dio. Egli, increato per natura, accetta di venire crea­to allorché si rende necessaria in mezzo a noi la co­struzione del Tabernacolo.

Perciò Cristo è nello stesso tempo increato e creato: increato a motivo della sua preesistenza, creato dal momento in cui gli viene data un’esisten­za materiale58.

Queste nostre parole non risulteranno oscure a coloro che sono istruiti nei misteri della fede. Uno solo è l’Essere che esisteva prima del tempo e nacque al termine di un lungo volger di secoli.

Questo Essere, che non aveva bisogno di nasce­re alla vita temporale. (Egli è prima del tempo e pri­ma di tutti i secoli), accetta di nascere tra noi, per ricondurci a quell’Essere da cui eravamo venuti e dal quale ci eravamo staccati per volontaria colpa.

Egli è il Dio Unigenito, che comprendendo in sé stesso il tutto, ha eretto in mezzo a noi su solide ba­si il suo Tabernacolo59.

Il fedele non si turbi se applichiamo a Cristo il nome di Tabernacolo. Cristo è un essere immenso, ma questo termine di tabernacolo a lui applicato non intende rimpic­ciolire la grandezza della sua natura. Non esiste in realtà un termine capace di espri­mere la natura divina, mancando tutti di un conte­nuto preciso e completo. Questo vale sia per i termini chiaramente inade­guati sia per quelli che contengono un’idea di gran­dezza.

Cristo viene qui opportunamente indicato col termine di tabernacolo; esso corrisponde a quei ter­mini che usiamo per significare un particolare a­spetto della Potenza divina, quelli a esempio di: medico, pastore, protettore, pane, vite, strada, por­ta, dimora, acqua, pietra, fonte e altri che appli­chiamo al medesimo essere60.

La Potenza che contiene l’universo e nella quale abita la pienezza della Divinità (Col 2, 9) può benis­simo essere chiamata col nome di Tabernacolo, per­ché è come una corazza che protegge il tutto e lo stringe dentro di sé61.

La nostra contemplazione deve adattarsi al si­gnificato simbolico del tabernacolo, perché ciascu­na delle cose che vi si trovano può aiutarci ad ave­re un’idea meno difettosa della divinità.

Il grande Apostolo afferma che il velo del taber­nacolo celeste simboleggia la carne (Eb 10, 20), mi sembra perché era composto di quattro stoffe di­verse. Lo stesso Apostolo, quando giunse nelle più alte regioni dei cieli e vide il Tabernacolo celeste, fu istruito dallo Spirito intorno alle misteriose realtà del paradiso (2 Cor 12, 4).

Fondandoci su queste interpretazioni parziali, crediamo opportuno dare una interpretazione ge­nerale di tutto il Tabernacolo. Le parole dell’Apostolo potrebbero appunto dar­ci la chiave per spiegarne i vari significati. In una delle sue lettere (Col 1, 16), egli parla del Primogenito che abbiamo visto raffigurato nel Ta­bernacolo.

«In lui tutto fu creato, le cose visibili e le invi­sibili, sia i Troni, sia le Potestà, sia i Principati, sia le Dominazioni, sia le Virtù»62.

Le potenze celesti e il loro compito

Le colonne splendenti d’argento e oro, i soste­gni, gli anelli, i cherubini protendenti sopra l’arca le loro ali, tutti gli altri ,oggetti ricordati dalla Scrit­tura nella descrizione del tabernacolo (scenopegia), altro non sono nell’interpretazione spirituale, che le potenze (ipercosmiche) celesti presenti nel taber­nacolo e poste dal divino Volere a sostenere l’uni­verso63. A loro è affidata la missione di sostenerci e di servirci, essendo noi predestinati alla salvezza (E­b 1,14).

Queste Potenze inserite nelle nostre anime co­me l’anello nel dito, aiutano a innalzare verso la ci­ma della virtù coloro che prima giacevano a terra. La Scrittura conferma questa interpretazione del tabernacolo, quando accenna ai cherubini che coprono con le ali gli oggetti misteriosi conservati nell’Arca dell’Alleanza.

Altri simbolismi

Sappiamo che col nome di cherubini sono indi­cate le manifestazioni della divina Onnipotenza, vi­ste da Isaia e da Ezechiele (Is 6, 2; Ez 5, 4).

Non dobbiamo meravigliarci quando sentiamo che le ali dei cherubini ricoprono l’Arca dell’al­leanza. Anche per Isaia che ce ne parla hanno un si­gnificato simbolico. Nel testo di Isaia l’Arca dell’Al­leanza viene indicata col nome di volto.

Ma sia che si parli di volto oppure di arca, si tratta sempre del medesimo simbolismo riferito, se­condo il mio parere, a quelle realtà inconoscibili e ineffabili alle quali non può giungere la nostra ri­flessione.

Quando nel testo scritturistico senti nominare le lampade che escono come rami da un unico fu­sto, spandendo ovunque abbondante luce, non sei lontano dal vero se pensi che a questo Tabernacolo convergono i mirabili fulgori dello Spirito, che Isaia distingue in sette fiamme (Ap 4, 5 Is 11, 2).

Quanto al propiziatorio, mi pare che non occor­rano spiegazioni, perché l’Apostolo ne ha già espres­so il significato simbolico, quando parla di colui che Dio pose propiziazione per le nostre anime (Ro­mani 3, 25).

Nell’altare e nell’incensiere vedo invece l’inces­sante adorazione compiuta nei tabernacolo dalle creature celesti.

È ancora l’Apostolo a dichiararci che le creatu­re terrestri e infernali e le creature celesti celebra­no la lode dell’Essere che è principio dell’universo (Fil 2,10). Lo stesso Apostolo aggiunge: «Questo è il sacrificio gradito a Dio: la lode delle labbra e il profumo della preghiera» (Eb 13, 5; Ap 5, 8).

L’ordine delle nostre considerazioni non viene a essere sconvolto, se ci soffermiamo a considerare il tessuto rosso le tende di crine che coprono il tabernacolo.

Il Profeta che ebbe la visione delle cose divine vede prefigurata in questi oggetti la Passione del Salvatore. Il rosso infatti significa sangue e il crine significa morte. Quest’ultimo, fatto di materiale in­sensibile, è eminentemente simbolo di morte.



IL TABERNACOLO INTERIORE



Le colonne della Chiesa

Sono queste le realtà che il Profeta vede nel ta­bernacolo celeste. Siccome a più riprese Paolo chiama Cristo la Chiesa (1 Cor 2, 12; Ef 1, 23), queste stesse realtà considerate nel tabernacolo terrestre che appunto è la Chiesa, potrebbero simboleggiare i ministri del divino mistero, chiamati dalla Scrittura «colonne» della Chiesa, apostoli, maestri, profeti (Gal 2, 9; 1 Cor 12, 29).

Non soltanto Pietro, Giovanni e Giacomo sono colonne della Chiesa, non soltanto Giovanni Batti­sta era lucerna ardente, ma tutti coloro che, pog­giando sopra di essi, fanno da sostegno alla Chiesa e, per merito delle loro opere, sono diventati astri luminosi, ricevendo così gli appellativi di colonne e di lucerne (Fil 2, 15). «Voi siete la luce del mon­do», dice il Signore agli Apostoli (Mt 5, 4).

Del resto è ancora il divino Apostolo Paolo che impone a tutti il dovere di essere come colonne quando dice: «Siate fermi e irremovibili» (1 Co­r 15, 58).

Diversità di uffici nella Chiesa e concordia di intenti


Egli aveva fatto di Timoteo una bella colonna, tanto da poterlo chiamare «colonna e fondamento (della Chiesa)» (1 Tm 3, 15).

Nel tabernacolo si celebrava da mane a sera il sacrificio di lode e si levava incessante l’incenso del­la preghiera. Il grande Davide ci fa comprendere il significato di questi atti, quando innalza verso Dio l’incenso della sua preghiera «in odore di soa­vità», e compie il sacrificio, tenendo le mani levate (Sal 140, 2).

La Scrittura accenna anche ai bacini nei quali vanno senz’altro individuati i ministri che, per mez­zo della mistica acqua, puliscono la sporcizia dei peccati.

Bacino era Giovanni che puliva col battesimo di penitenza nelle acque del Giordano, bacino era Pie­tro quando condusse alla medesima acqua in una sola volta tremila persone, bacino Filippo nel bat­tesimo dell’eunuco di Candace (At 2, 41; 8, 36) e tut­ti gli altri che, ricevuto il Dono, sono stati scelti a trasmettere la grazia.

Non sarebbe in errore chi, nelle tende che tut­t’intorno una vicino all’altra chiudevano il taber­nacolo, volesse veder simboleggiata l’amorosa e pa­cifica concordia dei credenti. È del resto l’interpre­tazione che ci dà Davide dicendo «Ha posto come suoi confini la pace» (At 4, 32; Sal 147, 14).

La pelli rosse e le pelli di crine poste a orna­mento del tabernacolo, potrebbero rappresentare: le une la morte della carne del peccato, le altre la vita austera di penitenza, che dà particolare bellez­za al tabernacolo della Chiesa. Le pelli infatti, anche se in sé stesse non posseg­gono alcuna vitalità, acquistano tuttavia vivacità dal colore rosso. Questo ci insegna che la grazia dello spirito, non può crescere negli uomini, se non quando è stata data morte al peccato.

Simbolismi diversi

Ciascuno, seguendo il proprio criterio, è libero di prendere il colore rosso come simbolo di saggio pudore. Nel tessuto ruvido e opaco delle tende di crine viene invece indicata l’austera penitenza, distruggi­trice delle passioni. La mortificazione della carne è appunto il segno caratteristico di chi vive nello stato di verginità64. L’inaccessibilità del Santo dei Santi, che era proibito alla folla, si inserisce senza forzature nel contesto delle nostre applicazioni spirituali. Colui che rappresenta la Verità dell’universo è un Essere santo, intangibile e inaccessibile, come lo era il Santo dei Santi.

Questa Verità collocata nelle ineffabili profon­dità del mistero non può essere oggetto della curio­sità dell’intelligenza, perché ne oltrepassa le forze. Essa è oggetto della fede, per mezzo della quale crediamo che esiste, sebbene risulti a tutti invisibi­le e quasi inesprimibile nei segreti dello spirito.



LE VESTI SACERDOTALI

Difficoltà di assegnare un significato spirituale alle singole vesti

A nuovi e più profondi pensieri si innalza l’ani­ma di Mosè quando gli vengono presentate le vesti sacerdotali, dopo le ascensioni purificatrici cui lo portarono le cose viste nel Tabernacolo.

Le vesti comprendevano la tunica, l’efod, il pet­torale splendente di pietre preziose, la tiara attorno alla testa e la lamina che vi era sovrapposta, gli anelli, le melograne, i campanelli. In alto c’erano l’oracolo, il giudizio, la verità, le fibbie che li soste­nevano da una parte e dall’altra e portavano incisi i nomi dei patriarchi. La varietà dei nomi assegnati a queste vesti ci rende difficoltosa una precisa e particolareggiata applicazione del senso spirituale.

Esigenza di santità nei ministri del santuario

È difficile comprendere come i termini di rive­lazione, oracolo, verità, possano servire a indicare delle vesti. Evidentemente questi nomi, usati dalla Scrittu­ra per designare vesti esteriori, contengono il rife­rimento a un vestito interiore composto di atti vir­tuosi.

Alcuni, che prima di noi hanno spiegato questi testi, vedono simboleggiata l’aria nell’azzurro della tunica65. Io non mi sentirei di confermare questa inter­pretazione, pur riconoscendo che il colore del gia­cinto e quello dell’aria coincidono. Per questa ra­gione non rigetterei del tutto l’accennato simboli­smo.

Applicato alla dottrina della virtù, esso è rivolto a chi si dedica al culto divino nel ministero delle sa­cre celebrazioni e si consacra al servizio di Dio, of­frendo il suo corpo in sacrificio per divenire ostia vivente del culto spirituale (Rm 12, 1). Dice loro il dovere di liberarsi dal peso di una vita carnale, rendendosi leggeri al pari di ragnatela, attraverso la purità delle azioni.

Allora la nostra natura, nonostante il peso del corpo, verrà come ritessuta e risulterà leggera come l’aria. Quando poi suonerà la tromba finale (escatolo­gica), saremo veramente trovati senza peso, pronti alla voce di comando che ci solleverà con Cristo tra le nubi nell’aria (1 Ts 4, 17), senza più alcun peso che ci trascini a terra.

Gli elementi costitutivi della virtù e le sue esigenze

Le parole del salmo promettono una tunica cele­ste, che scenderà dalla terra fino ai piedi, a chi ha distrutto la sua vita come si fa di una tarma. La legge, attraverso il simbolo della tunica, vuo­le che la nostra virtù sia completa. I campanelli d’o­ro alternati alle melograne sono l’irradiamento del­le buone opere.

Fede in Dio e vita secondo coscienza rappresen­tano infatti i due elementi costitutivi della virtù. Per questo il grande Paolo invita Timoteo a met­tere sul suo vestito tali melograne e campanelli, esortandolo ad aver fede e buona coscienza (1 Tm 1, 19).

Suoni dunque forte e distinta la nostra fede nel­la Santa Trinità e la nostra vita imiti le caratteristi­che dei frutti del melograno. Il loro involucro esterno secco e aspro è imman­giabile, ma l’interno è piacevole alla vista, per la bella e varia disposizione dei grani e ancor più pia­cevole al gusto per la loro dolcezza. La vita virtuo­sa e penitente risulta priva di attrattiva e di gusto per i sensi, ma è carica di buone speranze, quando i suoi frutti vengono a maturazione.

Allorché sarà giunto il tempo in cui il divino Agricoltore delle nostre anime aprirà la melograna della nostra vita e mostrerà i bei frutti che essa contiene, potremo allora assaggiare e gustare la dol­cezza di questo frutto.

Anche il divino Apostolo afferma in un certo passo che al principio ogni disciplina sembra causa­re dolore più che gioia (come avviene quando si toc­ca l’involucro della melograna), ma poi dà frutti di pace (Eb 12, 11) e fa gustare il dolce cibo che essa contiene.

La legge ordina che la tunica sia decorata di una frangia cosparsa di piccole sfere a scopo ornamen­tale. Questo ci insegna che la virtù non deve restrin­gersi soltanto alle cose comandate, ma aggiungere spontaneamente al proprio vestito qualche ornamen­to esterno. Così fece Paolo che, all’osservanza dei precetti aggiunse, come frangia a un vestito, opere alle quali non era tenuto. Soffrendo fame, sete e freddo, egli predicò il Vangelo senza esigere ricom­pense, sebbene la legge disponga che i ministri del­l’altare vivano dell’altare e gli annunciatori del Van­gelo vivano del Vangelo (2 Cor 11, 17; 1 Cor 4, 11).

Ma Paolo vuole che il Vangelo sia un dono gra­tuito e perciò preferisce subire la fame, la sete, la fatica. Queste opere volontarie rappresentano appunto le belle frange che ornano la tunica dei comanda­menti.

Sopra la tunica si trovavano due pezzi di stoffa scendenti dalle spalle sul petto e dietro il dorso e trattenuti alle spalle da due fibbie. Le fibbie recavano pietre preziose con Licisi i nomi dei patriarchi, sei per ciascuna.

I pezzi di stoffa erano intessuti a vari colori: blu e rosso, cocco e lino. L’oro dei ricami, sovrap­posto alle stoffe colorate, faceva tutto risplendere di una bellezza armoniosa.

Impariamo così che le virtù, al pari degli orna­menti posti nelle parti superiori della tunica, orna­no il nostro cuore in modo vario e molteplice. Vediamo infatti l’azzurro unito alla porpora, cioè la dignità regale alla purezza dei costumi.

Il pudore, simboleggiato nel colore rosso, dà maggior risalto al candore di una vita senza mac­chia, simboleggiata nel bianco lino. L’oro che brilla sul fondo di questi colori esprime la preziosità di tal genere di vita.

Gli omerali acquistavano non poca bellezza dai nomi dei patriarchi che portavano incisi. Essi insegnano che gli esempi di, virtù costitui­scono l’ornamento più bello della vita umana, poi­ché in essi c’è una forza trascinatrice.

Gli scudi d’oro, che pendevano di qua e di là dal pettorale, davano ulteriore abbellimento ai due pez­zi di stoffa. Questi scudi sostenevano un oggetto quadrango­lare in oro con dodici pietre sistemate in fila.

Erano quattro file, comprendenti ciascuna una triade di pietre. Non una di queste pietre assomi­gliava alle altre, avendo ciascuna un proprio parti­colare splendore.

Così si presentava nel complesso quell’orna­mento. Negli scudi pendenti dalle spalliere noi scorgia­mo un’allusione all’armatura che ci occorre per com­battere il nostro avversario. Essi, come si è visto, indicano il duplice aspetto della virtù, consistente nell’adesione alla fede e nella testimonianza di una buona coscienza, nell’uso delle armi della giustizia a destra e a sinistra.

L’oggetto quadrangolare attaccato agli scudi di qua e di là e recante le pietre con scritti i nomi dei patriarchi eponimi delle tribù, rappresenta il velo steso a protezione dell’uomo interiore.

La Scrittura, dopo avere accennato agli scudi, simbolo della resistenza contro l’avversario, bramo­so di colpirci con i suoi dardi, ma costretto a fug­gire, ci presenta nel pettorale di forma quadrata l’a­nima vittoriosa che, dopo tanti scontri, si trova in possesso delle molte virtù dei Patriarchi, a ornamen­to e splendore dell’unica tunica della virtù.

La forma quadrata indica il dovere della stabili­tà del bene. Il quadrato, composto di angoli e lati uguali, è infatti una figura geometrica inalterabile.

Perfino le fibbie che legano il pettorale alle spal­le possono esprimere, a mio parere, un insegnamen­to di vita spirituale. Esse insegnano che la filosofia morale deve ac­compagnarsi alla filosofia teoretica e la contempla­zione, simboleggiata nel cuore, deve unirsi alle ope­re, simboleggiata nelle braccia.

Il diadema posto sulla testa indica la corona ri­servata a chi ha vissuto bene; essa reca lettere arca­ne, incise su una lamina d’oro. Chi indossa queste vesti non ha calzari ai piedi, affinché la sua corsa non sia impedita da pesi inu­tili.

Una materia inerte come la pelle usata per fare i calzari, e nella quale abbiamo scorto il simbolo del­la morte, rende impossibile ogni movimento.

Non si capirebbe la ragione per cui Mosè dovet­te togliersi i calzari se questi fossero stati parte in­tegrante delle vesti sacerdotali, mentre nella sua pri­ma iniziazione vennero considerati un impedimento.





LE TAVOLE INFRANTE E RESTAURATE



Il peccato di idolatria e la sua eliminazione

Abbiamo seguito Mosè passo passo nell’ascensio­ne verso le più alte cime e ora lo vediamo discen­dere con in mano le tavole che Dio stesso gli pro­curò e ne contenevano la legge. Ma esse si infransero contro il cuore duro e osti­le dei peccatori, che fabbricarono un idolo in for­ma di vitello tutto cesellato a opera di artisti idola­tri. Si trattava precisamente del peccato di idolatria.

L’idolo abbattuto da Mosè si sciolse in acqua e questa fu bevuta dai peccatori. La materia dell’i­dolo che era servita all’empietà fu così ridotta a nulla.

I fatti qui riferiti preannunciano profeticamente ciò che avviene al presente.

Il peccato di idolatria è stato eliminato dalla vi­ta sociale grazie alla preghiera di lode che, risuonan­do sulle labbra di persone pie, distrugge ogni resi­duo di empietà. Le cerimonie vigenti un tempo tra gli idolatri sono scomparse come acqua corrente e le lodi che allora si innalzavano agli idoli non esco­no più da nessuna bocca67.

Costatando come queste persone, un tempo vit­time di simili pazzie fino al punto di esserne per­suase, ora ne sono totalmente libere, non ti pare che il racconto di questi fatti della Scrittura sia come una voce che grida: ogni idolo un giorno verrà tra­volto, attraverso le lodi che innalzeranno a Dio quan­ti sono passati dall’idolatria alla vera religione?

Scopo medicinale, dei castighi divini

Mosè fa armare i leviti per colpire i compatrio­ti, che vengono passati a fil di spada. I leviti, per­correndo l’accampamento da un’estremità all’altra, colpivano a morte chiunque incontravano, non di­stinguendo tra il nemico e l’amico, l’estraneo e il congiunto, il compatriota o il forestiero.

Chi li incontrava era infallibilmente raggiunto dai loro colpi. Anche questi fatti possono offrirci qualche utile insegnamento68. Il castigo colpisce tutti indistintamente perché tutti hanno acconsentito al male o sono stati soli­dali. Avvenne allora ciò che capita quando qualcuno batte con le verghe un colpevole preso sul fatto. Egli sa benissimo che su qualunque parte del cor­po faccia cadere i colpi, tutto il corpo ne risente di modo che, castigando una parte, viene castigato l’in­tero corpo.

La verga costituisce perciò lo strumento di una punizione generale. Parimenti quando lo sdegno divino si fa sentire solo contro alcuni, risparmiando altri, colpevoli de­gli stessi falli, bisogna credere che il fine per cui Dio agisce in questa maniera è quello di correggere gli uomini secondo un disegno di amore.

È vero che il castigo non raggiunge tutti i colpe­voli ma tutti, vedendolo attuato, sono spinti al rav­vedimento e si staccano dal male. Questo insegnamento è pienamente conforme al senso letterale del racconto biblico. Ma dobbiamo chiederci quale è il senso spirituale, per trarne qual­che utilità.

Bisogna stare con Dio e la sua legge

Mosè ordina ai suoi: chi è per il Signore si met­ta dalla mia parte. È questa la voce della legge che a tutti comanda: se qualcuno vuoi essere amico di Dio diventi amico mio (nessun dubbio che, essen­do amici della legge, si è anche amici di Dio). A quel­li che si sono messi dalla sua parte, Mosè ordina di usare la spada contro i loro fratelli, amici e vicini. Se vogliamo stare in armonia con il carattere spiri­tuale delle nostre considerazioni, dobbiamo appren­dere da questo episodio che l’uomo, una volta pas­sato dalla parte di Dio e della legge, vede eliminate le cattive abitudini che prima si erano stabilite in lui.

Distruggere in noi il peccato

La Scrittura non usa sempre i termini di fratello, amico e vicino nel senso buono. A volte la medesi­ma persona è insieme fratello ed estraneo, vicino e lontano. Ci sono pensieri che, lasciati crescere dentro di noi, operano la nostra morte, ma estirpati permetto­no alla vita di svilupparsi. Questa riflessione concorda con ciò che abbia­mo detto a proposito di Aronne. Egli era venuto incontro a Mosè col compito di essere suo aiutante e suo angelo.

A lui si devono i prodigi che recarono tanti dan­ni agli Egiziani. Giustamente egli è ritenuto più an­ziano di Mosè perché l’Angelo, avendo una natura spirituale, ha il mandato di proteggerci. Aronne è ricordato e nominato come fratello di Mosè e giustamente, perché tra la natura spirituale dell’angelo e le facoltà del nostro spirito esistono come dei legami di parentela.

Il nome di fratello che la Scrittura usa quando nomina Aronne è in palese contraddizione con il fatto che egli diverrà ministro di un culto idolatri­co per gli Israeliti. Ci riesce perciò difficile pensare che il suo incontro con Mosè sia stato un bene.

Ma appunto perché usa questo termine di fra­tello, la Scrittura ci dice che esso può riferirsi a real­tà opposte. Il fratello che vince il tiranno d’Egitto è ben diverso da quello che fa modellare l’idolo per il popolo, eppure ambedue sono indicati con il me­desimo nome di fratello. Mosè fa assalire con la spada quei fratelli ai quali il termine si applica nel suo significato peggiore.

In realtà ciò che comanda agli altri lo impone a sé stesso. Sopprimere tali fratelli significa distrug­gere il peccato. Se poi distruggiamo il male semina­to dentro di noi dal nostro avversario, distruggiamo nel medesimo tempo anche colui che viveva dentro di noi in forza del peccato.

Il peccato originale e le sue conseguenze

Se riflettiamo e mettiamo a confronto alcune no­tizie riferite dal racconto, scopriremo che esse con­tengono un precetto destinato a noi in modo parti­colare. Nel testo infatti si dice che Aronne impose l’obbligo di consegnare gli orecchini, usati poi per la costruzione dell’idolo. Dunque costatiamo che mentre Mosè offrì agli Israeliti lo splendido dono della legge simboleggiata negli orecchini, il suo falso fratello, istigando alla disobbedienza, fece togliere questo ornamento dalle loro orecchie e ne ricavò un idolo.

Colui che ha istigato a disobbedire al comanda­mento divino facendo comparire per la prima volta il peccato, ci ha precisamente sottratto un orec­chino. Egli era il serpente di cui i nostri progenitori, seguendone il consiglio, si fecero amici e vicini. Egli li istigò a togliersi l’orecchino del precetto cioè ad allontanarsi da Dio, quasi fosse cosa buona e utile.

Chi uccide fratelli, amici e vicini di tal genere udrà dalla legge le parole stesse che il racconto met­te sulle labbra di Mosè all’indirizzo delle persone che operarono quelle uccisioni: «Voi veniste oggi insieme con i vostri figli e fratelli, con le mani pie­ne davanti al Signore perché scenda su di voi la sua benedizione».

Abbiamo accennato nella nostra esposizione a coloro che hanno voluto il peccato di idolatria, per apprendere in quale modo Mosè riporta le tavole nuove, in sostituzione di quelle cadutegli di mano e spezzate contro il terreno.

Le prime tavole erano opera di Dio, che vi ave­va inciso la sua legge. Nelle altre, erano identiche le lettere incise, ma la materia era diversa. Essa proveniva dalla terra e fu presentata a Dio perché vi scrivesse le parole della legge. Mosè otteneva così che insieme alla legge scritta sulle tavole di pietra tornasse anche la grazia di Dio. Secondo l’indicazione che ci viene da queste ta­vole noi possiamo giungere a conoscere l’azione del­la divina Provvidenza nei nostri riguardi.

Il divino Apostolo, che ha scrutato con l’aiuto dello Spirito le profondità di Dio (1 Cor 2, 10), non può sbagliare quando parla delle tavole del cuore, che sono la cima dell’anima69.

Da questo riferimento apprendiamo che all’ini­zio la nostra natura fu plasmata dalle mani di Dio integra e immortale. Dio l’abbellì con leggi non scrit­te, che dirigevano le nostre volontà nel costante ri­fiuto del male e nel timore di Dio.

Ma il tuono del peccato scoppiò sopra di noi in voce di serpente. È l’espressione usata dalle prime pagine della Scrittura, ma il testo che parla delle tavole di pietra la definisce voce di avvinazzati (Gn 3, 4).

L’incarnazione

Il vero legislatore di cui Mosè era figura ripla­smò di sua iniziativa, con materiale preso dalla ter­ra, la nostra natura, raffigurata nelle tavole di pietra. La carne, nella quale scese la divinità, non pro­viene da unione maritale, ma fu da lui stesso pre­parata, come facendo sopra di sé il lavoro del taglia­pietre.

Il dito di Dio vi incise poi le sue lettere. Lo Spi­rito Santo infatti discese sulla Vergine e la virtù dell’Altissimo la copri con la sua ombra (Lc 1, 35).

Dopo questo evento la natura umana riebbe l’an­tica infrangibile compattezza e ritornò immortale in virtù delle lettere che vi incise il dito di Dio, che. è lo Spirito Santo, secondo una espressione frequen­temente usata dalla Scrittura.

È allora che avviene in Mosè la meravigliosa trasformazione che lo circonfuse di luce gloriosa e insostenibile da occhi mortali. A chi è pienamente istruito nei misteri della fe­de, non sfuggirà l’esatta corrispondenza tra il sen­so letterale di questi fatti e la loro interpretazione in senso spirituale.

Il Restauratore dell’umana natura che giaceva spezzata (devi vedere indicato in queste parole co­lui che si è dato pensiero di rimediare alle nostre fratture), dopo averle ridato l’antica bellezza, ser­vendosi del dito di Dio, è diventato inaccessibile agli occhi degli indegni, poiché da lui emana tanta luce di gloria da abbagliare la vista.

Dice il Vangelo che quando egli apparirà nella sua gloria e gli Angeli con lui, solo i giusti a mala pena potranno accoglierlo e contemplarlo (Mt 25, 3). L’empio e chiunque volontariamente si fa si­mile ai giudei, non saranno ammessi a quella visio­ne, come afferma Isaia (Is 26, 10).



LA VISIONE DI DIO



Un caso in cui l’interpretazione letterale del testo scritturistico è insufficiente

Seguendo per ordine a una a una le particolari­tà accennate dal testo, noi abbiamo interpretato tutto questo passo in senso allegorico.

Dobbiamo ora proseguire la nostra indagine sui testi che seguono. La Scrittura, descrivendoci le numerose teofanie avute da Mosè, parla di un incontro «faccia a fac­cia», come quello di un amico che parla all’amico.

Con tali espressioni essa ci assicura che Mosè vedeva Dio chiaramente, ma poi, e qui sta la diffi­coltà la stessa Scrittura ci presenta Mosè nell’at­teggiamento di uno che, non avendo ottenuto ciò che sperava, prega perché gli si mostri quel Dio che ancora non ha visto.

Dio viene incontro benevolo alla preghiera di Mosè, non ricusandogli la grazia richiesta.

Quando però gli dice che egli ha chiesto un bene immensamente superiore alle facoltà dell’uomo, to­glie a lui quasi ogni speranza. Allora Dio gli indica una roccia vicina e nella roccia un’apertura dove Mosè entrerà.

Dio metterà la sua mano sulla bocca dell’apertu­ra e passando davanti chiamerà Mosè che, a quel richiamo, dovrà uscire e potrà allora vedere il dor­so di colui che l’ha chiamato.

Gli sembrerà così di aver visto l’Essere che ave­va chiesto di vedere e la promessa di Dio non gli apparirà vana. Un’interpretazione soltanto letterale di questi fatti potrà dar luogo a molta confusione, dando a chi vi riflette un’idea superficiale di Dio. Infatti, solo le cose che hanno una figura possie­dono una parte anteriore e una posteriore.

Ora la figura si trova sempre legata a un corpo. Ma ogni corpo è un composto e il composto è for­mato dalla fusione di elementi eterogenei. Perciò il composto è divisibile e una sostanza di­visibile è soggetta a distruzione. Separando gli elementi del composto se ne pro­voca infatti la distruzione.

Se dunque l’espressione «il dorso di Dio» fosse presa alla lettera, se ne dovrebbero dedurre conse­guenze assurde, perché ogni figura ha immancabil­mente una parte anteriore e una posteriore e ogni figura è corpo. Un corpo è per natura decomponibi­le, essendo una sostanza composta. Chi dunque fos­se troppo ligio al senso letterale, dovrebbe logica­mente giungere ad ammettere in Dio una possibili­tà di decomposizione. Ma Dio è incorruttibile e senza corpo.

Difesa del senso spirituale

Qual è dunque il concetto che possiamo intra­vedere sotto le parole del testo, al di là del loro si­gnificato letterale?

Se questo passo ci obbliga a trovare una interpretazione diversa da quella propria del testo, con­viene ammettere che tutto l’intero episodio in que­stione esige questa interpretazione diversa. Non esiste un tutto se le parti che lo compongo­no non sono complete. Dovremo perciò applicare il criterio del senso spirituale a tutti gli altri particolari citati dal testo: il luogo che è presso Dio, la roccia situata in quel luogo, il ricettacolo che vi si trova, l’entrata di Mo­sè nel rifugio, l’estensione della mano di Dio, il ri­chiamo e l’uscita di Mosè, la visione del dorso.

Forza d’attrazione del Sommo Bene

Quale è dunque il loro significato? Mi pare questo: l’anima alleggerita dal peso del­le passioni, sale con volo leggero e rapido verso le cime più alte, con effetto contrario a quello per cui i corpi pesanti, messi in moto su un piano inclinato, corrono giù lungo il pendio senza bisogno di spinte, trascinati dalla loro stessa forma, purché non incon­trino qualche impedimento che li arresti70.

L’anima sale così ad altezze sempre maggiori71, purché nulla intervenga a interrompere la sua cor­sa, in forza dell’attrattiva che il bene esercita su co­loro che lo seguono72.

Sospinta dal desiderio del cielo essa si protende in avanti, come afferma l’Apostolo (Fil 3,13), solle­vandosi a volo verso regioni sempre più eccelse. Preoccupata di non perdere quota, essa molti­plica lo slancio verso le altezze, attingendo nuove energie dai risultati raggiunti. Soltanto gli sforzi spesi per vivere virtuosamen­te non danno stanchezza, ma vigore e non diminui­scono, ma accrescono le forze di operare ulterior­mente.

Riconosciamo perciò che il grande Mosè, miglio­randosi sempre più, mai ha cessato di salire e nep­pure ha fissato un termine alla sua ascensione lun­go la scala «sulla quale stava il Signore» (Gn 28, 13). Egli sale di gradino in gradino senza sostare, poi­ché trova sempre un altro gradino dopo quello che ha lasciato dietro di sé.

Insaziabilità del desiderio di perfezione

Mosè rifiuta il falso legame di figliolanza con la Regina d’Egitto, prende le difese del suo compatrio­ta, fissa dimora nel deserto ove non lo disturba il tumulto della vita degli uomini, pascola nella sua anima il gregge di muti animali, vede lampeggiare la luce, rende più spedita la salita togliendosi i cal­zari, conduce a libertà il suo popolo e i suoi fami­liari, gode la protezione della nube, vede i nemici sommersi nelle acque, soddisfa la sete per mezzo della roccia, raccoglie il pane disceso dal cielo, com­batte contro una popolazione straniera tenendo le­vate le mani, sostiene il suono della tromba, entra nella nube caliginosa, giunge nei penetrali del taber­nacolo increato, è iniziato ai misteri del divino sa­cerdozio, distrugge l’idolo, placa il Signore, chiede di nuovo la legge spezzata dalla malvagità dei Giu­dei, risplende di gloria.

Dopo aver raggiunto così alte cime, la sua brama ancora non è sazia e mira a ottenere di più. Egli avverte di aver ancora sete dopo aver be­vuto a sazietà e prega come se non avesse ottenuto e supplica Dio di rivelarglisi non già in modo pro­porzionato alle proprie capacità, ma così come egli è.

Mi pare che questo si ripeta esattamente anche nell’anima che tende per sua natura alla vera bel­lezza. Essa, sorretta dalla speranza di passare da una bellezza inferiore precedentemente ammirata a una superiore ancora nascosta, accende di continuo il suo desiderio. Per questa sua struttura l’anima tende a spingersi irresistibilmente verso la bellezza, nella speranza di giungere a cogliere pienamente la figu­ra stessa dell’Archetipo. Qui sta l’oggetto dell’ardi­ta preghiera di Mosè, che supera i confini stessi del desiderio.

Egli vuole godere della bellezza, ma non riflessa in uno specchio, bensì faccia a faccia. La risposta di Dio, nelle brevi parole con cui respinge simile pre­ghiera, apre davanti a noi un abisso immenso di pensiero.

Dio gli concesse il dono di soddisfare il suo de­siderio, ma non gli diede la cessazione e la sazietà di esso. Se Mosè, contemplando la visione di Dio, avesse estinto in sé la brama che ne aveva, Dio non gli si sarebbe mostrato. Comprendiamo allora che vedere Dio consiste realmente nel non mai saziarsi del desiderio di lui73.

Dice infatti il Signore: «Non potrà un uomo ve­dere il mio volto e poi vivere». La Scrittura ci mo­stra invece che il vedere Dio non può causare la morte perché non è possibile che il volto dell’Essere che è la vita per eccellenza, procuri morte a chi lo contempla.

Ineffabilità di Dio

Dio è per natura principio di vita e la sua essen­za non può essere racchiusa in concetti umani. Con­cepire Dio partendo dalle nostre conoscenze signi­fica non possedere la vita.

Così facendo distogliamo gli sguardi dal vero Es­sere e li volgiamo a ciò che le conoscenze sensibili ci fanno cogliere erroneamente come essere. Il vero Essere è inaccessibile alla nostra cono­scenza. Se quella Sostanza ch’è principio di ogni vita eccede le capacità della conoscenza, ne deriva che i nostri concetti non contengono affatto la vita.

Ma ciò che non è vita neppure ha il potere di co­municare la vita. La richiesta tanto ardentemente espressa da Mo­sè viene ascoltata quando Dio dichiara che è cosa impossibile soddisfare quel desiderio.

Ci viene così insegnato che Dio è infinito per na­tura e non circoscritto da limite alcuno. Se si potesse racchiudere Dio in un concetto, sa­rebbe necessario considerare tutto ciò che non è compreso in quel concetto.

Un’entità circoscritta è necessariamente delimi­tata dall’entità che la circoscrive, come avviene per gli uccelli e per i pesci che hanno l’aria o l’acqua come loro confine. Se Dio fosse concepito limitato, dovrebbe essere contenuto in una entità diversa da lui, proprio come il pesce è ovunque circoscritto dall’acqua e l’uccello dall’aria.

Logicamente bisogna ammettere che l’elemento destinato a contenere è più grande della cosa con­tenuta. Tutti riconoscono che Dio è la Bellezza per es­senza ed è quindi ben diverso dagli esseri che non possiedono la bellezza per natura.

Ora ciò che non appartiene al bello, si trova nel­l’ambito del male. Se il contenente, come si è detto, è più grande del contenuto, chi pensa a Dio come a una sostanza circoscritta da limiti, lo mette tra le realtà dominate dal male. Ma questo è assurdo. Dio, non può quindi essere racchiuso in una nozione in­tellettuale.

L’Essere la cui natura è senza limiti sfugge a ogni presa dell’intelligenza. Ogni desiderio rivolto verso questa Bellezza infi­nita ci spinge a salire continuamente verso la sua ricerca.

Non può esistere un termine al desiderio di conoscere Dio

Vedere Dio realmente significa non trovare mai nessun appagamento al desiderio che abbiamo di lui. Il desiderio, prendendo le mosse da ciò che di Dio possiamo conoscere, viene a crescere sempre più.

Si scoprirà allora che non esiste un termine al­la nostra ascesa verso Dio, perché la Bellezza per essenza non possiede limiti e il desiderio di essa non giungerà mai a sazietà.

La stabilità nel bene è una corsa verso Dio

Che cosa intende la Scrittura quando parla di un luogo che c’è presso Dio? Cos’è quella roccia e la sua cavità? che significa la mano di Dio stesa sopra l’apertura della roccia?

Che vuol dire il passaggio di Dio? Cos’è il dorso di cui Dio parla a Mosè, quando questi chiede di mo­strargli il suo volto?

Questa teofania è da Mosè, grande servitore di Dio, giudicata più importante di quelle che ebbe in precedenza. Perciò dobbiamo ritenere importanti anche tut­te queste precisazioni, che contengono un dono de­gno della munificenza divina.

Cos’è allora questa cima di cui ci parla il testo sacro e sulla quale Mosè, dopo molto cammino, de­sidera salire? Colui che tutto fa cooperare al bene di chi lo ama (Rm 8, 28) sarà guida di Mosè verso la vetta. Ecco gli dice un luogo presso di me. L’interpretazione che daremo di questo passo non sarà in contrasto con ciò che abbiamo spiega­to prima.

Parlando di un luogo, Dio non intende assegna­re limiti a ciò che formerà l’oggetto della visione (l’Essere privo di quantità è infatti immensurabile), ma vuole soltanto proporre a colui che l’ascolta un’analogia presa dagli esseri che hanno una fi­gura, per presentargli l’Essere infinito e illimitato.

Questo appunto sembra dire a Mosè il testo sa­cro: «O Mosè, visto che il tuo desiderio cresce sem­pre più e tu non conosci soste nella corsa e, pur non giungendo mai a toccare i confini del bene, mi­ri sempre al meglio, eccoti presso di me un luogo, correndo nel quale non potrai arrestarti».

Questa corsa, sotto altro aspetto, equivale a sta­bilità. Dice infatti il Signore: «Ti stabilirò sulla roccia». Pare incredibile che l’identica realtà sia in­sieme stabilità e movimento, poiché chi sale non rimane fermo, e chi sta fermo non sale. Qui invece il salire si attua restando fermi, e c’è una ragione: più uno rimane fermo e immobile nel bene, più cor­re verso la virtù. Non potrà mai correre alle cime della virtù colui che scivola facilmente, è poco sta­bile di mente, indeciso nel bene, va fluttuando e va­gando, come dice l’Apostolo (Ef 4, 14), si lascia do­minare dal dubbio e passa da un’opinione all’al­tra riguardo a questo o quel problema.

Egli assomiglia a chi nel camminare su un pen­dio sabbioso, si sforza di moltiplicare i passi, ma scivola di continuo e pur mettendo ogni impegno, non realizza il benché minimo progresso.

Ma quando uno, come dice il salmo (Sal 39, 13) ritrae i piedi dal fondo dell’abisso e li pone sulla roccia, che è il Cristo, virtù perfettissima (1 Cor 10, 5), allora quanto più egli sta fermo e immutabile nel bene, conforme al consiglio di Paolo (1 Cor 15, 58) tanto più accelera la corsa, come se nella stabi­lità nel bene, egli sia fornito di ali che sollevano a volo il suo cuore verso gli spazi celesti74.

La ricompensa celeste

Dio, dopo aver mostrato a Mosè il luogo, lo in­coraggia alla corsa e, comandandogli di fermarsi sulla roccia, gli rivela in che modo si svolgerà que­sta corsa divina.

Il grande Apostolo ha opportunamente spiega­to che cosa rappresenta il rifugio nella roccia, chia­mata dal sacro testo apertura, quando dice che una dimora, non fatta da mano d’uomo, è riservata nei cieli a coloro che, sorretti dalla speranza, hanno la­sciato il tabernacolo terreno (2 Cor 5, 1).

Chi, secondo le espressioni dell’Apostolo, ha por­tato a termine la corsa (2 Tm 4, 7) nello stadio am­pio e spazioso che la voce divina chiama luogo, e ha tenuto saldi i suoi piedi sulla roccia, cioè, secon­do il senso spirituale di questo passo, ha conserva­to la fede, sarà ricompensato con la corona di giu­stizia (2 Tm 4, 7), per mano di chi presiede la corsa.

Questo premio è dalla Scrittura chiamato con diversi termini. Il rifugio della pietra, qui nomina­to, viene indicato in altri passi con le espressioni: paradiso di delizie, tabernacolo eterno, dimora presso il Padre, seno dei patriarchi, dimora dei viven­ti, acqua di letizia, Gerusalemme celeste, Regno dei cieli, premio della vocazione e corona di grazia, di letizia, di bellezza, torre fortificata, luogo glorioso e tabernacolo segreto.

Diciamo dunque che l’entrata di Mosè nella roc­cia ha il medesimo significato di queste espressioni. Poiché Cristo è la roccia, secondo le parole di Paolo, noi crediamo che in lui è la speranza di ogni bene (1 Cor 10, 5) e in lui sono tutti i tesori di bontà.

Chi dunque giunge a possedere qualche bene, in­dubbiamente si trova nel Cristo, il quale possiede ogni bene (1 Cor 3, 3).



SEGUIRE DIO



Mosè, giunto nella cavità della roccia, viene ri­coperto dalla mano di Dio, come afferma la Scrit­tura.

Mano di Dio è la Potenza che ha creato il mon­do, l’Unigenito Figlio di Dio, per mezzo del quale ogni cosa fu fatta (Gv 1, 2). Egli è il luogo per co­loro che corrono, la pista ove si svolge la corsa, co­me lui stesso ebbe a dire (Gv 14, 16).

Ma è diventato anche la roccia per quelli che si mantengono costanti nel bene e la casa per coloro che abbisognano di riposo.

Mosè sente la voce di chi lo chiama e si mette al suo seguito; si muove dietro al Signore, come co­manda la legge. Anche il grande Davide udì e com­prese queste cose.

Parlando a colui che gode l’aiuto dell’Altissimo dice: «Egli ti coprirà con l’ombra delle sue ali» (Sal 90, 4). Lo stesso Davide in un altro passo va gridando a se stesso: «La mia anima è legata dietro di te e la tua destra mi sorregge». Queste parole del salmo hanno il medesimo significato di quelle udite da Mosè. Vedere il dorso del Signore significa ap­punto seguirlo.

Nel racconto si afferma che la mano del Signo­re viene a posarsi su Mosè, in attesa nella cavità della pietra che lo si chiami e gli si chieda di se­guirlo.

Anche il salmo citato dice che la destra di Dio sorregge colui che vi si attacca. Né il Signore, rivelatosi Mosè, osservante della legge, si esprime diversamente coi suoi discepoli, dando a essi la spiegazione delle cose che erano sta­te dette in figura: «Se uno vuoi venire dietro di me...» (Lc 9, 23). Egli non dice: davanti a me.

Egli propose il medesimo invito a quei tale che lo interrogò intorno ai modo di possedere la vita eterna. Gli dice infatti: «Vieni, seguimi» (Lc 18, 22). Ora colui che segue va dietro le spalle.

Mosè dunque, ansioso di vedere Dio, viene a sa­pere che ciò gli sarà possibile a condizione di an­dare dietro a Dio ovunque voglia condurlo e que­sto è vedere Dio.

Il passaggio di Dio va inteso nel senso che Dio fa da guida a chi lo segue. Chi non conosce una stra­da, non può percorrerla con sicurezza, senza segui­re una guida. Ogni guida, mettendosi davanti, mostra la stra­da a chi le vien dietro e questi, stando al seguito della guida, non sbaglierà direzione.

Ma se uno guarda a sinistra o a destra o in fac­cia alla guida, percorrerà un cammino sbagliato. Perciò Dio dice a Mosè: tu non vedrai la mia faccia. Non guardare in faccia chi ti guida, perché al­trimenti camminerai in direzione contraria.

Il bene non si mette in opposizione con sé stes­so, ma si fa compagno di un altro bene. È il vizio che corre in direzione contraria alla virtù, ma la virtù non si oppone mai a sé stessa. Per questo motivo Mosè non guarda Dio in fac­cia, ma sul dorso. La Scrittura attesta infatti: «Nes­suno vedrà la faccia del Signore e vivrà».

Se consideri che Mosè è fatto degno della grazia di questo invito verso il termine della vita, quando era asceso tanto in alto e aveva avuto teofanie glo­riose e terribili, capirai quanto sia importante an­dare dietro a Dio. Mosè seguendo il Signore, non incontra più da­vanti a sé nessun ostacolo di peccato.



AL DI LÀ DELLE PASSIONI

I danni dell’invidia

Dopo questi fatti, i suoi fratelli ebbero invidia di lui. L’invidia è una passione violenta, fonte di mor­te, prima apparizione del peccato, radice del ma­le, generatrice di dolore, madre di ogni disgrazia, causa di disobbedienza, inizio di vergogna.

Fu l’invidia che ci scacciò dal paradiso, trasfor­mandosi in serpente ai danni di Eva. Essa ci allon­tanò dall’albero della vita e, dopo averci spogliati delle sacre vesti, ci ridusse alla vergogna delle fo­glie di fico75.

L’invidia, violentando la natura, armò la mano di Caino. Fu essa a suggerire di uccidere sette per­sone per vendicare la morte di una sola. L’invidia fece Giuseppe schiavo. Essa è pungolo mortale, arma nascosta, malat­tia della natura, dardo avvelenato, distruzione vo­lontaria, dolorosa ferita, chiodo dell’anima76, fuo­co interiore, fiamma che arde nelle viscere. Per es­sa costituisce disgrazia non il proprio male, ma il bene altrui, costituisce successo non il proprio be­ne, ma il male degli altri.

È invidia rattristarci delle prosperità altrui e macchinare contro la loro fortuna. Dicono che gli avvoltoi siano uccisi dal lezzo dei cadaveri di cui si cibano e si trovino a loro agio nel marciume. Anche chi è posseduto da questa ma­lattia si sente nauseato del benessere dei suoi vici­ni come per un cattivo odore e quando s’accorge che, per qualche disgrazia, essi sono nella sofferen­za, si precipita a volo sopra di essa, per frugare col becco fin nel suo fondo

Molti, anche prima di Mosè, furono vittime del­l’invidia, ma quando essa volle gettarsi contro que­sto grande, si infranse come vaso di terracotta sca­gliato contro una pietra.

In lui soprattutto si riconobbe quanto è grande il vantaggio di chi sta dietro al Signore, conduce la corsa nel luogo divino eppure sta fermo sulla roc­cia, trovandosi così difeso e protetto dalla mano di Dio.

Mosè, venendo dietro ai passi della sua guida, ne vede il dorso non la faccia. Se il dardo dell’invidia non riesce a raggiunger­lo77, ciò significa che egli ha raggiunto la felicità, andando dietro al Signore.

Anche se l’invidia lancia contro di lui le sue frec­ce, egli si trova troppo in alto perché esse possa­no colpirlo. La malignità altrui fu come la corda di un arco, ma troppo sottile e debole per giungere a conta­minare anche lui della medesima malattia.

Aronne e Maria subirono invece le ferite dell’in­vidia e si misero a scagliare contro di lui parole ostili, ma egli rimase tanto immune da quella ma­lattia che poté curarne le vittime. Poiché non si la­sciò impressionare dall’animosità dei suoi avversa­ri, ma supplicò il Signore in loro favore, egli ci mo­stra che l’uomo difeso dallo scudo della virtù, non può più essere ferito da colpi di lance.

La punta della lancia finisce per piegarsi quan­do viene a incontrare questo scudo resistente, che è Dio stesso. Di esso si riveste il combattente della virtù e da esso è difeso contro i colpi delle lance.

Dice la Scrittura: «Rivestitevi del Signore Ge­sù Cristo» (Rm 13, 14), ossia di quella forte arma­tura di cui si cinse Mosè per rendere impotente l’ar­ciere malvagio. Quelli che volevano farlo soffrire con gli assalti dell’invidia neppure riuscirono a sfiorano.

Ma egli non fu dimentico dei doveri di giustizia impostigli dai legami di natura e supplicò Dio in favore dei suoi fratelli, che già erano stati giusta­mente condannati.

Ciò non avrebbe potuto fare, se non si fosse messo dietro a Dio, che gli mostrava il suo dorso per guidano con sicurezza nella via della virtù.

IL SERPENTE DI BRONZO



La penitenza

Nella marcia attraverso il deserto, il popolo si trova nuovamente angustiato dalla sete e dispera di poter raggiungere i beni promessi. Ma ancora una volta Mosè procura l’acqua, fa­cendola scaturire da una roccia del deserto.

Questo passo, interpretato in senso spirituale, può darci utili insegnamenti intorno al sacramento della penitenza78.

Coloro che hanno gustato la roccia una prima volta, ma si sono poi rivolti al ventre, alla carne e ai piaceri d’Egitto, castigano se stessi, privandosi di questi beni. Pentendosi, essi possono ancora ritrovare la Roccia da cui si sono allontanati e accorrere alla vena d’acqua scaturita a sollievo di coloro che han­no creduto più corrispondente al vero la relazione di Giosuè e non quella degli altri. Essi, fissando gli sguardi sul grappolo appeso al legno da cui gronda il sangue della nostra salvezza, hanno ottenuto che l’acqua ritornasse a zampillare dalla roccia, colpita dal legno79.

La croce rimedio contro le passioni

Il popolo, ancora non avendo appreso a stare al passo con la grandezza di Mosè, si lascia di nuovo trascinare dai desideri del tempo della schiavitù e attirare dalla nostalgia dei piaceri d’Egitto.

Pare che qui il racconto voglia insegnarci la for­te propensione dell’umana natura verso la passione. Essa è una malattia che può colpirci in moltissi­me forme. Mosè riesce a impedire che essa, pren­dendo piede sempre più, diventi malattia mortale. Egli fa come il medico quando s’accorge che il ma­le si è aggravato.

Allorché i serpenti incominciarono a mordere molti del popolo, iniettando mortali veleni a castigo dei loro desideri smoderati, il grande Legislatore riuscì a neutralizzare i funesti effetti causati dai ret­tili, servendosi della figura del serpente.

È bene spiegare con chiarezza il simbolismo di questa figura. L’unica forza capace di, distaccarci da passioni simili a quelle che agitarono gli Ebrei, è il mistero della religione da cui proviene la purifica­zione delle nostre anime.

È di fondamentale importanza, nel mistero del­la fede, guardare alla Passione di Colui che per noi ha accettato di soffrire. La Passione è la Croce nella quale chi fissa gli sguardi, non prova su di sé gli effetti dannosi del ve­leno, simbolo dei desideri passionali: così appunto ci ammaestra la Scrittura.

Guardare alla Croce significa condurre una vita morta al mondo, non prona al peccato così che la nostra carne, come dice il Profeta, sia immobilizza­ta dai chiodi del timore di Dio (Gal 6, 14; Sal 118, 120).

È la penitenza il chiodo che tiene ferma la car­ne. La legge, consapevole che i desideri smoderati fanno uscire dalla terra serpenti mortiferi (ogni ef­fetto derivante da un desiderio cattivo è come un serpente), ci comanda di volgere gli sguardi a Colui che si mostra sul legno. È lui la figura del serpente, secondo le parole del grande Paolo: «A somiglianza della carne di peccato» (Rm 8, 3).

Il vero serpente è il peccato e chiunque si dà al peccato assume la natura di serpente. Ma l’uomo viene liberato dal peccato per merito di Colui che ne ha assunto l’immagine. Egli si è fatto simile a noi, che ci siamo rivolti all’immagine del serpente.

È lui che arresta la morte prodotta dai morsi velenosi ma lascia in vita i rettili che l’hanno causa­ta. Essi rappresentano i desideri delle passioni.

Chi guarda alla Croce non è più soggetto alla morte e tuttavia i desideri della carne contrari a quelli dello spirito non vengono totalmente elimi­nati in lui (Gal 5, 17). Tali desideri continuano a mordere i fedeli. Ognuno però, se guarda a colui che è stato innalzato sopra il legno, può tener lon­tana la passione e rendere innocuo il veleno, attra­verso il timore del precetto che opera al pari di un farmaco. Le parole dei Signore insegnano chiara­mente che il serpente innalzato nel deserto è simbo­lo del mistero della Croce: «Come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così occorre che sia innalzato il Figlio dell’uomo» (Gv 3, 14).



L’ORGOGLIO



Il peccato, seguendo la logica del male, si molti­plica in un concatenamento ininterrotto di cause ed effetti e obbliga il legislatore a fare come il medico che adatta la cura alla violenza della malattia.

Il nemico, ricco di inventiva quando si tratta di procurare la nostra rovina, visti neutralizzati i mor­si dei serpenti in coloro che innalzavano gli sguar­di verso l’immagine del serpente (già ne abbiamo spiegato il simbolismo), viene escogitando un altro metodo per trascinare al peccato.

Il fatto si ripete oggigiorno nei riguardi di mol­ti. Ci sono persone che, per il fatto di condurre una vita morigerata e mortificata riguardo ai desideri delle passioni, prendono l’iniziativa di entrare nel sacerdozio, usando intrighi e maneggi che dimostra­no un orgoglio contrario ai piani salvifici di Dio.

Colui che la Scrittura definisce autore delle di­sgrazie degli uomini, è anche autore di questo gene­re di peccati. Quegli uomini prima ribelli, quando videro che la terra aveva cessato di produrre ser­penti per merito della fede in colui che fu innalza­to sopra il legno, credettero di essere diventati in­vulnerabili ai morsi velenosi.

Invece, scomparsa la passione della concupiscen­za, comparve in loro il malanno della superbia80.

Quelli che non furono inghiottiti dalla terra, vennero inceneriti dai fulmini. Qui la Scrittura ci insegna che, se sappiamo scendere sotto terra, la superbia non crescerà den­tro di noi.

Basandoci su questi fatti potremmo, non senza ragione, definire la superbia una salita verso il basso. Non meravigliarti se ti senti portato ad averne l’idea che ne hanno molti, i quali ritengono che il termine superbia indichi superiorità sugli altri. I fatti della vita di Mosè sembrano invece con­fermare la definizione data da noi.

Quelli che si erano innalzati al di sopra degli al­tri, finirono sotto terra, dentro la spaccatura che si era aperta per inghiottirli. Non va dunque rigettata la definizione della su­perbia come di una caduta in profondità. Attraverso questi fatti, Mosè ci insegna a essere umili, a non vantarci di ciò che facciamo ma vivere in buone disposizioni di spirito l’attimo presente.

Chi si è liberato dalla sensualità, può correre il rischio di cadere in un altro genere di passioni. Ogni passione in quanto tale è una caduta e se varie sono le passioni, identica è la caduta.

C’è chi cade, lasciandosi andare sulla china del piacere e c’è chi viene buttato a terra dalla su­perbia. Non è saggio scegliere tra l’una o l’altra caduta, poiché tutte in quanto tali vanno fuggite.

Se perciò vedessi qualcuno che si crede superio­re agli altri perché si è liberato dalle cadute nella sensualità e perciò accede al sacerdozio, riconosci pure in lui uno che, per la sua superbia, va a finire sotto terra.



IL VERO SACERDOZIO



Nei fatti successivi la legge ci insegna che il sa­cerdozio è cosa divina, non umana. Mosè fa mette­re delle verghe davanti all’altare e incide su ciascu­na il nome delle rispettive tribù.

Una delle verghe, per intervento miracoloso, di­mostrò che era stato Dio a scegliere il Sommo Sa­cerdote. Le altre infatti rimasero quali erano ma quella del Sommo Sacerdote miracolosamente mise da sé radici e sbocciò in rami e frutti, non già per effetto di rugiada scesa dall’alto ma per una forza divina, che portò il frutto a maturazione. Messi da­vanti a questo portento, i sudditi appresero a vive­re in buon ordine.

Il frutto prodotto dalla verga di Aronne ci fa pensare ai caratteri che deve avere la vita del sacer­dote. Essa deve apparire austera, dura e scabra all’e­sterno ma possedere internamente, nel segreto e nell’oscurità, un cibo saporoso. Questo cibo viene portato alla luce quando ha raggiunto, col tempo, la maturazione e allora si rompe l’involucro legno­so che lo racchiude.

Se tu venissi a sapere di qualche sacerdote che conduce una vita agiata, usa profumi, ha una car­nagione rosea, come quella delle persone che vesto­no di lino e di porpora, ingrassa in continui ban­chetti, beve vino di qualità, si unge con unguenti fi­nissimi e si circonda di tutte le comodità care ai gaudenti, a buon diritto potrai ripetere nei suoi ri­guardi le parole del Vangelo: «Se guardo il frutto, non riconosco l’albero sacerdotale». Il frutto del sacerdozio è l’austerità, non la spensieratezza e il frutto dell’austerità non giunge a maturazione in virtù dell’umidità naturale del terreno. Le soddisfa­zioni del sacerdote dalla vita spensierata scorrono in lui come ruscelli, che un giorno tingeranno di ros­so il raccolto della sua vita.



LA STRADA REGALE



I sudditi di Mosè, liberi ormai dalla, superbia, passano in mezzo a popolazioni che vivono in ma­niera estranea alla loro. La legge li precede sulla via regale81, senza far­li deviare né a destra né a sinistra.

Non è infatti infrequente che il viandante im­bocchi strade sbagliate. Come chi, percorrendo un sentiero che passi in mezzo a due precipizi sabbiosi, si trova nel perico­lo di uscire fuori dal mezzo e precipitare nel bara­tro se devia verso destra o verso sinistra, così la legge esige che si vada dietro a lei e non ci si spo­sti o a destra o a sinistra per non abbandonare la strada veramente stretta e angusta, di cui parla il Signore (Mt 4, 25).

Il comando della legge indica che la virtù deve es­sere concepita come un bene situato nel mezzo, per­ché il male deriva appunto o da un difetto o da un eccesso di virtù.

Così la timidità è mancanza di coraggio, mentre la tracotanza è un coraggio eccessivo82. Nel mez­zo tra questi due difetti opposti sta la virtù. Lo stesso vale di tutte quelle altre virtù per mez­zo delle quali si attua il bene: esse stanno in mezzo tra due mali opposti.

La sapienza sta fra la scaltrezza e la semplicità. Se non è da lodare l’astuzia del serpente, neppure lo è la semplicità della colomba, quando queste qualità siano prese separatamente ma se le uniamo insieme, esse formano una forte virtù.

Chi è intemperante manca di saggezza ma chi e­sagera nella temperanza ha una coscienza malata, come dice l’Apostolo (1 Tm 4, 2). L’uno si abbando­na senza ritegno ai piaceri, l’altro disprezza il ma­trimonio quasi fosse un adulterio. La fusione di que­sti due estremi costituisce la saggezza. Tutto ciò che si oppone alla virtù è male e non interessa quelli che seguono la legge poiché, come dice il Signore, que­sto mondo è tutto posto nel maligno (1 Gv 5, 19).

Chi in questa vita percorre la strada della virtù, riuscirà sicuramente a portare a termine il suo viag­gio, se saprà mantenersi sulla strada regale che è la strada pulita della virtù e non devierà verso le strade informi del male, che s’aprono su ambedue i suoi lati.



LA MAGIA DELLE PASSIONI



La strategia del demonio

Già s’è detto che l’ascesa alla virtù è molestata dagli attacchi del nemico il quale escogita di volta in volta i mezzi più adatti a spingere i singoli al male.

Vedendo egli il popolo d’Israele molto avanti sulla strada che porta a Dio, imita i migliori strate­ghi e porta l’attacco su un altro fronte. Gli strate­ghi infatti, quando giudicano impossibile travolge­re con un attacco frontale lo schieramento compat­to dei nemici, fanno ricorso all’assalto di piccole pattuglie e alle imboscate.

Il grande stratega del male si comporta allo stes­so modo, non attaccando direttamente coloro che la virtù e la legge hanno resi forti ma assalendoli dì nascosto con imboscate.

Le arti magiche

Egli si serve della magia per combattere i suoi oppositori. Un certo augure e indovino aveva il potere, se­condo il racconto, di procurare la rovina ai nemici mediante l’aiuto del demonio. Costui fu pagato dal re dei Madianiti per lanciare maledizioni contro quelli che Dio proteggeva ma cambiò le maledizio­ni in benedizioni.

Già sappiamo dall’esposizione storica fatta al­l’inizio, che la magia nulla può contro chi pratica la virtù, poiché l’aiuto divino ci rende sicuri contro ogni assalto.

Il racconto ci assicura che il menzionato indovi­no esercitava la divinazione. Dice infatti che maneg­giava i responsi e prendeva consiglio dal volo degli uccelli. In precedenza ci aveva informato che la voce del suo asino gli fece sapere ciò che aveva interesse di sapere.

La Scrittura ci attesta che in quella circostanza la voce dell’asino si espresse in suoni articolati, men­tre normalmente l’indovino prendeva i suoi oracoli dal verso degli animali, in forza di un intervento de­moniaco.

La Scrittura ci mostra anche come le persone soggiogate da questo inganno del demonio, giunga­no ad accogliere come insegnamento della ragione la voce delle bestie.

L’indovino, disposto ad accettare un insegna­mento del genere, venne a sapere per mezzo delle stesse pratiche ingannatrici di cui era vittima, che il popolo d’Israele non avrebbe potuto essere vinto, nonostante i denari che egli aveva ricevuto per ma­ledirlo.

Sappiamo dal Vangelo che un’intera massa di demoni si oppone alla potenza di Cristo. Essa infatti è chiamata legione.

Dicono i demoni: «Sappiamo che tu sei il Santo di Dio, venuto anzitempo a castigarci» (Mt 5, 9). Ciò avvenne anche quando il demonio, operando per mezzo di Balaam, gli fece sapere che il popolo ebreo era imbattibile e inattaccabile.

Da parte nostra, applicando a questi fatti il me­todo di interpretazione fin qui seguito, affermiamo che nessuna maledizione, pronunciata contro le per­sone virtuose, può recare a loro danno o sofferen­za. L’insulto o l’oltraggio non hanno la forza di tur­bare i seguaci della virtù.

Così l’accusa di cupidità, non può essere un in­sulto per chi non possiede nulla. Non è possibile rimproverare di dissolutezza chi vive da anacoreta. Il mite non può essere accusato di irascibilità né l’umile di superbia.

Coloro che sono conosciuti come persone contra­rie a ogni azione biasimevole, potranno mai essere accusati di cose biasimevoli?

Essi mirano a non offrire motivo di biasimo nel­la loro vita affinché, come dice l’Apostolo, «siano confusi i nostri avversari, non avendo da dire di noi nessun male».

Perciò l’indovino che era stato assoldato per ma­ledire, risponde: «Come maledirò colui che Dio non maledisse? Come insulterò chi non dà motivo a insulti e, guardando a Dio, ha reso la sua vita in­vulnerabile al peccato?».



LE FIGLIE DI MOAB

La malattia della sensualità

L’inventore del male, visto fallire questo piano, non desistette di molestare quelli che voleva assa­lire. Portò allora le sue macchinazioni su un terreno che gli è proprio e di nuovo trascinò gli uomini al peccato, servendosi del piacere sensuale.

Il piacere è veramente la pastura di ogni vizio. Esso, presentandosi sotto un aspetto attraente, tra­scina le anime più sensuali all’amo della morte. La natura corre verso questo male in maniera davvero irrefrenabile, ed è ciò che avvenne anche al tempo di Mosè.

Il piacere giunse, servendosi delle donne, a feri­re con i suoi strali coloro che si erano dimostrati tanto validi nelle armi da ridurre all’impotenza ne­mici armati di ferro. Essi li volsero in fuga ma, co­me furono forti con gli uomini, altrettanto divenne­ro deboli con le donne. Colpiti non dalle loro armi ma dalla loro avve­nenza, le presero con sé e, dimentichi del valore e della forza che avevano acquistato, tutto dissiparo­no nel piacere. Quelle unioni illegittime con donne straniere provocarono il giusto risentimento degli altri. Mettendosi a contatto con il male quelle per­sone avevano perso l’appoggio del bene. Così Dio si adirò contro di loro ma Finees, acceso di zelo, non attese che il Signore decidesse come togliere di mezzo quel peccato. Di sua iniziativa divenne insie­me giudice ed esecutore.

Egli, nell’ira contro gli impudichi travolti dalla fiamma della passione, esegui l’opera sacerdotale di purificazione del peccato non con il sangue di ani­mali, cui non si poteva addossare la colpa di incon­tinenza, ma con il sangue di coloro che avevano fat­to il male, unendosi a donne straniere.

La lancia che trafisse i loro corpi, trovati avvin­ti l’uno all’altro, fu lo strumento d’attuazione della giustizia di Dio; esso procurò loro la morte, nel mo­mento stesso in cui si abbandonavano al piacere.

Mi pare che il racconto offra qui un utile inse­gnamento a tutti, ammonendoci che tra le molte passioni ostili allo spirito, nessuna ha maggior for­za di quella che provoca in noi la malattia del pia­cere.

Questo fatto per cui gli Israeliti sono resi schia­vi da donne straniere (essi che pure avevano avuto il sopravvento sulla cavalleria egiziana, avevano vinto gli Amaleciti, erano apparsi terribili ai popoli vicini, avevano sbaragliato l’esercito dei Madianiti), non dimostra forse la difficoltà di combattere tale passione, che si presenta come il nostro nemico più difficile da domare?

Il piacere, divenuto padrone di uomini che le ar­mi non erano riuscite a sottomettere, va agitando davanti a loro il trofeo del disonore e porta a cono­scenza di tutti la loro infamia.

Insolenza del vizio

Esso riduce gli uomini come bruti, dominando­li con l’istinto animalesco e irrazionale dell’inconti­nenza e facendo loro dimenticare di essere uomini. Senza preoccuparsi di tener nascoste le loro sacrile­ghe profanazioni, essi giungono a vantarsi di azioni disonorevoli, avvoltolandosi come porci nel fango dell’impurità apertamente, sotto gli occhi gli uni de­gli altri.

Tanta è la forza che ha la malattia del piacere di trascinarci al male, che dobbiamo stare attenti affinché non entri in noi da nessuna parte.

Il piacere è come un fuoco che comunica le sue fiamme devastatrici a quanto gli è vicino. Ce lo insegna Salomone nella Sapienza quando ci avverte di non mettere il piede nudo vicino a un carbone acceso e di non porre fuoco nel seno.

Se resteremo lontani da quanto fa divampare il fuoco, potremo godere perfetta quiete (Pro 6, 27). Se invece ci avvicineremo a questo calore avvam­pante fino a toccano, allora si accenderà in noi il fuoco del desiderio, che comunicherà al piede e al seno le sue fiamme scottanti.

Il Signore nel Vangelo, per tenerci lontani da questo male, volle che stroncassimo alla radice il desiderio passionale, avvertendoci che la malattia della sensualità penetra in noi attraverso gli sguar­di colpevoli (Mt 5, 19).

Le impressioni cattive infatti, una volta che ab­biano preso possesso dei punti chiave del nostro essere, sono come una peste che soltanto la morte può far cessare.

LA PERFEZIONE È NEL PROGRESSO



Credo che non occorra prolungare il nostro di­scorso, ora che abbiamo esposto al lettore tutta la vita di Mosè come esempio di virtù.

Ciò che abbiamo detto costituirà un aiuto non indifferente per chi aspira alla vera saggezza in una vita spirituale. Ma chi per pigrizia si arresta davan­ti alle fatiche della virtù, non troverà giovamento nelle molte cose di cui abbiamo discorso e tanto meno in quelle che potremmo aggiungere.

Ma perché non ci si dimentichi che nessun limi­te circoscrive la vita perfetta e ne può arrestare il progresso (questo concetto fu ribadito con forza nella prefazione), sarà utile, al termine del nostro discorso sulla vita di Mosè, mostrare che la defini­zione della virtù da noi data, ha un fondamento si­curo.

Quando nacque Mosè, il fatto di avere genitori ebrei era considerato un delitto. Sottratto alle imposizioni di un decreto tiran­nico che lo condannava a morte, egli fu salvato pri­ma dai suoi genitori, poi dagli autori stessi di quel decreto.

Costoro, che pure avevano voluto la sua morte, si preoccuparono di allevarlo e dargli un’educazio­ne raffinata, facendolo istruire in ogni ramo del sa­pere. Cresciuto che fu, non tenne in alcun conto gli onori umani e la stessa dignità regale, perché sape­va che custodire la virtù significa possedere una forza e una dignità più valida e più degna di qual­siasi guardia del corpo e di qualsiasi pompa regale. Qualche tempo dopo, egli salvò un suo compa­triota, assalendo l’egiziano con un colpo mortale.

Noi, che facciamo un’esegesi spirituale, abbia­mo visto simboleggiato nell’egiziano il nemico della nostra anima. Mosè invece, è il simbolo di chi ci è amico.

Prima che la luce sfavillante dal cespuglio giun­ga a riempire lo spirito di Mosè, egli apprenderà altissimi insegnamenti nel silenzio del deserto. Poi si darà pensiero di far conoscere ai suoi compatrioti le cose meravigliose che Dio aveva ope­rato in suo favore. In quell’epoca della sua vita per due volte diede prova di poteri straordinari, dap­prima combattendo i nemici attraverso molteplici castighi, poi beneficiando i compatrioti.

Non avendo a disposizione per la traversata del mare una flotta di navi, fece in modo che il popo­lo lo attraversasse a piedi, sostituendo alle navi la fede che aveva saputo infondere in loro.

Rese allora asciutto il fondo del mare, perché gli Ebrei potessero attraversarlo. Fu lui che fece ri­tornare le acque del mare come erano prima, per annegarvi gli Egiziani e allora intonò l’inno di vit­toria. Poi lo guidò una colonna di nube e lo illuminò un fuoco celeste. Provvide ai suoi un cibo disceso dal cielo, fece scaturire dalla pietra acqua abbon­dante, vinse gli Amaleciti col semplice gesto di sten­dere le mani. Salito il monte, si spinse dentro la nu­be e udì il suono delle trombe.

Si accostò a Dio, penetrò nel tabernacolo cele­ste, corresse con la legge i costumi del popolo, vin­se le più dure battaglie, come si è detto. Quando le sue imprese volgevano alla fine, fece castigare l’in­continenza per mezzo del sacerdozio; questo ap­punto significa la vendetta di Finees contro gli in­continenti.

Dopo tutto ciò, salì al monte del suo ultimo ri­poso. Egli non metterà piede nella terra promessa, che si stendeva davanti ai suoi sguardi e a quelli di tutto il popolo. Avendo avuto come alimento il cibo del cielo, non toccò più cibo terreno e, giunto in cima al mon­te, non volle mettere una corona alla statua della propria vita83, intorno alla quale si era affaticato come abile scultore. Di lui dice la Scrittura: «Mo­sè, servo di Dio, morì per volere di Dio». Nessuno conobbe il suo sepolcro, i suoi occhi non si offusca­rono né il suo volto si deturpò.



IL SERVO DI DIO



Così sappiamo che egli fu ritenuto degno, per le sue azioni, di essere chiamato servo di Dio, tito­lo di grandissimo onore che dimostra come si sia innalzato al di sopra di tutto ciò che è nel mondo.

Nessuno infatti potrebbe servire Dio, se non si innalza al di sopra di tutto ciò che è nel mondo. Il termine della sua vita, fissato da Dio, è chia­mato dalla Scrittura col nome di morte, ma si trat­tò di una morte vivente perché a essa non seguì se­poltura, per essa non si innalzò un monumento fu­nebre, essa non assomigliò a quella che fa chiude­re gli occhi per sempre e deturpa il volto. Da ciò dobbiamo apprendere a considerare co­me unico fine della vita quello di meritare, attra­verso le nostre opere, il titolo di servi di Dio.

Quando tu, sgominati tutti i nemici: l’egiziano, l’amalecita, l’idumeo, il madianita, avrai attraversa­to il mare e sarai stato illuminato dalla nube e ad­dolcito dal legno; quando, bevuta l’acqua sgorgan­te dalla pietra, avrai gustato il cibo che scende dal­l’alto e con purità e innocenza ti sarai apprestato a salire il monte e là giunto avrai sentito suonare le trombe del divino mistero e, dopo esserti avvici­nato a Dio nella densa caligine della fede, ti saran­no stati rivelati i misteri del tabernacolo e la digni­tà del sacerdozio, quando avrai preparato il tuo cuore come fa il tagliapietre così che Dio vi possa incidere le sue parole, quando avrai distrutto l’ido­lo d’oro, eliminando dalla tua vita la passione del­l’avarizia84 e ti sarai portato tanto in alto che la magia di Balaam non potrà raggiungerti (sentendo parlare di magia devi intendere i diversi inganni di questa vita per effetto dei quali gli uomini, co­me ammaliati dal filtro di Circe, perdono i carat­teri della loro natura e assumono la figura di ani­mali); quando avrai provato tutto ciò e in te sarà fiorita la verga del sacerdozio (quella che non assor­be nessun umore dalla terra onde giungere a fiori­tura ma produce da sé stessa il frutto di nocciolo, amaro e aspro all’esterno, dolce e buono di dentro); quando, eliminato tutto ciò che si oppone alla tua dignità, lo seppellirai come fu di Datan o lo distrug­gerai con il fuoco come avvenne di Kore, allora sa­rai vicino al termine.

Parlando di termine, io intendo quella realtà in vista della quale uno agisce. Termine del lavoro dei campi è in tal senso la raccolta dei frutti, termine della costruzione della casa è l’abitarvi, termine del commercio è la ricchezza, termine degli sforzi atle­tici è la corona. Parimenti il termine della vita spi­rituale è giungere a essere chiamati servi1ori di Dio.

La Scrittura non dice che Mosè fu messo in una tomba e questo indica la rimozione dalla nostra vi­ta di ogni impedimento del male. La Scrittura accenna anche a un’altra caratteri­stica propria di chi ha servito Dio, cioè che l’occhio di Mosè non diminuì la propria forza visiva e il suo volto non subì deturpazioni. Come è possibile infat­ti che le tenebre avvolgano un occhio sempre im­merso nella luce e perciò ignaro di tenebre?

Colui che in tutta la sua vita ha cercato le cose che non periscono, non può subire nessuna detur­pazione. Chi è realmente divenuto simile a Dio e mai si è scordato di lui, non solo porta sopra di sé i tratti della fisionomia di Dio, ma raggiunge una perfetta somiglianza col suo modello, ottenendo che la sua anima resti immune da corruzione, da mutamenti e dal dominio del male.

CONCLUSIONE



O Cesareo, a te, uomo di Dio, abbiamo sottopo­sto in un breve discorso ciò che riguarda la perfe­zione della virtù, presentandoti Mosè come model­lo di una vita così bella affinché, imitandone le azio­ni, ciascuno riproduca in sé stesso le linee caratte­ristiche di questa bellezza, che abbiamo contem­plato.

Che Mosè abbia raggiunto il più alto grado pos­sibile di perfezione, stanno a dimostrano inequivo­cabilmente le parole da Dio a lui rivolte: «Io ti co­nobbi prima di tutti gli altri».

Dio stesso lo ha chiamato amico. Anch’egli a­vrebbe dovuto morire insieme con gli altri peccatori, se Dio nella sua benevolenza non si fosse placato; ma fu lui a placare l’ira del Signore contro gli Israe­liti. Dio cambiò proposito, per non causare dolore a Mosè che gli era amico.

Tutte queste cose e altre consimili testimonia­no chiaramente che Mosè ha raggiunto nella sua vi­ta la vetta dell’altissimo monte della perfezione.

Con ciò crediamo di aver attuato il nostro pro­posito, che mirava a cercare in che cosa consiste la perfezione della vita secondo virtù.

Procura, o uomo generoso, di meditare questi insegnamenti, ricavati dai fatti attraverso un’inter­pretazione eminentemente spirituale e applicali al­la tua vita personale, perché anche tu possa esse­re conosciuto da Dio e diventare suo amico.

Questa appunto è la vera perfezione: staccarsi dal male non per la servile paura del castigo e com­piere il bene non per la speranza del premio, qua­si usando nel campo della virtù di una mentalità commerciale e affaristica.

Ogni attesa di ricompensa promessa o sperata deve passare in secondo ordine, così che soltanto la perdita dell’amicizia di Dio, resti l’unico vero mo­tivo di paura e il divenire amici suoi sia giudicata la cosa più onorevole e desiderabile.

Se si troveranno in te queste disposizioni di spi­rito ora che ti sei innalzato a pensieri più spiritua­li e divini, (ben so che esse ci saranno in misura so­vrabbondante), comune sarà il vantaggio che ne ver­rà, in Cristo Gesù, al quale gloria e potere nei se­coli. Amen!



Autore: San Gregorio di Nissa
Fonte: http://www.monasterovirtuale.it/gregorio-di-nissa-vita-di-mose.html
Visite: 31