Contro Fausto Manicheo - Libro secondo

Contro Fausto manicheo

Sant'Agostino di Ippona

Contro Fausto Manicheo - Libro secondo
159

Fausto dice di accettare il Vangelo, ma non la natività di Cristo, di cui ci parlano gli evangelisti Matteo e Luca: altro è infatti la parola di Dio o buona novella, altro la supposta appartenenza di Cristo alla stirpe di Davide.

1. FAUSTO. " Accetti il Vangelo? ". " Certo che lo accetto, e al massimo grado! ". " Quindi accetti anche la nascita di Cristo? ". "Assolutamente no. Dal fatto che accetto il Vangelo non segue che accetti anche la nascita di Cristo ". " E perché mai? ". " Perché il Vangelo incominciò ad esistere e ad essere menzionato a partire dalla predicazione di Cristo e in esso da nessuna parte Cristo dice di essere nato da uomini. Del resto a tal punto la Genealogia non è Vangelo che il suo stesso redattore non ha osato chiamarla con questo nome. Che titolo infatti ha usato? Libro della genealogia di Gesù Cristo figlio di Davide 1. Non dunque " Libro del Vangelo di Gesù Cristo ", bensì Libro della genealogia. E tale essa si rivela ove si consideri che vi si parla della stella che conferma la genealogia 2, sì che più acconciamente quest'opera potrebbe assumere il nome di " Ricordo della genesi " piuttosto che di Vangelo. Infine osserva con quanta proprietà ha iniziato il suo dire Marco, che non si è curato di scrivere una genealogia, ma solo di parlare della predicazione del figlio di Dio, predicazione che altro non è che il Vangelo. Scrive dunque Marco: Vangelo di Gesù Cristo figlio di Dio 3. Ne emerge con più che sufficiente evidenza che genealogia non è Vangelo. Del resto nello stesso Matteo si legge che solo dopo l'imprigionamento di Giovanni Gesù incominciò a predicare il Vangelo del Regno 4. Tutto ciò dunque che è narrato in precedenza risulta essere genealogia e non Vangelo. Che cosa d'altra parte impediva a Matteo di scrivere Vangelo di Gesù Cristo figlio di Dio se non la convinzione che non fosse giusto chiamare Vangelo una genealogia? Se perciò ti è ormai chiara la distinzione, che finora hai ignorato, che Vangelo è qualcosa di molto diverso da una genealogia, sappi che io, come ti ho già detto, accetto il Vangelo, cioè la predicazione di Cristo. Su questo argomento chiedimi pure tutto ciò su cui vorrai approfonditamente interrogarmi, a patto che lasci da parte le genealogie. Se però è tua intenzione discutere anche di queste, non mi tiro indietro avendo ampio materiale per risponderti anche su questo argomento. Ma tu cerca di chiedermi ciò su cui desideri interpellarmi per primo: mi sembra infatti che tu non voglia sapere se accetto il Vangelo, bensì se accetto le genealogie ".
Tutti i Vangeli testimoniano la nascita e la discendenza di Cristo dalla stirpe di Davide e innumerevoli volte Cristo stesso si definisce figlio dell'uomo.

2. AGOSTINO. È evidente che tu, fingendo che fossi io ad interrogarti, ti sei chiesto se accettassi il Vangelo e hai risposto: Certo che lo accetto, e al massimo grado; di nuovo ti sei chiesto se accettassi la nascita di Cristo ed hai risposto: Assolutamente no, ed hai aggiunto una corretta giustificazione, dicendo che la genealogia di Cristo non riguarda il Vangelo. Quale risposta dunque darai all'Apostolo che dice: Ricordati che secondo il mio Vangelo Gesù, della stirpe di Davide, è risorto dai morti 5? Non puoi non vedere fino a che punto tu ignori, o fingi di ignorare, cosa sia il Vangelo, e che menzioni il Vangelo non secondo l'insegnamento degli apostoli, ma secondo la vostra erronea dottrina. Se poi dai il nome di Vangelo a quello che gli apostoli hanno chiamato così, ti allontani dal Vangelo poiché non credi che Cristo fosse della stirpe di Davide mentre l'Apostolo ha testimoniato di predicare questa verità secondo il suo Vangelo. Ma quello che era il Vangelo dell'apostolo Paolo, lo era anche di tutti gli altri apostoli e di tutti i fedeli che si fanno diffusori di questo grande mistero. Altrove così si esprime: Sia io sia quelli abbiamo predicato così, e così avete creduto 6. Non tutti gli apostoli infatti scrissero un Vangelo, ma tutti lo predicarono. Quelli invece che narrarono l'origine, i fatti, i detti e le sofferenze del Signore Nostro Gesù Cristo furono propriamente detti Evangelisti. Se infatti ci chiediamo come tradurre questa parola in latino diciamo che Vangelo significa buona notizia o buon annuncio. Possiamo sempre usare questa parola quando viene annunziato qualcosa di buono. In senso proprio però ha assunto questa denominazione l'annunzio del Salvatore di cui ho parlato. Se voi annunciate altra cosa è chiaro che siete fuori del Vangelo. Sono in ogni caso contro di voi i piccoli che chiamate mezzi Cristiani se ascoltano la voce della madre della carità che è fatta risuonare nelle loro orecchie dalla bocca dell'Apostolo: Se qualcuno vi farà un annunzio diverso da quello che vi abbiamo fatto noi sia anatema 7. Poiché dunque lo stesso Paolo, secondo il suo Vangelo, vi ha annunziato che Cristo è della stirpe di Davide, voi, se negate questo e date un altro annunzio, siate anatema! Come non vedere con quanta cecità si dica che Cristo non dice da nessuna parte di essere figlio di uomini, quando quasi mai omette di dire di essere figlio dell'uomo?


Sul fantasioso "primo uomo" dei Manichei e sulle armi da lui usate contro la stirpe delle tenebre.

3. Ma voi, da uomini di grande dottrina quali siete, tirate fuori per noi dal vostro armadio un indefinito primo uomo che sarebbe disceso dal popolo della luce per debellare la stirpe delle tenebre, armato delle sue acque contro le acque dei nemici, e del suo fuoco contro il fuoco dei nemici, e dei suoi venti contro i venti dei nemici. Perché dunque non armato del suo fumo contro il fumo dei nemici e delle sue tenebre contro le tenebre dei nemici? Ma contro il fumo, dite voi, era armato d'aria e contro le tenebre di luce. Fu allora la natura malvagia del fumo e delle tenebre ad impedire che la bontà di quell'uomo potesse averne? Sono dunque buoni quei tre elementi, l'acqua, il vento e il fuoco. Ma perché allora poté averli la malvagità del popolo nemico? Voi a questo punto rispondete: " L'acqua della stirpe delle tenebre era malvagia mentre buona era quella arrecata dal primo uomo, e malvagio era il vento di quel popolo e buono quello di costui; parimenti anche il fuoco buono di costui combatté contro il fuoco cattivo dell'altro popolo ". Perché dunque non poté contrapporre il fumo cattivo a quello buono? Forse che nel fumo, come il fumo stesso, svaniscono e vengono meno le vostre dottrine menzognere? Certo il vostro primo uomo combatté contro una natura avversa. Ma perché fra quei cinque elementi, che voi immaginate presenti nel popolo nemico, ne è stato posto uno contrario tratto dai regni divini, la luce contro le tenebre? Gli altri quattro infatti non sono contrari, né l'aria è contraria al fumo e molto meno lo sono l'acqua all'acqua, il vento al vento e il fuoco al fuoco.


Secondo Agostino il "primo" uomo dei Manichei altro non sarebbe che il frutto di un sacrilego delirio, Cristo al contrario sarebbe nel contempo vero Dio e vero uomo.

4. Chi potrebbe ancora dare ascolto a quelle sacrileghe farneticazioni? In base ad esse voi dite che il vostro primo uomo, seguendo la volontà dei nemici al fine di sorprenderli, ha mutato e trasformato gli elementi che recava con sé in modo tale che il regno che voi dite della falsità, conservando la sua natura, non combattesse in modo fallace e la sostanza della verità apparisse mutevole, sì da ingannare. Pretendete che si creda che il Signore Gesù Cristo sia figlio di questo primo uomo e dite che di questa favola del tutto inventata sarebbe figlia la verità. Quanto a questo primo uomo che voi lodate perché ha combattuto contro il popolo suo avversario assumendo forme mutevoli e mendaci, se dite il vero non imitatelo, ma se lo imitate, mentite anche voi. Pertanto il Signore e Salvatore nostro Gesù Cristo, vero e verace Figlio di Dio e vero e verace figlio dell'uomo - due realtà di entrambe le quali egli dà testimonianza partendo dalla sua persona - ha tratto da Dio l'eternità di ciò che è divino e dall'uomo l'origine carnale. La dottrina degli apostoli non conosce il vostro primo uomo. Ascoltate quel che dice l'apostolo Paolo: Il primo uomo, derivando dalla terra, è terrestre, il secondo, derivando dal cielo, è celeste. Quale è il terrestre, tali sono i terrestri; quale è il celeste, tali sono i celesti. Come abbiamo portato l'immagine del terrestre, portiamo anche l'immagine di colui che ha origine dal cielo 8. Il primo uomo terrestre derivante dalla terra fu Adamo, formato col fango; il secondo uomo, celeste perché derivato dal cielo, è il Signore Gesù Cristo. Infatti il figlio di Dio venne nella carne perché, una volta presala, divenisse uomo esternamente e rimanesse Dio all'interno; perché fosse il vero Figlio di Dio per mezzo del quale siamo stati creati e il vero figlio dell'uomo per merito del quale abbiamo avuto una seconda creazione. Perché dunque tirate fuori non si sa da dove il vostro primo uomo, frutto di mera invenzione, e non volete riconoscere il primo uomo su cui ci informa la dottrina degli apostoli? Forse perché si compia in voi ciò che dice l'Apostolo: Distogliendo l'udito dalla verità si volgeranno verso le favole 9? Paolo annunzia il primo uomo terrestre derivato dalla terra; Mani annunzia il primo uomo non terrestre rivestito di cinque fallaci elementi. E Paolo dice: Se qualcuno vi farà un annunzio diverso da quello che vi abbiamo fatto noi sia anatema 10. Se dunque non vogliamo fare di Paolo un mentitore, sia anatema Mani.


Sul falso Cristo dei Manichei, figlio del loro falso primo uomo, che risulterebbe mescolato alle stelle del cielo e a tutte le creature della terra...

5. 1. Quanto poi al vostro calunnioso attacco contro la stella che condusse i Magi ad adorare Cristo bambino, non vi vergognate a non collocare sotto la testimonianza della stella il vostro falso Cristo, figlio del vostro falso primo uomo, e ad affermare invece che è in collegamento col complesso di tutte le stelle. Credete naturalmente ch'egli si sia mescolato ai principi delle tenebre nella guerra combattuta dallo stesso vostro primo uomo contro la stirpe delle tenebre e che per conseguenza il mondo sarebbe stato fabbricato dai principi delle tenebre affetti da tale commistione. In conseguenza di tale presupposto le vostre sacrileghe farneticazioni vi costringono a dire che Cristo sarebbe conficcato, collegato e coamalgamato non solo in cielo e in tutte le stelle, ma anche in terra e in tutti gli esseri che nascono in essa e che non sarebbe più il vostro Salvatore dovendo essere salvato da voi quando mangiate e ruttate quei cibi.


... donde il conseguente e singolare modo di prendere il cibo.

5. 2. Infatti, sedotti anche da questa empia e inconsistente credenza, seducete i vostri Uditori facendovi portare dei cibi al fine di poter venire in aiuto, grazie ai vostri denti e ai vostri ventri, al Cristo ad essi legato. Affermate infatti che in conseguenza di tali aiuti egli verrebbe sciolto e liberato. Non tutto però, in quanto sostenete che alcuni residui di lui, benché esigui e sordidi, rimangono negli escrementi e sono tenuti di volta in volta intrecciati e aggrovigliati in forme corporee sempre diverse; e se non potranno essere sciolti e purificati perdurando il mondo, saranno finalmente sciolti e purificati da quell'ultimo fuoco con cui il mondo stesso arderà 11. Ma voi dite che neppure allora tutto il Cristo potrà essere liberato e che le ultimissime e residue particelle della sua buona e divina natura, che si sono talmente sporcate da non poter in nessun modo essere lavate, sono condannate a rimanere confitte per sempre nell'orrido globo delle tenebre. Ecco coloro che fingono di indignarsi per l'ingiuria che sarebbe arrecata al figlio di Dio attraverso l'affermazione che una stella ne avrebbe annunciata la nascita, quasi a dire che la sua nascita si fosse costituita sotto una costellazione guidata dal fato. Essi non tanto lo considerano collocato sotto l'influsso di una congiunzione stellare quanto avvinto con uno stretto legame a tutto ciò che è terreno, presente nel succo di tutte le erbe, nella putredine di tutte le carni, nella corruzione di tutti i cibi, a tal punto legato e contaminato da poter essere in gran parte, anche se non del tutto, sciolto e purificato, solo attraverso l'intervento di uomini - che sarebbero poi gli Eletti dei Manichei - intenti a ruttare porri e radicchio.


È del tutto da escludere che il libero arbitrio della volontà di Cristo sia stato coartato dalla comparsa della stella della natività.

5. 3. Da parte nostra non poniamo la nascita di alcun uomo sotto l'influsso fatale delle stelle per liberare da ogni vincolo di necessità il libero arbitrio della volontà grazie al quale si vive bene o male e si rende possibile il giusto giudizio di Dio. Meno che mai dunque considereremo avvenuta sotto il condizionamento degli astri la nascita di colui che è l'eterno Creatore e Signore di tutte le cose. Perciò quella stella che videro i Magi in seguito alla nascita di Cristo secondo la carne non esercitava un dominio secondo un decreto, ma serviva a mo' di testimonianza. Non sottometteva il neonato ad una autorità, ma lo indicava come degno di ossequio. Quella stella pertanto non faceva parte di quelle che dall'inizio della creazione conservano l'ordine dei loro percorsi sotto la legge del Creatore. Fu invece la novità di un parto verginale a determinare l'apparizione di una nuova stella. Questa precedendoli e stando loro di fronte offrì il servizio che comportava il suo ufficio anche ai Magi che cercavano Cristo finché, sempre precedendoli, li condusse proprio nel luogo in cui si trovava il Verbo di Dio ancor bambino. Quali astrologi a tal punto sottomisero alle stelle il destino degli uomini che nascono da affermare che una stella, alla nascita di un uomo, abbandonò la traiettoria da lei ordinatamente seguita e si diresse verso colui che era nato? Ritengono che la sorte di chi nasce è legata all'ordine astrale, non che tale ordine muta a causa del giorno della nascita. Se perciò quella stella faceva parte di quelle che in cielo seguono ordinatamente le loro orbite, come poteva stabilire che cosa Cristo avrebbe fatto dal momento che essa alla nascita di Cristo ebbe l'ordine di lasciare ciò che stava facendo? Se poi, come riteniamo più probabile, per annunciare Cristo nacque una stella che ancora non esisteva, non fu il sorgere di quella stella a determinare la nascita di Cristo, ma essa sorse perché Cristo era nato. Se convenisse esprimersi così diremmo che non fu la stella a determinare il fato di Cristo, bensì fu Cristo a determinare quello della stella. Fu lui per la stella e non la stella per lui a causare la nascita. Se dunque i fati traggono origine dal verbo fari, che significa dire, poiché Cristo è la parola di Dio in cui tutte le cose sono state " dette " prima che esistessero, non è l'insieme delle stelle a costituire il fato di Cristo, ma Cristo è il fato anche delle stelle, quel Cristo che assunse anche la carne creata sotto il cielo con la stessa volontà con cui creò anche il cielo, la depose e ricevette con lo stesso potere col quale dette ordini alle stelle.


Vangelo cristiano e vangelo manicheo: considerazioni generali.

6. Perché dunque non sarebbe Vangelo ciò che si narra di questa nascita che ci viene annunziata come talmente buona da determinare la guarigione dalla nostra infermità? Forse perché Matteo non ha esordito dicendo: Inizio del Vangelo di Gesù Cristo 12, come ha fatto Marco, bensì con le parole: Libro della generazione di Gesù Cristo 13? In questo modo si potrebbe dire che neppure Giovanni avrebbe scritto un Vangelo, dal momento che neppure lui dice " Inizio del Vangelo " o " Libro del Vangelo ", bensì: In principio era il Verbo 14. A meno che Fausto non sia stato un fabbricatore di vocaboli così raffinato da chiamare anche questo esordio di Giovanni "Verbidio ", da Verbo così come osò chiamare l'altro " Genesidio " da genesi. Ma perché non considerate piuttosto con quanta impudenza chiamate Vangelo quelle vostre prolisse ed empie favole? Quale buona notizia in esso ci viene annunziata, laddove si dice che Dio non sarebbe stato in grado, contro una non so quale natura ribelle e nemica, di provvedere adeguatamente al suo regno se non immettendo una parte della sua natura nelle avide fauci di quella avversa in modo che la divorasse e la contaminasse a tal punto che, dopo tante fatiche e sofferenze, non potesse almeno essere del tutto purificata? Il Vangelo è dunque un così cattivo annunzio? Certamente tutti coloro che hanno una conoscenza anche minima del greco intendono per Evangelio una " Buona notizia " o un " Buon annunzio ". Ma come potrebbe essere questa una buona notizia dal momento che vi è stato annunziato che Dio stesso, postosi un velo dinanzi, piangerà sino a che le sue membra saranno riparate e purificate da quella grande devastazione e contaminazione. Se poi una volta o l'altra porrà fine al pianto si mostrerà crudele. Che male avrà fatto quella parte di lui che verrà legata alla sfera del globo delle tenebre? Questa dovrà essere pianta per tutta l'eternità essendo eternamente dannata. Ma siamo oramai fuori di ragione, poiché chiunque, attentamente considerato questo annunzio, non è costretto a piangere perché cattivo, ma a ridere perché falso.

Note:

1 - Mt 1, 1.

2 - Cf. Mt 2, 2.

3 - Mc 1, 1.

4 - Mt 4, 12. 17.

5 - 2 Tm 2, 8.

6 - 1 Cor 15, 11.

7 - Gal 1, 8-9.

8 - 1 Cor 15, 47-49.

9 - 2 Tm 4, 4.

10 - Gal 1, 8-9.

11 - Cf. 2 Pt 3, 10-12.

12 - Mc 1, 1.

13 - Mt 1, 1.

14 - Gv 1, 1.