Colomba


1. Tortorella, palombo, piccione o colomba sono le principali varietà di volatili, selvatiche o no, che la Bibbia raggruppa sotto il nome generico di colomba (ebr. jónab). È l‘unico uccello offerto in sacrificio al tempio. Offerta dei poveri, essa è utilizzata soprattutto nei riti di purificazione (Lev 1,14; 5, 7. 11; Num 6, 10; Lc 2, 24, citando Lev 12,8). Di qui la presenza nel tempio dei mercanti di colombe (Mt 21,12 par.; Gv 2,14.16).

2. Conoscendo le abitudini della colomba, i Giudei se ne ispirano volentieri per fare dei paragoni. Se Israele attende la salvezza che non viene, fa udire i gemiti della colomba (Is 38,14; 59, 11; Nah 2,8). Scoraggiato, vorrebbe volarsene via nel deserto (Sal 55, 7 s). Le migrazioni stagionali mettono in rilievo nella colomba una conoscenza istintiva che invece Israele nei confronti di Dio non possiede (Ger 8,7); esse evocano volta a volta la fuga in esilio (Ez 7,16) o il raduno nel nascondiglio (Os 11, 11; Is 60,8). D‘altra parte, «Efraim è una colomba ingenua e senza cervello» (Os 7, 11), che il pericolo rende spaurita. Di tutti questi paragoni, Gesù non ne ha ripreso nessuno tal quale; procede per contrapposizione chiedendo ai discepoli di dimostrarsi «prudenti come serpenti e candidi come colombe» (Mt 10,16).

h3. Infine, nella Bibbia, come presso molti poeti, la colomba può designare simbolicamente l‘amore. L‘amata è agli occhi dell‘innamorato «la mia colomba» (Cant 2,14; 5,2 ...). Israele si attribuisce lui stesso questo nome: «Non dare in balia della bestia la vita della sua tortorella» (Sal 74,19). Al battesimo di Gesù, lo Spirito di Dio discende come una colomba e si posa su Gesù (Mt 3,16 par.). Di questo simbolo, non è stato possibile dare alcuna interpretazione certa. Molto probabilmente, non si tratta di un‘allusione alla colomba che ritorna all‘arca di Noè (Gen 8, 8-12). Certuni, basandosi su tradizioni giudaiche, identificano la colomba con Israele. Non potrebbe suggerire piuttosto l‘amore di Dio che discende simbolicamente sulla terra? Infine, conformemente ad altre tradizioni giudaiche che vedevano nello Spirito di Dio una colomba svolazzante sulle acque (Gen 1, 2), certi critici reputano che evochi la nuova creazione che ha luogo al battesimo di Gesù.


Autore: P. Grelot
Fonte: Dizionario teologico biblico
Visite: 91