Teglatfalasar


Nome di alcuni monarchi assiri; il primo (1114-1076 ca. a. C.) superò in abilità e potenza tutti i suoi predecessori. La sua attività militare, diretta inizialmente contro i popoli settentrionali, in particolare contro i Muski e Gasgas che avevano da poco dato il colpo di grazia all'impero Hittita, si risolse ben presto sia a Oriente oltre lo Zap, sia a nord-ovest oltre l'Eufrate nella regione detta Nairu: nei soli primi cinque anni di regno 42 principi ne diventano vassalli.
L'Assiria, che già domina la regione di Hanigalbat, ingaggia una lotta a fondo contro gli Aramei. Un testo venuto alla luce a Qal't Sherkat rivela come T. I abbia passato ben 28 volte l'Eufrate per lottare contro quei nomadi, raggiungendo e conquistando nel corso di queste operazioni anche il paese di Amurru. A sud occupò la Babilonia.
T. I fu anche sapiente organizzatore della vita civile dell'impero.
Sotto T. II (965-933), continuò l'attività degli Aramei. Ben più importante fu la figura di T. III (745-727), chiamato Pulu. Usurpatore del trono, si assicurò prima la posizione nella Mesopotamia Meridionale e Settentrionale, diresse quindi le armi contro i nemici d'Occidente. Una coalizione antiassira formatasi nel 739 cedette immediatamente; anche Menahem (2Reg. 15, 19 s.) d'Israele pagò allora il tributo. Un secondo intervento assiro era poco dopo sollecitato da Achaz di Giuda, minacciato da Israele e Damasco per non volere accedere alla loro lega antiassira (2Reg. 16; Is. 7-9).
Damasco, la Filistea e le città fenice caddero totalmente sotto l'Assiria, mentre molo ti abitanti anche del regno di Israele furono deportati (2Reg. 15, 19; I Par. 28; 18). Achaz stesso, che non mancò allora di recarsi a Damasco a rendere omaggio al conquistatore (2Reg. 16, 10), fu ridotto a umile tributario, spogliato dei tesori del Tempio e della reggia (2Reg. 16, 17 s.).

(G. D.]
BIBL. - G. RICCIOTTI, Storia d'Israele. I, Torino 1947; S. MOSCATI, L'Oriente Antico, Milano 1952.


Autore: Padre Giacomo Danesi
Fonte: Dizionario Biblico diretto da Francesco Spadafora
Visite: 104