Ticonio


153

Vita: Autore donatista la cui attività va situata fra il 370 e il 390. Verso il 380 fu condannato da un concilio donatista giacché aveva esposto gli aspetti deboli della loro dottrina sull'ecclesiologia e sul battesimo. Inoltre, Ticonio rifiutò di tornare in seno alla Chiesa cattolica che, secondo lui, era soltanto un insieme di " traditores ". Agostino di Ippona manifestò per Ticonio una notevole stima.

Opere: Fu autore di un trattato sulla guerra interna e di spiegazioni delle diverse cause (De bello intestino libris tres ed Expositiones diversarum causarum). Si conserva integralmente il Libro delle regole.

Teologia: Ticonio si oppose radicalmente all'affermazione donatista secondo la quale l'efficacia del battesimo dipendeva dalla dignità morale del sacerdote che lo amministrava. Inoltre, difendeva come caratteristica essenziale della vera Chiesa l'universalità, smentendo in questo modo la tesi donatista secondo la quale soltanto i suoi seguaci formavano la Chiesa dei perfetti, anche se, secondo Ticonio, fra i donatisti esistevano logicamente i reprobi ed i giusti.



Autore: Cèsar Vidal Manzanares
Fonte: Dizionario di Patristica (Cèsar Vidal Manzanares)