Teologia pastorale


74

L'espressione teologia pastorale fu usata la prima volta nel secolo XVI. Nel 1591, P. Binsfeld, vescovo ausiliare di Treviri, pubblicò un Enchiridion theologiae pastoralis circa la " dottrina necessaria ai sacerdoti in cura d'anime ". Come nuova disciplina accademica, essa apparve nei programmi degli studi teologici a partire dal 3 Ottobre 1774, con un decreto reale dell'imperatrice Maria Teresa d'Austria.(1740-1780), dopo vari tentativi di riforma cominciati nel 1752. In quel tempo, si sentiva la necessità di stabilire alcune norme pratiche per i sacerdoti in cura d'anime. Dall'Austria, la nuova disciplina passò in Germania e di li ai paesi limitrofi. In Spagna, il primo manuale pratico di pastorale è del 1805.

In una prima fase, la teologia pastorale è più arte e tecnica artigianale che scienza o teologia. Essa consiste in una raccolta ecclesiastica di consigli pratici, senza un fondamento teorico, anche se non è carente una certa ideologia, quella dell'assolutismo o identificazione della Chiesa e della sua gerarchia con lo Stato e col suo governo. Si voleva che il religioso fosse a servizio dell'ordine pubblico civile e che lo Stato fosse il servitore ed il custode della religione cattolica. Ciò risponde ad un regime sacrale di cristianità. Siccome il pastore è l'unico soggetto responsabile di questa prassi, la pastorale è clericale. Il resto della Chiesa è oggetto passivo di questa funzione. In sintesi: la teologia pastorale è intesa come la dottrina dell'ufficio clericale del pastore.

In un secondo tempo, la teologia pastorale viene identificata con una teologia della Chiesa in atto. Giù nel 1841, il tedesco Graf, sotto l'influsso protestante, propose che si chiamasse teologia pratica, per toglierle la tinta clericale del termine pastore. L'idea predominante della pastorale, intesa in senso ecclesiologico, è l'edificazione o realizzazione totale della Chiesa. La nostra disciplina è giustificata dalla mediazione della ragione pratica, a differenza della storia della Chiesa o dell'ecclesiologia dogmatica. Da una parte, è teologia, non una semplice raccolta; dall'altra, è scienza pratica o scienza dell'azione. Inoltre tre, nella teologia pastorale vanno articolate varie discipline parziali di tipo pratico che andavano per conto loro. Nonostante alcuni apporti isolati nel secolo XIX (Drey, Möhler, Hiracher e Graf), il vero rinnovamento della teologia pastorale si ebbe dopo la seconda guerra mondiale coi contributi di F.X. Arnold (1898-1969) in Germania e di P.A. Liégé (1921-1979) in Francia. Arnold definì la teologia pastorale c me " la visione teologica dell'essenza della Chiesa in quanto agente della pastorale e delle sue azioni ecclesiali ". Liégé la intese come " scienza teologica dell'azione ecclesiale ", divisa, a sua volta, in tre servizi o ministeri: profetico, liturgico e caritativo.

Con il Concilio Vaticano II, si è aperto un terzo periodo della teologia pastorale, caratterizzato dalla dimensione pastorale che viene acquisita da tutta la teologia. Dopo il Concilio, acquistano importanza certi aspetti pastorali nuovi o rinnovati: la teologia della parola partendo dalla rivelazione e dalla Bibbia; la celebrazione della liturgia come azione dell'assemblea; il concetto di Chiesa come sacramento, popolo di Dio e comunità di credenti; i rapporti Chiesa-Regno-mondo, l'importanza dell'ateismo e del dialogo con tutte le zone estranee alla Chiesa; infine, la natura mediatrice dell'azione pastorale. K. Rahner e i suoi discepoli, con altri colleghi (Arnold, Costermann, Schurr e Weber) plasmarono le prospettive pastorali del Concilio nel Handbuch o manuale tedesco di teologia pastorale. La forza e la debolezza di questo manuale stanno nell'importanza che viene datta alla Chiesa. Èstato definito come una " ecclesiologia esistenziale ". Su una linea simile, M. Useros e il sottoscritto pubblicarono un manuale più breve intitolato Teologia de la acción pastoral (1968).

Un quarto momento della teologia pastorale cominciò dopo il Concilio, con l'apporto della cristologia (la prassi di Gesù), l'assunzione della categoria " popolo " (Chiesa dei poveri), il nuovo termine koinonìa (comunità ecclesiale di base), l'impegno evangelizzatore (in un mondo ingiusto, ateo o religioso non cristiano), il rapporto tra fede e politica (l'ambito delle opzioni), il nuovo stampo dei ministeri (superamento del binomio chierici-laici), il servizio ecclesiale alla società (quello che conta è il Regno). È stato decisivo qui l'apporto della teologia della liberazione, fino al punto che si può definire la teologia pastorale come teologia pratica della liberazione o teologia della prassi dei cristiani nella società.

Bibl. - Arnold F.X., Storia della teologia pastorale, Ed. Città Nuova, Roma, 1970. Cappellaro J. - Franchini E., Le due anime della pastorale italiana, Ed. dehoniane, Bologna, 1988. Franchini E., " Pastorale in Italia ", in: Dizionario di Pastorale giovanile, Ed. Elle Di Ci, Leumann (Torino), 1989, pp. 741-750. Midali M., Teologia pastorale o pratica. Cammino storico di una riflessione fondante e scientifica, LAS, Roma, 1985. Seveso B., Edificare la Chiesa. La teologia pastorale e i suoi problemi, Ed. Elle Di Ci, Leumann (Torino), 1982.




Autore: C. Floristán
Fonte: Dizionario sintetico di pastorale (Casiano Floristan - Juan Josè Tamayo)


LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
Acquista la Bibbia per la Scrutatio dalla Libreria del Santo
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online