Tempio


69

Il Tempio è un edificio sacro, dedicato al culto di una divinità. È concepito generalmente come l'abitazione permanente o il luogo della manifestazione temporale di questa divinità, che è spesso rappresentata mediante un'immagine. Anche se non c'è religione senza luoghi sacri, il tempio non costituisce tuttavia un fenomeno universale.

Nella religione d'Israele, acquistò molta importanza il Tempio di Gerusalemme, sorto come l'evoluzione del tabernacolo primitivo e concepito come luogo d'incontro con Dio e segno della presenza divina. Questa presenza era connessa con l'Arca d'Alleanza che si conservava nel santuario o Santo dei santi.

I profeti annunciarono l'apparizione di un nuovo tempio, che la fede cristiana identifica con Cristo. Infatti, Egli si presenta, da una parte, come colui che purifica il Tempio di Gerusalemme, e, dall'altra, come la sua adeguata sostituzione e pienezza: " Distruggete questo Tempio e in tre giorni lo farò risorgere... Ma egli parlava del tempio del suo corpo " (Gv 2,19.21). Con la morte e la risurrezione di Gesù, il regime antico del tempio ebraico rimase abolito. Da allora, il vero Tempio, la vera dimora di Dio tra gli uomini è la persona di Cristo.

I primi cristiani erano pienamente consapevoli dell'abolizione del tempio e affermavano con piacere di non avere né templi né altari. Secondo san Paolo (1 Cor 3,16), gli stessi cristiani, sull'esempio di Cristo, erano " tempio di Dio ", * secondo la Prima Lettera di Pietro, " pietre vive... costruiti... come edificio spirituale " (1 Pt 2,5).

Tuttavia, a poco poco le case dove si riuniva la comunità, chiamate propriamente " chiese ", ricevettero anche il nome di templi e adottarono sempre più le caratteristiche dei templi pagani o del Tempio di Gerusalemme: la stessa cerimonia di consacrazione o dedicazione delle chiese cristiane acquistò alcuni aspetti rituali molto complessi, come se si trattasse certamente di innalzare una casa a Dio. La mentalità pastorale d'oggi preferisce considerare i cosiddetti templi cristiani più come " case della Chiesa o della comunità " che come monumenti innalzati alla divinità.

Bibl. - Aldazábal J., Simboli e gesti. Significato antropologico, biblico e liturgico, Ed. Elle Di, Ci, Leumann (Torino), 1988, pp. 258-265. Congar Y., Il mistero del Tempio, Ed. Borla, Torino, 1963. Jounel P., " Luoghi della celebrazione ", in: Nuovo Dizionario di Liturgia, Ed. Paoline, Roma, 1984, pp. 783-799. Martimort A.G., La Chiesa in preghiera. Introduzione alla liturgia, Ed. Desclée, Roma-Parigi-Tournai, 1966, pp. 195-204. Righetti M., Manuale di Storia liturgica, I, Ed. Ancora, Milano, 1964, pp. 416-489.



Autore: J. Llopis
Fonte: Dizionario sintetico di pastorale (Casiano Floristan - Juan Josè Tamayo)


LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
Acquista la Bibbia per la Scrutatio dalla Libreria del Santo
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online